Home

Archeologia lessicale

Tutto sulla Città di Bronte

Tradizioni brontesi

Ti trovi in:  Home-> Tradizioni-> Vocabolario brontese-> [D -G]

Antico vocabolario popolare brontese

Archeologia Lessicale

da un'idea di Nicola Lupo

[A] [B] [C] [D] [E] [F] [G] [H] [I] [J] [L] [M] [N] [O] [P] [Q] [R] [S] [T] [U] [V] [Z]

D



Damuszu (o ddammùsu) = Soffitto (A.F.) | Soffitta, dall'arabo damús (LC).

Ddèra = legno di radice selvatica, o di albero resinoso, utilizzato per accendere legna o carbone. (M. R.)

Diavulùni = diavolone. “Santu diavulùni!” = Santo diavolone! Bestemmia scritta in italiano da Benedetto Radice nel racconto “Il mio caporale” (Vedi Il Radice sconosciuto, pag. 13). A proposito della bestemmia io, diverse volte, ho esposto la mia tesi, secondo la quale, essa rappresenta, in negativo sia in senso morale che comportamentale, un aspetto della nostra religiosità. Infatti la quasi scomparsa della bestemmia, se indica un progresso di bon ton e di rispetto, è anche la spia di un certo agnosticismo cioè l’indifferenza per Dio e la religione. Questa mia tesi ha trovato, per caso, conferma nella trasmissione televisiva “Domenica in…” del 6 novembre 2005, nella terza parte diretta da Pippo Baudo, quando il cantautore, nonché professore, Roberto Vecchioni, ha detto che un autore, credo francese, di cui non ho memorizzato il nome, ha esposto a proposito della bestemmia, una teoria simile alla mia; cosa che lì per lì ho fatto notare a mia moglie. Mi piacerebbe, però, risalire al nome dell’autore e poter leggere la tesi esposta nei suoi termini esatti. (nl)

Diminàgghia = indovinello. (M. R.)

Dimuràri = Indugiare in un luogo, ritardare (mettere “dimora”). (M. R.)

Diszìu = dèsio (poetico); desiderio, voglia. (M. R.)

Diri = dire | Mandari a ddiri (far sapere), Aviri a cchi diri (avere noie, fastidi), Vèni a diri (cioè).

Dispigghjàrisi = avere un dispiacere, crucciarsi, angosciarsi | Non ti dispig-ghjari cchiù, ‘a màchina a ttruvanu!

Dissapitu = insipido.

Distubbu = disturbo | Quant’è u so distubbu? (quanto le devo per la sua prestazione?).

Diu = Dio.

Doccu (?) = tessuto ruvido di cotone per pantaloni da fatica: il progenitore dei jeans!

Ddommi = dorme.
Ddòmmiri
o dummìri = dormire.

Donna (dal latino domina = padrona). Si dava alle signore della classe superiore nel senso proprio di “padrona”.
Ddoppu = dopo.

Du’ = due.
Dduannòra
= due anni fa (due anni da ora); l'espressione è molto usata per fare paragoni nella raccolta del pistacchio perchè avviene ogni due anni (“Duannòra ‘u garìgghju era cchiù rossu”).

Ddubbàri (corrotto da “addobbare”) = saziare. (“I dubbàsti i gallini?” "Nnò!, ora cci rugnu 'a canìgghia!”).

Dumandèru (o ddimanderu)= mendicante, accattone (in senso dispregiativo).

Ddummiscìrisi (dal latino dormiscere) = addormentarsi, pigliar sonno | Oggi cci aiu 'u brazzu ddummisciutu.

Ddummisciutu = addormentato, intorpidito, fiacco, lento, ottuso, tardo, tonto | Oggi mi pari canticchia ddummisciutu… Nnàcati e travàggja!

Ddummùta = dormita.

Dumundèlla = unità di misura di superficie e/o di capacità (in quest'ultimo caso un cilindro di legno della capa­cità di circa otto litri e mezzo). Sottomultipli dono «'a garozza», multiplo «'u tùmmunu» e «'a samma» (vedi)

Ddundiàri (dal din don delle campane?) = bighellonare, girovagare, andare senza meta o senza far niente | Un sinonimo di ddundiàri è canduriàrisi (“Non ddundiàri casza casza, va ccònza ‘i letti!”).

Ddunàrisi (dal catalano adonarse) = accorgersi, vedere | Mindi ddunàiu subitu chi ... | Va ddùnati ndo zzu Nonziu commu sta!

Dunnìszi = abitante di Adernò, oggi Adrano. “Ingiuria” del sig. Pantò, adornese, che aveva sposato una bron­tese e aveva aperto una bottega per le riparazioni di biciclette; essendo stato da giovane un ciclista lo chia­ma­vano anche “u ciclista”. «Morte al Dornese!» è il titolo di un curioso episodio accaduto nel 1848, raccon­tato da Antonino Cimbali in Ricordi e lettere ai figli (Roma, Fratelli Bocca Editori 1903).

D’uri = due ore dopo il tramonto, quando la campana della chiesa di san Vito invitava i frati del convento alla recita della com­pieta (l’ultima preghiera liturgica del giorno). Negli anni trenta, quando io ero bambino, possedere un orologio era considerato un lusso; il tempo era scandito ogni quarto d’ora dai due orologi da campanile, del Collegio Capizzi e della chiesa di San Giovanni. I momenti chiave erano poi annunziati anche da campane di altre chiese: u patrinnostru alle prime luci dell’alba, l’avimmaria al tramonto del sole e d’uri, due ore dopo il tramonto. Non esisteva ancora Carosello ed era questa, per i bambini, l’ora della nanna. Proprio ai rintocchi della campana, mia nonna mi puntava il dito e con voce che non ammetteva repliche intimava: Piscia e va cùccati ‘chi d’uri sunanu! (L. M.)


E


E (cong.) = e | Mèttiti a magghja 'n canni e a cammisza (indossa la canottiera e la camicia).

E (prep. art.) = ai, agli, alle | Si cuccà e reci e si suszì e cincu (si è copricato alle dieci e si è alzato alle cinque) | cciù rissi e so frati e a sso soru (lo ha detto ai suoi fratelli ed alla sorella).



 

 

Vocabolario brontese

Vers. 1.7 in
106 pagg., 3586 Kb



 

'a Ddiminàgghja

Supra na finistrazza
c’è na vicchiazza
mmustra i renti
e cchiamma i ggenti.

('A campana)





 


'U dumun­dèlla è miszu supra 'u furrìzzu
 

'A garozza
'U dumundella
'U tùmmunu
'A samma

Ebba = erba | "Ndò me locu non cc'è mancu un firu r'ebba" (nel mio pistacchieto non c'è nemmeno un filo d'erba).

Ebbanìsta = mobiliere, falegname specializzato nella lavorazione dell’ebano e costruzione di mobili. (aL)

Ebba priricatùra = silene vulgaris. Una specie vegetale spontanea del territorio brontese utilizzata per fini alimentari. E' una pianta erbacea con fiori a colori vivaci e calice rigonfio i cui getti (spicunelli) sono buoni da mangiare sbollentandoli in acqua, poi mescolandoli alle uova sbattute con l'aggiunta di formaggio pecorino e peperoncino e quindi friggendole in forma di polpette. (aL)

Èbbica = Epoca, tempi. (M. R.)

Eccommu = eccome, altro che. "Eccommu s'è ticchiu! Mangia suru ficarindia"

Efòra = antichissimo lemma greco: fuori. Usato per dire “in campagna, fuori paese”. (M. R.)

Érunu = erano.

Éssiri = essere (verbo) | A cchi simmu? (a che punto siamo? Dove siamo arrivati? | Ora si ca ci simmu (ora sì che siamo d’accordo o ci siamo riusciti) | Ci amm’a èssiri! (putroppo, anche a se malincuore, dovremo farlo) | Commu fu fu! (comunqua sia andata) | Cu fu fu! (chiunque sia stato).

Est: 3 sing. pres. ind. del verbo èssiri: I sugnu, tu si, illu est, natri simmu, vatri siti, illi sunu.


F

 

 

I sugnu, tu si, illu est, natri simmu, vatri siti, illi sunu

 

Facceru = dissimulatore, insincero ed un pochino ipocrita.  

Facci = faccia | A facci i cu non vori | Facciuszu | Facc'i fròspuru (così è denominato un noto politico brontese) | P'a so bella facci (senza che lo meriti) | Facc’i guastella (un bel viso tondeggiante) | Ccà 'n facci (o llà 'n facci) = dirimpetto (a seconda della distanza) | Facci 'i curu (dall'espressione furbastra e strafottente) | Di facc’e-ffacci (a quattr’occhi, a tu per tu).

Faci = falce da cereali o fieno, stretta e ampia. (L. M.)

Facignuni = falce più piccola e più spessa di quella utilizzata per i cereali o fieno ('a faci). (L. M.)

Facìsti = hai fatto e facesti.

Facìti = fate, diventate.

Faccuntu chi... = manca poco che ..., fra poco | Faccuntu chi chiovi e 'ndi bagnammu tutti! | Faccuntu che cògghjiri i frastuchi e non ci aiu mancu un ommu!

Failla = scintilla.

Faillùni = ramo giovane nato nella parte bassa del tronco (zuccu).

 

Falignammi = falegname, l'antico mastrulascia.

Fallàcca (dal latino “phalanga”) = (grossa tavola rettangolare utilizzata una volta dai muratori, in genere nei ponteggi).

Ffarari (dal lat.) = affumicare o bruciacchiare (A. F.) | Pi llumàrimi 'a pipa mi ffaraiu 'i pira ru naszu!

Fari = fare | Cu fici fici! (non ne parliamo più) | Ma cu mu fici fari (ma perché l’ho fatto?).

Farulàru = gonna simile ad un grembiule di tela grezza con i lacci che si metteva ai caproni per impedirne la monta e si diceva anche per qualche moglie che lo metteva al marito. Farularu somiglia a forìri (grembiule), forètta (gonna lunga) | jsàrisi a foretta = donna che si concede | stari sutta a foretta ri so mamma = uomo sottomesso. (LC)

Fasòru = pisello.

Fasci = fasce (che i soldati avvolgevano attorno alle gambe dalla caviglia al ginocchio).

Fattu = fatto ed anche maturo.

Favajana = fava fresca (da fava e dalla radice latina di juvenis, quindi fava giovane, quindi fresca).

Favòccia (da fava) = fava piccola e non cottoia da usare come biada per animali.

Favurìri = fare favori, giovare. Ma anche: Accettare una cosa offerta (M. R.). Si usava nella forma “favurìti” per invitare qualcuno a partecipare al pasto o alla bevuta che si stava consumando. (n. l.)

Fazzurettu = fazzoletto.

Fazzurittùni = Un capo di abbigliamento un tempo caratteristico delle nostre donne. Un grandissimo “fazzoletto”, che, piegato in due a triangolo, si appoggiava o sulle spalle o sulla testa in modo da coprire tutto il corpo fino alle ginocchia; la stoffa era il cotone, spesso setificato, di colore nero; quando era stinto, si tingeva ancora di nero, fino a quando non diventava un indistinto color melanzana.

Fella = fetta (Mà ma rù 'na fella i pani? = Mamma mi dai una fetta di pane? | I felli ru curu | Mi ricorda anche una frase che alcuni ragazzi rivolgevano a un falegname: “Zu mastru Giuva’, m’a basa ‘na fella ‘i curu?” (nl) | Fari felli grassi (spendere e spandere, sper­pe­rare, dilapidare senza avere alcuna possibilità economica).

Fera (dal latino “feriae“, festa) = fiera | Cca mi lluci 'a fera (ecco cosa ho di prezioso o importante) | 'A fera era anche il regalo, in soldi, che i nonni facevano ai nipotini alle feste.

Ferra: (dal latino fèrula) = ferula.

Ferru = ferro ma anche ferro da stiro. Stirare la biancheria è detto anche passar’i ferru.

Fessi = piccone (M. R.). Deriva dal greco di-fyés (biforme) = arnese di ferro per picconare e per tagliare.

Fetu = puzzo, fetore (LC). Finiri a fetu (finir male un'azione).

Fiàvuru (dal latino fragare) o sciàuru = odore, olezzo.

'U pìritu ru mastru non fa fetu

Vedi Aforismi e modi di dire

Fica = fico o fichi (i frutti). Invariabile anche al plurale: 'a fica, 'i fica | Ricorda sempre il detto brontese che «U longu cogghj 'i fica e u cuttu si lambìca» (chi è all'altezza della situazione ne coglie sempre tutte le opportunità) | Addiu peri 'i fica (imprecazione per un affare concluso proprio male).

Fici = feci o ho fatto.

Ficara = fico (albero di f.).

Ficarindia = Fico d' India. Ottimi quelli 'mbastardati.

Ficuni (o fucuni) = fornello a carbone della cucina a legna | 'U ficunèllu è quello più piccolo, fornito di treppiedi per cucinare all'aperto.

Fìgghia = figlia.

Figghiàri = partorire.

Fìgghiu = figlio.

Filarisìlla (dal francese filer) = svignarsela.

Fillètta (plur. Filletti) (?) Al sing. è femminile e al plurale masch. = dolce tipico di Bronte, molto simile al pan di spagna: confezionato con farina, zucchero e uova frullati, e cotto in padella unta con poco calore sotto e molto sopra.

Filùsi (dall’arabo aflus, folus) = denari (termine gergale e di scherzo).

Fimminella = gay, qualità di frutta secca molto piccola.

Fìmmini = femmine, donne.

Finimenti (?) = gli attrezzi per appaiare i cavalli o il cavallo alla carrozza. Al singolare (finimentu) indica il buco del culo (finimentu 'i coppu) ed anche il significato di completamento (havi ‘a testa ppi finimentu i coppu! = ha la testa solo come completamento del corpo).

Finiri = finire | Commu finisci si cunta! (l'italiano o la va o la spacca!).

Finistruni = la porta che sul balcone.

Fintu = finto.

Finucchina = una verdura coltivata negli orti di Adrano (è il finocchio ancora giovane), trasformata a Bronte in una vera leccornia. Un primo prelibato? 'U curalluzzu cca finucchina.

Firagnata = fila.

Firi = fili.

Fìrici = felce (?) (A. F.)

Firìci = felice, Felice (nome).

Firìri = fedele | Un detto consiglia di essere amicu cu tutti e firiri cu nnullu.

Firrètti (o firrittini) = forcine per fermare la crocchia.

Firriàri (dal latino “feriari”, far festa, oziare) = andare in giro.

Firriòru = mantello a ruota, che si girava attorno al corpo. “Porto il mantello a ruota e fo’ il notaio” è un verso dell’antica canzone “Signorinella”.

Firu = filo.

Fisciò = I cacciatori anziani chiamavano così il fucile da caccia a retrocarica (LC).

Fissa = stupido, fesso, sciocco. "Ma mi vò pigghiari ppi ffissa?" = Ma che? mi vuoi raggirare? ? / “Chillu è un pezzu i fissa = Quello è uno sciocco. (aL)

Fissiàrisi = ostentare con sussieguo. (M. R.)

Fitinzìa = Termine onomatopeico (da “fetu”): schifezza, laidezza. (M. R.)

Ffittàri (dal latino fixus) = guardare fisso ed anche affittare.

Fiufialoru = Canna per attizzare il fuoco. Utilissimo semplice manufatto che non mancava mai nelle case di campagna. Era realizzato svuotando all'interno un piccolo segmento di canna di circa 30-40 cm di lunghezza, con il quale, soffiando, si alimentava o attizzava il fuoco senza avvicinarsi troppo alla fiamma. (aL)

Fiummi = fiume (vedi Hiummi)

Focu = fuoco.

Fògghia = foglia.

Fògghiu = foglio.

Fòggia = forgia, ma anche fucina.

Fora = fuori | Fàrici nèsciri i peri 'i fora (enfatizzare, esagerare smodatamente) | Foramani (fuori mano) | Foracchiù (tempo fa, a quel tempo).

Foreccà = Espressione scaramantica che accompagnava la pronunzia di un malanno capitato a qualcuno. Ci vinni, foreccà, ‘n pungimentu. (L. M.)

Forètta (è un corrotto dall’italiano “fadetta”, sottana) = gonna lunga.

Forìri (?) = grembiule.



I favajàni s'an'a scuc­ciari e, s'anu l'occhiu nìvu­ru, spunticari


FERRO DA STIRO
'U ferru 'i stiràri: chillu randi (supra) e chillu nicu (sutta)
FERRO DA STIRO


'A ficarindiàra supra i canàri


'I fica nìvuri e (sutta) 'u fucuni e 'u stutafocu




 'A filletta

Fòvvici = forbici. Quando ero ragazzo veniva in paese un vecchio venditore ambulante che, visto da liceale, mi sembrava un personaggio dantesco “dagli occhi di brace”, perché erano sempre molto arrossati. Egli, portando la sua mercanzia in una cassetta con vari scompartimenti, appesa con una cinghia al collo, gridava: “Cipria, cuddella, elàsticu; haiu spirugghiaturi e pèttini!” al che i calzolai che col bel tempo lavoravano fuori, rispondevano con sonorissime pernacchie, senza riguardo alcuno per un vecchio che cercava di guadagnarsi il pane con un lavoro duro e poco gratificante. Ma egli, affatto intimidito da quella sconcia “musica”, rispondeva mandando a quel paese non solo i suoi molestatori, ma anche i loro padri, le madri e le sorelle con frasi adeguate alla “musica”.

Fraccata = gran quantità (Ci retti 'na fraccata 'i lignata chi non si scodda cchiù).

Fraccu (è un corrotto dell’italiano “fiacco”) = debole e magro, secco.

Fràcitu = fradicio, marcio (M.G.P.).

Fracitùmmi = marciume (M.G.P.).

Fragàgghia (dal francese fraye, frai) = pesciolini di molte specie.

Frallòcchiu (?) = strabico.

Frandinàru/a = venditore/venditrice ambulante di tela d’Olanda (Traina). In senso metaforico, chi va troppo in giro, non sempre per scopi leciti o comunque lodevoli. (N. R.)

Frascàturi (?) = polenta (noi brontesi la preferiamo fatta con farina di ceci).

Fraschi = fascine.

Frastùca (dall’arabo “fustaq” o “fustuq” o dal catalano festuc) = pistacchio (frutto). Al singolare è femminile (' a frastuca), al plurale diventa maschile (i frastuchi). Così pure l'albero: 'a frastucara - i frastucari | Il pistacchio brontese in guscio è detto Tignosella o babbalucella (piccola lumaca). Il frutto è racchiuso ancora nel suo caratteristico guscio che ne preserva la fragranza ed il sapore. Quando è privato del guscio, ma ancora con le tipiche screziature violacee della sua pellicola protettiva, i brontesi lo chiamano "u garìgghiu".

Frastucàra = pistacchio (albero).

Frastuchìtu = pistacchieto (a Bronte è quasi sempre denominato 'u locu).

Frati = fratello, fratelli; usato anche per indicare i “monaci”.

Frattaria = disordine, caos, sporcizia.

Frattìni (?) = erba rinsecchita o cose sparpagliate disordinatamente (A. F.)

Frattu = (dal latino: frangere) crema, passato di fave (M. R.)

Frevi = febbre.

Fricàri = fregare, strofinare. (M. R.)

Friddu = freddo.

Fridduruszu = chi sente sempre freddo.

Frijri = friggere (A. F.) | Frìiri ‘ndò so ogghiu (od anche cuciri ‘ndò so broru) = fare da sé senza ricevere alcun aiuto o suggerimento.

I frascàturi cu finòcchiu rizzu e un picì 'i cùtini

'a frastuca
'I frastùchi: 'a bab­ba­lu­cèl­la (pistac­chiu ca scoc­cia, ccì 'ndè macari cull'occhiu apettu) e, sutta, 'u garìgghiu (pistac­chiu scacciatu)


 

Frimmatùra = lucchetto, chiavistello.

Frìnza (dal latino fimbria) = frange.

Friscanzana = ventata di aria gelida.

Friscarèttu = fischietto (A. F.). Zufolo costruito da un segmento di canna, lungo circa 30 cm, avente un’estremità tagliata a becco di flauto. Sul corpo della canna, vicino all’imboccatura, si praticava, con il coltello, una finestrella rettangolare e, un pò più giù, sei fori circolari, ottenuti con un ferro rovente. L’ancia dello zufolo si ricavava dalla pianta di Ferula (Ferula communis) e consisteva in un cilindretto, tagliato anch’esso a becco di flauto, che veniva introdotto, eccetto che per una stretta banda superiore, nel lume della canna.

Frisciò = fucile da caccia o scupètta (LC).

Friscu = fresco, calmo, tranquillo | Sta friscu! (aspetta e spera) | Cunfissatu friscu (chi, di solito scortese o intrattabile, cambia repenti­namente) | Ma non fari 'u friscu, camina! (Ma non essere lento, cammina!) | A menti frisca (di buon mattino o quando non ci sono preoccupazioni o assilli per la testa) | Friscu commu 'na rosa (tranquillo, pacifico, senza alcuna preoccupazione).

Frìscuri = frescure | Cùrrunu mari frìscuri! (ci sono cattivi presagi, guai in arrivo).

Frìtturi = Avanzi di pezzettini di lardo, ciccioli. (M. R.)

Fròsfuru (o fròspuru): fiammifero, detto fròsfuru perché con la “testa” di fosforo per farlo accendere con lo sfregamento. Si dice chillu è un fròsfuru stutatu, cioè persona che non vale nulla, perché un fiammifero già sparato non serve più a niente (N. R.). Si dice anche "faccia 'i fròspuru" per indicare una persona indifferente a tutto, gli si possono sfregare anche i fiammiferi in faccia. Si accendono ma lui non fa una grinza.

Frummèntu (dal lat. frumentum ) = grano.

Frummenturìndia = granturco. In siciliano (e brontese) è detto "frummenturindia" (= frumento d'India) perché originario dalle Americhe, che per diverso tempo sono state chiamate "Indie Occidentali". (N.R.)

Ffruntàrisi (dallo spagnolo frentarse) = vergognarsi | I' mi ffrontu su viu! (io provo vergogna se lo vedo) | Non ti ffruntari, ssèttiti e mangia! (non avere vergogna, siediti e mangia!)

Ffruntàtu = E’ l’opposto di “sfruntatu” (“senza fronte, senza faccia”, per indicare “senza vergogna”). Per cui il termine, privato della S, diventa “con la faccia, con pudore, con vergogna” e per estensione: offeso. (M. R.)

Fuggiàru = fabbroferraio. Una volta quella del fabbro era una attività multiforme, perché egli faceva dalle chiavi di diversa, ma sempre consistente, grandezza, e quindi alle serrature adeguate, a tutti gli accessori in ferro per portoni, porte e finestre, alla ferratura di asini, muli e cavalli, che erano i mezzi di trasporto dell’epoca.
Voglio ricordare qual era il sistema per tenere la contabilità in questo settore per coloro che andavano a ferrare le bestie di cui sopra: si prendeva un pezzo dritto di “ferra” di circa 30 cm., si divideva in due longitudinalmente per circa 25 cm. e se ne staccava una parte; sui restanti 5 cm. si metteva il nome del cliente e si praticava un foro che serviva per infilare questo originale documento in un lungo filo di ferro che costituiva l’altrettanto originale raccoglitore; avvenuta la ferratura della bestia, si prendevano le due metà della ferra e, accostatele, con una specie di coltello infuocato, si incideva su entrambe le parti una tacca e si consegnava la parte mobile al cliente, che l’avrebbe esibita alle prossime ferrature o all’epoca del raccolto per pagare in natura il suo debito.

Fujènduu = correndo.

Fujri = fuggire | Fujrisindi (prendere il volo, detto di due innamorati).

Fujùta o Fuitìna  = fuga (d’amore, quando questo era contrastato da qualche genitore) o anche aggettivo | Scappatella, o fuga d'amore per accelerare la data del matrimonio. "Nonziu e Ciccia s'indi fuìnu!"

Fulla = folla. Fulla e mara vìndita, se si è in troppi è difficile concludere un buon affare. (M.G.P.)

Fullittu = vortice d’aria, turbine di vento, mulinello. Una preghiera per scongiurare danni durante un temporale: Fui fullittu, pi san Binirittu, cu la mazza 'ncollu, va rùmpiti 'u collu!

Fumaroru = carbonella incombusta che affumica l'ambiente.

Fumèri (dal francese “fumier” o dall'albanese "fumèr", letame) = concime, di escrementi animali che una volta si raccoglie­vano con la spazzatura o servivano per concimare le piante (grasciura). Fumeri è una parola lasciataci dagli albanesi che numerosi emigrarono a Bronte alla fine del 1400.

Fumiraru = un'attività del passato: colui che andava in giro con un carretto per pulire le stalle e per portar via il letame che rivendeva come concime.

Fumma = forma. La forma di scarpa in legno che serviva ai calzolai per fare scarpe nuove.



'A frimmatùra


 

Cùrrunu mari frìscuri!




U fròspuru 'i lignu


Ogni fuggiaru avi a so 'ncùina

Fummizzàru = letamaio, mondezzaio, dove si raccoglie il letame.

Fùndacu = posto di ristoro di carrettieri ed animali, caravanserraglio. Un tempo a Bronte ne esisteva uno nelle vicinanze dell'Ospedale. Oggi il termine è usato solo come un aggettivo per indicare una situazione caotica, di continuo movimento e di disordine:: Oh! Ma sta casza chi divintà un fundacu?

Fungazza = Nel senso di spiraglio (ad esempio nel caso di uscio socchiuso “Chiuri mègghiu ‘a potta, ca lassasti a fungazza”) (A. F.).

Fungia = grugno, broncio | Oggi ccià ‘na fungia…, chi ssì siddiatu?

Fungiu = fungo.

Fungiutu = persona con labbra molto prominenti | Fungiutu è anche ‘a ‘nghjuria dei componenti di una famiglia Luca (vedi Le cosiddette "ingiurie" a Bronte).

Funnu = forno. Nel riquadro a destra la filastrocca (o meglio la preghiera) che le nostre nonne dicevano nell'infornare il pane.

Funtanella = fontana stradale a disposizione di tutti e (un tempo) a getto continuo senza rubinetto.

Trazsi pani ndo funnu

Gesù Bambinu veni o munnu
Né liszu né passatu Gesù miù sacramentatu
San Braszuzzu crisciti u pani e laggàti u funnu
Santa Rosalia biancu e russu commu a ttia
Sant’Aghita s’è stortu vui u cunzati
San Giuseppi e San Giuvanni priàtici vui p’amuri divinu
Cori 'i Gesù ammu fattu nui e ora faciti vù

Furìjna (dal latino filum) = fuliggine o ragnatela.

Furriàri = girare attorno, girovagare a vuoto (A. F.). Io però ricordo il vocabolo con la “I” cioè Firriari. “Va firriandu comm’un tuppettu” (nl).

Furrìzzu = sgabello confezionato con la “ferra”= ferula. 'U furrizzu è un seggiolino rudimentale, leggerissimo, pratico e maneggevole. Di forma pressoché cubica era la sedia dei poveri ed un arredo indispensabile e sempre presente 'nda caszotta.
"Ci lassu 'u furrizzu a ccu mi viu o capizzu", recitava un detto dei nostri anziani.
Era fatto con materiali facilmente reperibili e gratuiti (ferula e rami di mandorlo) ed un tempo non c'era contadino che non lo sapesse costruire; oggi è raro incontrarne uno che lo sappia ancora fare. Ecco alcune semplici nozioni tecniche sulle modalità di costruirlo tratte dal libro di S. Arcidiacono, Piante selvatiche d'uso popolare nel territorio di Bronte.
«Per costruire tale manufatto si utilizza il fusto della pianta della Ferula ('a ferra), prelevato prima della maturazione dei semi nelle ombrelle ed essiccato per tutta l'estate. Tale fusto è tagliato in tronchetti (di circa 40 cm) alle estremità dei quali vengono praticati dei fori, con un punteruolo rovente. Successivamente, i tronchetti sono disposti a pira, facendo in modo che i buchi in essi realizzati corrispondano in verticale. A questo punto si preparano quattro verghe diritte e sottili, ricavate dai giovani rami di una pianta dal legno flessibile, in genere il Mandorlo (Mindurara). Tali rami, staccati all'ascella del nodo, in modo da lasciare una sorta di "capocchia" nel punto del taglio, vanno introdotti nella suddetta serie di fori.
La capocchia ha la funzione di ancorare i tronchetti sulla parte inferiore del manufatto, mentre la cima che sporge sul lato superiore viene ripiegata verso il basso, così da formare una sorta di uncino, che, una volta essiccato, tratterrà il tutto saldamente. Infine, nella porzione superiore del manufatto, si legano, con lo stesso sistema, altri tronchetti in modo da ottenere un pianale. In Sicilia, la costruzione dei furrizzi è un'attività ancora in uso: essi, infatti - benché costruiti con tondini di ferro che sostituiscono il legno flessibile - sono commercializzati come prodotti di artigianato locale. Il furrizzu, sia nella versione originale, sia in quella più "moderna", lo si acquista, oggi, più per abbellimento che per le sue precipue funzioni. Un tempo, invece, era un oggetto domestico di fondamentale importanza; le famiglie contadine, infatti, si trovavano spesso in condizioni economiche tali da non poter acquistare le normali sedie di legno o i panchetti per poggiare oggetti, sicché li sostituivano con quest'essenziale arredo costruito da loro stessi.» (aL)

Fuscella = dal latino fiscella: piccolo paniere. Contenitore di giunco, ora di plastica, usato per la ricotta (M. R.). Di forma cilin­drica e diametro variabile da 15 a 80 cm, i fuscelli erano realizzati dagli stessi pastori intrecciando fusti di Giunco (juncu) e servivano per la sgrondatura della ricotta o della toma. Poi è arrivata la plastica. (aL)

Fussetta = buca, piccolo fosso. «'A fussetta» era il nome di un gioco dei bambini, una specie di piccolo minigolf, che consisteva nel far entrare, con sapienti colpi del pollice o dell'indice, in minuscoli buchi del pavimento semini di carrube o nocciole | Pari babbu ma cià fa jri 'nda fussetta (il riferimento della frase è chiaro: il classico finto tonto, ipocrita e dissimulatore, finge di non capire ma solo per i propri interessi).

Fussuni = cupola di terra (4-5 metri di altezza con un diametro di circa 8 metri) con un cratere centrale (camino) per realizzare il carbone. Con­tiene i tronchi che il fuoco alimentato dall'alto, sotto l'occhio attento del carbonaio, car­bo­nizza lentamente (in oltre dieci giorni) senza ridurli in cenere.

Fuszu o Fussu (?) = arnese per filare lana o cotone. Era uno strumento di legno panciuto al mezzo, sottile alle estremità, per produrre la torsione e favorire il moto rotatorio.

Fùttiri = fottere. Detto: “A un pammu ru me’ curu cu futti futti.” Indirettamente bolla l’egoismo umano e la relativa indiffe­renza, indicata, quest’ultima dall’altra frase: “mi ‘ndi futtu” = me ne frego o dalla incitazione "futtitindi" (frègatene).

Futtitìndi = un invito esplicito a lasciar perdere, a fregarsene di tutto e di tutti, a non ci far caso.

Fuvviciari = Letteralmente lavorare con le forbici ma a Bronte assume solo il significato di sparlare, tagliuzzare qualcuno parlando male di lui in sua assenza | Son rimaste famose un grande paio di forbici disegnate nottetempo nel Corso Umberto davanti all’ingresso di un antico Circolo cittadino dove più che giocare a carte si sparlava a tutto spiano fuvviciandu di tutto e… di più.

Fuvvicitta = piccola forbice ed anche forbicina, il piccolo insetto di forma allungata il cui addome termina con due pinze che ricordano le forbici.


Ma commu si fa u furrizzu?
U furrizzu


Contenitori per ricotta
I fuscelli pa ricotta ora i fanu ri plàstica.
 


'U fussu


[A] [B] [C] [D] [E] [F] [G] [H] [I] [J] [L] [M] [N] [O] [P] [Q] [R] [S] [T] [U] [V] [Z]

Questo vocabolario è aperto a tutti: chiunque, a conoscenza di altre antiche parole o detti brontesi, può comunicarli a bronteinsieme (@gmail.com) che provvederà a inserirli. Potrai interve­nire inserendo nuovi etimi o altri vocaboli o frasi interessanti. Anche i «?» sono stati volutamente lasciati in attesa di una tua integrazione.

Tradizioni popolari a Bronte

Powered by Ass. Bronte Insieme - Ultimo agg. settembre 2018

AFORISMI BRONTESI