Home Page

Notizie, eventi socio-culturali e non

Festa dell'Annunziata 2006

Ti trovi in: Home-> News da Bronte


Festa della Madonna Annunziata (2006)

Il Programma e la cronaca dei festeggiamenti

(3 - 31 Agosto 2006)

Ieri in piazza Spedalieri «a burata e l’angilu», la preghiera dell’arcangelo Gabriele alla Madonna

La statua in piazza SpedalieriL’angelo in volo è un bambino

Tutti a pregare insieme con l’Arcangelo Gabriele che, nell’annunciare il miracolo della nascita di Cristo, rivolge alla Madonna la sua invocazione affinché Bronte e la sua gente vengano salvati da ogni male.

È stato questo il momento più toccante della grande festa della Madonna Annunziata, patrona di Bronte a conclusione dei 10 giorni di festeggiamenti.

Nel pieno rispetto della tradizione, infatti, ieri il piccolo Vincenzo Loria di 9 anni, indossati i panni dell’Arcangelo Gabriele, dopo aver assicurato attorno a sé la robusta imbracatura, ha lasciato la terrazza al secondo piano di un’abitazione in piazza Spedalieri, per raggiungere lentamente come se fosse in volo, scorrendo lungo un cavo di acciaio le cui estremità sono ancorate a due palazzi, la statua della Madonna posta al centro della piazza in quel momento gremita di fedeli.

La rappresentazione, che i brontesi chiamano in dialetto "a buràta e l’Angilu", è stata ripetuta due volte, a mez­zo­giorno e alle 21, fra gli applausi dei fedeli e dei turisti, increduli nel sentire proprio dalla voce del bambino, per nulla spaventato, l’implorazione della Madonna.

La scelta del ragazzino, protagonista della rappresentazione è più semplice di quello che si possa pensare.
Fra i tanti giovanotti che frequentano le attività parrocchiali i sacerdoti scelgono il volontario più coraggioso, colui che senza timore e con fiducia si presta a ripetere una tradizione le cui radici si spingono fino al 6 settembre del 1821, proprio un anno dopo la rivolta che vide la popolazione brontese scontrarsi violentemente con le forze governative inviate da Catania ed Adrano per sedare tumulti scoppiati a Bronte.

La leggenda, infatti, narra che in quel tempo la Madonna, indossando una veste bianca e con una bandiera in mano, abbia incoraggiato i brontesi, spaventando e costringendo alla fuga i soldati.

Da allora con grande fervore e partecipazione, la statua di marmo della Vergine Annunziata e dell’Angelo Gabriele viene portata in processione per le vie del paese su un carro trainato da buoi per rappresentare l’altro momento storico della festa, ovvero l’arrivo della statua a Bronte nel 1543.

Per i brontesi entrambi i momenti non sono folclore, ma sentimento religioso come spiegano il rettore del Santuario dell’Annunziata, padre Nino Longhitano ed il sindaco Pino Firrarello: «La statua della Madonna Annunziata - ha affermato padre Longhitano - ha attraversato in lungo e in largo tutto il nostro paese, incontrando le mamme con i loro bimbi, i degenti dell’ospedale, gli anziani della casa di riposo e gli ammalati nelle loro case: tutti a chiedere una benedizione».

«Come sempre - ha aggiunto il sindaco Firrarello - anche quest’anno il nostro paese ha scritto una bella pagina della sua storia, che si va ad aggiungere al ricco volume di memorie secolari. I ringraziamenti vanno a tutto il clero di Bronte ed al comitato dei festeggiamenti che con instancabile operosità hanno realizzato un programma che ci ha fatto vivere giorni di vera festa e di intensa religiosità».

Poi ieri sera gli spettacolari fuochi di artificio a chiusura di una festa che vivrà l’ultimissimo momento giovedì 31 agosto, quando alle 19, dopo la celebrazione eucaristica, accompa­gnata dai canti e dallo sventolio dei fazzoletti bianchi, la statua della Madonna verrà ricollocata sull’altare maggiore del Santuario.

[tratto da La Sicilia del 14 Agosto 2006]


3 Agosto 2006

INIZIA LA FESTA DELLA MADONNA ANNUNZIATA

Saluto del Sindaco alla Madonna Maria SS. Annunziata

Oh Maria SS. Annunziata,

Madre nostra, il Popolo di Bronte, oggi, si è raccolto in preghie­ra ai Tuoi piedi, per invocare il Tuo perdono e la Tua generosa protezione.
Nutriamo per Te, Madre, una devota venerazione e sotto il Tuo manto glorioso, il Tuo popolo, ha trovato e cerca ancora rifugio dai mali del mondo e dalle calamità. Verso noi tutti, Vergine Santissima, rivolgi il Tuo sguardo benigno, illumina le nostre menti, fai si che, la nostra giornata possa concludersi, conse­gnandoTi qualche opera buona che ci consenta di dormire sere­namente.
Provvedi Tu,
affinché, ognuno di noi dimenticando i propri affanni, si rivolga al Signore con animo generoso e sappia offrirGli le fatiche e i frutti dell’intera giornata.
Rafforza in noi la Tua santissima presenza,
affinché il nostro lavoro sia rivolto verso chi ha maggiormente bisogno, verso quei fratelli che nella vita sono stati meno fortu­nati di noi. Fai si che agli ammalati giunga il conforto delle no­stre preghiere e dell’umana solidarietà, crescano in noi questi sentimenti per farci sempre più sentire fratelli di questi nostri fratelli e tuoi degni figli.
Vergine Santa,
concedici di potere operare per il bene della nostra Bronte, af­finchè possiamo promuovere continuamente la crescita umana e sociale di tutti i suoi abitanti, di tutti coloro che amano questo Paese, di tutti coloro che sparsi sulla terra continuano a sentirsi legati a Te e a questo Paese.
Maria SS. Annunziata,
aiutaci nella nostra opera quotidiana, per sostenere coloro che sono disoccupati e per aiutarli a trovare il loro lavoro, per aiu­tare i nostri giovani, che cercano la loro dimensione futura e dare alla loro esistenza il suo giusto senso e non dimenticare, o Madre, di accrescere sia in loro che in noi la devozione per Te.

Santissima Madre,
ti raccomandiamo tutti coloro i quali nella loro vita hanno com­messo degli errori, e consapevoli di tutto ciò cercano la reden­zione e invocano il perdono, prega Dio per loro e per tutti noi.

Chiedi incessantemente a Dio,
o Madre, che tutti noi possiamo essere degni figli della nostra amata Bronte per consolidare ed accrescere la tradizione di Popolo legato a Te, che ti venera con amore filiale.

Tu certamente non hai bisogno delle nostre invocazioni occa­sionali ma desideri la nostra quotidiana preghiera, Tu sei la no­stra Santa Patrona e tutti noi con affetto devoto Ti chiediamo di tenere sempre il Tuo sguardo di Madre rivolto su Bronte e su tutti noi Tuoi figli.

Bronte lì, 5 Agosto 2006 - Pino Firrarello

La discesa della statua

Sono iniziati oggi giovedì 3 agosto i solenni festeggiamenti della Madonna Annunziata, patrona della Città di Bronte.
A tre anni di distanza dall’ultima festa, celebrata nel 2003 in occasione dei 460 anni dell’arrivo della statua a Bronte, il rettore del Santuario, sac. Antonino Longhitano, il vicario foraneo sac. Biagio Calanna ed il sindaco Pino Firrarello, hanno allestito un fitto programma di manifestazioni che hanno avuto inizio giovedì alle ore 19 con la tradizionale discesa della statua della Madonna lungo il ponte scorrevole, ed il giro nella piazza antistante il Santuario prima della celebrazione della Santa Messa.

Venerdì poi la statua è stata trasferita nella contrada Borgonovo per preparare il trionfale ingresso nella città di sabato sera intorno le 20, quando il sindaco ha consegnato alla Madonna, ferma sotto l'arco trionfale, la chiave d’oro della città.

“La devozione dei brontesi verso Maria Ss Annunziata – ci dice padre Nino Longhitano - affonda le proprie radici nella storia..
Si racconta, infatti, che Bronte si sia finalmente riunita dopo l’arrivo della statua della Madonna che più volte ha salvato la città dalla lava”.
“Una festa bellissima e particolarmente sentita dalla religiosissima Bronte. – aggiunge il sindaco – Per questo non sarebbe sbagliato celebrarla ogni anno, come accade negli altri paesi”. Oggi inoltre è l’ultimo giorno della manifestazione “Lo sport scende in piazza”, promossa dalle scuole di Bronte in collaborazione con il Centro sportivo italiano e l’assessorato al Pubblica istruzione che vede tantissimi ragazzini gareggiare proprio nel piazzale del Santuario dell’Annunziata.


19 Luglio 2006

Da giovedì 3 agosto fino a domenica 13

La Festa della Madonna Annunziata

Ad appena tre anni di distanza dagli ultimi solenni festeggiamenti si ripropone a Bronte, da giovedì 3 agosto e fino al 31, la tradizionale festa della Madonna Annunziata, patrona della Città.

Il programma dei festeggiamenti diramato in questi giorni è firmato dal sindaco (sen. Giuseppe Firrarello), dal vicario foraneo (sac. Biagio Calanna) e dal rettore del Santuario (sac. Antonino Longhitano).

Gli ultimi solenni festeggiamentii sono stati fatti tre anni fa in occasione del 460° anniversario dell'arrivo a Bronte della statua (1543-2003); iniziarono domenica 27 luglio (con la discesa della statua della Madonna dall’altare) e durarono anche allora fino al 31 agosto (con la risalita della statua della Madonna).
Anche quest’anno saranno i tradizionali buoi a tirare il carro con le due statue, sarà eretto lungo il corso Umberto il rituale arco trionfale e sempre per due volte sarà possibile assistere alla “volata dell’Angelo” in piazza Spedalieri.

La statua dell’Annunziata sarà portata in processione praticamente per tutto il paese; vietati gli spari lungo le vie al passaggio della Madonna (saranno eseguiti solo in piazza Gagini ed allo Scialandro) e previste anche manifestazioni sportive organizzate dal C.S.I..


Solenni festeggiamenti in onore della Madonna Annunziata, patrona della Città di Bronte

(Dal 3 al 13 agosto 2006)

Programma

Giovedì 3 agosto
Discesa della statua
Ore 19: Tradizionale discesa della statua della Madonna lungo il ponte scorrevole, giro in piazza e celebrazione della S. Messa presieduta dal Vicario foraneo sac. Biagio Calanna
Venerdì 4 agosto
Trasferimento della statua
Ore 22: Trasferimento, in forma privata, della statua della Madonna a Borgonuovo. Durante la notte visita dei fedeli.
Sabato 5 agosto
Ingresso trionfale della Madonna
Ore 7: Borgonuovo, S. Messa presieduta dal sac. Antonino Longhitano, con la partecipazione dei Vigili urbani, Carabinieri, Guardia di finanza, Corpo forestale, Protezione civile, Misericordia.
Ore 10: Borgonuovo, S. Messa celebrata dal sac. Francesco Rubino, parroco della parrocchia Madonna del Riparo.
Ore 18: Celebrazione Eucaristica presieduta dal sac. Santo Guardini, amministratore parrocchiale della Parrocchia S. Vito in Borgonuovo.
Ore 20: Ingresso della Madonna a Bronte sul bronzeo carro trainato dai buoi..
La processione percorrerà le seguenti vie: Messina, A. Grandi, Messina, Umberto (sosta all’ospedale), Umberto (sosta sotto l’Arco Trionfale al suono delle trombe d’argento e al canto dell’Ave Maria), incontro ufficiale della Madonna con la cittadinanza, consegna da parte del sindaco, sen. Giuseppe Firrarello, della chiave d’oro della città e saluto.
La processione proseguirà per le vie: Umberto, Catania (sosta allo Scialando per i fuochi pirotecnici), Marconi, piazza Matrice, A. Gabriele, Santuario.
Domenica 6 agosto
Processione nella parte sud del paese
Ore 7,30: S. Messa celebrata dall’arciprete Sac. Vincenzo Saitta
Ore 11,00: S. Messa celebrata dal sac. Nunzio Caruso, parroco della Chiesa Madre di S. Pietro Clarenza.
Ore 17,30: S. Messa celebrata da mons. Antonino Minissale, docente di Sacra Scrittura nello Studio Teologico S. Paolo di Catania.
Processione per le seguenti vie: Santa Caterina, Annunziata, B. Radice, Card. De Luca, Piazza Cadorna, via Madonna della Catena, piazza U. La Malfa, L. Catiglione, Palermo, via Amendola, via W. Tobagi, via Europa, viale Reg. Margherita, Parrocchia S. Agata (sosta), Palermo, Cadorna, Martiri di Via Fani, Sterope, Polifemo, S. Blandano, S. Pietro, piazza Matrice, S. Giuseppe, A. Gabriele, piazza Gagini, Santuario.
S. Messa celebrata da don Tommaso Salatka, sacerdote polacco, studente a Roma.
Lunedì 7 agosto
Solenne pontificale
Ore 7,30: S. Messa celebrata dal sac. Giuseppe Zingale, rettore del Real Collegio Capizzi.
Ore 19: Solenne Pontificale presieduto da s. e. mons. Salvatore Gristina, arcivescovo metropolita di Catania.
Saranno presenti il clero, le autorità civili e militari e le comunità ecclesiali di Bronte.
8 – 9 – 10 agosto
Triduo predicato dal sac. Salvatore Verzì
Martedì 8, ore 7,30: S. Messa celebrata dal sac. Nunzio Capizzi, docente di teologia dommatica nello Studio teologico S. Paolo di Catania.
Ore 19: Solenne celebrazione eucaristica con speciale benedizione dei bambini e consegna di un ricordo mariano (i bambini devono essere accompagnati dai genitori).
Mercoledì 9, ore 7,30: S. Messa celebrata dal sac. Antonino Minissale, parroco della parrocchia Santa Maria del Rosario.
Ore 19: Speciale celebrazione e rinnovo delle promesse matrimoniali con consegna della pergamena con la benedizione del Papa a coloro che celebrano il 60°, 50° e 25° di matrimonio (gli interessati sono pregati di far pervenire il certificato di matrimonio al Rettore del Santuario per richiedere la benedizione al Vaticano). 
Giovedì 10, ore 7,30: S. Messa celebrata dal sac. Antonino Modica, vicario cooperatore nella parrocchia di Camporotondo Etneo
Ore 19: Celebrazione liturgica dell'emigrato con affido alla nostra Patrona dei brontesi che si trovano lontano dalla loro città per motivi di lavoro. Alla fine della cerimonia religiosa il sindaco rivolgerà loro il saluto a nome della Città. A tutti gli emigrati presenti sarà data una grande immagine della nostra Patrona.
Venerdì 11 agosto
Giornata di preghiera per gli ammalati
Ore 7,30: S. Messa celebrata dal sac. Luigi Camuto, parroco della Parrocchia S. Giuseppe.
Ore 19: Celebrazione Eucaristica presieduta da padre Salvatore Seminara, assistente spirituale dell’Unitalsi. Al termine processione “aux flambeau” e benedizione degli ammalati. La celebrazione sarà animata dalla sottosezione Unitalsi di Bronte.

Sabato 12 agosto
Processione nella parte nord del Paese
Ore 7,30: S. Messa celebrata da padre Salvatore Russo, guardiano Convento Cappuccini.
Ore 10: S. Messa celebrata dal sac. Alfio D’Aquino, parroco della Parrocchia Santa Maria del Carmelo di Catania
Ore 17,30: Celebrazione Eucaristica presieduta dal sac. Giuseppe Rizzo, parroco della Parrocchia Sant’Agata.



 
La discesa delle statueL'arco trionfale
Lungo il corso UmbertoIl carro trainato dai buoi

La Festa dell'Annunziata, partico­larmente sentita dalla popolazione brontese, è anche quella che fa tornare "a casa", oggi come negli anni passati, tantissimi emigranti da ogni parte del mondo.
Vogliamo riproporvi di seguito, in questa pagina, una lettera scritta nel 1948 da un brontese emigrato in America, G. Isola, in occasione della prima festa della Madonna Annunziata fatta a Bronte dopo la lunga parentesi dovuta agli eventi bellici (10 anni).
La lettera è stata pubblicata da Il Ciclope ad Agosto del 1948.

Davanti al Municipio

«Per la patrona in America festa ogni anno, fede sempre

Con immenso piacere ho appreso da «Il Ciclope» dei festeggiamenti speciali, che Bronte prepara per la santa nostra Patrona: la Madonna Annunziata.
E sento il dovere di manifestarvi che anche i Brontesi di New York non hanno mai dimenticato, e non dimenticano, la dolce devozione.
Infatti nella bella e sontuosa Chiesa di S. Giuseppe, in Catherine e Mon rooe Sts. di New York, s'erge maestosa, su apposito altare, la ripro­duzione esatta - ma in marmo bianco - dell'opera insigne del Gagini: l'Annunziata.

Colà ogni anno, nell'agosto, la Società Brontese, Maria SS. Annun­ziata, che a proprie spese eresse il maestoso simulacro, suole chia­mare a raccolta tutti i Brontesi, anche non soci, per assistere alla Messa solenne, con panegirico di occasione, desunto dal volume di Poesie «Voli di Rondine» del compianto Dr. Filippo Isola: «L' Annun­ziata di Bronte - Leggenda». I Brontesi accorrono numerosissimi, ed alla sera, per le vie adiacenti alla chiesa, splende fantastica una illu­minazione superba e le strade brulicano di mostre e di tavoli, carichi di dolciumi e di granite d'ogni specie.

Lo spettacolo devoto ci ricorda - si licet exemplis in parvis rebus uti - la festa della Madonna del Riparo e quella della Madonna delle Gra­zie.
So che quest'anno, sparsasi la notizia dei preparativi per la festa di Bronte, tutti i compaesani che han potuto disporre di mezzi e di cir­co­stanze, sono venuti in Bronte per partecipare alla bella solennità. […]»

(Il Ciclope - Anno III, n. 17, Domenica 26 Agosto 1948, Direttore Giuseppe Bonina e Nino Neri)



 

L'«arcangelo» di quest'anno
è Vincenzo Loria, 9 anni.
 Indossando una robusta imbracatura è «volato» dal secondo piano di un’abitazione ed ha planato sulla folla  fino a toccare la statua della Madonna posta al centro della piazza


Quest’anno i brontesi
che sono all'estero o fuori Bronte potranno rivedere  in internet
la “Volata dell’Angelo”
di domenica 13.
Verrà trasmessa (in differita di un’ora) su un nuovo sito brontese: www.brontelive.it. L’evento resterà sullo stesso sito per tutta la prossima settimana.



Tradizioni: le foto di Bronte Insieme

La "Volata dell'Angelo"
Folla di fedeli lungo il Corso

Ore 19: Processione per le seguenti vie: Santi, G. Cesare, Casa di riposo (sosta), viale Cavalieri di Vittorio Veneto, Merano, Sardegna, Pisa, piazza Toscana, Ant. Grassia, viale della  Regione, Matteotti, S. T. Russo, Garibaldi, piazza Sant’Antonio, Caracciolo, Umberto, piazza Roma, Madonna del Riparo (sosta), A. Aldisio, Etna, Stazione, Ant. Grassia, Lombardia, S. Giuseppe (sosta), Omero, Stesicoro, Santi, P. Calanna, Matrice, A. Gabriele, Pz. Gagini, Santuario.
Domenica 13 agosto
Festa Maria SS. Annunziata
Ore 7,30: S. Messa celebrata dal sac. Biagio Meli, rettore della Chiesa Sant’Antonio di Padova
Ore 10: Solenne Celebrazione Eucaristica presieduta dal sac. Antonino Longhitano, rettore del Santuario. Parteciperanno in forma ufficiale l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco e tutte le Autorità Civili e Militari.
Ore 11: Processione, con la partecipazione delle confraternite, per le seguenti vie: Santa Caterina, Piracmon, Polifemo, B. Radice, A. Spedalieri, piazza Spedalieri (sosta per la volata dell’Angelo), Umberto, Scafiti, Annunziata, Santa Caterina, Santuario.
Ore 18: Celebrazione Eucaristica presieduta dal sac. Renato Minio, licenziato in filosofia alla Pontificia Università Gregoriana di Roma.
Ore 19: Processione con la partecipazione delle autorità, per le seguenti vie: Santi, S. Vito. Santa Croce, Santi, piazza Spedalieri (sosta per la volata dell’Angelo e solenne benedizione del nostro paese implorata dal Vicario Foraneo sac. Biagio Calanna), Umberto (sotto l’Arco Trionfale per il canto dell’Ave Maria accompagnato dalle trombe d’argento), Umberto, viale Catania (sosta per gli spettacolari fuochi pirotecnici sonori), Marconi, A. Gabriele, Santuario.
Giovedì 31 agosto
Salita della statua della Madonna
Ore 19: Celebrazione Eucaristica di chiusura dei festeggiamenti presieduta dal rettore del Santuario sac. Antonino Longhitano.
Al termine accompagnata da canti e sventolio di fazzoletti bianchi la statua della Madonna, lungo il ponte scorrevole, risale per essere ricollocata nella nicchia sull’altare maggiore da dove continuerà a proteggere e benedire il nostro paese.

Sotto il patrocinio del Comitato dei festeggiamenti, organizzate dal C.S.I., si svolgeranno, nei giorni della festa, delle attività sportive con rilascio di targhe e coppe alle squadre partecipanti.

Nota bene
- animeranno le celebrazioni liturgiche le Comunità Neocatecumenali e le varie Comunità ecclesiali parrocchiali
- illuminazione, arco trionfale, i fuochi pirotecnici dei giorni 5 e 13 e gli spettacoli saranno curati dall’Amministrazione Comunale.
- le liturgie saranno animate dalle varie Comunità ecclesiali di Bronte.
- il servizio bandistico sarà curato dal Corpo bandistico S. Biagio di Bronte.
- gli spari saranno eseguiti solo in piazza Gagini e Scialandro; sono vietati spari lungo le vie delle processioni e al passaggio della Madonna.
- i fedeli che vogliono dare la loro offerta possono darla al passaggio della Madonna, direttamente al Santuario o agli incaricati muniti di tesserini di riconoscimento, che lasceranno apposita ricevuta.


I FESTEGGIAMENTI DEL 2012, 2009, 2003

     

Home Page

Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus