Home

Archeologia lessicale

Tutto sulla Città di Bronte

Tradizioni brontesi

Ti trovi in:  Home-> Tradizioni-> Vocabolario brontese-> [U - Z]

Antico vocabolario popolare brontese

Archeologia Lessicale

da un'idea di Nicola Lupo

[A] [B] [C] [D] [E] [F] [G] [H] [I] [J] [L] [M] [N] [O] [P] [Q] [R] [S] [T] [U] [V] [Z]


 Aforismi brontesi

 

U


U = art. det. m. s., ma anche prep. art. = al, allo. Modo di dire: “U jonnu vaiu undi vogghiu e a’ sira spaddu l’ogghiu”.
Ucchiàta (dal lat. oculata) = pesce occhiata ma anche sguardo.
Ucchiatura = sortilegio, mal’occhio. Ci ficinu ‘n’ucchiatura. (L. M.)
Ucchiùzzi = dim. vezzeggiativo di occhi.
Ùcuru (dal latino “lucrum”) = utile, vantaggio (M. R.)

VOCABOLARIO BRONTESE

Vers. in
70 pag., 2226 KB

Ugghiaròru = bollicina che si forma tra le palpebre, orzaiolo. (M. R.)
Unchiàri = gonfiare. Frase: Ùnchia i rroti ra màchina / Non mi fari uncchiari i cugghiuni!
Unchiàrisi = arrabbiarsi.
Undi: dal latino unde = dove. "Ri undi vegnu vegnu ru murinu", recita un nostro aforismo

Ùndia = unghia.
Ùndererè (o undirerè) = in qualsiasi posto, dovunque.


V


Vacanti = vuoto. "Occhi chini e mani vacanti!".
Vacantùmmi = termine che indica frutta secca vuota, senza il seme. "Ma ca ccampàtu tutti i vancantummi?"
Vaiu: ind. pres. 1^ sing. del verbo jri; irr. P.r. jvu = vado
Vampa = (voce latina medievale): fiamma. (M. R.)
Vanèlla
(dal latino vanella) = vicolo o stradina secondaria. "A vanella o Culleggiu" (via Capizzi).
Vara = bara. Nel senso di lettiga speciale per portare in processione statue o reliquie di Santi.
Varìa
(dallo spagnolo valia) = forza. “Caruszu senza varìa” = ragazzo debole.



Veneddì Santu, 'a vara ru Crucifissu

Varòra (dal francese vireule) = ghiera.
Varori = segni lasciati sulla pelle dalle vaccinazioni, così chiamate perché le prime furono contro il vaiolo. (L. M.)

Vavà (dal greco vavvào) = voce infantile per significare “dormire”. Ma noi lo usiamo per significare “bambino” in senso critico: “S’i ancora un vavà!”.
Vavarèlla = La parte dell’occhio con la quale si vede, pupilla. (M. R.)

Vebbu = parola, nel senso del termine cristiano che traduce il greco Logos. In merito il prof. Nunzio Longhitano ci segnala una filastrocca brontese contro il cattivo tempo: «Quando il cielo si inscuriva e i tuoni e i fulmini si facevano cominciare a sentire, mia nonna Nunziata Salvì Barbaria, riuniva in cucina tutti i nipoti presenti ed iniziava a recitare “U vebbu”. Quindi ci faceva recitare tre volte il credo e così tutto era risolto e, tranquillizzati, tornavamo ai nostri giuochi.» (N. L.)
Vemmu = verme, baco. Frase: I vemmi si stanu mangiandu tuttu u tumazzu (i vermi stanno mangiando tutto il formaggio). U vemmu tagghiarìnu: tenia – verme solitario (Oh! ma quantu mangi!? mma ccià u vemmu tagghiarinu?)

Vicariotu = termine scherzoso rivolto a bambini monelli, variante di gariotu. (L. M.)

Vicìnu = vicino: sia avv. che sostantivo.
Viggànti (dal Lat. virga?) = Lunga pertica per sbatacchiare rami al momento del raccolto per far cadere a terra i frutti (in genere mandorle o ulive) (M. R.).
Vìgghia = veglia
Vindutu/a: venduto/a. Si dice anche di chi lavorando si dedica a qualcuno quasi come uno schiavo che, appunto, era venduto e comprato. (N. R.)
Vinìsti = sei venuto.
Vintìna (modo lasciatoci dai Normanni, perché così si contava, e si conta ancora, in francese treis vinz = tre ventine) = ventina.

Vinucòttu = succo di fichidindia concentrato, da consumare da solo o per fare mustadda e mastazzora.

U VEBBU

«Vebbu sàcciu e vebbu vògghiu riri,
chistu e lu vebbu ri Nostru Signuri,
chi a chista valli vinni a murìri
cun brazzìttu ’nterra e natru 'ncruci.
’Nti la valli di Giosafà,
pìcciuri e randi ammu a èssiri ’lla.
San Giuvannùzzu ri ’ncelu ffaccià,
cun librìttu a manu e diciva
“Maistru! Maistru piddunati a sti figghiòri”.
“Giuvànni non li pozzu piddunàri
ca lu vènniri di marzu non vòsunu 'ddiunàri”.
Cu lu rici tri voti 'ncampu
è scanzàtu di trona e lampi,
cu lu rici ppi la via è scanzàtu da morti ria,
cu lu sapi e non lu rici
avi a patiri cappàti ri pici,
cu non lu sapi e si lu fa 'nsignàri
peni ri 'nfernu non nni viri mai.

Viòru (dall'arabo yolu) = viottolo di campagna.
Viri = vile; ma è anche verbo = vedi.
Virinùszu = velenoso.
Virrìna = grosso vitone di legno per bucare la porticina (‘a puttella) della botte. Ma si dice anche di chi è petulante, insopportabile, come il rumore di un trapano.

Vistìrisi = vestirsi.
Vistìtu = vestito, abito.

OPRA VIRI ‘i TENTAZIONI!

Vistùtu = vestito (part. pass. di vestire). "Oggi mi pari vistùtu ri canni 'nfunnata" (Oggi sei vestito proprio bene, come la carne al forno).
Vo’ = vuoi.
Vògghiu = ind. pres. 1^ sing. di vurìri = volere.
Vòpa (dal greco bopa) = boga (piccolo pesce).

Vori = vuole.
Voscènza = vostra eccellenza (si usava con le autorità e con le persone molto superiori).
Vossìa = vostra signoria (si usava per rivolgersi ai più anziani di rispetto). “Vossa pìgghja!”.
Vota = volta; ma anche verbo.
= pronome pers.: voi (M. R.)
Vummicuszu = vomitevole, da vomito.


Z

Z’a = zia
Zabbòbbia = gruppo di individui di bassa estrazione sociale (M.G.P.).
Zzàbbu (dallo spagnolo “zabojar”, zarbo) = silos (dallo sp. Silos). Graticcio fatto di canne o contenitore in muratura con uno sportellino in basso, per l’accumulo delle olive prima della molitura.

Zzaccagnari = danneggiare per imperizia qualcosa su cui si sta lavorando. (L. M.)

Zaccagninu = detto di persona zotica e malandata. (L. M.)
Zzaccaniari = sporcare eccessivamente. (L. M.)
Zaccanu
= recinto in cui si convogliavano le pecore in attesa della mungitura che avveniva in un passaggio obbligato che a sua volta immetteva nella mandria dove trascorrevano la notte. (L. M.)

Zafattiàri = Leccare disordinatamente, servendosi delle mani (M. R.)
Zamàtturi = ciabatte (A. C.). (Non lo conoscevo, ma sapevo “Tappìni”) (nl).

 

Zambàra = Filamento vegetale che serve a fare cordicelle. Solitamente usata per realizzare il sedile della sedia. (M. R.)
'A zambàra è una fibra molto resistente ricavata dalle foglie dell'Agave (detta anch 'essa zzambàra) che, opportunamente intrecciata, forniva un tempo una cordicella utilizzata dai contadini per svariati usi quale per esempio quello di fissare le piante coltivate ai pali di sostegno. Oggi, con l'avvento delle fibre sintetiche, è quasi del tutto scomparsa. ‘A zzambàra era anche ampiamente usata dagli artigiani per realizzare l'impagliatura delle sedie rustiche. (aL)

Zampitti = scarpe particolari per contadini, fatte in casa con pelle di vitello o di capra od anche con pezzi di copertoni. Vedi anche Scappitti.
’Zzannàri: colpire, tagliare con le zanne (ciascuno dei due denti grossi e lunghi che sporgono dalla bocca di alcuni animali), cioè in maniera grossolana e irregolare. Metaforicamente si dice così, ad esempio, di un parrucchiere che rovina una capigliatura. Può significare pure rendere una lama simile a zanne, ossia irregolare, affilandola male (N. R.). “Ma chi tagghjàsti chi mi zzannàsti tuttu ‘u ccittùni?”

Zzappa = zappa (sia sostantivo che 1 pers. sing. ind. pres. di zzappàri.) “Cu zzappa bivi acqua e cu non zzappa bivi a’ butti”. Così si esprimevano i nostri vecchi contadini per dire che ci sono stati sempre gli sfruttati e gli sfruttatori.
Zzappùlla = zappetta.
Zarabbuìnu = zotico rozzo, (zzauddu) (M.G.P.).
Zzaùddu (dallo spagnolo “zurdo”, sciocco) = zotico, rozzo, incivile, sporchissimo.
Zzibbu (Mi chiedo da una vita quale sia o possa essere l'etimologia del vocabolo "zzibbu". A parte sapere che aveva a che fare con il mondo  dell'agricoltura essendo forse una specie di pagliaio, non so altro. Che derivi dall'arabo? G.D.B.). Zzibbu o Zzmbu (deriva forse dall’arabo) = spazzatura.
Zicurìzza = Liquirizia (V. S.).
Zichi-zachi = Andamento ad angoli di un percorso, di una linea. Camminare non dirittamente ma di qua e di là. (M. R.)
Zzilla = diarrea (A. F.). Io ricordo scirra (nl).
Zzimba = Termine arabo: disordine e sporcizia diffusa (M. R.). Alloggio dei maiali. Stanza sporca e disordinata (L. M.).
Zzìmbaru (dal greco chimaros) = caprone, il maschio della "crapa" (capra).

Zimbìriu (?) = recipienti di paglia a forma triangolare uniti in modo da poterli caricare sul dorso di una bestia da soma per il trasporto di concime o altro. Lo zzimbiriu o zzumbiriu era un contenitore particolare che si poneva di traverso sulla groppa delle bestie da soma, per trasportare lo stallatico ('a grasciura). Più che di una bisaccia (‘i bètturi), si trattava di un lungo e grande sacco ottenuto intrecciando accuratamente steli di Giunchetto, così da formare un involucro dotato di particolare resistenza meccanica.

Zziti = Gli sposi novelli. Ma anche: fidanzati (M. R.)
Zzititta = ingiuria di una famiglia di Bronte. Una persona permalosa veniva apostrofata Ninu Zzititta, non so perché, forse nel ricordo di qualcuno che portava quel nome ed è passato alla storia per la sua permalosità (L. M.). Esiste anche 'a ruga della Zzititta, delimitata dalla via V. E. Orlando (“a scinduta ra Zititta”) (aL).
Zzìu = zio ("Me zzìu" = mio zio); se seguiva il nome diventa "zzù" ("me zzù Nninu" = mio zio Nino) (aL). Molti definivano il topo "zzìu" per riprodurne il presunto verso, quindi con finalità onomatopeica (M.G.P.).
Zzivìttura = civetta; civettuola, poco seria (M. R.)


'A zambàra (Agave) e, sutta, na seggia ri zambàra



"Scappitti", antiche scarpe di contadini
I zampitti

Zzo, zzo! = forse equivale allo “sciò, sciò!” che si usa per allontanare galline o altri animali domestici. L’ho preso dalla frase “zò,zò! Ognunu cu’i so’!” che potrebbe equivalere a quella italiana: “mogli e buoi dei paesi tuoi”.

Zzocchè = cos'è od anche qualche cosa (Tav'a ddiri zocchè, ma mu scuddavu).
Zzòccu (dal francese coque) = ciò che, cosa (Ma chillu zzòccu vori?!).
Zzocchegghiè = qualsiasi cosa.
Zzocchererè = espressione usata per dire: "qualunque cosa è" (G. D. B.).
Zzoccuvò = qualunque cosa tu voglia. (S. P.)
Zzòlluru = escremento di topo o di coniglio. ("Novè!, cc'è un zòlluru i suggi!)

Zzocchè?
Zoccuvò
Zocchererè!
Zzocchegghiè!

Zopìru (?) = villano in senso dispregiativo.
Zzotta
= Sta ad indicare un avvallamento, una sorta di conca naturale esistente nelle nostre campagne (od anche la frusta del carrettiere!) (A.P.). Secondo me indica anche la conca che il contadino fa nel terreno per piantare qualcosa: es. “fari i zzotti pi chiantari i favi” (nl).
Zzù
= zio ("u zzu Gioszuvè").
Zzubbaru
= Mangiatore di zubbi (o di minchi).

Zzubbi: = indica una pianta di poco conto, mangiata una volta dai Malettesi, i quali perciò venivano chiamati zubbàri, soprannome da loro non gradito e motivo, quindi, di zuffe.
I tempi sono cambiati, ma l’atavico campanilismo, per usare un eufemismo, tra i Malettesi e i Brontesi, non è affatto cambiato. Ed io cercherò di darne una spiegazione non solo sociologica, ma addirittura linguistica, come era nelle mie intenzioni, partendo da una scoperta che ho fatto solo in questi giorni e che mi obbliga a rivedere qualche mio etimo, come quello di zubbu (dall’arabo zubb) = membro virile, e quindi zubbaru = mangiatore di minchi (alla brontese).
Fino ad oggi io non davo una etimologia, pensando che fosse una pianta o qualcosa di simile, perché questa mia convinzione scaturiva dalla consuetudine, comune sia a Bronte che a Maletto, di rispondere all’abituale domanda: chi mangiasti? con risposte come: pani e pitrulli, di un ragazzino, o cazzi, cucuzzelli e ova, di un adulto, brontesi; mentre i Malettesi rispondevano: zubbi. Queste risposte, secondo me, erano date o per nascondere una dignitosa povertà, allora molto diffusa, o per nascondere una certa e relativa agiatezza, per non farsi invidiare. Sennonché i Malettesi, che usavano la parola zubbi  per non dare conto dei fatti loro, se venivano poi chiamati, di conseguenza, zubbari, conoscendone il significato effettivo di mangia minchi, si arrabbiavano e spesso menavano le mani, ma molte volte si vendicavano a sassate, approfittando del pietrisco sparso per le strade e che in estate diventava polvere.
Questi fatti dimostrano che in due Comuni limitrofi, Bronte e Maletto, si presentano due civiltà diverse: nel primo quella greco-romana e nel secondo quella araba, evidenziate dallo stesso vocabolo, origine della vita, che deriva nell’una dal latino mentula, e nell’altra dall’arabo zubb. Come si evince dalle suesposte considerazioni, la sociologia si sposa bene con la linguistica per confermare un fenomeno comportamentale che stenta a scomparire, sebbene le condizioni economico-sociali siano cambiate. Per concludere zubbu deriva dall’arabo zubb (= membro virile), e quindi zubbaru = mangiatore di minchi, con buona pace degli amici Malettesi. (nl)
«Ho letto la Sua etimologia e la trovo abbastanza aderente alla verità, in quanto nelle zone desertiche dell'Arabia Saudita, ho trovato una pianta che prima di fiorire aveva un “turione” simile ad un cazzo con dei rigonfiamenti alla base che chiamavano “Zubb al …” ovvero Cazzo d'Asino. I “Zubbi marittara” corrispondono alla specie botanica Asfodeline Lutea, (vedi foto) e della quale anche i brontesi ne mangiavano i teneri germogli con il nome di “Bambuscitti”.» (Prof. Nunzio Longhitano)
Per fini alimentari, di questa pianta erbacea si consuma lo scapo fiorale (ggiumbu) immaturo, quando ancora è avvolto dalle guaine membranose delle foglie. 'U ggiumbu si sbollenta, previa asportazione delle guaine, e poi si cucina in frittata, con le uova, o si cuoce alla brace, bagnandolo nel pinzimonio (sammurìgghiu). (aL)

Zzuccu (dall’arabo suk) = ceppo tagliato, base del tronco di un albero. (M. R.)
Zuzu: gelatina di maiale, dal germanico antico sulz. (N. R.)


 Zzubbi marittara, corrispondono alla specie botanica Asfodeline Lutea.



Run bellu àbburu lassànu suru 'u zuccu.


[A] [B] [C] [D] [E] [F] [G] [H] [I] [J] [L] [M] [N] [O] [P] [Q] [R] [S] [T] [U] [V] [Z]

Questo vocabolario è aperto a tutti: chiunque, a conoscenza di altre antiche parole o detti brontesi, può comunicarli a “Bronte Insieme” che provvederà a inserirli. Potrai inter­venire inserendo nuovi etimi o altri vocaboli o frasi interessanti. Anche i «?» sono stati volutamente lasciati in attesa di una tua integrazione.

Powered by Ass. Bronte Insieme - Ultimo agg. marzo 2017

   AFORISMI BRONTESI