I SINDACI DI BRONTE

Le carte, i luoghi, la memoria...

I personaggi illustri di Bronte, insieme

422 FOTO DI BRONTE, insieme

Ti trovi in:  Home-> Personaggi-> I sindaci di Bronte

Dal 1800 al 1862 - dal 1863 al 1903 - dal 1903 al 1914 - dal 1914 al 1952 - dal 1952 al 1968 - dal 1968 al 1993 - dal 1993 al 2005 - dal 2005 ad oggi

1968

Venia Antonino

Antonino Venia, sindaco di Bronte (1968)Il socialista Antonino Venia (Bronte 1915 - 1995), avvocato, è stato sindaco di Bronte dal 1968 al 1973.

Nelle elezioni amministrative tenutesi anticipata­mente il 24-25 novembre del 1968, in seguito allo sciogli­mento anticipato del Consiglio comunale (sindacatura Nunzio Meli), la Democrazia Cristiana riportò 5.015 voti, perse 4 consiglieri ed ebbe assegnati 13 dei 32 seggi disponibili (8 anda­rono a componenti della Sezione Sturzo e 5 a quelli della Sezione Centro).

Il Partito Socialista ed il PSDI (si erano presentati in una unica lista) presero 2.923 voti con 10 seggi (8 al PS e 2 al Psdi).

Il Pci ed il Psiup che si presentarono uniti sotto la lista "Trivella" con capolista Mario Lupo (portava in quegli anni avanti la sua battaglia orientata all'impiego delle risorse naturali estratte a Bronte come strumento di crescita economica per il Comune e tutto il territorio circostante), ebbero un lusin­ghiero successo con 1.469 voti e 5 consiglieri (Mario Lupo, Biagio Saitta, Vincenzo Lupo, Antonio Fallico, Antonino Isola).

Il sindaco Antonino Venia con il con­si­gliere comunale Nun­zio Lombar­do (DC, Sezio­ne Centro)

Una lista civica della Contrada Maniace "Unione e Pro­gresso" che aveva l'obiettivo di unifi­ca­re i voti dei ma­niacesi per meglio portarne avanti le rivendicazioni prese 3 consiglieri. Il Movimento Sociale Italiano portò in consiglio comu­nale il ventiduenne Mario Carastro.

Le elezioni confermarono la supremazia elettorale della DC che avrebbe potuto avere un peso determinante nella scel­ta del sindaco e della giunta, ma i 13 consi­glieri, inca­paci di unità e profon­damente divisi nelle due sezio­ni “Centro” e “Sturzo”, consegnarono il Comune alla sinistra.

La mancata intesa fra i due gruppi portò, infatti, gli 8 consi­glieri della sezione "Sturzo" ad un accordo con i socia­listi. Fu formata una Giunta di centro-sinistra con l'ap­poggio della lista civica di Maniace e fu eletto Sinda­co l'avv. Antonino Venia (PSI).

 

GLI ELETTI al CONSIGLIO nel 1968

DC (5.015 voti, 13 seggi):
Lombardo Nunzio, Paparo An­tonino, Papa­ro Luigi, Zingale Igna­zio, Zerbo Carmelo, Del­l'Er­ba Nicolò, Immor­mino Giu­seppe, Meli Nun­zio, Atti­nà Fortu­nato, Spitaleri France­sco (foto a destra), Paparo Vin­cen­zo, Ciraldo Ago­stino, Catania Signorino.

PSI (PSI-PSDI 2.923 voti, 10 seggi):
Castiglione Vincenzo, Currenti Maria Nunziata, Ve­nia Antonino, Caltabiano Paolo, Biondi Giu­sep­pe, Casti­glio­ne Placido, Lupo Fran­cesco, Sait­ta Bia­gio, Gatto Giu­seppe (PSDI), Bonac­corsi Anto­nino (PSDI).

PCI-PSIUP (1.469 voti, 5 seggi):
Lupo Mario (foto a destra), Lu­po Vin­cenzo, Saitta Biagio, Fal­lico Anto­nio, Isola Anto­nino.

Lista Civica Maniace (932 voti, 3 seggi): Di Marco Sebastiano, Liuz­zo Signorino, Lupica Rina­to Nun­zio.

MSI (415 voti, 1 seggi): Carastro Mario.

PLI (181 voti, nessun seggio)

Ebbe come assessori Vincenzo Lupo (del PCI) e Fallico Antonino (del PSIUP), Giuseppe Gatto (PSDI), Castiglione Placido (PSI). Gli assessori supplenti furono Sebastiano Di Marco e Paolo Caltabiano.Avv. Fortunato Attinà, assessore comunale (1972)

Antonio Fallico, segretario del Psiup, fu nominato assessore alla Cultura; in seguito diverrà uno degli italiani più influenti a Mosca, il più importante trait-d’union tra l’Italia e la Russia con un ruolo chiave nell’interscambio tra i due Paesi.

Ignazio ZingaliLa Giunta Venia, tormentata da una lunga crisi interna, fu costretta a dimettersi nell'agosto del 1970.

La crisi durò pochi giorni: il 29, infatti, una coalizione che comprendeva ancora gli otto consiglieri democri­stiani della Sezione Sturzo (sui tredici che aveva la DC), il PS e la lista civica di Maniace eleggeva a sindaco nuovamente l'avv. Venia cambiando solo gli assessori. Tre toccarono alla DC (avv. Fortunato Attinà (foto a destra), Ignazio Zingale (foto a sinistra) e Antonino Paparo; uno al Partito Socialista, Placido Castiglione ed una alla  del lista civica di Maniace, Sebastiano Di Marco.

L'avv. Venia restò in carica fino al 1973. Si contraddistinse sempre per uno spiccato senso di onestà, cor­ret­tezza e generosità; si ricorda ancora che non utilizzò mai per se le indennità che gli spetta­vano come sindaco, preferendo raccoglierle per acquistare la prima auto del Comune, pagando alla fine anche le tasse sulle indennità percepite. Nel 2003 Bronte gli ha dedicato la piazzetta costruita alle spalle del Palazzo comunale.
 

1973

Paparo Vincenzo

Vincenzo Paparo, sindaco di Breonte (1973)Vincenzo Paparo (Bronte 1922 - 1990), professore di let­tere e preside al Liceo Capizzi, è stato sindaco di Bronte dal 1973 fino al giugno del 1979.

Militante nella Democrazia Cristiana capeggiò un manipolo di dissidenti della DC che faceva riferimento all'on. Russo (l'al­tra con a capo Nunzio Lombardo era legata all'on. Drago).

Fu eletto sindaco successivamente alle elezioni ammini­stra­tive del 1973. quando la DC con 44,1 % delle prefe­renze conquistò 15 seggi, più del doppio del PSI di Vincenzo Castiglione giunto secondo con il 19,5% dei voti (7 seggi).

Formò una Giunta bicolore (DC - PSI) con l'avv. Vincenzo Castiglione (vice sindaco) e Biagio Saitta del Partito Socia­lista Italiano e con Ignazio Zingale, Giuseppe Sarta e Anto­nino Paparo della Democrazia Cristiana.

Quest'ultimo due anni dopo, nel 1975, eletto commissario al Consorzio di Bonifica Alto Simeto dove rimase per 11 anni, ritenuti inconciliabili i due impegni cedette il posto all'amico Pino Firrarello che per la prima volta entrava al Comune come assessore.

Vincenzo Paparo restò in carica dall'anno 1973 fino al mese di Giugno del 1979.

Oltre alla sue peculiari doti di specchiata onestà e rigore vogliamo ricordare la sua lungimi­ranza nell'avviare l’espansione del paese verso valle, in Contrada Sciarotta. Qui le condi­zioni orografiche erano certamente più miti ed idonee all’espansione urbanistica e quì con il contributo dello stato (Legge 167) moltissimi brontesi riunitisi in cooperative costruirono la loro casa facendo diventare il quartiere fra i più popolati della nostra cittadina.
 

Le amministrative del 1973

I RISULTATI
Dc 44,1% (15 seggi), Psi 19,5% (7 seggi), Pci 8,7% (3 seggi), Lista civica Maniace "Unione e Progresso"  9,3% (3 seggi), Psdi 9,1% (3 seggi),  Msi 5,6% (1 seggio), Pri 2,5%, Servire il Popolo 1,2%.

I CONSIGLIERI COMUNALI ELETTI

Nunzio (Zino) LombardoDC: Lombardo Nunzio (foto a sinistra, successivamente lasciò Bronte optando per il Consiglio provinciale), Franchina Giuseppe, Paparo Antonino, Spitaleri Antonino, Leanza Biagio Antonino, Zingale Ignazio, Firrarello Giuseppe, Paparo Vincenzo, Longhitano Biagio, Spata Nunzio, Sarta Giuseppe, Faranda Nunzio, Spitaleri Francesco, Campagna Edoardo.

PSI: Castiglione Vincenzo, Currenti Maria Nunziata, Leanza Salvatore, Venia Antonino, Saitta Biagio, Costanzo Zammataro Antonino, Di Marco Calogero.

PCI: Lupo Vincenzo, Pafumi Nunzio, Foti Vincenzo.

PSDI: Gatto Giuseppe, Botta Biagio Luigi, Bonaccorso Antonino.

Unione e Progresso: Sanfilippo Giovanna, Parasiliti Giuseppe, Bevacqua Salvatore.

MSI: Liuzzo Vincenzo (dimessosi dopo alcuni mesi e sostituito dal primo dei non eletti, Mario Carastro).Goiseppe (Pimo) Firrarello (1975)

Nelle elezioni comunali del 1973 furono eletti per la prima volta in Consiglio comunale due personaggi che in pochi anni diventeranno leaders indiscussi dei loro partiti, Pino Firrarello (nella DC, futuro senatore della Repubblica, foto a sinistra) e Salvatore Leanza (nel PSI, futuro vice presidente della Regione siciliana).

Già dei anni dopo, nelle elezioni comunali successive del 1979, li troviamo l'uno (Turi Leanza) come capolista del Psi e l'altro (Pino Firrarello) candidato sindaco designato dalla Sezione Luigi Sturzo.
 


Una foto del 1973 con (da sinistra) l'arciprete Anto­ni­no Marcantonio, lo "stato maggiore" della DC di allo­ra (Giuseppe Franchina, Vincenzo Paparo e For­tunato Attinà) e, sulla destra, i dott. Giuseppe Ca­mu­to e il pe­dia­tra Filip­po Onorante (foto archi­vio Acli).

Vincenzo Paparo - scrive Pino Firrarello - fu «un uomo dal grande sentimento umano, profondo conoscitore delle materie classiche che insegnava con entusia­smo. Per lui l’insegnamento rappresentava una vera mis­sione anche quando divenne preside al Liceo Ca­piz­zi.
Grandissimo oratore, capace ad ogni comizio di riem­pire fino all’inverosimile piazza Spedalieri. La città accor­reva per ascoltarlo e dalle sua parole sem­brava rimanere ammaliata. Solo all’apparenza però: la gran­de partecipazione ai comizi, poi, e ripe­tu­ta­men­te, non si traducevano in altrettanti consen­si elet­torali.
Una stra­nezza o se vogliamo una co­trad­dizione di cui lui stesso era consapevole, ma che non riuscì mai a capire appieno.»

 

1974 - Referendum abrogativo sul divorzio

Nel Maggio 1974 si votò per abrogare la legge sul divorzio. Gli italiani furono chiamati a decidere se abrogare o meno la legge 1.12.1970, n. 898 - "Di­sci­plina dei casi di scioglimento del matrimonio" (la cosiddetta legge Fortuna-Baslini, dal nome dei due promotori Loris Fortu­na e Antonio Baslini), con la quale era stato introdotto in Italia l'istituto del di­vor­zio.

Fu ampiamente raggiunto il quorum (87,7% ) e vin­sero i “no”, con il 59,3 per cento.

La legge sul di­vor­zio non fu abrogata. Bronte voto in controten­denza l'abrogazione della Legge Fortu­na-Baslini con questi risultati:

Si 62,5%  -  No 38,5%

1979

Franchina Giuseppe

Giuseppe Franchina, sindaco di Bronte (1979)Giuseppe (Pino) Franchina, insegnante, segretario locale del partito della Demo­crazia Cristiana (Sezione Centro), dal 1979 guidò inizialmente una Giunta mo­no­colore, come la precedente ancora a mag­gioranza democristiana, con il PSI, che senza entrare in Giunta, garantiva l’appog­gio esterno.

Nelle elezioni amministrative del giugno 1979 la DC, infatti, su 12.404 elettori prese 4.910 voti (41,6%), il PSI 2.833 (24,0%) e 1.073 (9,1%) il PCI.

La lista civica di Maniace scese dal 9,3% delle precedenti elezioni all' 8,2% ma due anni dopo, l'11 aprile 1981, vede Maniace divenire comune autonomo.

Per la prima volta è presente nel consiglio il Partito Repubblicano Italia­no con un proprio consigliere, Nunzio Antonino Zingali.

Con la modifica della legge elettorale, per la prima volta presero parte alle votazioni amministrative anche i giovani fra i 18 e 20 anni.

Giova anche ricordare che in quel periodo, a differenza dell’attuale siste­ma elet­torale, il sindaco non era eletto direttamente dal popolo ma era il risul­tato di accordi politici che nascevano fra le mura delle segreterie dei partiti e si concretiz­za­vano dopo in Consiglio comunale dove i 32 consiglieri ratificavano con il voto la sua nomina.

La prima Giunta guidata da Giuseppe FranchinaGiuseppe Sarta (assessore, 1984)uomo furbissimo, asso­lu­tamente disinvolto nel gioco delle alleanze ma incapace di passione per l'attività am­mi­ni­strativa», lo definì Firrarello, suo rivale politico della Sezione Sturzo nella DC) fu un monocolore demo­cristia­no con l'appog­gio esterno del Psi composto dagli asses­sori Antonino Paparo, France­sco Longhitano, Leanza Biagio Antonino, Giuseppe Sarta (foto a destra), Anto­nino Spitaleri e Francesco Spitaleri (tutti di area DC).

Dopo questo monocolore seguì poco tempo dopo, dal febbraio 1980 al settembre 1981, sempre guidata da Franchina, una Giunta bicolore DC-PSI che vide come assessori socialisti Salvatore Leanza (vice sindaco, che nel giugno del 1981 veniva eletto deputato all'Ars), Biagio Mavica e Gaetano Caruso e, per la Democrazia cristiana, Antonino Leanza, Nunzio Petronaci e Antonino Spitaleri.

Un anno dopo (aprile del 1982) la Giunta Franchina-Leanza andò in crisi.

Fu formata una nuova Giunta che escludeva i socialisti e faceva entrare i consiglieri del Psdi e del Pri: Pino Firrarello fu eletto vice sindaco (al posto di Salvatore Leanza) e i nuovi assessori furono Luigi Cordaro (PSDI, dimessosi e sostituito nel marzo 1983 da Giuseppe Sarta), Antonino Leanza (foto a destra), Nunzio (Zino) Petronaci, Nino Spitaleri (di area DC) e Nunzio Antonino Zingali (PRI).

Il periodo di sindacatura del trio Franchina-Leanza-Firrarello fu uno dei più floridi della storia di Bronte del dopoguerra.

Oltre all'acquisto del Castello Nelson (4 settembre 1981, deliberato dalla Giunta comunale il 30 aprile dello stesso anno e finanziato dall'Asses­sorato ai Beni Culturali della Regione siciliana con i benefici pre­visti dalla L. R. 80/77), furono ottenuti notevoli finan­ziamenti ed intra­prese impor­tati opere pubbliche.


  

Il Consiglio Comunale (ad Aprile 1982)

DC: Salvatore Anastasi, Gaetano Costanzo, Giu­sep­pe Firrarello (foto a destra), Giuseppe Franchi­na, An­to­nino Galva­gno, Gio­vanni Isola, Biagio An­tonino Leanza, Fran­cesco Longhi­tano, Nunzio Meli, Anto­nino Paparo, Nunzio Petronaci, Giuseppe Sarta, Anto­nino Spita­leri, Fran­cesco Spitaleri, Anto­nino Trisca­ri, Ignazio Zingale.

PSI: Biagio Biuso, Gaeta­no Caruso, Vincenzo Ca­sti­glio­ne, Maria Nunziata Correnti (foto a destra), Calo­gero Di Marco, Sal­va­tore Leanza, Biagio Ma­vi­ca, Biagio Saitta.

PCI: Salvatore Cittadino, Nunzio Pafumi, Biagio Meli.

PSDI: Luigi Cordaro.

MSI: Nunzio Ciraldo.

PRI: Nunzio Antonino Zingali.

L. Civica Maniace: Montagno Natale, Giovanna San­filippo.


GENNAIO 1981
Una delle giunte Franchina
Zingali, Spitaleri, il segretario co­mu­nale Catania, il sindaco Fran­chi­na, Firrarello (vice sindaco), Leanza, Cordaro e Petronaci.

1981
Il vice sindaco Firrarello, il sin­daco Fran­chi­na, con Nunzio (Zino) Petronaci (asses­sore), Antonino Triscari (asses­sore) e Antonino Paparo (consi­gliere comunale).

 

I BAFFI DEL SINDACO FRANCHINA
L'immagine è stata pre­sa dal n. 2 di "Bronte Noti­zie" (del 2 luglio 1982), il trimestrale pub­blicato a cu­ra del­l'Ammini­strazio­ne comunale dal 1 aprile 1982 al gennaio 1992. Sotto­titolato fin dal primo nume­ro "Organo  Ufficiale del Comune", informava anche se in modo apertamente autoreferenziale sull'attività amministrativa dell'Amministrazione comunale.

Giuseppe Franchina (sindaco di Bronte, 1982)

Vogliamo ricordare la costruzione della Pretura e della villa comunale (con un mutuo INA di 985 milioni di lire), il comple­tamento della piscina (si ottenne un finanzia­mento della Cassa DD. e PP. di 900 milioni di lire, ma l'esproprio del terreno su cui costruirla risaliva alla fine degli anni '60 e fu inaugurata 20 anni dopo), il rifacimento della pubblica illu­minazione, il potenziamento dell'acque­dotto, il completamento della rete fognante ed i primi lavori per la co­stru­zione del depuratore, le opere di urbanizzazione della zona Sciarotta e della Zona artigianale del SS. Cristo.

Il 4 dicembre 1983 il sindaco Franchina davanti al palazzo municipale inaugurava anche la rete metanifera cittadina che faceva di Bronte uno dei primi comuni siciliani a dotarsi del gas per uso domestico.
 

1984

Firrarello Giuseppe

Giuseppe Firrarello, sindaco di Bronte (1984)Giuseppe (Pino) Firrarello (Democrazia Cristiana) nato il 9 agosto 1939 a San Cono, fu eletto dal Consiglio comunale sindaco di Bron­te successivamente alle elezioni ammi­ni­strative del 1984.

La sua carriera politica lo aveva già portato nelle stanze municipali nove anni prima, nel 1975, quando per la prima volta era entrato come asses­sore della Giunta guidata da Vincenzo Paparo.

Nelle elezioni comunali di quell'anno la DC aveva riportato 5.320 voti (45,49%) conquistando 16 seggi contro i 3.220 voti del PSI (27,53%, 9 seggi, con ben 1.562 voti dati a Salvatore Leanza).

Con 11.694 voti complessivi validi, gli altri partiti riportarono i seguenti voti: 1.329 il PCI (11,36%, 3 seggi), 822 il MSI (7,29%, 2 seggi), 549 il PSDI (1 seggio) e 545 il PRI (1 seggio).

Una delle due Sezioni brontesi della Democrazia cristiana, la Sturzo, vide eletti 12 consiglieri sui 16 conquistati dal partito con Pino Firrarello che, primo per numero di preferenze (858), precedeva l'avversario diretto e sindaco uscente Giuseppe Franchina della Sezione Centro (729 voti di preferenza).Antonino Triscari (assessor3e comune Bronte, 1984)

Con l'accordo dell'on. Salvatore Leanza (allora leader brontese e regionale del PSI) Firrarello guidò una giunta bicolore (DC-PSI) con gli assessori Livio Castiglione (vi­ce sindaco, figlio del sindaco Vincenzo) e Nicola Fur­nitto del PSI e Vincenzo Caruso, Francesco Musarra, Salvatore Anastasi e Antonino Triscari (foto a destra) della Democrazia Cristiana.

Un successivo rimpasto portò in Giunta nell''85 Giuseppe Catania (suben­trò a Vincenzo Caruso) e, nell'86,  Salvatore Pizzuto (vice sindaco), Antonio Longhitano, Calogero Di Marco e Nunzio (Zino) Petronaci.

Quell'anno, per ricordare e riscrivere i tragici fatti del 1860, il sindaco Firrarello organizzò un convegno-processo a carico di Nino Bixio, cercan­do in qualche modo, dopo oltre cent’anni, di far luce su un episodio oscuro della spedizione garibaldina e, attraverso un giudizio sull'operato di Garibaldi ma sopratutto del suo luogotenente, porre nella giusta ed inequivocabile prospettiva i tragici avvenimenti di Bronte.

Il convegno ebbe notevole risonanza anche sulla stampa nazionale e vide la partecipazione di studiosi, giuristi, storici ed intellettuali di note­vole livello. Le conclusioni (estensore il prof. Ettore Gallo) furono  illu­strate dal sen. Alessi nel marzo del 1987.

Firrarello, che oltre alla carica di sindaco ricopriva anche quella di vice segretario provinciale della DC, il 22 giugno 1986 fu eletto deputato all’As­semblea Regionale Sici­liana (X Legislatura); lasciò nell'ottobre dello stesso anno la poltrona di sindaco al fedelissimo, amico di sezione e di corrente, Nino Paparo.

Quell'anno Bronte, per la prima volta nella sua storia, aveva due depu­ta­ti (Leanza e Firrarello) eletti contemporaneamente a Palazzo dei Normanni.

Durante i pochi anni rimasto alla guida del paese, Firrarello riuscì a por­ta­re a termine molte iniziative intraprese dalle passate amministra­zio­ni, a programmare la costruzione di diverse opere pubbliche (nuovi quar­tieri, strade, edifici scolastici, fognature e fra tutte sopratutto l'area artigia­na­le di Ss. Cristo) ed a risolvere problemi che interessavano da tempo la colletti­vità brontese.

Nel 1996 Firrarello è stato eletto senatore a Palazzo Madama, carica che ha ricoperto fino al febbraio 2013.

Nel maggio del 2005 e, cinque anni dopo, nel maggio 2010, è stato riconfermato alla carica di sindaco di Bronte.

 

I 32 DEL CONSIGLIO COMUNALE (Ottobre 1984) - Tra parentesi i voti riportati da ciascun consigliere.

DC (5.320 voti, 16 consiglieri, 12 della Sezione Sturzo, 4 della Sez. Cen­tro): Anastasi Salvatore (585), Bonaccorso Nunzio (568), Caruso Vincen­zo (455), Castiglione Nunzio (554), Catania Giuseppe (429), Firrarello Giusep­pe (858), Franchina Giuseppe (729), Galvagno Antonino (416), Leanza Bia­gio Antonino (444), Orefice Antonino (656), Paparo Antonino (586), Petro­naci Nunzio (468), Pinzone Alfio (469), Saitta Antonino Luigi (592), Spitaleri Francesco (567), Triscari Antonino (495).

PSI (3.220 voti, 9 consiglieri): Capace Lorenzo Giuseppe (312), Casti­glione Livio (316), Di Marco Calogero (360), Furnitto Nicola (331), Leanza Salva­to­re (1.562), Longhitano Antonino (301), Luca Salvatore (397), Musar­ra Francesco (444), Pizzuto Salvatore (698).

PCI (1.329 voti, 3 consiglieri): Longhitano G. Riccardo (216), Lupo Vin­cen­zo (514), Mavica Biagio (397).

MSI (822 voti, 2 consiglieri): Ciraldo Nunzio Biagio (196), Schilirò Pa­squa­le Mario (193).

PSDI (549 voti, 1 consigliere): Gatto Giuseppe (409).

PRI (545 voti, 1 consigliere): Zingali Nunzio Antonino (291)

 

1985: nella foto sopra a sinistra, il sindaco Firrarello, il consigliere comu­nale del­la DC Salvatore Anastasi (con gli occhiali scuri) ed il socia­lista de­puta­to regio­nale on. Salvatore Leanza. Nelle due foto a destra, il sinda­co Firra­rello riceve nel­l'Aula consi­liare del Comune il prefetto di Catania Verga (alla sua destra, con accanto il vice sindaco Livio Castiglione). Sulla destra, il segretario comunale Cata­nia (nel­la foto sopra) e (foto sotto) il socialista on. Salvatore Leanza.

1984: le sezioni Sturzo e Centro della DC

Il sindaco Firrarello (al centro) con accanto il consigliere comu­nale Nino Papa­ro (alla sua destra) e (alla sua sinistra) Nun­zio Lombardo (consigliere provin­ciale) e Pino Franchina (consi­gliere comunale) durante il comizio di ringrazia­mento per la vittoria della DC alle elezioni comunali del 1984.

1986

Paparo Antonino

Antonino Paparo, sindaco di Bronte, 1987Antonino (Nino) Paparo, nato a Bronte il 10 Maggio 1938, impiega­to, democristiano, è stato sindaco di Bronte dal novembre 1986.

Nominato dal Consiglio comunale, subentrò nella carica di sindaco a Pino Firrarello, dimessosi dalla carica in seguito alla sua elezione di deputato all'Assemblea Regionale Siciliana. "Fu un buon sindaco - scrisse Firrarello - grazie soprattutto alla sua non comune capacità di accontentare tutti».

Paparo confermò la Giunta bicolore precedente (DC-PSI): «l'Ammini­stra­zione comunale da me presieduta - ebbe a dichiarare . come formazione politica e programmatica è la continuazione della precedente».

Antonino Longhitano, assessore, 1985Il Consiglio comunale elesse quali assessori i consi­glieri Salvatore Pizzuto (PSI, con funzioni anche di vice sindaco), Calogero Di Marco (PSI), Antonino Longhi­ta­no (PSI, assessore ai Lavori pubblici e Urbanistica, foto a destra) e Vincenzo Caruso, Salvatore Anastasi e Anto­nino Triscari della Democrazia Cristiana.

Con un successivo rimpasto del 2 dicembre 1987, "in seguito ad una normale rotazione fra Consiglieri Comu­nali", come fu dichiarato, entrarono in Giunta Salvatore Luca (con funzioni anche di vice sindaco) e gli assessori Lorenzo Giuseppe Capace (PSI), Calogero Di Marco (PSI) e Vincenzo Caruso (dimessosi a fine 1987 e sostituito con Alfio Pinzo­ne), Nunzio Castiglione e Anto­nino Galvagno della DC.

Nino Paparo restò in carica fino alle successive elezioni amministrative del Maggio 1989.
 

Il Consiglio Comunale a Novembre 1986

Antonino Paparo (Sindaco), Giuseppe Fir­ra­rello, Giuseppe Franchina, Antonino Ore­fi­ce, Antonino Luigi Saitta , Salva­to­re Ana­sta­si, Nunzio Bonaccorso, Fran­cesco Spita­leri, Nunzio Castiglione, An­to­nino Trisca­ri, Alfio Pinzone, Nunzio Petronaci, Vincenzo Caru­so, Biagio Anto­nino Lean­za, Giuseppe Cata­nia, Antonino Galva­gno, Salvatore Leanza, Salva­tore Pizzuto (foto a destra), Fran­cesco Mu­sar­ra, Sal­va­tore Luca, Calo­gero Di Mar­co, Nico­la Fur­nitto, Livio Castiglio­ne, Loren­zo Giu­seppe Ca­pace, Antonino Lon­ghi­tano, Giu­seppe Saitta, Vincenzo Lu­po, Gaetano Ric­cardo Longhi­tano, Nun­zio Ciral­do, Giusep­pe Minio, Giuseppe Gatto, Nunzio Antonino Zingali.

1989

Spitaleri Francesco

Francesco Spitaleri, sindaco di Bronte (1989)Nelle elezioni ammini­strative svoltesi il 28 e 29 maggio 1989 Francesco Spitaleri (detto Ciccio), nato a Bronte il 7 gennaio 1943, impie­gato, fu con 897 voti il primo eletto nella lista della Democrazia Cristiana.

Non era nuovo alla politica brontese. Già 11 anni prima, nel 1968, era stato eletto per la prima volta nel Consiglio comunale.

Dietro di lui Nunzio Castiglione con 888 voti e a seguire Zino Lombardo con 827.

Il sindaco uscente, Antonino Paparo, fu il nono con 742 voti. L'on. Salvatore Leanza del PSI raggiunse gli 811 voti.

Quell'anno la Democrazia Cristiana superò la maggioranza assoluta, raggiungendo il 54,42%, con 6.727 voti e diciotto consiglieri su 32 (cinque anni prima aveva raggiunto il 45,49% con 16 seggi).

La Sezione Sturzo confermò ancora una volta la supremazia ed il proprio potere facendo eleggere 14 consiglieri contro gli appena 4 dell'altra sezione brontese della DC, la Sezione Centro.

Gli altri partiti raggiunsero i seguenti risultati: il PSI, guidato da Salva­tore Lean­za, il 26,45% (9 seggi), il PCI il 9,80% (3 seggi), il MSI-DN il 5,20% (1 seggio) ed il PSDI di Giuseppe Gatto il 3,13% con 1 consi­gliere.

Il 1° luglio 1989, presenti 27 consiglieri su 32, con 17 voti favorevoli il Con­siglio comunale elesse Spitaleri a sindaco di Bronte; i 9 voti del PSI andarono tutti a Sal­va­tore Leanza ed un voto a Giuseppe Gatto.

Spitaleri guidò una Giunta monocolore composta da Saitta Antonino Luigi (con funzioni anche di vice sindaco), Catania Giuseppe, Franchina Giovanni Luigi, Lupo Tommaso, Schilirò Maria e Catania Franco (tutti democristiani). Que­st'ultimo, eletto deputato all'ARS si è dimesso il 25 febbraio 1991 ed è stato sostituito da Biagio Papotto.

Il Partito socialista si disimpegnò dal governo della città perchè - dichiarò in Con­siglio Salvatore Leanza - si ritenne «oppor­tu­no non parteci­pare all'ammini­stra­zione in quanto, a suo parere, l'eletto­rato aveva demandato alla DC il com­pito di amministrare e pertanto preferiva restare ad osservare.»

Dal lato della maggioranza - scrive Firrarello - «essendo necessaria la coesione fra i 18 consi­glieri della DC, ognuno di loro si sentiva prezioso, indispensabile, pronto ad eser­citare piccoli e grandi ricatti ad ogni piè sospinto».

Spitaleri si dimise il 13 dicembre 1991 (si dis­se allora per accordi politici di alter­nan­za interna al gruppo democristiano ante­ce­denti la sua elezione).

Infatti la sua era una Giunta a tempo ed il sin­daco - come dichiarò in  Consi­glio comu­nale - si dimise «ritenendo ultimato il periodo per il quale l'amministrazione era stata costi­tuita». Nell'Amministrazione comunale doveva rien­trare dopo due anni e mezzo il Partito Socia­lista.

Al democristiano Ciccio Spitaleri subentrò die­ci giorni dopo un altro democristiano, Salva­tore (Gino) Anastasi: nella seduta del Consi­glio comu­nale del 23 Dicembre una "maggio­ranza bulgara" di 24 consiglieri (tutti Dc e Psi) su 32 eleg­geva il nuovo sindaco ed i sei componenti della sua Giunta.

Fra i 24 consiglieri che eles­sero Anastasi erano presenti anche gli onorevoli Pino Firrarello (DC, all'epoca Assessore regio­nale ai lavori pubblici) e Salvatore Lean­za (PSI, allora presidente della Commissione regionale della sanità).

«Spitaleri - scrive Firrarello, allora consigliere comunale - resse la sindacatura per due anni e mezzo, ma nonostante l'attenzione e l'impegno si logorò in un'este­nuante opera di mediazione tra gruppi e singoli Consiglieri che ogni giorno mostra­vano un ego sempre più ingombrante. Anche Anastasi visse la sua stagione di Sindaco tra infinite difficoltà, costellata da lettere anonime e veleni.
Quotidianamente partivano fascicoli per la Procura della Repubblica confezionati da solerti personaggi appartenenti alla burocrazia comunale, che fornivano indicazioni circostanziate su presunte attività fraudolente. Gli organi di polizia non riscontra­rono nulla di illegittimo nelle inda­gini che scaturirono, ma è chiaro che l'attività amministrativa divenne impossibile da sostenere sotto la minaccia costante di denunce. Anche la debolezza della nostra maggioranza giocò un ruolo fondamen­tale, atteso che non riuscì a cogliere, in quel particolare momento politico, la necessità di curare con zelo legittimista anche le minuzie amministrative. Non essendo possibile percorrere altre vie, io sollecitai le dimissioni per lo scioglimento del Consiglio comunale.»
 

IL CONSIGLIO COMUNALE
(Luglio 1989)

DC (18 consiglieri):
Spitaleri Fran­cesco, Casti­glio­ne Nunzio, Basi­le Giu­seppe, Ore­fice Anto­ni­no, Casti­glione Giusep­pe, Firra­rello Giu­sep­pe, Lupo Tom­maso, Papa­ro Anto­nino, Pa ­pot­to Bia­gio, Fran­chi­na G. Luigi, Ana­stasi Sal­va­tore, Catania Franco, Sait­ta Anto­ni­no Luigi, Schi­lirò Ma­ria, Mes­sina Gae­tano, Costan­zo Ni­nitto Anto­nino, Peco­rino Giu­seppe, Ca­ta­nia Giuseppe (primo dei non eletti suben­trato a Zino Lombar­do, dimissionario perchè eletto al Consiglio provin­ciale).

PSI (9 consiglieri):
Leanza Salva­tore, Pizzuto Salva­tore, Luca Sal­va­tore, Cur­renti Car­me­la, Cor­daro Giaco­mo, Mu­sarra Fran­ce­sco, Gat­to Anto­nino, Sait­ta Bia­gio, Capace Lorenzo.

PCI (3 consiglieri):
Longhitano Gaetano (foto a destra), Ciraldo Sebastia­no, Schilirò Car­melina.

MSI (1): Ciraldo Nunzio. PSDI (1): Gatto Giuseppe.


 

I sei asses­sori della Giunta mono­colore della sindacatura Spitaleri al 1 Luglio 1989.


Antonino Luigi Saitta, vice sindaco

Maria Schilirò

Franco Catania

Giuseppe Catania

Giovanni Luigi Franchina

Tommaso Lupo


 

1990:
L'assessore regionale Cooperazione, com­mercio, artigianato e pesca - Vice Presi­dente della Regione, on. Salvatore Leanza, in visita al Comune riceve una targa ricordo.

Pino Firrarello, Salvatore Leanza ed il sindaco Spitaleri

A destra il sindaco dell'epoca Ciccio Spitaleri ed a sini­stra Pino Firrarello, allora consigliere comunale e deputato regionale.

1992

Anastasi Salvatore

Salvatore Anastasi (detto Gino), nato a Bronte il 26 Agosto 1949, farmacista, militante nella Democrazia Cristiana, fu eletto sindaco, a scrutinio palese, il 23 dicembre 1991 successivamente alle dimissioni di Francesco (Ciccio) Spitaleri.

Guidò una Giunta DC-PSI (con una maggioranza "bulgara" di 27 consiglieri su 32) con tre assessori democristiani: Antonino Orefice (foto a destra), Biagio Papotto e Giuseppe Basile; e tre socialisti: Francesco Musar­ra con funzione anche di vice sindaco, Biagio Saitta e Vincenza Meli.ANTONINO OREFICE (ASSESSORE COMUNALE, 1992)

Al Consiglio comunale aveva presentato un programma molto ambizioso che toccava l’ambien­te e l’ecologia, il verde pubblico, l’acquedotto, la viabilità, i servizi sociali, l’ampliamento del cimitero, i servizi decentrati, lo sport e tanti altri rami della pubblica amministrazione, ma non se ne fece nulla.
Ma quella sindacatura durò appena un anno causa lo scioglimento anticipato del Consiglio Comunale. A fine 1992, infatti, i 18 consiglieri democristiani su indicazione dell'allora assessore regionale Pino Firrarello, si dimettevano dalla carica ed ad amministrare Bronte e prepararlo alle successive elezioni venne nominato un Commis­sario ad acta, Girolamo Di Benedetto.

Il periodo della sindacatura di Anastasi fu quello della fine della così detta "Prima Repubblica" (del periodo di "mani pulite", con il dissolvimento, anche a Bronte, dei due maggiori partiti politici, la Democrazia Cristiana ed il Partito Socialista, delegittimati dai media e dall'azione giudiziaria). Era il periodo in cui tanti sindaci o assessori furono chiamati a rispondere di presunti reati o illeciti commessi durante l’attività amministrativa.

Anche a Bronte qualcuno finì iscritto nel registro degli indagati ma nessuno fu successivamente condannato o ritenuto colpevole per fatti legati all’amministrazione del Comune.

Gino Anastasi fu l'ultimo sindaco ad essere eletto nelle segreterie dei partiti. Dopo di lui, una riforma elettorale (la L. R. 7/92) previde l'ele­zione diretta del Sindaco da parte degli cittadini con un voto a doppio turno con ballottaggio tra i due candidati più votati al primo turno e l'elezione del Consiglio con un sistema proporzionale con premio di maggioranza.

Tra le due elezioni, effettuate con schede separate, non era previsto alcun collegamento funzionale. La legge, inoltre, ampliò i poteri del sindaco, sia quelli di nomina che quelli di indirizzo, con nomina o revoca degli assessori che non potevano più fare parte del Consiglio e consentì la rimozione del sindaco, con conseguente scioglimento del Consiglio e quindi nuove elezioni, solo attraverso lo strumento del referendum.

1993

Di Benedetto Girolamo, Commissario prefettizio, chiamato dopo lo scioglimento del Consiglio comunale a preparare il paese alle nuove elezioni del 21 Novembre 1993.

I SINDACIDal 1800 al 1862 - dal 1863 al 1903 - dal 1903 al 1914 - dal 1914 al 1952 - dal 1952 al 1968 - dal 1968 al 1993 - dal 1993 al 2005 - dal 2005 ad oggi

Uomini illustri di BronteHOME PAGE

Powered by Associazione Bronte Insieme - Onlus

        

Riproduzione riservata anche parziale - Ultimo aggior. maggio 2016