Ti trovi in:  Home-> News ed Eventi

Quotidiani, Riviste, Rassegna stampa & altro on line

Bronte118, Live SiciliaLa Sicilia, Giornale di Sicilia, Corriere della Sera, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Fanpage.it, HuffingtonPost, Il Giornale, Libero, La Verità, Affari Italiani, Il Foglio, Il Messag­gero, Il Manifesto, Il Sole 24 Ore, Corriere del Mezzo­gior­no, Gazzetta dello Sport, Quattro­ruote, L'EspressoPanorama, Focus, Dove

Sky Rassegna stampa, Ansa, AGI, Adnkronos, Google News

Sky TG 24 - La7 - TV8 - Repubblica TV - TG COM 24, TG 5, Mediaset Guida TV - RaiNews 24, RaiPlay-Live, Televideo, Oggi in TV Rai

Gazzetta Ufficiale Italiana - Borsa Italiana-Azioni - Normattiva - Meteo Ansa - Meteo.it

Aeroporto: Partenze - Arrivi / Elenco telefonico, Orario ferroviario / Cerca il Cap - Calcola il Codice fiscale


NOTIZIE DA BRONTE
NEWS & EVENTI da BRONTE



15 Novembre 2019

Storia, Religioni, Cultura - Sabato 23 Novembre

Magdi Allam al Circolo di Cultura

L'Islam nell'anno Mille a Bronte

«L'Islam nell'anno Mille a Bronte» è il tema di un interessante convegno in programma per le ore 17,30 di Sabato 23 Novembre 2019 al “Circolo di Cultura Enrico Cimbali”. Dopo i saluti di rito e l'introduzione del giornalista Luigi Putrino, nelle funzioni di moderatore, il programma prevede interventi del Procuratore aggiunto della Procura distrettuale della Repubblica di Catania, Marisa Scavo, e dello scrittore Magdi Cristiano Allam che presenterà il suo libro “Il Corano senza veli” (la verità sul libro sacro dell’islam).

Allieteranno la serata Adriana Cannata (flauto) e Francesco Casella (viola) che negli intervalli eseguiranno alcuni brani musicali.

Il tema del convegno è particolarmente interessante per noi. Basti pensare al pistacchio portato nel nostro territorio e lasciatoci in eredità dagli arabi; alla sanguinosa battaglia del 1040, quando, a pochi chilometri da Bronte (a Ghiran ad-Daqiq, nota come Grotte dei Saraceni) il generale bizantino Giorgio Maniace sconfisse le truppe musulmane; al luogo che prese il suo nome ed all’Abbazia di Santa Maria ivi fondata per ringraziare il cielo della vittoria riportata contro gli Arabi.

Nel complesso questo periodo della storia di Bronte può essere considerato fra i più felici: nella Valle del Simeto gli arabi trovarono terreno fertile, si integrarono e riuscirono a vivere in perfetta simbiosi con la popolazione preesistente. Buoni agricoltori, introdussero la coltivazione di nuove piante, costruirono canali di irrigazione e diedero l'avvio all'industria della carta e della seta. Bronte ricavò grandi benefici specie dalla coltivazione del pistacchio riuscendo a trasformare molto terreno “sciaroso” in campi altamente produttivi. Frastùca e frastucàra che rispettivamente indicano il frutto e la pianta sono di chiara origine araba.

L'evento è organizzato dall'Associazione Bronte Insieme, dal Lions Club Adrano-Bronte-Biancavilla, dal Rotary Aetna Nord-ovest, dalla Sezione brontese della Fidapa, dal Club Donne insieme, dal Telefono Rosa e dal Circolo di Cultura E. Cimbali che ha messo a disposizione i propri locali. L'ingresso è libero.



7 Novembre 2019

Comune. Variazioni di bilancio

Un milione e 300 mila euro per opere pubbliche

La minoranza: "approvate grazie ai nostri voti"

Il Consiglio comunale ha approvato variazioni di bilancio per più di un milione 300 mila euro. Con questi fondi l’Amministrazione comunale intende realizzare una serie di interventi volti allo sviluppo della cittadina. La minoranza rivendica l'approvazione, la maggioranza risponde che "è un dovere lavorare per il bene del paese". (leggi tutto)



22 ottobre 2019

Le malandate strade brontesi

Nuovo esperimento per coprire le buche

Di Mulo: «Lo abbiamo provato e sembra funzionare»

Nelle strade i Bronte è stata effettuata una specie di sperimentazione. Alla presenta del sindaco e dell’assessore Di Mulo, una società che effettua riparazioni del manto stradale, ha sperimentato un sistema, già utilizzato in alcuni Comuni e fra questi anche Milano, che può essere definito innovativo.
Utilizzando un riscaldatore ad infrarossi ed un termo-contenitore di asfalto, questa società ripara l’asfalto in maniera permanente, senza giunture, sostenendo pure di garantire un risparmio sui costi. I riscaldatori ad infrarossi, infatti, riscaldano lo strato di asfalto usurato ad oltre 170°. L’asfalto ammorbidito torna nuovamente lavorabile e così aggiungendo altro asfalto a 175°C questa società riforma il tappetino senza giunture in maniera più resistente rispetto alla riparazione a freddo. La società è così sicura del risultato che è pronta a risarcire gli automobilisti nel caso in cui la buca si dovesse riaprire in tempi brevi. “Lo abbiamo provato e sembra funzionare. – ha affermato l’assessore Di Mulo – Adesso effettueremo delle valutazioni tecniche ed economiche. Quando saremo certi della reale convenienza decideremo”.



26 Settembre 2019

STRADA RURALE NEL PARCO DELL'ETNA

Ruspe in azione e colata di cemento in contrada Musa

Ruspe in azione e colate di cemento in una zona protetta dell’Etna, in contrada Musa a Bronte, ma dal comune assicurano: "Lavori regolari e da completare".

Domenica scorsa, dopo un intervento di livellamento del fondo naturale con una pala meccanica, secondo quanto segnalatoci, col calcestruzzo sono stati pavimentati tratti di un sentiero ricadente in zona B del Parco dell’Etna. La strada rurale è quella che si è dovuta percorrere avanti ieri, per raggiungere il sito naturalistico, scelto dal Comune, per tenere la conferenza stampa di presentazione della "XXX Sagra del pistacchio verde dop di Bronte". (leggi tutto)



Settembre 2019

Il Castello, il Museo di Sculture in pietra lavica e i Giardini interdetti al Pubblico da Ottobre 2016 per Lavori di restauro

Castello Nelson ancora chiuso

I lavori sono ancora in alto mare e rischiano di rimanerci

Tre anni con il Castello che fu di Horatio Nelson chiuso al pubblico per i lavori di “restauro, ristrutturazione e riuso” dell’antico maniero. Così il 10 ottobre 2016 ha stabilito l'ordinanza avente per oggetto l'«interdizione temporanea della struttura museale denominata "Castello Nelson Bronte"», firmata dal sindaco Calanna. Da allora, fra ricorsi, contro ricorsi e problemi vari, tutto è rimasto fermo, bloccato: nessun lavoro è mai iniziato, e a dispetto di tutti, turisti e non, tutto (appartamenti ducali, chiesa, museo di sculture in pietra lavica, giardino inglese, ...) è rimasto anche sbarrato e inaccessibile. La "struttura museale denominata Castello Nelson Bronte", come da definizione dell'ordinanza sindacale del 2016, è restata  "temporaneamente interdetta". Dopo tre anni, nel mese di giugno scorso, veniva segnalata una interlocuzione intensa fra l'Amministrazione comunale ed il Consorzio di imprese Ciro Menotti di Ravenna che nel luglio del 2016 si é aggiudicato i lavori. Il complesso museale del Castello però resta ancora interdetto ai visitatori ed ai pochi turisti che arrivano a Bronte e rischia di rimanere chiuso ancora a lungo. (leggi tutto)



18 Giugno 2019

COMIZIO DEL SINDACO

Calanna: «Ho chiesto il rito abbreviato»

Particolarmente commosso all'inizio, ma determinato alla fine. Graziano Calanna ha abbracciato la sua città in un comizio pubblico tenuto in piazza Cimbali alla presenza dei suoi quattro assessori. Commozione formazione iniziale dovuta ai riferimenti riguardo la sua vicenda giudiziaria. Graziano Calanna ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato che, come ha affermato durante il comizio «e cosa ben diversa dal patteggiamento. In giro - ha continuato - sento tante voci sbagliate.  Il patteggiamento lo chiede che ammette una responsabilità, il rito abbreviato chi vuole un processo più veloce per far emergere presto la verit». «Ringrazio - ha proseguito - la mia Giunta i consiglieri di maggioranza per avere retto bene il paese durante la mia assenza, come ringrazio quei consiglieri di opposizione che non si sono cimentati in attività di sciacallaggio politico». Poi la descrizione delle tante attività svolte: «Ho desistito dall'idea di leggervi una relazione. Vi avrei annoiato perché troppo lunga». (...)

Un comizio cui la gente ha partecipato anche intervenendo, ed in tanti hanno ribadito l'importanza di avere un ospedale vero. «Oggi con l’Asp c’è un ottimo rapporto. Apprezzo il dinamismo del direttore generale che ha tanta voglia di fare - ha detto - Abbiamo chiesto e presto otterremo una nuova Tac, una nuova ambulanza ed un nuovo pronto soccorso»


       bronteinsieme@gmail.com

Home Page
Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus - Riproduzione riservata anche parziale / Il sito è ottimizzato per una risoluzione video di 1024 x 768 pixel (o superiore)

Bronte Insieme: dal 2002 4 milioni i visitatori con 9 milioni di pagine visitate