Ti trovi in:  Home-> News ed Eventi

Ultime dall'Italia e dal mondo


 5 Dicembre 2018

Anniversario della nascita

Bronte ricorda il poliedrico artista Sciavarrello

Bronte ha ricordato il prof. Nunzio Sciavarrello, indimenticato pittore, scenografo, incisore, fondatore dell'Accademia di Belle Arti, in occasione dei 100 anni dalla nascita. Il dott. Carmelo Indriolo, presidente della Pinacoteca, insieme con il Comune, ha organizzato un importante e partecipato convegno dal titolo “Nunzio Sciavarrello: L’uomo e l’artista”.

Presente la Giunta municipale, il presidente del Consiglio comunale Nino Galati e numerosi consiglieri. A relazionare, dopo l’introduzione del dott. Indriolo ed i saluti del vice sindaco Gaetano Messina, la prof.ssa Giuseppina Radice. Presenti i figli del prof. Sciavarrello: Patrizia, Clelia ed Andrea.

«Questa è una giornata di festa – ha affermato Indriolo – il modo migliore per ricordare il profilo umano e artistico del fondatore di questa pinacoteca». «Nostro padre – ha aggiunto Clelia Sciavarrello – durante la vita ha coltivato tanti sogni che si sono realizzati e continuano a realizzarsi. Questa Pinacoteca era un suo sogno e ci è riuscito».

«È sbagliato – ha affermato la prof.ssa Radice – scindere le figure dell’artista e dell’uomo. Sciavarrello ha investito tutte le sue energie per quello cui credeva. Affrontava i problemi con energie e li risolveva». Presenti numerosi ospiti. Fra questi Enzo Indaco, Egidio Incorpora, Ninetta Minio, l'avv. Enrico Ciraldo ed il dott. Piero Martello, magistrato brontese e presidente del Tribunale del lavoro di Milano. [La Sicilia, Giornale di Sicilia]

 



3 Dicembre 2018

Il sindaco nega tutto

Graziano Calanna, sindaco di BronteGraziano Calanna interrogato dal gip di Catania dopo l’arresto per istigazione alla corruzione

Ha rigettato ogni accusa nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip di Catania il sindaco di Bronte Graziano Calanna, agli arresti domiciliari per istigazione alla corruzione nell’ambito dell’operazione “Aetna” della guardia di finanza coordinata dalla Procura. Lo rendono noto i suoi legali, gli avvocati, Carmelo Peluso e Maria Mirenda, sottolineando che “ha risposto a tutte le domande del giudice”. (La Sicilia web)


1 Dicembre 2018

Calanna sospeso dal Prefetto

Agli arresti domiciliari il sindaco di Bronte

(Giornale di Sicilia). Per la «gravità del fatto», in un contesto in cui «l'indagato risultava già avere sollecitato accordi corruttivi collegati all'esercizio delle sue funzioni», per il sindaco di Bronte «sussiste il concreto e attuale pericolo di reiterazione di reati della stessa specie». E dunque il GIP di Catania, Giuliana Sammartino, per Graziano Calanna ha disposto gli arresti domiciliari. Già in tarda mattinata è arrivata la sospensione dalla carica di sindaco, disposta dal prefetto Claudio Sammartino, intervenuto a seguito della misura restrittiva, in esecuzione dell'ordinanza del Tribunale di Catania, cui è stato destinatario il primo cittadino.

Per Bronte, va da sé, un terremoto politico. Il sindaco è accusato di istigazione alla corruzione, in concorso con Concetto Bellia Sebastiano Musumeci, ritenuti «intermediari» della richiesta di Calanna a Stefano Urbani, amministratore della “Etra”, azienda veneta che aveva fatto richiesta al Comune di Bronte per un project financing per manutenzione e sfruttamento dell'energia elettrica prodotta dall'acquedotto comunale. Calanna, secondo l'accusa, chiede una consulenza da 20mila «in favore di una persona di fiducia», in cambio di una voce di pari importo da inserire nel progetto e dunque a carico del Comune. Ma l'imprenditore ha rifiutato. (leggi tutto)




24 novembre 2018

Corte dei conti, Regione e Tao Arte esaminano un esposto

Indagini sugli eventi pirandelliani del 2017

L’evento pirandelliano da 100mila euro, realizzato a Bronte a dicembre 2017, con un esposto dei consiglieri comunali Valeria Franco, Antonio Leanza, Rosario Liuzzo e Pina Pagano finisce sui tavoli della Procura della Corte dei conti, dell’Assessorato regionale al turismo e del Comitato Taormina Arte, per accertare la regolare gestione dei fondi da parte del comune. Da Tao Arte, il segretario generale Ninni Panzera preannuncia verifiche. Il sindaco Calanna precisa che "sono state osservate le procedure previste da tutte le normative di settore».

Giunta e consiglieri certi dell'innocenza di Calanna

A seguito della vicenda che ha coinvolto il sindaco Gra­zia­no Calanna, la Giunta municipale ed i con­siglieri comu­nali Antonio Petro­naci, Samanta Longh­itano, Ausilia Savoca, Giuseppe Cur­renti, Giuseppe Di Mulo, Angelica Catania, Gaetano Messina, Salvino Luca, Franco Catania ed il presi­dente Nino Galati hanno dichiarato:
«L’azione ammini­strativa sempre traspa­rente ed appron­ta­ta alla legalità costituisce la prova regina per dimostrare la completa ed assoluta estraneità del sindaco di Bronte nel­l’unica vicenda che gli viene contestata. Si confida in ogni caso nel lavoro della magi­stratura e della giustizia che cer­tamente, in tempi rapidi, farà luce sull’ef­fettivo verificarsi degli eventi e che confermerà sicura­mente l’inno­cenza del sindaco Calanna».

 



13 Novembre 2018

IL CASO OSPIZIO DEI VECCHI

Ancora un impedimento procedurale con rinvio a Settembre 2019

Rinvio bis del processo sull'Ospizio dei vecchi

I presunti maltrattamenti avvenuti all'istituto San Vincenzo de' Paoli

Un impedimento procedurale per la seconda volta ha fatto rinviare al 16 settembre 2019 la prima udienza del processo, presso la seconda sezione monocratica del Tribunale per maltrattamenti e abbandono di incapace istruito nei confronti del sacerdote Don Luigi Minio, 87 anni, presidente della fondazione Istituto San Vincenzo dei Paoli - Padre Marcantonio, noto come Ospizio dei vecchi di Bronte e di 4 dipendenti.

NOTIZIE DA BRONTE

Quotidiani, Giornali on line

Bronte118, Live SiciliaLa Sicilia, Corriere della Sera, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Fanpage.it, HuffingtonPost, Il Giornale, Libero, La Verità, Affari Italiani, Il Foglio, Il Messaggero, Il Manifesto, Giornale di Sicilia, Corriere del Mezzogiorno, Il Sole 24 Ore, Gazzetta dello Sport, Quattroruote, L'Espresso,  Panorama, Focus, Dove

Sky Rassegna stampa - Ansa - AGI
Google News, Rai News 24,
 TG 24.Sky, Repubblica TVTG COM 24,
TG 5, Rai TV Notizie - RAI-Televideo
 Oggi in TV Rai

Piccolo vocabolario brontese

UNO SGUARDO AL FEMMINILE

di Laura Castiglione

L’agente immobiliare

Hai un appartamento da vendere? Ci pensiamo noi. Veniamo a vederlo, lo valutiamo gratis e ...

Si parla di ...

Le storia si ripete: il nubifragio del 1948
Bronte e l'Irlanda nel nome di Nelson
Èlia Longhitano
Le cosiddette ingiurie a Bronte
Giuseppe Melardi, poeta
Abate Giuseppe Castiglione
Teodoro Aidala
il Barone Giuseppe Spedalieri
Il Castello dei Nelson, restauri e trasformazioni
Il pane e… altro nella tradizione

 

RICERCA NEL SITO

Consulta i Registri della Matrice

E-Book per Voi

Libri ed altro su Bronte Insieme

I nostri libri in formato

Google Maps

Bronte Street Guide

vers. in

Contrade di Bronte

Aeroporto: Partenze - Arrivi
Elenco telefonico, Orario ferroviario

Cerca il CAP - Calcola il codice fiscale

Gazzetta Ufficiale Italiana

Borsa Italiana-Azioni

Normattiva

La tua radio in diretta

Scegli tra 330 stazioni


Meteo e webcam live a Bronte

Meteo Ansa - Meteo.it


FACCE DI BRONTESI


 

«La struttura, che ospita anziani, è un ente ecclesiastico. Agli atti dell'inchiesta della procura avviata dopo alcuni esposti e resa nota nel settembre 2017, sono confluite indagini dei Carabinieri della compagnia di Randazzo e del Nas. Le parti offese nel procedimento sono 62. Imputati con padre Minio anche Vincenzo Greco, di 37 anni, Vincenzo Lembo, di 38, Renato Minio, di 43, Rita Riolo, di 49. I cinque imputati sono accusati dalla Procura «di aver reso la vita degli anziani ospiti particolarmente penosa e dolorosa aggredendoli verbalmente con ingiurie e minacce, non assicurando loro adeguati sufficienti pasti».
Due degli indagati avrebbero anche «costretto dei disabili a consumare i pasti in una stanzetta ripostiglio» e usando nei confronti di quattro ospiti «violenza fisica consistita in spintoni e schiaffi e pugni». La Procura contesta anche «condizioni minime di assistenza agli anziani, condizioni igieniche insufficienti, e personale qualificato per l’assistenza, come la presenza di un solo operatore per 61 ospiti la notte». Al sacerdote è contestata anche «l'omessa comunicazione all'autorità di Ps dall'ingresso nella struttura delle generalità complete delle persone alloggiate».

La prossima udienza fissata è stata fissata fra 10 mesi. [Fonte Giornale di Sicilia del 13.11.2018]

Il caso Ospizio dei vecchi, i precedenti

14.3.2018: Difetto procedurale, slitta ancora la prima udienza

19.1.2018: I 5 rinviati a giudizio dal Gup - La difesa: «Dimostreremo che l’accusa non regge»

6.10.2017: Chiesto al Gup il proscioglimento ma l'udienza è rinviata a gennaio causa difetti di notifica alle parti

24.9.2017: Tutto il clero brontese difende Padre Luigi Minio

23.9.2017: «Parla il Presidente del lager»

21.9.2017: La Sicilia, "Ospizio-Lager a Bronte



13 Novembre 2018

Polo sportivo, consegnati i lavori all'impresa

Opere da completare in 18 mesi

E' arrivata, dopo appena più di 10 giorni dall’aggiudicazione, la consegna all’impresa del catanese che ha vinto la gara d’appalto dei lavori del Polo sportivo di via Dalmazia. “La consegna dei lavori - spiega il sindaco – è contemporaneamente parziale e d’urgenza". (leggi tutto)



28 ottobre 2018

Calanna: «Questa chiesa dovrà presto tornare ai fedeli»

Chiesa del Rosario, al via la ristrutturazione

Consegna ed inizio dei lavori a dicembre

E’ da circa 10 anni che i brontesi attendevano questa notizia. La commissione di gara chiamata ad esaminare tutte le offerte pervenute, ha emesso il suo verdetto: ad aggiudicarsi i lavori per la ristrutturazione della centralissima Chiesa del Rosario è stato una ditta del catanese che, su un finanziamento complessivo di 800 mila euro, di cui 500 mila destinati esclusivamente ai lavori, ha effettuato un ribasso del 33%. (leggi tutto)



, 15 settembre 2018

Oggi l’inaugurazione: cancellato Bixio

Via Vittime Eccidio di Bronte

Rometta rende onore ai giusti

Oggi pomeriggio a Rometta Marea l’intitolazione dell’ormai ex via Nino Bixio alle vittime dell’eccidio di Bronte.

Un’intitolazione dal grande significato storico. Così la via Nino Bixio diverrà via Vittime dell’eccidio di Bronte, ricordando l’episodio avvenuto a Bronte tra il 2 e il 10 Agosto 1860 durante la spedizione dei Mille. Qui si verifica un’insurrezione popolare contro i proprietari terrieri, di cui fu attuata una repressione da parte dei garibaldini guidati da Nino Bixio: la repressione provocò 16 vittime.

«Senza nessuna strumentalizzazione – afferma il sindaco Nicola Merlino – l’ammini­strazione comunale, in sinergia con la commissione per la toponomastica, ancorando rigorosamente il proprio agire ai fatti storici accaduti e documentati, ritiene neces­saria una approfondita rilettura della storia e una conseguente rivisitazione della toponomastica cittadina».

A seguire, nell’aula della delegazione comunale di Rometta Marea, si svolgerà un dibattito sulla storia risorgimentale scritta dai vincitori (...) [s.s.]

- Vedi pure: Rometta cancella via Nino Bixio su MeridioNews



23 Luglio 2018

"Prendi un libro lascia un libro"

Parte Girolibro, biblioteca a cielo aperto

«Dobbiamo essere cittadini attivi e responsabili»

Hanno costruito, legno dopo legno, con fondi del Bilancio Partecipativo 2017, minuscole biblioteche a cielo aperto, piccole bacheche urbane, inaugurate lo scorso 18 luglio a Bronte, presentandole ai concittadini.

L’idea è partita da Maria Gatto, 31 anni, che ha subito coinvolto nel progetto di Girolibro il fratello 26enne Simone e il fidanzato 31enne Elio Longhitano, tutti e tre originari di Bronte. «Le abbiamo collocate in giro per la città e speriamo che i brontesi non solo le utilizzino ma ne diventino custodi».

Il progetto, molto semplice, permette a chiunque, gratuitamente e senza tesserarsi di

- scambiare un libro con uno di quelli presenti nella piccola biblioteca

- prendere in prestito un libro, leggerlo e riconsegnarlo presto una delle postazioni site in viale Catania (Villa Comunale), Piazza Aldo Moro, Piazza N. Spedalieri e via Matteo Selvaggi (viale J. Kennedy).

- donare un libro.

«L'idea - si legge nelle postazioni - prende spunto dall'iniziativa "Little Free Library", nata negli Stati Uniti nel 2009, grazie ad una trovata di Tood Bol che s'inventa una biblioteca che tutti possono contribuire ad arricchire con propri libri, così da rigenerare sempre la quantità di titoli presenti». Il servizio è gratuito. (vedi anche MeridioNews)



9 Giugno 2018

La Tari non sarà aumentata

Nessun aumento della Tari e presto una rivoluzione nella gestione delle strisce blu. Il Consiglio comunale di Bronte, presieduto da Nino Galati, infatti, ha approvato all’unanimità dei presenti, la Tari per l’anno 2018, con il Comune che, avendo superato il 35% di raccolta differenziata, ha evitato l’aumento previsto dalla Regione. Il Consiglio ha anche approvato il “Regolamento per la disciplina sulla modalità d’uso dei parcheggi a pagamento non custoditi nel territorio comunale” con l’Amministrazione che prevede di esternalizzare il servizio e far istallare le colonnine per il pagamento della sosta.

Durante la seduta Galati ha informato l’Assemblea che a seguito della razionalizzazione della rete scolastica regionale c’è il rischio che il primo circolo didattico perda l’autonomia. Poi il Consiglio a maggioranza ha approvato la “Ricognizione degli immobili di proprietà comunale suscettibili di alienazioni” e la convenzione per il servizio di segreteria tra Comuni di Bronte e Linguaglossa. [Fonte La Sicilia del 9.6.18]



Gennaio 2018

INTERDETTO AL PUBBLICO PER LAVORI DI RESTAURO

Castello Nelson ancora chiuso da Ottobre 2016

Calanna: «Fine lavori ad Ottobre 2017»

Un anno con il Castello Nelson chiuso al pubblico per i lavori di “restauro, ristrutturazione e riuso” dell’antico maniero. Così ad ottobre 2018 ha stabilito l'ordinanza avente per oggetto l'«interdizione temporanea della struttura museale denominata "Castello Nelson Bronte"», firmata dal sindaco Calanna il 12 ottobre 2016. Da allora, fra ricorsi e contro ricorsi, tutto è rimasto fermo, bloccato: nessun lavoro è mai iniziato al Castello, anche se a dispetto di tutti, turisti e non, è rimasto chiuso. La "struttura museale denominata Castello Nelson Bronte", come da definizione dell'ordinanza sindacale del 12 ottobre 2016, resta "temporaneamente" interdetta. (leggi tutto)

Il sito è ottimizzato per una risoluzione video di 1024 x 768 pixel (o superiore)

       bronteinsieme@gmail.com

Home Page
Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus - Riproduzione riservata anche parziale

Bronte Insieme: dal 2002 oltre 3 milioni i visitatori con 9 milioni di pagine visitate