Home

Archeologia lessicale

Tutto sulla Città di Bronte

Tradizioni brontesi

Ti trovi in:  Home-> Tradizioni-> Vocabolario brontese-> [N]

Antico vocabolario popolare brontese

Archeologia Lessicale

da un'idea di Nicola Lupo

[A] [B] [C] [D] [E] [F] [G] [H] [I] [J] [L] [M] [N] [O] [P] [Q] [R] [S] [T] [U] [V] [Z]

N



‘na = una.
Naca (dal greco nake, nake) = culla. Termine meridionale di culla sospesa sopra il lettone dei genitori.
Nnacàri = cullare un neonato
Nnàcati = sbrigati.
Nnacàti = cullati (basta un accento per cambiare il significato e l’uso della stessa parola) (LC).
Nanfarùszu = dalla voce nasale, dovuta ad intasamento delle narici. (M. R.)
Nànnu, nànna (dal lat. nonnus, nonna = babbo, mamma ) = nonno, nonna.
Na panzata (da pancia) ‘i sonnu = farsi una bella dormita. (A. F.)
Nàsca (lat. nasica) = naso camuso.
Nascamangiàta = naso deturpato dal lupus. “Ingiuria” della famiglia Fiorenza, perché il padre aveva il lupus che gli aveva devastato il naso. Vedi nei miei “Fantasmi” Le tre grazie.
Nascarùssa = naso rosso. “Ingiuria” di un brontese che aveva la caratteristica del naso rosso forse per abuso di vino.
Naschi = Narici. (M. R.)
N’atra = un’altra.
N'atri (dallo spagnolo nosotros ) = noialtri.
‘Nbacirutu = stralunato, impacciato. (L. M.)

‘Nbaratàtu = basolato. A Bronte, fino agli anni ’40, le strade lastricate erano: il Corso Umberto dai Cappuccini fino alla casa di P. Gaburazza, che si trovava subito dopo l’incrocio superiore di Via Santi, e Via Matrice aut Passu poccu fino alla Chiesa Matrice. Altre vie pavimentate, con acciottolato e due file di basole a distanza per evitare l’avvallamento dovuto al transito dei carri, erano: Via Santi (che era una specie di circonvallazione) da Piazza Azzia (ex Maddalena) alla Chiesa dell’Annunziata; Via Garibaldi e Trieste (che era la strada per la Stazione ), via Scafiti, via Annunziata, via Cavallotti, via Prof. Placido De Luca, Via Cavallotti e Via D’Annunzio. Le altre strade erano stratuni, con pietrisco che frantumandosi sotto il traffico di carretti e bestie da soma ferrate, si trasformavano, in inverno, in fanghiglia e, in estate, in polverone.

‘Ncàgna (dal latino canis) = litiga, o si offende ma anche broncio. Massima: “Cu joca suru, mai s’incagna!” Per non litigare bisogna giocare da soli; ma dove andrebbe a finire la socializzazione e la solidarietà?


 

VOCABOLARIO BRONTESE

Vers. in
70 pag., 2226 KB








Basolato lavico di Via Scafiti
I barati ri via Scafiti i rifìcinu 'ndo 2007

‘Ncàgnatu (dal lat. canis) = imbronciato.
‘Ncalandariu = enfatizzato, usato nell’espressione puttari ‘ncalandariu, per indicare un racconto fatto in modo eccessivamente allarmato. Forse per dire che si presenta il fatto come qualcosa di importante, tanto da doverlo segnare nel calendario (L. M.).

‘Ncànnizzatu (?) = incannicciato. In molte case contadine il soffitto delle stanze era fatto da canne accostate (cannizzata), ossia incannicciate. L’incannicciatura era ottenuta tagliando a misura le canne, pulendole dai residui delle foglie e legandole insieme con fil di ferro, in modo da formare una grande stuoia. Questa era inchiodata sulle travi portanti del tetto, che si sviluppano perpendicolarmente all’asse delle canne, e rivestita da uno strato d’argilla, sul quale si poggiavano le tegole. (aL)

‘Ncarnata = all’interno della carne. (“Ci aiu ‘na spina ‘ncarnata, e commu e ffari ppì ma luvari no sacciu”).

’Ncasciàta: incassata (messa in una cassa o casseruola). Si dice di una pasta messa in una teglia o di frutta in una cassa  (N. R.).
‘Ncàsciu
(dallo spagnolo encaxe) = incastro.

’Ncaszàri: sorreggere qualcosa con un sostegno, rincalzare la terra attorno ad una pianta per puntellarla e rinvigorirla, ecc. Da calzare (= infilare) + la preposizione (i)n. (in come preposizione introduce i complementi di luogo, come prefisso significa non: visibile invisibile, ecc.) (N. R.)

'Ncastagnàtu = ben cotto o tostato, abbrustolito. (A. F.)
‘Ncolla = colla sost. o incolla verbo.
‘Nchiàppa (dal catalano clapa) = pasticcio, imbratto.
‘Nchiappàri = Imbrattare, sporcare. (M. R.)
‘Nchjcarisi = fare un buon matrimonio. Si ‘nchjcau. Opposto di ‘ngallunarisi. Si diceva anche quando si era irremovibili nel voler sposare qualcuno (L. M.).
‘Nchiostru = inchiostro.
'Ncipullutu = detto di chi è caratterizzato da un colorito rossastro. (D. A.)
‘Ncirostru = detto scherzosamente del vino. Forse da sciroppo. (L. M.)
‘Nciuccàrisi (dal lat., succo di uva) = ubriacarsi.
‘Nciulletta = detto affettuosamente a un bambino che vuol bere vino. (L. M.)
'Ncòmmuru = fastidio, disagio, seccatura. E' rimasta famosa la frase di un prete che può essere anche non vera però fa rima: "Menu 'ncòmmuru!, rissi patri Nascarussa quandu ci luvanu 'a missa".
‘Ncripàri = provocare crepe, stropicciare. (M. R.)
‘Ncucchiàri (dal latino “in + coire”) = accoppiare, ma è usato anche in senso figurato per dire imbrogliare o per indicare qualcosa che non è pertinente. Frase: “‘ncucchia i pirita ‘nda pezza” Per indicare un avaro spilorcio (nl). Da ragazzi, alle prime prese col latino, lo traducevamo con: Quid ‘ncucchias? (Cosa vuoi far credere?) (L. M.).

 

'Ncucumillàtu (?) = detto di persona rannicchiata. (A. F.)
‘Ncugnàri
(dal lat. cuneus) = avvicinarsi

'Ncùina = Incudine.

‘Nculluriàri = Avvolgere, attorcigliare. (letter.: avvolgere attorno al collo). (M. R.)
‘Ncuppuràri = coprire con il berretto (còppura), con il prepuzio (cappella - incappellare). (M. R.)
‘Ncùttu = Molto vicino, attorno, assiduo. Detto di persona difficile da mandar via. Insistente. (M. R.)
‘Ndarrèri = indietro. (M. R.) «Tu va sempri ndarrètu commu u cuddàru!»
‘Nde pugna = improvvisamente. Ma, nel parlare corrente, «'ndé» viene esaltato quando precede il termine «cucchj».
‘Ndi = in
'Ndiminagghja = Indovinello. I nostri nonni li proponevano per occupare il tempo e la mente dei loro figli e nipoti. (A. P.)
’Ndingàri (dal latino indigere) = domandare un o per favore.
‘Ndo = nel
Nègghia = nebbia (nl). A volte per indicare che qualcuno, specialmente bambino, non era schifiltoso nel mangiare, mia nonna Carolina diceva: Fummu e negghia non mangia, sottintendendo che tutto il resto lo mangiava (L. M.).
Nennè (dal greco nynnion) = così i bambini chiamano la poppa.


'A 'Ncùina ro fuggiaru


Un niru 'i caddilli

Nènti = niente
Nèsciri
o niscìri = uscire
Nèscitu
= letter. ciò che si mette fuori. Ciò che si offriva agli invitati a matrimoni, ecc. (M. R.)

Nèvura (dal latino nebula) = nuvola, cialda. Da questa la nostra “nivuretta” (nl). Il termine è usato anche per indicare una persona cattiva: sta nèvura trista, sta nèvura grandurara.
Se poi d’inverno una nuvola oscurava il sole, per farla allontanare noi bambini recitavamo, come una preghiera, la filastrocca: Nèvura, nèvura fatti allavìa, pi li santi piccirilli, n’anu nenti pi mangiari, nesci suri pi quariari (L. M.).

Nèvura, nèvura fatti allavìa,
pi li santi piccirilli,
n’anu nenti pi mangiari,
nesci suri pi quariari

'Nfinucchiari = imbrogliare, abbindolare.
'Nfrasciamàtu = disordinato (A. F.). Anche questo vocabolo lo ricordo come ‘nfrascinàtu (nl)
'Nfrimmità
(dall'italiano infermità) = malattia. "Cci vinni 'a punta" oppure "Cci vutà 'u burellu" frasi dette un tempo in occasione di morti improvvise. (N. S.). Si possono aggiungere “u mari a petra” (i calcoli), “a maratìa zuccarìna” (il diabete), “u movvu” (l’ictus), ecc. (n. l.)
‘Nfullutu (?) = precipitoso, impulsivo.
‘Nfùngiri
(dal latino infulcire) = riempire eccessivamente (di cibo).
‘Nfutàri
(dal portoghese afoutar) = incitare, aizzare.
‘Ngagghiàri = mettere nella gabbia (gaggia). Stringere tra due cose (es. tra legno e legno) (M. R.). Deriva da incagliare e può significare anche incappare ("Stavòta c'inggagghiàvu comm'un fissa").
‘Ngallari, ‘Ngallatu = sporcato in modo persistente, detto in special modo di indumenti. Derivato da gallarizzi (galle di quercia) che venivano usate per colorare in nero le stoffe, come quelle destinate a confezionare a capuccia. (L. M.)

‘Ngallunarisi = fare un matrimonio mal riuscito, per colpa dell’altro(a), s’intende. (L. M.)
‘Ngattari = nascondere; rannicchiarsi come un gatto. (M. R.)
'Nghiuriàri = ingiuriare (A.F.)
‘Ngignàri = inaugurare, indossare per la prima volta.
‘Ngona(dal greco ancon) = angolo, canto. Ha anche il significato di “gola” fra due monti (delle Madonie): “‘a ‘ngona ‘i Maggagghiu”, da dove veniva il maltempo perché da lì spirava la tramontana. E allora si diceva: “sta sira favi ‘ngrilli”.
‘Ngramignatu = intrecciato, attorcigliato, avviluppato.
’Ngranari = del pistacchio che incomincia a formare il gheriglio (A. F.). Dal grano che inizia a formare la spiga; indica anche il percepire soldi.
‘Ngranciari = soffriggere. (L. M.)
‘Ngrasciàtu = sudicio, sporco (M. R.). Chi non sa fare le cose pulite (LC).

‘Ngrillàri (dal greco cryòdis, gelido ) = patire molto freddo ("Staiu 'ngrillandu ru friddu").

‘Ngrilli (dal greco “freddare”) = nella frase: “favi ‘ngrilli”. Era una minestra di fave, cotte con tutta la buccia (non al punto giusto) e conditi con olio, in cui si inzuppavano fette di pane.
‘Ngunagghia
= inguine.
‘Nguttìrisi = tentare di trattenere il pianto, provare forte commozione fino al pianto. (M. R.)
Nicòra = Nicola, voc. Nico’.
Nicu, plur. nichi (dal lat. nihil = nulla o nidus) = piccolo.

Niru = nido.
Nìvica = nevica
Nivicàta = nevicata
Nnacàri = cullare. Frase stizzosa contro un ragazzino indomabile: “Mannaggia cu ti nnacàiu.”
Nnicchi e nnacchi = modo di dire per esprimere una negazione (che c’entra? Che ci azzecca?) (M. R.). Erano dei biscottini a forma di animaletti che da Don Angelo Caponnetto erano esposti in grossi vasi e si vendevano sfusi. (nl)
Nnittari = pulire.
Nnommu = nome. 'N nommu ri Diu (o ru Patri) = in nome di Dio (corrisponde al numero 1 quando si inizia a contare o prima di intraprendere una attività).

Nnòzzuru (dal lat. noceus ) = nòcciolo. Si usava per indicare il nocciolo delle olive frantumate per estrarne l’olio (nl). Residuo del nòcciolo delle olive, polpa di oliva. Una sineddoche ha prodotto il termine con il significato attuale di poltiglia intrisa di olio - dal latino “sansa” (M. R.).
Nnuricari = colorare di nero o diventare nero o usato per definire la cianosi (V. S.). Ricordo l’aggettivo nnuricata! = svergognata. (nl)
Nnutricari = allevare, es. “nutricari un fìgghiu (A. F.)
Nonziu =  Nunzio, voc. No’.
Nòrita = novità.
Nòritu (dal lat. nolo) = capriccio. Ma noi lo usiamo al femminile “nòrita” nel senso di “novità” cioè di cosa non voluta e, quindi, non gradita (nl). Con questo termine si indicava anche qualcosa di particolare, ma di quantità esigua: Puttaiu stu tanticchia i noritu (L. M.).

Novè = richiama molto il romanesco «'an vedi» con lo stesso significato: «ma guarda!» (L. P.). E' il risultato della fusione di due parole: Non vedi?!! (No viri cca?!) (N. R.).

Nnò = no
Nsaiàrisi = indossare per la prima volta.
‘Nsigna (dal latino “signum”, indicare o segnare) = insegna.
‘Nsinga = segno, mettere il segno (anello) di proprietà, mettere il cappello per occupare il posto. O segnare i limiti (LC).
‘Nsivuszu = sporco.
‘Nsòria (dall’italiano ansòria) = sorta di uva bianca.
‘Nsuppìru = usato nell’espressione: Jiri ‘nsuppìru, ‘nsuppìru. Deperire. (L. M.)
‘Nsuvarutu (da sughero) = intorpidito, sporco di grasso.
‘Ntacciari = inchiodare, anche in senso figurato.
'Ntacca = Tacca, segno, piccola incisione, contrassegno. Scrive L. Minio (La vita di campagna) che quando l'uso di carta e penna non era eccessivamente familiare, per saldare i conti alla fine dell'estate (dopo il raccolto) col mugnaio, col maniscalco o col barbiere «serviva egregiamente allo scopo la tagghia, un pezzo di ferla, lunga un palmo, per buona parte della sua lunghezza tranciato a metà; su di essa, oltre alla sigla o un segno convenzionale riguardante il cliente, s'incidevano delle tacche corrispondenti alle utenze. Si teneva abitualmente infilata in uno spago e quando il conto era saldato si consegnava al cliente a cui si riferiva.» (Vedi anche Fuggiaru)

'Ntacchiatu = segnato, sfortunato, sventurato. Es. Biaginu è 'n poviru 'ntacchiatu. Da 'ntacca, di cui scrive bene L. Minio (vedi sopra). La parola "tacca" esiste anche in italiano con l'identico significato per l'identica funzione descritta da Minio, ma potendo pure significare "macchia", anche in senso metaforico, come accade nel brontese. Es. Chisti su' tacchi ri ogghiu!. In questo senso l'etimo è francese (tache = macchia, magagna, ecc). (N. R.)

'Ntappari = urtare. "Camm', st'attenta a non ttappari ndo trìspitu quandu ti cucchi".

‘Ntattaratu = sporco con incrostazioni calcaree e di altro genere persistenti. (L. M.)
‘Ntìficu = identico.
‘Ntiniri = tenero, detto di ortaggi o di vivande non completamente cotte. (L. M.)
‘Ntinna = antenna, ma anche gara che consiste nell’arrampicarsi su per un palo unto. Albero della cuccagna. (M. R.)
‘Ntipàri
(di dubbia origine) = rinculare, tenere saldo. (M. R.)
‘Ntìsza = Capacità di “intendere”, udito. (M. R.)
‘Ntrabbuniri = imbrunire. A ‘ntabbrunuta = la sera all’imbrunire. (L. M.)


 

‘Ntrallàzzu (dal lat. inter laqueum ) = intrallazzo. Neologismo creato durante la guerra 1940-45, per indicare il mercato nero dei generi di prima necessità che scarseggiavano e poi passato ad indicare imbroglio anche politico.
’Ntrastumentu =
nel frattempo. (A. F.)

‘Ntrì ntrì = gioco di ragazzi. Consisteva nel formare una squadra di ragazzi fra i quali si tirava a sorte chi doveva stare sotto piegato in modo che gli altri saltandogli sulla schiena e recitando i versi di una filastrocca e rispettando certe regole, potessero portare a compimento la partita. La filastrocca era la seguente:
«‘Ntrì-‘ntrì, setti fìmmini e un tarì, u tarì è strallucenti, setti fìmmini e un sippenti, u sippenti è virinuszu, setti fìmmini e un caruszu, u caruszu avi ‘a tigna, setti fìmmini e ‘na vigna,’a vigna fa u vinu, si lu bivi u zzu parrinu, u parrinu rici ‘a missa, si la senti ‘a zz’a batissa, ‘a batissa ju a’ chiazza a cattari a cipullazza,  cipullazza non di truvaiu, tutti i tri firi ‘i babba s‘i pinnaiu.»
Chi sbagliava o la frase o non saltava secondo le regole andava sotto al posto del primo. Chi si trovava sotto sul finire della partita subiva i “curazzàti” cioè le più o meno forti botte di culo che i compagni, invece di saltare, davano al malcapitato. La partita si svolgeva andando avanti e indietro in un certo spazio. Un’alta versione era quella itinerante che si chiamava “dragu longu”, proprio perché si dipanava per la strada come un “lungo drago”.
‘Ntrusciari = avvolgere disordinatamente. (L. M.)

'Ntucciuniàri = attorcigliare, aggrovigliare. La frase “Mi vinni un tucciniuni ‘nda panza” (come se lo stomaco si attorcigliasse) stava ad indicare delle coliche addominali, il tipico mal di pancia. (A. F.)
‘Ntuppàri = mettere un tappo, otturare. (M. R.) “Si mangià menzu panaru ‘i ficarìndia e ‘ntuppà”.

’Nturràtu = reso duro come il torrone (A. C.). Io però ricordo “Tturràtu” = tostato. Si riferiva al pane abbrustolito e condito con olio che si metteva sulla pasta con i broccoli stufati, forse al posto del formaggio che era caro. (n. l.)
‘Ntuzzàri (dal latino intrusum) = intromettersi o sbattere.

‘Ntrì-‘ntrì,

'Ntrì-'ntrì
setti fìmmini e un tarì,
u tarì è strallucenti,
setti fìmmini e un sippenti,
u sippenti è virinuszu,
setti fìmmini e un caruszu,
u caruszu avi ‘a tigna,
setti fìmmini e ‘na vigna,
a vigna fa lu vinu,
si lu bivi u zzu parrinu,
u parrinu rici ‘a missa,
si la senti ‘a zz’a batissa,
‘a batissa ju a’ chiazza
 a cattari a cipullazza,
cipullazza non di truvaiu,
tutti i tri firi ‘i babba s‘i pinnaiu.

Nubbirìsci = nobilitati. “Crisci e nubbirìsci!” Era il grido di augurio che le mamme facevano ai figlioletti, prendendoli per le orecchie e sollevandoli verso il cielo, quando, a Pasqua, suonavano le campane che annunciavano la Resurrezione.
Nuciruni = guscio di mandorla vuoto. "Si un nuciruni"", si diceva anche di una persona inconcludente. (L. M.)
Nugghi = terreno lasciato incolto. (L. M.)
Nulla = nessuna.
Nunnàta (dal lat. non natus) = pesciolini piccolissimi. Chiamata anche “muccu”.

Nuzzu = tacchino. (A. F.)
Nùvuri = nuvole.
’Nzaiàri =
indossare qualcosa per la prima volta (A. F.). ("Sabbatu, m'inzaiu l'àbitu, m'indi vaiu a villa, e paru 'na pupilla")
‘Nzaranìri (dal greco zalizo) = stordire.
‘Nzitàri = Voce di agricoltura: fare un innesto. (M. R.)
‘Nziti =  Innesti, peli dorsali del maiale, setole. (M. R.)
'
Nzittari (dallo spagnolo encertar) = indovinare (LC).

Rumani è sabbatu,
m'inzàiu l'àbitu,
m'indi vaiu a villa,
e paru 'na pupilla

‘Nzivàri = Ungere di grasso (da sego – poi divenuto sivo). (M. R.)

Nzullu = dim. di Micenzu. A proposito di questo nome voglio ricordare la polemica che imperversò negli anni ’30 fra i filologi del Nord e quelli siciliani sul nome di Ciullo d’Alcamo: gli uni traducevano Ciullo con Cielo, mentre i siciliani dicevano che era il diminutivo di Vincenzo cioè Nzullo. Naturalmente avevano ragione i siciliani sebbene nelle varie letterature sia rimasto il nome Cielo. Io ho la dimostrazione della tesi siciliana nel fatto che avevo un compagno delle scuole elementari che si chiamava Vincenzo Battiato, che noi chiamavamo proprio Nzullu che è molto simile al trapanese Ciullo.

‘Nzòria (etimo?) = gragnola. Dare la ‘nzoria = dare una gragnola di colpi. (M. R.)
‘Nzuntumàtu = da “sintomo”, stordimento. Addormentato, poco sveglio. (M. R.)



Un bellu 'nzitu ri frastucara



 


[A] [B] [C] [D] [E] [F] [G] [H] [I] [J] [L] [M] [N] [O] [P] [Q] [R] [S] [T] [U] [V] [Z] / AFORISMI

Questo vocabolario è aperto a tutti: chiunque, a conoscenza di altre antiche parole o detti brontesi, può comunicarli a “Bronte Insieme” che provvederà a inserirli. Potrai inter­ve­nire inserendo nuovi etimi o altri vocaboli o frasi interessanti. Anche i «?» sono stati volutamente lasciati in attesa di una tua integrazione.

Powered by Ass. Bronte Insieme - Ultimo agg. marzo 2017