Le carte, i luoghi, la memoria...

Il chimico prof. Mario Lupo

I personaggi illustri di Bronte, insieme

 

Ti trovi in:  Home-> Personaggi-> M. Lupo - G. Grassi

Cultura, impegno politico e sociale, laicismo

Mario Lupo

Mise in gioco tutta la sua esistenza al servizio di un'idea: migliorare la sua terra

Mario Lupo, è nato a Bronte nel 1904 in una famiglia artigiana. Dopo aver frequentato il locale ginnasio e il liceo classico di Adrano si è laureto in Chimica Pura presso l’università di Bologna nel 1928, avendo avuto come maestri, tra gli altri, i professori Levi e Padovani.

E' stato professore di scienze naturali a Bronte presso il Liceo Capizzi; pubbli­cista e scrittore, uomo politico (è stato consigliere comunale e vice sindaco di Bronte negli anni di Vincenzo Castiglione ed Antonino Venia) ma, sopratutto, ha lasciato ricordi di persona dalla grande dirittura morale ed umanità.

Chimico molto noto ed affermato, è ricordato come un instancabile promotore dello sviluppo socio-economico di Bronte che lui vedeva soprattutto nello sfrutta­mento dei giacimenti petroliferi del territorio brontese.

Con anticipazione e intuito, nel dopoguerra (1950 -1964) fu il primo a parlare dei giacimenti petroliferi del terri­torio di Bronte e dell’Isola (li definiva la "petroliferità della Sicilia") sviluppando idee e ipotesi che dovevano essere volano di sviluppo economico-sociale.

Fu il primo anche ad intuire e a parlare delle manifestazioni petrolifere della contrada San Nicola (il "fuoco di San Nicola") e della zona di Gioitto ("Idrocarburi in libertà - Bronte centro petrolifero", Giannotta Editore, Catania, 1962).

"Col nome "giuittu", scriveva, gli Arabi denominarono il bitume nero. Conobbero forse la manifestazione di idrocarburi in contrada Gioitto alla quale diedero il nome?"

Già nel 1929, ricercatore solitario (qualcuno lo definì un "solista"), provava la "petroli­ferità" della Sicilia: spediva per analisi, alla Stazione Sperimentale per i Combustibili di Milano, i primi campioni prelevati nel territorio siciliano che venivano definiti "sicura­mente di origine petrolifera".

Nel 1929 aveva 25 anni ed ultimati gli studi universitari nella Regia Università di Bologna (dove si era laureato in Chimica pura nell'anno accademico 1927/28), si trasferisce a Milano in cerca di lavoro nel settore chimico industriale.

I suoi ex illustri professori, Mario G. Levi e Carlo Padovani, che lasciata l'università diri­ge­vano l'Istituto di Chimica Industriale del Politecnico di Milano (a quel tempo il più importante centro italiano di studi e di ricerche nel campo della chimica applicata), lo inserirono, giovane neolaureato, come assistente nel gruppo di ricerca sulla benzina sintetica.

La scuola era un centro fervente di studi e di ricerche nei campi più svariati della chi­mica applicata: in questo ambiente Mario Lupo intravide la possibilità di provare un suo pensiero fisso: l’esistenza del petrolio a Bronte dove in alcune contrade (particolar­mente nei pressi di “S. Nicola”), era possibile spesso assistere allo sprigionarsi dal suolo di fiamme.

La credenza popolare parlava di fiamme provenienti dall'inferno o di fuoco dell'Etna, ma il giovane chimico si rese conto che si trattava di fenomeni dovuti all’emissione di gas combustibili. Ne parlò con i suoi professori che gli fornirono le apparecchiature per il prelievo.

Nell'estate del 1929 si mette al lavoro: preleva campioni di gas in contrada S. Nicola e in contrada Gioitto e li spedisce all'Istituto di Chimica Industriale del Politecnico di Mila­no. Pochi mesi dopo il prof. Padovani, con lettera del 28 novembre 1929, nel congratu­larsi per l’intuito, comunicava i risultati delle analisi dei gas prelevati, definendoli “bel­lis­simi” e di indubbia origine petrolifera.

Il suo "primo amore di tecnico”, il metano di Bronte, aveva avuto il giusto riconosci­mento. Nutriva una grande speranza: che il metano di Bronte costituisse la molla per il grande decollo del nostro paese verso un migliore sviluppo sociale ed economico.

La sua azione divulgativa ed il suo interessamento diretto avevano, infatti, contribuito a richia­mare l'interesse di tecnici e politici sul metano di Bronte.

Dovevano passare, però, dieci anni da quella prima «piccola ricerca di superficie» per­chè l'AGIP nel 1939 desse inizio alla prima vera ricerca in profondità.

A «Gioitto» e «Serravalle» vengono trovate modeste quantità di gas e di petrolio.

Fu il primo petrolio di Sicilia estratto con metodi razionali e figurò in tutte le mostre minerarie del tempo con la scritta «Petrolio di Gioitto (Bronte)».

Le indicazioni del dott. Mario Lupo erano state positive, il suo impegno aveva contri­buito ad attivare la grande speranza, anche se, in effetti, i risultati erano stati modesti.

Intanto era scoppiata la guerra: «Gioitto» e «Serravalle» divennero obiettivi militari; nell'agosto del 1941 furono bombardati, ma gli impianti non subiscono danni.

Cessata la guerra, cessò anche la prima grande avventura petrolifera di Bronte.

Intanto Mario Lupo aveva iniziato un periodo intenso di viaggi di studio e di lavoro: si reca prima in Africa, poi a Ferrara.
Ritornato a Milano lavora come ricercatore presso l'industria chimica Le Petit. Succes­sivamente, nominato Vice-Direttore di una fabbrica della Montecatini che produce concimi chimici, si trasferisce ad Aviglione. Durante il periodo bellico la fabbrica passa alla produzione di esplosivi: ritorna a Milano alla «Le Petit».

Nel 1947, dopo le drammatiche vicende della guerra, che gli aveva raso al suolo la casa di famiglia, Mario Lupo fece definitivamente rientro a Bronte, dove divenne professore di scienze naturali presso il Liceo del Real Collegio Capizzi: una professione, questa, che da quel momento gli consentì di dedicarsi anima e corpo, quasi a tempo pieno, alla promozione economica e sociale della sua amatissima terra.

Riprende con più slancio i suoi studi sul metano e sul petrolio di Bronte e continua la sua azione divulgativa, atta, innanzitutto, a destare una "coscienza petrolifera” nella sua gente e, ancora una volta, a richiamare sul territorio di Bronte l'attenzione e l'intervento delle grandi società di ricerche petrolifere.

In un articolo pubblicato in prima pagina dal "Corriere di Sicilia” del 3 agosto 1949, dal titolo «Bronte centro petrolifero», fra l'altro, scriveva: «… crediamo nostro dovere, ancora una volta, richiamare l'attenzione delle autorità, degli enti, della stampa, dei cittadini, al fine di riuscire insieme a creare e diffondere quella tale "mentalità petro­lifera”, senza la quale il nostro petrolio continuerà a rimanere nelle viscere della terra».

Nell’ articolo era riportata anche, per la prima volta, una cartina dimostrativa della centralità di Bronte rispetto ad una vasta area indiziata a idrocarburi.

Era convinto che la scienza deve essere messa al servizio della collettività, che l'in­tellettuale nella società deve ricoprire un ruolo importante per i processi di rinnova­mento e che era indispensabile la figura del "tecnico-politico” negli organismi amministrativi degli Enti Locali.

Sorretto da queste convinzioni, agli inizi degli anni '50, cominciò ad impegnarsi atti­vamente in politica. Ma resterà sempre un laico, non prenderà mai la tessera di nessun partito, anche se si sentiva vicino ai partiti di sinistra ed al PCI in particolare.

È eletto Consigliere comunale una prima volta nella lista «Blocco del Popolo», successi­vamente come indipen­dente nella lista del P.C.I. ed infine nella lista "Rinascita», che non a caso aveva come simbolo una trivella.

Dal 1956 al 1962 ricoprì anche la carica di Vice Sindaco nella Giunta guidata dal socialista Vincenzo Castiglione.

La politica gli serviva per realizzare una sua grande spe­ranza: che il metano di Bronte costituisse la molla per il grande decollo del nostro paese verso un sviluppo sociale ed economico.

E ancora una volta le sue sollecitazioni avevano un seguito: nel 1955, con una seconda ricerca condotta dall'A.R.P.E. in contrada ”Contarade", vengono raggiunti i 1438 metri di profondità e si calcola una erogazione di 80.000 metri cubi al giorno di gas, ma il pozzo non venne messo in produzione.

Nel 1956, in occasione della campagna elettorale per il rinnovo dell’Amministrazione Comunale, in una conferenza pubblica, il Mario Lupo, fra le altre cose diceva:
«Il petrolio costituisce il problema dei problemi... il proble­ma del petrolio potrà essere determinante e risolutivo dei nostri più scottanti e vitali problemi econo­mici: gli idro­carburi, infatti, costituiscono fonti preziose di energia a basso costo e di materie prime per l'indu­stria. Anche a Bronte potrebbero nascere industrie ove trovare lavoro braccianti, operai, studenti, professionisti, impiegati: ciò costituirebbe veramente la rinascita del nostro paese. In tale direzione le future Amministrazioni Comunali dovranno agire...».

Ed in questa direzione si mosse come Vice Sindaco; sia con interventi personali, sia con azioni ufficiali rivolte agli organi competenti regionali ed aventi tutti il medesimo scopo: lo sfruttamento del metano rinvenuto dall'ARPE e l'intensificazione delle ricerche nella nostra zona, convinto che il metano avrebbe sicuramente portato ricchezza al nostro paese.

Nel marzo del 1961, inizia una terza ricerca condotta dall'AGIP in contrada «Erbe Bian­che».

In quell’occasione, Mario Lupo, vice sindaco per la seconda volta, così scriveva ad Enrico Mattei, presidente dell'ENI: «Una grande speranza, oggi, si riaccende nell'animo dei cittadini di Bronte; speranza per lunghi anni nutrita e che ha un nome: idrocarburi; speranza per il ritrovamento, l'estrazione e l'utilizzazione… speranza che certamente si tramuterà in luminosa realtà... La nostra popolazione è convinta che la società AGIP oggi ritorna dopo quasi quindici anni, potenziata e rinnovata, col preciso intento di portare alla luce il prezioso minerale e, con esso, imprimere un più moderno impulso allo sviluppo economico e sociale di queste contrade».

Questa volta la grande avventura del metano di Bronte diventa realtà: nell'ottobre del 1967 il gas estratto a Bronte, attraverso un metanodotto arriva a Catania, dove comincerà ad essere utilizzato in attività industriali.

Mario Lupo capisce che è giunto il momento di intensificare la lotta. Si rende conto che è necessario passare dall'azione divulgativa e dalle richieste generiche all'azione pro­pulsiva, alla lotta perchè questa enorme ricchezza del nostro sottosuolo si trasformasse in strumento di benessere economico e di progresso civile per la popolazione.

Capisce, altresì, che per raggiungere questo obiettivo non sono sufficienti i canali ordinari della politica, ma bisogna costruire un grande movimento democratico di base. Si fa promotore di dibattiti atti a sensibilizzare i suoi concittadini. Costituisce nel 1968 un “comitato cittadino" ed organizza, come Presidente del Comi­tato, un “Convegno regionale tecnico-politico per lo sviluppo economico e sociale di Bronte" al quale partecipano alte personalità della politica, del mondo del lavoro, della tecnica e della cultura. ”I brontesi non vogliono più emigrare”, “Bronte unanime e compatta chiede il suo inserimento nel circuito della industrializzazione della Sicilia”, "Mille posti di lavoro per Bronte”, erano queste le parole d'ordine gridate a viva forza e erano questi i temi del Convegno.

È con profonda amarezza che rileggiamo quanto egli scrisse nel 1976 a pag. 42 del secondo volume di “Idrocarburi in libertà”: «Purtroppo le speranze di rinascita dei nostri concittadini scaturite dal Convegno anda­vano disattese: evidentemente quel Conve­gno non era riuscito gradito alla parte più retriva del potere politico che tutto insabbiò in maniera la più speciosa e qualunquista. Quel Convegno, forse fece paura al piccolo potere paesano e a quello regionale; venne forse considerato una sfida al conserva­torismo e all'incultura di sempre. E fu una sfida fallita».

Fallita la possibilità di inserire Bronte in un programma di industrializzazione della Sicilia, si fa promotore di un provvedimento legislativo che assegni a Bronte un congruo finan­ziamento straordinario in contropartita del metano giacente nel nostro sottosuolo.

Il 28 novembre 1969, viene presentato alla Regione un disegno di legge a firma degli on. Camillo Bosco del PSIUP e Antonino Carbone del PCI che prevede l'assegnazione di 500 milioni per opere infrastrutturali.

Nello stesso tempo, il Consiglio Comunale avanza alla «SNAM» la richiesta di conces­sione di 6000 metri cubi al giorno di metano per uso domestico ed artigianale.

La concessione della «SNAM» venne ottenuta, ma qualche tempo dopo venne ritirata per mancato utilizzo. Il disegno di legge sul finanziamento straordinario decadde con la chiusura anticipata della sesta legislatura.

Fu ripresentato, sempre dietro pressione ed interessamento di Mario Lupo, nel 1972 a firma degli onorevoli Salvatore Corallo e Giuseppe La Micela del PCI. Ma solo in data 5 febbraio 1976 viene discusso e approvato dall'Assemblea Regionale Siciliana; dopo cioè sette anni dalla sua prima presentazione.

Nonostante i suoi studi, gli stimoli e l'azione persistente nel ricercare la via del petrolio Mario Lupo rimase però inascoltato: interlocutori beceri, non solo in ambito locale, non fecero nulla perchè quanto egli sosteneva con grande impegno e spirito di abnegazione si realizzas­se.

In un discorso pronunciato in Consiglio comunale il 30 gennaio 1971 così parlava Mario Lupo: «...a questo punto io credo che anche noi Brontesi dovremmo recitare il nostro «mea culpa», in qTrivella ai piedi di Bronteuanto col nostro comportamento di indifferenza, di abulia, di apatia ci siamo lasciati sfuggire di mano una ricchezza che già potevamo utilizzare a vantaggio di tutta la collettività brontese; e ciò è tanto più grave in quanto una tale ricchezza non è riproducibile e quando sarà finita, sarà finita per sempre senza averne ricavato i benefici».

L'ordine del giorno di quella seduta era: «Dibattito sul metano di Bronte e nomina di una Commissione consi­liare da inviare alla Regione Siciliana per la impostazione e la soluzione dei problemi di cui trattasi», era stato proposto dal gruppo «Rinascita», la lista che nelle elezioni amministrative si era presentata col simbolo della trivella ed aveva avuto come capo lista il dott. Mario Lupo.

Oggi la ricerca, lo sfruttamento di campi petroliferi a Bronte ed in altre zone dell'Isola e la metanizzazione sono diventate realtà siciliane. Nel territorio, ancora oggi, si continua a trivellare. Sono stati scoperti importanti giaci­menti di metano ricco di prodotti liquidi (gasolina) lavorati in un grande impianto di degasolinaggio costruito dall'Eni a qualche chilometro da Bronte.

Da oltre 40 anni anche il gas estratto nel sottosuolo del nostro territorio, contribuisce al fabbisogno nazionale: inizialmente con un milione di metri cubi giornalieri e ancora oggi con i suoi 500.000 metri cubi di produzione al giorno.
Qualche merito va dato anche a Mario Lupo, illustre figlio di Bronte, anche se la città non è riuscita a trovare la strada dello "sviluppo petrolifero".

In una manifestazione tenutasi in suo ricordo nella Pinacoteca Nunzio Sciavar­rello nel febbraio 2015 il sindaco Firrarello ha promesso che la zona artigianale di Bronte verrà intitolata al prof. Mario Lupo che, fra i tanti suoi meriti, ha anche quello di aver chiesto ed ottenuto il primo finanziamento per la realizzazione della Zona artigianale.

(Alcune notizie sono state tratte dall'intervento fatto in Consiglio Comunale  dal prof. Gaetano Longhitano nella seduta commemorativa del 24 marzo 1986)

 

1928
Regia Univer­sità di Bologna, laureandi in Chimica pura nell'anno acca­de­mico 1927/28 .
Mario Lupo è il primo in alto a destra.

Uno dei suoi pro­fes­sori, l'illustre Carlo Padovani, così scri­veva nel 1982:

«Fa un certo effetto ritrovarsi un ex allievo che ha passato i 70 anni. Dopo una comunanza di interessi (di spirito e di intelletto) da quasi mezzo secolo, lo si ritrova sempre con la stessa (pur provatissima) fede della gioventù nell'avvenire petrolifero della sua Sicilia, della sua Bronte.»

 
 

«Il petrolio significava una pacifica rivoluzione; la rivolu­zione industriale ed economica che avreb­be mutato il vol­to della mia terra; signifi­cava un av­ve­nire migliore.
Significava la rinasci­ta: vale­va la pena di dedi­carvi le mie modeste fati­che di tecnico alla pri­ma esperienza profes­sionale, il primo amore. E fu, per la verità, una azione persi­stente nel ricer­ca­re da solitario la via del petrolio: un'azio­ne com­posita che giudi­cai civile e sociale, fra tec­nica, giornalismo e politica». (Mario Lupo)

Mario Lupo e Fortunato Attinà

Il professore Mario Lupo (a sinistra) nel 1960. A destra l'avv. Fortunato Attinà, Vice-Sindaco di Bronte nello stesso pe­rio­do; al centro il figlio di quest'ul­timo, Francesco Attinà.

1962: Mario Lupo attorniato dai professori e dagli alun­ni del Real Collegio Capizzi. Alla sua destra il prof. Nino Russo (Acquavitari). Sulla destra della foto l'avv. prof. Nunzio Me­li («u zzù Nonziu», lo zio Nunzio, così chia­mato amichevol­mente dagli alunni) allora preside del Liceo e sindaco di Bronte.


 

«Siamo ricchi di terra, di acqua, di materie prime, di ener­gia di braccia e di intelletti; ma viviamo da strac­cioni».

Idrocarburi, fonti energetiche, acqua, agri­coltura, indu­strializzazione, turismo, ecologia, cultura e sviluppo, auto­nomia regionale, furo­no i principali temi degli inter­venti di Mario Lupo pub­blicati dalla stampa.

Nei suoi scritti come nella sua azione furono sempre pre­senti gli aspetti della sua personalità, impegno po­li­tico e sociale, laicismo, atteggiamento corretto che non sfiorò mai la polemica e, soprattutto, un grande dirittura morale ed una grande umanità.

Così lo ricordava il prof. Gaetano Longhitano nella com­me­morazione fatta in Consiglio comu­nale il 24 marzo 1986 pochi giorni dopo la sua morte:

«Abbiamo riletto con attenzione i suoi libri come pure i più di cento articoli che ha pubblicato in varie riviste e quo­tidiani, sia a carattere locale che nazionale, e, dal 1929 a pochi giorni prima di morire, e non abbiamo tro­va­to mai ombra di polemica ma critica costruttiva finaliz­za­ta sempre a sollevare problemi e ad indicare solu­zio­ni, guar­dando sempre allo sviluppo del nostro paese.

Certo, spesso traspare tra gli scritti un senso di ama­rez­za che non diventa mai sconforto e pessimismo, per­chè ebbe sempre la forza di guardare avanti: “e poi sarà gior­no”, aveva scritto in un suo articolo del 1966.

Amarezza per il clima di incomprensione che lo circon­dava, specie tra gli uomini del potere, e molto spesso tra quegli uomini di cultura a cui egli si rivolgeva in mo­do par­ticolare, perchè era cosciente del ruolo importan­te che ha l'intellettuale nei processi di trasformazione della so­cietà.

Falliti tutti i tentativi per incanalare Bronte sulla via dello sviluppo, sente la necessità di fermarsi un attimo a riflet­tere sul perchè un paese ricco di risorse, continua a vi­ve­re nella miseria».

«Siamo ricchi - mi dice, poco tempo prima di morire, un giorno che sono andato a trovarlo a casa - siamo ricchi di terra, di acqua, di materie prime, di energia di braccia e di intelletti; ma viviamo da straccioni».

"Ipotesi petrolifera" di Mario Lupo del 1949 su un territo­rio di 5.000 Kmq. La superficie ellittica rappresenta il com­prensorio metanifero di Bronte-Gagliano Castelferrato este­so per 1.000 kmq., messo in luce dalle grandi ricerche negli anni 1955-56.

Il triangolo degli idrocarburi siciliani descritto da Mario Lupo nel 1960 (da "Sicilia petrolifera - Petroliferità” del metano e del territo­rio di Bronte, Bronte 1982

Fra gli altri scritti pubblicati da Mario Lupo ricordiamo:
 - Idrocarburi in libertà, Catania 1962
 - Atti del Convegno Regionale Tecnico-Politico per lo svi­lup­po Economico e sociale di Bronte e del suo com-pren­sorio, Bronte 1968
 - Idrocarburi in libertà, vol. II, Catania 1976
 - Bronte: Motivi di riflessione per una ipotesi di conver­sio­ne da meno a più. Territorio e risorse, Catania 1979.
 

1956
Il prof. Mario Lupo accanto ad un pozzo attivo di estrazione di metano nei pressi di Bronte.

«Quando si semina l'importante è che qualcuno raccolga. Se non saremo noi a festeggiare la realtà sognata, saranno i nostri figli o nipoti» (Mario Lupo).


 

Per raggiungere e veder realizzati i suoi sogni il prof. Ma­rio Lupo profuse le sue energie in mille modi: libri, articoli sulle co­lon­ne di quotidiani e riviste, lettere, petizioni, pro­poste, organizzazione di associazioni e di convegni, in­ter­venti nei pubblici dibattiti, sollecitazioni a uomini poli­tici della più varia estrazione.
Eppure, a dispetto di un impegno totale, le sue maggiori speranze furono disattese.

La Sicilia,  8 Marzo 1986

«E' morto senza veder realizzato il suo sogno del be­nes­se­re per la Sicilia - Aspetta solo di essere rac­col­to il testimo­ne lanciato dal prof. Lupo», così, po­chi giorni dopo la sua morte, titolava La Sicilia di sa­ba­to 8 Mar­zo 1986 in un ar­ticolo a firma del­l'al­lo­ra sindaco di Bronte Pino Firrarello.
"Esistono ancora - scrisse tra l'altro Firrarello - colo­ro che mettono in gioco tutta la loro esistenza al ser­vizio di una idea. Mario Lupo ne è un esempio lumino­so».



Leggi anche Il Prof. Mario Lupo (di N. Russo)




Giuseppe Grassi

Giuseppe Grassi, è nato a Bronte nel 1913 ed è morto a Roma nel 1980.

Ha iniziato gli studi nel Real Collegio Capizzi e, completati gli studi, è diventato ben presto un maestro, un chirurgo di fama internazionale ed uno scienziato.

Magistrale cultore dell’arte chirurgica nel 1977 fu eletto presidente della Scuola Medica Ospedaliera di Roma dove lavorò anche all’Ospedale San Giovanni. Fu fondatore del "Collegium Internationale Chirurgiae Digestivae" e della rivista scientifica avente titolo "Chirurgia Gastroenterologica".

«Il suo atteggiamento nei riguardi della Gastroenterologia in genere - scrisse un suo allievo, il prof. Marino Luminari - era sostanzialmente frutto di un grande interesse per la patologia digestiva, un campo che lo tene­va impegnato in una assidua ricerca di appro­fon­dimento e di perfezionamento di alcune tecniche opera­torie, in particolare di quelle per la terapia dell’ulcera peptica, da lui preconizzata in termini di tratta­mento conservativo, quello stesso che troverà in seguito la sua definitiva convalida con i farmaci antise­cretori ed antimicrobici.»

Un altro suo collega - il prof. Prof. Antonio Dauri che lo sostituì dopo la morte nella presidenza della Scuola medica ospedaliera - rievocando la figura del suo predecessore lo definì «uomo buono, generoso, onesto ma soprattutto giovane “incontaminato”, incantato ottimista che affrontava la problematica della didattica con la violenza, l’intemperanza, la gioia della passione mai spenta che per lui era diventata una missione».

Giuseppe Grassi è morto a Roma a 67 anni nel 1980. Nel Luglio del 1982 il Comune di Bronte gli ha confe­rito, alla memoria, il Premio XXIV Casali per la chirurgia.

Una via di Bronte è stata lui intitolata.

Giuseppe Grassi nel ricordo di un suo allievo
 


Un'iscrizione commemorativa dedi­cata al chirurgo Giuseppe Grassi. La lapide è posta in un corridoio del Real Collegio Capizzi.

Uomini illustri di BronteHOME PAGE

Powered by Associazione Bronte Insieme - Onlus

     

Riproduzione riservata anche parziale - Ultimo aggior. maggio 2017