Home Page

Notizie, eventi socio-culturali e non

Da Febbraio 2022

Ti trovi in: Home-> News da Bronte

News dei mesi precedenti


14 ottobre 2022

FIRMATO IL DECRETO DI FINANZIAMENTO

Altri 974 mila euro per il Castello Nelson

Un nuovo finanziamento per completare i lavori di ristrutturazione del Castello Nelson. Il decreto è stato personalmente ritirato dall’assessorato alle Infrastrutture della Regione siciliana dal sindaco Pino Firrarello insieme al rup dei lavori e responsabile dell’Area urbanistica del Comune, il geometra Nino Saitta, al responsabile del settore Lavori Pubblici del Comune, ing. Salvatore Caudullo, all’avvocato Antonella Cordaro e all’esperto del sindaco, avv. Roberto Landro.

Il documento ha praticamente consegnato al Comune di Bronte ben 974 mila euro necessari per realizzare le ultime opere utili a restituire l’antico maniero ai turisti. Opere da realizzare nella parte non interessata attualmente dai lavori, quella cioè posta a destra entrando dal grande cortile, subito dopo la croce celtica.

«I fondi ricevuti – spiega Firrarello in un comunicato - serviranno per l’acquisto di quanto necessario per dotare il Castello Nelson di una moderna e tecnologica informazione turistica, con tanto di audio e video guide con auricolari e collegamenti web direttamente sugli smartphone dei turisti, che così facilmente potranno ottenere informazioni, filmati, storia e tutti i segreti dell’unico fazzoletto di terra in Sicilia che un tempo fu inglese. Ma non solo. – continua – Realizzando questi servizi nella parte attualmente esclusa dai lavori di ristrutturazione ed in fase di completamento, ne approfitteremo per rifare il tetto, gli infissi, gli impianti e pure gli intonaci e la facciata. L’obiettivo è rendere l’immobile idoneo ad ospitare i servizi per i turisti”.

Firrarello già immagina come dovrebbe essere organizzata l’accoglienza finiti anche questi lavori: «Abbiamo in mente – infatti descrive - di realizzare vicino alla reception dei locali per esporre i prodotti tipici, il pistacchio e dei souvenirs. Un suggestivo show room dove il turista potrà trovare quanto serve per ricordare a lungo la visita nel nostro Castello.» Il progetto è stato redatto dallo studio F.R.A. Architettura ed Innovazione srl. Le procedure di gara dovrebbero essere avviate entro la fine dell’anno.
 

Il Castello Nelson, chiuso da un'ordinanza sindacale «dal 17.10.2016 e fino al completamento dei lavori di restauro», rischia di rimanere interdetto ancora a lungo

Notizie correlate precedenti

2012, 13 Dicembre: Bronte ritrova i fondi, la Regione «sblocca» i 2 milioni e 800mila euro  / 2014. 21 Marzo: Lavori per illuminare il Castello Nelson - 15 Luglio: Il Castello di Nelson riapre i battenti - 1 Ottobre: Dopo una lunga battaglia legale, il progetto del 2005 ha ottenuto il via libera / 2016, 28 Giugno: Al via l’appalto al Castello di Nelson - 28 luglio: Consegnati i lavori di ristrutturazione (fine lavori ad ottobre 2017) - 12 Ottobre: L'ordinanza del sindaco, chiude per un anno il Castello Nelson / 2017, 5 Marzo: Querelle risolta, la direzione dei lavori a un architetto / 2019, 28 Giugno: Castello ancora chiuso, i lavori sono ancora in alto mare - 3 dicembre: Castello Nelson ancora chiuso, Calanna "La misura è colma" - 16 dicembre: Riprendono i lavori al Castello Nelson / 2020, 14 gennaio: A fine mese riapre il granaio, 1 febbraio: Ultimati i lavori nell'antico granaio / 2021, 1 febbraio: Castello Nelson, ancora una consegna lavori, 1 Ottobre: Castello Nelson, lo stato dei lavori  / 2022, 13 gennaio: Approvato un altro progetto di ristrutturazione, 13 Maggio: Completata la pavimentazione del cortile

Il Castello Nelson a Bronte chiuso da tre anni - Mai completati i lavori di restauro (TGR Sicilia - Cronaca, 2 Dicembre 2019)



20 Giugno 2022

Torna la Sagra del Pistacchio

Si svolgerà da Venerdì 23 Settembre a Domenica 2 Ottobre

Ecco la notizia che tour operator, turisti, golosi ed appassionati di enogastronomia attendevano da tempo. Quest’anno la Sagra del pistacchio si farà. Dopo i 2 anni di stop imposti dalla pandemia Bronte riaprirà le porte ai tanti appassionati che all’oro verde non rinuncerebbero mai.

Già in Comune fervono le riunioni per prepararsi all’evento che, come da tradizione, si svolgerà nei 2 fine settimana a cavallo fra settembre ed ottobre. “Abbiamo deciso – afferma il sindaco Pino Firrarello in un comunicato – di inaugurarla venerdì 23 settembre per chiudere la festa domenica 2 ottobre."
Ormai la voglia della gente di riappropriarsi della propria vita dopo la pandemia è tanta e per il turista recarsi a Bronte è quasi una tappa forzata. Lo è perché venendo a Bronte si incontra una cucina particolare, tante tradizioni, boschi e panorami mozzafiato ed il fascino della storia di un popolo che affonda le sue radici nel passato. Tutti aspetti che il sindaco Firrarello attraverso la Sagra intende valorizzare.



27 maggio 2022

CONSIGLIO COMUNALE

Carlo Castiglione si dimette

Carlo Castiglione ha rassegnato le proprie dimissioni dal Consiglio comunale. Ha inviato una lettera comunicando la sua decisione al presidente del Consiglio comunale, al segretario comunale, al sindaco ed ai consiglieri.

“Ho rassegnato le mie dimissioni dalla carica di consigliere comunale – ha affermato - con commozione e gioia, convinto che chi mi seguirà saprà interpretare con ancor più forza, intelligenza e capacità la volontà della nostra città.
Le mie dimissioni –
ha continuato - sono frutto di una scelta politica su cui abbiamo posto le solide basi della costruzione della lista #Giovani: il coinvolgimento da protagonisti di tutti i candidati che hanno concorso alle elezioni.
Colgo l’occasione
– ha concluso - per ringraziare in primis i miei concittadini, che mi hanno concesso l’onore di rappresentare il mio paese sin da ragazzo, i funzionari comunali, i colleghi consiglieri e le Amministrazioni con cui ho avuto modo di lavorare, consapevole che seppur talvolta distanti nelle idee siamo tutti accomunati da un unico obiettivo: il bene della nostra Bronte”.

Carlo Castiglione, nipote del sindaco Firrarello e figlio dell’ex sottosegretario Giuseppe, alle passate elezioni amministrative del 2020 è stato l'unico eletto nella lista “Giovani per Bronte - Firrarello sindaco” con 265 voti, seguito da Rosario Leonardi con 203. La surroga in occasione del prossimo consiglio comunale.



17 Maggio 2022

L’altro lato del pistacchio di Bronte

Come viene contraffatto un prodotto d’eccellenza

Prodotto d'eccellenza della nostra gastronomia, a marchio Dop dal 2009 e richiesto a livello internazionale. La limitata quantità prodotta, però, porta alla contraffazione di un alimento famosissimo. Alla scoperta del "dark side" del pistacchio di Bronte.
Quanto pistacchio di Bronte c’è in giro? È sufficiente per soddisfare la domanda di mercato, nazionale e straniera? E, soprattutto, è tutto originale o c'è l'allarme contraffazione? [Leggi tutto su cookist.it]



9 maggio 2022

Castello Nelson

Completata la pavimentazione del cortile

I lavori nell'antico granaio ultimati a febbraio 2020

La Ducea Nelson dall'altoIl cortile del Castello Nelson dominato dalla croce celtica è tornato all’antico splendore. L’impresa che sta effettuando i lavori di ristrutturazione dell’Antico maniero ha completato infatti la pavimentazione in pietra, restituendo al famoso cortile dignità e fascino.

Così adesso passeggiare nel chiostro vuol dire godere al meglio dell’imponente visone del fabbricato del Castello che ricordiamo gli eredi dell’ammiraglio Nelson, ed esattamente il VI° duca, Alexander Nelson Hood visconte Bridport, nel settembre del 1981, hanno venduto al Comune di Bronte.

“Io – afferma in un comunicato il sindaco Pino Firrarello - immagino il Castello Nelson come un grande polo di attrazione turistico culturale a servizio non solo di Bronte, ma dell’intero territorio. Le grandi stanze al piano terra potrebbero ospitare esposizioni di ogni tipo a fare da corollario all’ala nobile ed ai giardini che nel rispetto della grande tradizione inglese sono semplicemente bellissimi. Esattamente come bello appare oggi il cortile che ospita la croce celtica con la scritta latina “Heroi Immortali Nili” che vuol dire “All’eroe immortale del Nilo”. L’eroe è ovviamente Horatio Nelson, cui Ferdinando di Borbone, IV re di Napoli, III di Sicilia, nel 1799, donò il Castello assieme ai terreni circostanti”. Ed i turisti fremono per poter visitare il Castello ristrutturato. Sanno che potranno ammirare le bellezze naturalistiche ed architettoniche dell’unico fazzoletto di terra siciliana che un tempo fu inglese.  

Ed i turisti fremono per poter visitare il Castello ristrutturato. Sanno che potranno ammirare le bellezze naturalistiche ed architettoniche dell’unico fazzoletto di terra siciliana che un tempo fu inglese. Bisognerà però attendere la fine dei lavori. “Aspettiamo – afferma il sindaco Firrarello - di completare questi lavori per poi procedere con quelli relativi al nuovo finanziamento di un milione di euro. L’obbiettivo è restituire a brontesi e turisti un Castello Nelson completamente ristrutturato ed in grado di assecondare le esigenze turistiche e culturali”.

Con il nuovo finanziamento, infatti, bisognerà dotare l’Antico maniero di una moderna e tecnologica informazione turistica, con tanto di audio e video guide con auricolari e collegamenti web direttamente sugli smartphone dei turisti. Ma non solo. Si interverrà anche nel corpo di fabbrica attualmente non interessato dai lavori, per realizzare uno show room dove il turista potrà trovare quanto serve per ricordare a lungo la visita nel Castello.



14 Aprile 2022

IN FORMA RIDOTTA

Ritorna la processione del Venerdì Santo

Bronte, dopo 2 anni, rivivrà le emozioni del Venerdì Santo con la tradizionale processione. Dopo una lunga serie di riunioni ed incontri per organizzare tutto nel rispetto del principio della prudenza che, nonostante sia stato revocato lo stato di emergenza, è bene mantenere per evitare una escalation di contagi, venerdì la processione si farà, anche se in forma ridotta.

Non ci saranno, infatti, i figuranti in corteo, né tanto meno l’attesa sosta in piazza Spedalieri, l’incontro fra il Crocifisso e la Madonna in piazza Gaggini la sera ed il canto alla chiesa della Catena. Non ci saranno nemmeno le rappresentazioni delle cadute di Gesù scortato dai soldati romani. La processione sarà composta soltanto dalle statue portate in spalla, accompagnate da una rappresentanza delle confraternite e dalle autorità civili a militari.

“Tutto per evitare assembramenti. – ha spiegato padre Alfio Daquino, vicario foraneo e parroco della chiesa Madre di Bronte dedicata alla Santissima Trinità – Effettueremo il percorso tradizionale, eccezion fatta per qualche impedimento derivante da qualche cantiere, ma abbiamo preferito evitare quei momenti della processione dove è normale che si formino assembramenti”.

Regole rigide anche per i portatori di vara, tradizionalmente troppo stretti fra loro sotto le assi che sorreggono le vare. Per loro obbligo di avere il green pass e di effettuare un tampone un giorno prima della processione. Per questo il Comune, con l’ausilio dell’Asp, ha organizzato una giornata di screening all’interno dell’area del mercato coperto rigorosamente riservata ai portatori delle vare. La partenza è prevista alle 16 e 30 dalla Chiesa della Madonna del Riparo con l’uscita del Cristo crocifisso.



25 Marzo 2022

Giornata Internazionale del Pistacchio

Non è tutto verde ciò che luccica

Il pistacchio di Bronte è uno dei prodotti più amati e contraffatti dell’agroalimentare italiano

La contraffazione del pistacchio di Bronte è presente in tutta Italia, anche nel profondo nord, dove spesso la scarsa conoscenza del prodotto a latitudini diverse da quelle di origine...

Un'inchiesta sul mondo di questo frutto secco di Sicilia, perché nonostante le 2100 tonnellate prodotte ogni anno il rischio falsi è sempre dietro l'angolo. Ecco come riconoscere quello vero, un prontuario per saperlo riconoscere, realizzato in occasione della Giornata internazionale del Pistacchio che si celebra il 26 febbraio (leggi su I piaceri del gusto, La Repubblica, 26 Febbraio 2022)



5 Marzo 2022

Bronte dedica una via a Turi Leanza

Per quasi mezzo secolo protagonista, amato dalla popolazione, della vita politica brontese

SALVATORE LEANZA, SINDACO DI BRONTE 2002La via Matteo Selvaggi cambia nome. L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Firrarello ha deciso di intitolarla dal 5 marzo 2022, all’on. Salvatore Leanza, scomparso, all'età di 68 anni, il 31 dicembre del 2015.

Dottore in giurisprudenza, imprenditore, Salvatore Leanza è stato per anni un importante protagonista della vita politica brontese e regionale. Numerosi, infatti, gli incarichi prestigiosi ricoperti. Eletto deputato regionale per 3 legislature, a cavallo fra gli anni 80 e 90, sempre nel Partito socialista, è stato vice presidente della Regione siciliana ed assessore regionale alla Cooperazione, commercio, artigianato e pesca e successivamente anche ai Lavori Pubblici. Chiuse la sua carriera politica con una "breve ma intensa esperienza di Sindaco" di Bronte.

Lo ricorda il figlio Antonio Leanza, oggi vice sindaco della Città del Pistacchio: “Mio padre – afferma - aveva un grande amore per sua terra e per i brontesi, un amore quasi viscerale. Credo che abbia sfruttato al meglio i ruoli e le responsabilità istituzionali che ha ricoperto nel corso della sua carriera politica per contribuire al benessere ed alla crescita sociale ed economica della sua Bronte e del comprensorio. Ha dedicato tutto sé stesso, il suo intuito, le sue visioni le sue capacità per Bronte, a volte sacrificando le sue attività personali e la sua famiglia. Ma, da figlio che si interessava alla politica, mi ripeteva, soprattutto nei momenti più difficili e tesi, che doveva tutto a Bronte ed ai brontesi se era riuscito a diventare quello che era, a poter coprire importanti ruoli che gli hanno consentito di portare a termine tante iniziative e progetti per il suo paese nel corso del suo impegno politico. Segno di un vincolo indissolubile e di una reciprocità che lo legava ai suoi concittadini brontesi, ai quali guardava a tutti senza esclusione, con generosità, senza badare al colore politico, senza tornaconti.
A nome della mia famiglia ringrazio particolarmente il Sindaco Firrarello per la sua sensibilità e tenacia, ma anche i tanti consiglieri che nella scorsa legislatura avevano auspicato l'intitolazione nel segno del suo ricordo”.



5 Marzo 2022

Si punta per il riconoscimento della DOP

L'aglio di Bronte

Prime produzioni di una filiera che appare molto promettente

“In Sicilia, più precisamente a Bronte ci sono tutti i presupposti perché possa crescere una filiera tracciabile dell'aglio locale. Le prime produzioni ci ripagano di questa scommessa grazie all’apprezzamento da parte dei consumatori che, attenti alle etichette, sono consapevoli del valore di una filiera tracciabile. E' in tale direzione che puntiamo per il riconoscimento della DOP (Denominazione di Origine Protetta), nell'ottica di di dare maggior valore a un prodotto di nicchia".

Così Giuseppe Guagliardi, responsabile commerciale del marchio siciliano Aglio di Bronte, che ha messo in campo una piccola produzione di aglio rosso grosso e segue con molto interesse alcune produzioni di aglio bianco locali, da cui sta selezionando i semi migliori per valorizzare la filiera. Per quanto attiene alla commercializzazione, l'azienda ha messo in campo importanti investimenti. E' stato attrezzato un magazzino di lavorazione che consente di confezionare il prodotto per la grande distribuzione organizzata. [Leggi tutto su Flesh Plaza]



7 febbraio 20222

L’ASSESSORE FALCONE A BRONTE

“Sì alla metropolitana fino a Randazzo”

La Circumetnea ha già pronto un progetto di massima

“Da Bronte parte un impegno affinché la metropolitana della Ferrovia Circumetnea non si fermi ad Adrano, ma arrivi fino a Randazzo. La Fce ha il compito di inviare lo studio fattibilità tecnica ed economica alla Regione siciliana che prende l’impegno di finanziarlo”. E’ quanto ha affermato l’assessore regionale alle Infrastrutture ed alla mobilità della Regione siciliana, Marco Falcone, in occasione del tavolo di lavoro organizzato dal sindaco Firrarello, all’interno della "Pinacoteca Nunzio Sciavarrello".

Un tavolo di lavoro particolarmente qualificato cui hanno fatto parte il direttore della Fce, ing. Salvatore Fiore è tutti i sindaci, o i loro rappresentanti, dei Comuni del cono settentrionale dell’Etna che vanno da Santa Maria di Licodia fino a Piedimonte Etneo.

In apertura il sindaco Firrarello, dopo i rignraziamenti di rito, è subito andato al dunque ribadendo l’importanza di programmare l’ampliamento della metropolitana veloce della Ferrovia Circumetnea fino a Randazzo. «Non possiamo accettare che gli attuali programmi si fermino ad Adrano ha affermato - I nostri non sono territori di serie B, ed abbiamo il dovere di combattere per i nostri diritti”.

La Ferrovia Circumetnea ha già pronto un progetto di massima. Il direttore Fiore, infatti, ha spiegato come il programma di ammodernamento della Fce passi attraverso 3 fasi. La seconda fase prevede appunto l’ammodernamento della tratta Adrano Randazzo. Una tratta lunga circa 30 chilometri che va elettrificata e trasformata a scartamento ordinario. Costo dell’intervento circa 300 milioni.«I fondi, - ha spiegato l’assessore Falcone – potranno essere recuperati nel piano comunitario 21/27 che è in fase di programmazione, oppure nella terza trance di finanziamenti che lo Stato garantisce alla Regione. Randazzo, Maletto e Bronte dovranno poter arrivare all’aeroporto con una metropolitana veloce. E’ così che si crea un osmosi territoriale e si crea sviluppo”.


Home Page Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus

News dei mesi precedenti