Home Page

Notizie, eventi socio-culturali e non

FEBBRAIO - GIUGNO 2020

Ti trovi in: Home-> News da Bronte

News dei mesi precedenti


Tempi di Coronavirus


7 aprile 2020

Sono arrivati i tamponi per la gente in quarantena

Nuovi Hotspot wi-fi pubblici

Calanna: “Un messaggio di speranza per quando le piazze torneranno affollate”
Il Comune comunica che sono arrivati nel distretto sanitario di Bronte i tamponi per coloro che, tornati dall’estero o dalle zone rosse, sono rimasti in quarantena. Non basta, infatti, far trascorrere 14 giorni, i decreti impongono che è possibile uscire dalla quarantena solo dopo che il tampone rino-faringeo ha accertato la negatività al coronavirus.

Il Comune comunica anche che, dopo aver partecipato con successo ad un bando europeo ottenendo un finanziamento di 15 mila euro, ha realizzato 10 hotspot Wi-fi che permetteranno ai brontesi ed ai turisti di collegarsi gratuitamente ad internet dai seguenti luoghi pubblici: dal Parco Urbano di viale Cavalieri di Vittorio Veneto, dagli Impianti Sportivi di via Dalmazia, dalle piazze Spedalieri, Rosario, Saitta, Castiglione, dalle vie Sterope ed Arcangelo Spedalieri e dai viali Catania e Della Regione. Per il sindaco è un messaggio di speranza perchè oggi questi luoghi sono deserti ma presto in tanti, e nuovamente insieme, potranno usufruire di questo nuovo servizio.



4 Aprile 2020

Fra tablet donati e raccolta fondi la parola d’ordine è generosità

Solidarietà e donazioni per famiglie e ospedali

A Bronte, dove come in ogni città tutti sperano che il numero di 4 persone contagiate al Covid-19 non aumenti, in questo momento la parola d’ordine è “generosità”. Tutte le scuole, infatti, si stanno attrezzando per cedere in comodato d’uso gratuito agli studenti computer e tablet per permettere loro di partecipare alle videoconferenze didattiche. La scuola media “Castiglione” ha già consegnato 40 tablet ad altrettanti suoi allievi, distribuiti grazie al contributo delle associazioni di volontariato che, utilizzando la massima precauzione, hanno provveduto a consegnarli a domicilio. Vista l’emergenza, inoltre, la dirigente della scuola media, Maria Magaraci, ha deciso di mettere a disposizione degli altri istituti gli altri 80 tablet rimasti.

«A tutti i dirigenti e ai docenti va il mio ringraziamento - afferma l’assessore alle Politiche scolastiche del Comune, Ghetti Liuzzo - Nell’emergenza è evidente il lavoro che stanno svolgendo per garantire la didattica, permettendo anche agli allievi sprovvisti di computer di avere il necessario supporto».

Ma la generosità brontese non si è fermata qui. Il Comune ha istituito un numero di conto corrente per permettere a tutti di donare qualcosa. «In questo momento di crisi, in tanti stanno attraversando momenti difficili - ha affermato il sindaco Graziano Calanna - A casa per evitare il contagio, molti non possono lavorare e hanno perso il reddito. Aiutiamoli! Il Comune ha attivato un conto corrente per permettere a tutti noi di essere generosi».

E le coordinate per fare eventuali versamenti sono queste: Codice Swift Bic- Bappit 21041; Codice Iban: It 80 Z 05034 83890 000000304363 intestato a Comune di Bronte Servizio Tesoreria; Banco: Bpm; causale: Donazione Emergenza Coronavirus. Inoltre, ci sono una serie di associazioni e professionisti che stanno offrendo servizi di assistenza.

Il Comune ha attivato un numero di telefono per qualsiasi forma di assistenza psicologica. A ruota anche altre associazioni hanno aderito e pure una lunga lista di psicologi che, nel rispetto delle regole dettate dal proprio ordine, sono pronti a fornire assistenza psicologica gratuita per telefono. [Fonte La Sicilia - Leggi pure sul Giornale di Sicilia: Coronavirus, sostegno alle famiglie bisognose di Bronte: buoni e "spesa sospesa"]



3 Aprile 2020

41 in quarantena fra rabbia e malumore

Ritardi. Dopo i 14 giorni previsti aspettano ancora invano di eseguire il tampone

Chiedono di poter uscire presto dall’isolamento e tornare a vivere con i familiari. Sono i 41 brontesi tornati dall’estero o dalle zone rosse che hanno avuto la diligenza di rispettare quanto imposto dai decreti, denunciando il loro arrivo alle autorità e mettendosi in quarantena nelle seconde case o nelle abitazioni di campagna. Sapevano infatti che la quarantena doveva durare 14 e che alla fine l’Asp avrebbe dovuto sottoporli a tampone rino-faringeo. L’esito negativo avrebbe determinato la fine dell’isolamento.

Bene i 14 gironi sono passati, ma non e chiaro quando effettueranno il test. Il loro isolamento quindi continua, fra rabbia e malumore. Il problema lo solleva il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, che scrive al direttore generale dell’Asp 3 di Catania, Maurizio Lanza: «E’ mio dovere – scrive - segnalarle che sono numerosi i cittadini rimasti in quarantena perche rientrati in Sicilia dopo il 14 marzo e che attendono che l’Asp provveda a sottoporli al test per verificare la eventuale positivi al coronavirus. Costoro sono rimasti diligentemente isolati nelle seconde case o nelle residenze rurali per oltre 14 giorni, fiduciosi che - trascorso il periodo della quarantena - l'Asp avrebbe provveduto a sottoporli al test per escludere la loro possibile positività e permettere loro di ricongiungersi con i loro cari. Per tale ragione, mi corre l'obbligo di chiederle, di accelerare l'iter necessario affinchè possano uscire dall’isolamento».

A noi l’Asp ha affermato soltanto che «si sta organizzando il servizio». Fonti non confermate però ci fanno capire che solo ieri sarebbero state consegnati circa 500 test all’Asp. La speranza e che bastino per il fabbisogno di tutta la provincia. [fonte La Sicilia]



27 Marzo 2020

Massima tutela per le case di riposo

Sospese visite da un mese"

A Bronte linea dura anticoronavirus delle cinque case per anziani per tutelare i 110 nonni ospitati, le cui direzioni «senza aver ricevuto indicazioni dalle istituzioni pubbliche» già da un mese hanno sospeso le visite parenti e attuano le misure di prevenzione previste dalle norme. A Bronte sono quattro le comunità alloggio, iscritte all’albo comunale, e una la casa di riposo, iscritta all’albo regionale. (Luigi Putrino, Giornale di Sicilia del 27 Marzo 2020)



24 Marzo 2020

Secondo caso di coronavirus a Bronte

Calanna: “Nessuno deve preoccuparsi”

Secondo caso accertato di coronavirus a Bronte. Lo rivela il sindaco Graziano Calanna in un videomessaggio rivolto alla città. «L’Asp – afferma Calanna – lo ha ufficializzato, ma nessuno deve preoccuparsi. Il numero in futuro potrebbe crescere certo, ma a Bronte fortunatamente non c’è un focolaio. I contagiati, che oggi sono isolati in quarantena, hanno preso la malattia altrove.»

«Continuiamo invece – ha concluso - a rimanere a casa e rispettare con diligenza e responsabilità quanto indicato nelle ordinanze.» Inoltre, in un video diffuso via WhatsApp, il sindaco ha comunicato che ci sono anche molte persone in quarantena e che, probabilmente, nei prossimi giorni i casi accertati aumenteranno.


14 Marzo 2020

Primo caso accertato a Bronte

Il sindaco: "Evitare allarmismi"

Primo caso di coronavirus accertato a Bronte. Il soggetto interessato si trova nella sua abitazione, l’Asp di Catania ha attivato le previste procedure e avrebbe già individuate e fatte isolare le persone con le quali di recente aveva avuti contatti. La situazione, quindi, è sotto controllo. L’esistenza di questo primo caso brontese è stato confermato da fonti attendibili... (Luigi Putrino, Giornale di Sicilia)



12 marzo 2020

Giunta municipale all'aperto

Parcheggi gratis nelle strisce blu, verrà sanificato l'intero abitato

Il sindaco Calanna, questa mattina ha convocato la sua Giunta, il segretario comunale ed i capi area. Non lo ha fatto, però, come al solito nel Palazzo municipale, ma nel Parco urbano di via Vittorio Veneto. «L’unico luogo – ha affermato il sindaco – che ci permetteva di lavorare in sicurezza mantenendo tutti le distanze previste. La riunione è stata utile per stabilire alcune iniziative».

Fra le decisioni prese quella di consentire il parcheggio gratis nelle strisce blu. Poi la chiusura di tutti gli Uffici del Comune dal 12 al 25 marzo ad eccezione dei servizi essenziali, con tanti dipendenti che continueranno a lavorare da casa attraverso il sistema della “smart working”. Nonostante la chiusura saranno garantiti i servizi protocollo, acquedotto e smaltimento rifiuti, mentre chi si occupa di Stato civile, Servizi socio assistenziali e Protezione civile rimarrà reperibile. Altri Uffici, invece,  saranno costantemente disponibili ed al lavoro da casa.

Intanto a breve una ditta specializzata “sanificherà” le strade della città, spruzzando un liquido disinfettante. «Non basterà una sola notte, spiega il sindaco, per questo i mezzi continueranno a lavorare fino a quando non avranno sanificato l’intero abitato».

L’Amministrazione comunale ha diffuso un elenco di farmacisti e commercianti alimentari disposti a consegnare la merce a domicilio, mentre i cantieri di lavoro per la realizzazione delle piazze De Gasperi e Cap. Saitta sono stati sospesi perché non ci sono le condizioni per i lavoratori di mantenere le distanze di sicurezza.



10 marzo 2020

UN UFFICIO SPECIALE DEL COMUNE PER TUTTE LE INFORMAZIONI SUL CORONAVIRUS

Uffici del Comune chiusi fino al 3 Aprile

Contatti solo con e-mail e numeri di telefono

Un ufficio speciale per dare ai cittadini tutte le informazioni ed il sostegno possibile in questi momenti di emergenza e l’interdizione al pubblico degli Uffici del Comune che gli utenti potranno comunque raggiungere attraverso la mail ufficiale ed i numeri di telefono. Sono alcuni dei provvedimenti che il sindaco Calanna ha voluto adottare per venire incontro ai dubbi ed alle esigenze dei suoi concittadini, chiamati ad osservare i vari decreti presidenziali contro il diffondersi del coronavirus.

«L’Ufficio speciale – spiega il sindaco – cui faccio parte anche io ed il mio vice sindaco Gaetano Messina – insieme ad altri 5 fra impiegati e funzionari del Comune, sarà utile per fornire informazioni anche nel pomeriggio e nei giorni di sabato e di domenica a tutti i cittadini che avessero dubbi o bisogno di aiuto. In qualsiasi momento – spiega Calanna – basta inviare una mail all’indirizzo protocollo@comune.bronte.ct.it o telefonare dalle 9 alle ore 21 al numero 334/6478579 per ottenere aiuto e risposte. L’ordinanza del presidente del Consiglio dei ministri parla chiaro. Bisogna uscire di casa solo per necessità. Di conseguenza chiudendo al pubblico gli Uffici del Comune fino al 3 aprile, invitiamo i cittadini ad usufruire dei servizi comunali esclusivamente telefonando ai numeri dei vari uffici pubblicati sul sito istituzionale dell’Ente.»

E l’Ufficio speciale questo pomeriggio è già stato d’aiuto ad una ragazza che, tornando da Milano, non sapeva a chi rivolgersi per sottoporsi alla misura della quarantena obbligatoria con sorveglianza attiva.

Essendo tante però le informazioni da dare, il sindaco Calanna si è affidato ai social, pubblicando un video. «E’ importante che si capisca – spiega ancora Calanna - che alla quarantena deve sottoporsi chi proviene dal nord Italia e chi con costui ha avuto contatti. Invito, inoltre, i giovani a rimanere in casa. Da qualche ora girà lo slogan “meglio annoiati che intubati”. Io lo faccio mio per farvi capire che la salute è più importante di qualsiasi cosa. Infine l’appello ad esercenti e ristoratori. Tutti devono organizzarsi in modo tale che gli avventori possano mantenere la distanza minima l’uno dall’altro di un metro.»
«Un sacrificio oggi – conclude – ci aiuterà a sconfiggere l’epidemia».
Il sindaco ha invitato i dirigenti del Comune «a porre in essere quanto di loro competenza al fine di promuovere, durante il periodo di efficacia del decreto, la fruizione da parte dei lavoratori dipendenti dei periodo di congedo ordinario e di ferie». Nell'ottica della gestione dell'emergenza epidemiologica il Sindaco ha anche sospeso il servizio di trasporto urbano e chiuso il mercato settimanale del giovedì.



7 marzo 2020

Arriva l’Ufficio mobile

Poste chiuse dal 9 al 14

Chiude per lavori tutta la settimana l’Ufficio postale di Bronte, ma su richiesta del sindaco Calanna Poste Spa farà arrivare un Ufficio mobile.
Tutto è cominciato nei giorni scorsi, quando Poste Spa ha verbalmente comunicato al sindaco che da lunedì 9 a sabato 14 marzo, l’unico Ufficio postale presente a Bronte sarebbe rimasto chiuso, costringendo gli utenti a recarsi a Maletto. Per il sindaco il disagio doveva essere mitigato. E Poste Spa ha subito accolto la richiesta del primo cittadino comunicando che per tutta la settimana di fronte i locali dell’Ufficio postale in ristrutturazione, sosterà un Ufficio mobile. [Leggi l'articolo di L. Putrino sul Giornale di Sicilia]



6 Marzo 2020

TAR DI CATANIA

Chiesa del Rosario, illegittima l'aggiudicazione della direzione lavori

Illegittima l’aggiudicazione della direzione dei lavori di restauro della Chiesa del Rosario. Il Tar di Catania ha condannato il Comune a risarcire pure danni e spese, per oltre 8 mila euro, all’architetto giunto secondo alla gara e inviata la «sentenza alla Procura regionale della Corte dei conti per le valutazioni di competenza». [Leggi l'articolo di L. Putrino sul Giornale di Sicilia]



29 Febbraio 2020

Percorsi culturali in Pinacoteca

Costituzione e Statuto regionale, opportunità o gabbia?

Dibattito con il prof. Agatino Cariola

Ritorna con un nuovo dibattito la manifestazione Percorsi culturali in Pinacoteca. Questa volta il nuovo evento vedrà come protagonista il professore Agatino Cariola. Si svolgerà il 10 marzo alle ore 17.30 sempre nella Pinacoteca Nunzio Sciavarrello ed avrà come oggetto “Costituzione e Statuto regionale siciliano. Riflessione fra storia ed attualità sull'autonomia speciale siciliana: opportunità o gabbia per i territori?”. Spiega il presidente della Pinacoteca, Carmelo Indriolo, che «il dialogo sarà un viaggio cultural-giuridico nella storia di queste tematiche in maniera chiara e divulgativa e nel contempo una riflessione critica sull'attuazione o mancata attuazione dello Statuto regionale siciliano.»

Dopo l'introduzione del presidente, il dialogo con il professore Cariola sarà condotto e coordinato dal giornalista Salvo Fallica. Cariola, ordinario di Diritto Costituzionale all'Università di Catania, oltre ad essere un autorevole costituzionalista è anche uno dei maggiori conoscitori dello Statuto regionale siciliano. «Nel primo evento – afferma Indriolo - svoltosi lo scorso 10 Dicembre con il vescovo e vice presidente della Cei mons. Antonino Raspanti, abbiamo avuto un successo di qualità e di partecipazione, e parecchi son venuti anche da altre realtà siciliane. E cosa che mi ha reso ancor più felice hanno partecipato molti giovani.» Alla manifestazione parteciperanno per i saluti istituzionali il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, e il Rettore del Real Collegio Capizzi sacerdote Nunzio Capizzi. Durante il dibattito interverranno nuovamente i giovani della Pro Loco.

[5 Marzo 2020, a seguito della attuale emergenza epidemica e per gli effetti delle misure di contenimento emanate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4/3/2020, ci è stato comunicato oggi che l'evento culturale è differito ad altra data ancora da stabilire]



28 Febbraio 2020

TRIBUNALE DEL LAVORO

Respinta la richiesta di reintegro di una dirigente comunale

Il Tribunale del lavoro di Catania ha respinto la richiesta di reintegro cautelare a dirigente del Comune avanzata dalla vice segretaria comunale, dottoressa Maria Teresa Sapia, perché ne ha ritenuto infondati i motivi a sostegno del «pregiudizio imminente e irreparabile». Secondo il giudice, per la mancata nomina a quadro da parte del sindaco, gli eventuali danni patrimoniali e professionali patibili dalla Sapia nell’attesa del giudizio di merito, fissato per novembre, sono risarcibili «nella forma dell’equivalente monetario»; ovviamente se il ricorso sarà accolto. (leggi tutto sul Giornale di Sicilia)



20 febbraio 2020

Gestione del cimitero di Bronte

Consegnati i lavori per realizzare nuovi loculi

Consegnati i lavori per la realizzazione 1100 nuove sepolture all’interno del cimitero di Bronte oggetto nei mesi scorsi di polemiche ed esposti diretti anche alla Procura della Repubblica e all’Anac. Si tratta dei lavori aggiudicati in project financing alla Crf.F srl di Bronte. Presenti alla consegna il sindaco Calanna, il vice sindaco Messina ed il responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune, ing. Salvatore Caudullo.
Con loro Rosario Lanzafame, amministratore e direttore tecnico della Crf.F., il progettista ing. Giuseppe Mineo, il direttore dei lavori ing. Cristina Foti e l’ing. Giuseppe Liarda, coordinatore della sicurezza. E’ stato ripercorso nel dettaglio l’iter burocratico. “Grande soddisfazione perché con questo progetto – ha affermato il sindaco – riusciamo ad urbanizzare una zona del cimitero particolarmente depresso e perché riusciamo così a dare alla Città un servizio cimiteriale migliore”.



17 febbraio 2020

Settimana internazionale dello scoutismo

Più di 1000 scout a Bronte

Celebrata la "Giornata del pensiero"

Per un giorno Bronte si è tinta dei colori dei fazzolettoni degli scout, simbolo dei giovani seguaci di Baden Powell. Più di mille scout della zona “Etna Alto Simeto” hanno, infatti, invaso domenica le strade di Bronte per inaugurare la “Settimana internazionale dello scoutismo” e celebrare il “World Thinking Day”, cioè la “Giornata del Pensiero”.

Presenti i gruppi scout dei Comuni di Misterbianco, Motta Sant’Anastasia, San Pietro Clarenza, Belpasso, Paternò, Santa Maria di Licodia, Biancavilla, Adrano e, naturalmente, Bronte, che hanno gioiosamente affollato il Parco urbano dietro le scuole medie, dove, dopo il tradizionale alzabandiera, hanno effettuato le attività, parlando di legalità e ricordando la figura di Don Peppe Diana. E’ stata anche l’occasione per stigmatizzare gli atti vandalici che recentemente i gruppi scout hanno subito in diversi Comuni.

“Siamo felicissimi di questa giornata – hanno affermato i capi scout del gruppo Agesci Bronte 1, Valeria Musarra e Claudio Martelli – ed il nostro pensiero va ai fratelli scout che hanno subito atti vandalici”. Presente il sindaco, Graziano Calanna. “Per noi – ha spiegato – il fatto che oltre 1000 scout abbiano riempito di gioia Bronte è un riconoscimento alla capacità di accoglienza della nostra città e del brillante lavoro svolto dagli scout di Bronte”.
Infine dopo la messa gli scout hanno ringraziato il sindaco, insieme all’assessore Chetti Liuzzo ed al consigliere Samanta Longhitano per la collaborazione nell’organizzazione di una giornata che rimarrà nella storia provinciale degli scout.



19 Febbraio 2020

Dopo i 107 anni di nonna Lucia, i 101 di Nicola Lupo e i 103 di nonna Sofia si festeggia a Bronte un'altra centenaria

Nonna Vittoria festeggia il secolo

Ha festeggiato il secolo di vita, la signorina Vittoria Bonaventura, insegnante in pensione, che vive tutt’ora in una struttura per anziani a Bronte. Circondata dall’affetto degli oltre trenta nipoti e pronipoti, oltre che dal personale della struttura, la signorina Vittoria ha partecipato con gioia alla festa in suo onore, non negandosi per auguri e foto. Una vita condotta in maniera normale, con oltre 40 anni di insegnamento sia in altri paesi dell’hinterland, ma soprattutto a Bronte, dove è stata per anni un punto di riferimento delle scuole elementari dove insegnava matematica. Quando la professoressa Bonaventura iniziò ad insegnare, a Bronte c’erano solo le elementari e il Real Collegio Capizzi, scuola d’élite appannaggio di studenti facoltosi provenienti da molti paesi della Sicilia e non solo.

Una vita di assoluta dedizione al lavoro fino alla pensione sopraggiunta agli inizi degli anni 80. Da qualche anno, è ospite di una struttura per anziani a Bronte, dove vive serenamente. Alla festa erano presenti gli assessori Chetti Liuzzo, Giuseppe Di Mulo e Cristina Castiglione, che hanno portato anche gli auguri del sindaco Graziano Calanna. [Luigi Saitta, La Sicilia]



7 Febbraio 2020

Rientra nell’alta dirigenza regionale

L’ex sindaco Zappia torna alla Regione

Il dottore Mario Zappia da lunedì scorso è il nuovo Capo di gabinetto vicario dell’Assessorato regionale della Famiglia, delle politiche sociali e del lavoro di Palermo.

Per l’ex sindaco di Bronte si tratta d’un ritorno nell’alta dirigenza regionale; con Raffaele Lombardo presidente della Regione Siciliana, infatti, è stato Capo della segreteria tecnica (ottobre 2008 - gennaio 2010) dell’assessore alla Salute, Massimo Russo, e dirigente del Dipartimento Regionale Programmazione e coordinamento delle Attività Sanitarie e dell'Osservatorio Epidemiologico (gennaio-giugno 2010). E da lunedì, come detto, è entrato nello staff dell’assessore Antonio Scavone, al quale l’accomuna la militanza nell’ex Mpa.

Trascorsi politici a parte, il curriculum del neo Capo di gabinetto vicario è certamente prestigioso. Zappia, infatti, è laureato in medicina e specializzato in medicina interna (Università di Catania) ed ha un master di II livello in «Organizzazione e gestione delle aziende sanitarie» e un dottorato di ricerca in «Economia e gestione delle aziende sanitarie» (Università Cattolica di Roma).

Quanto ad esperienza professionale, Mario Zappia è stato sindaco di Bronte per due mandati consecutivi dal 1993 al 2002 e, fra gli altri, dirigente sanitario (novembre 2004-ottobre 2008) e direttore generale (luglio 2010-luglio 2012) dell’Oasi di Troina, commissario straordinario dell’Asp di Siracusa (luglio 2012-giugno 2014), presidente dell’Ato rifiuti CT1 Joniambiente (settembre 2004-agosto 2009) e, da ultimo, direttore generale e sanitario della Fondazione Giovanni Paolo II di Campobasso, il Gemelli del Molise (aprile 2015-luglio 2019). Noto il suo tradizionale impegno nel volontariato con l’Unitalsi. [Luigi Putrino]



3 Febbraio 2020

Discariche abusive nel Parco dell'Etna

In arrivo cento fototrappole

Cento fototrappole in arrivo nel Parco dell’Etna contro le discariche abusive. L’Ente Parco ha concluso l’acquisto e la ripartizione dei dispositivi, adesso spetta ai venti comuni, ai quali compete l’installazione e la gestione tecnica delle fototrappole della riserva, ritirarli e far partire la videosorveglianza e l’attività di contrasto alle discariche abusive, che sono un’onta sia all’immagine delle comunità locali e dell’Etna (patrimonio Unesco) sia per i numerosi fruitori rispettosi delle bellezze naturali e antropiche etnee. [L. Putrino, sul Giornale di Sicilia]



1 febbraio 2020

CASTELLO NELSON

Ultimati i lavori nell'antico granaio

Il Castello, il Museo di Sculture in pietra lavica e i Giardini interdetti al pubblico da Ottobre 2016 per Lavori di restauro

Era metà gennaio quando l’impresa che ha ripreso i lavori del Castello Nelson ha assicurato al sindaco di Bronte che a fine mese la ristrutturazione dell'antico granaio dei Duchi Nelson, oggi trasformato in sala-conferenze (vedi n. 46 della mappa) sarebbe stata ultimata. La promessa è stata mantenuta. Ieri l’impresa ha invitato il primo cittadino a verificare il completamento dei lavori di ristrutturazione del tetto e degli infissi, di tinteggiatura degli intonaci e di messa in sicurezza degli impianti. Il granaio, che ospita i resti delle fondamenta dell’antica chiesa distrutta dal terribile terremoto del 1693, insomma è pronto per essere riaperto al pubblico, per la gioia dei tanti turisti che fino ad oggi non hanno potuto visitare l’antico maniero.

“Nei prossimi giorni - afferma il sindaco Calanna - concerteremo con l’impresa un passaggio in sicurezza per consentire ai turisti di poter rivisitare questa parte del Castello che ci permette di ammirare gli scavi che hanno riportato alla luce le fondamenta dell’antica chiesa”.

Poi Calanna conferma che per adesso l’impresa è impegnata nel completamento dei lavori della reception e che finiti questi gli operai si sposteranno nel cortile e nell’ala nobile. Il cronoprogramma dei lavori prevede anche che già questa settimana venga smantellato e ristrutturato il pavimento in pietra del famoso cortile, che ospita la croce celtica.

I lavori nel loro complesso, fra le altre cose, prevedono il rifacimento dei tetti, la pulizia del prospetto degli edifici, la manutenzione degli infissi e degli impianti, soprattutto nelle cucine che saranno rese funzionali.


Home Page Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus

News dei mesi precedenti