14 Febbraio 2019

Ospedale declassato

82 posti letto e non 84

Ottantadue posti letto invece di 84, un’unità operativa complessa, otto semplici e quattro unità operative dipartimentali più Anestesia, Pronto soccorso, Radiologia, Laboratorio analisi e Direzione sanitaria. Sono i numeri dell'Ospedale di Bronte, definito di “zona disagiata” dal decreto dell'assessore per la Salute sull'adeguamento della rete ospedaliera pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale regionale. Il “declassamento” del Castiglione-Prestianni non sembra essere stato digerito da cittadini e sindaci che questo pomeriggio si riuniranno nella sala consiliare del Comune di Bronte. E, dal momento che non c'è più spazio per la mediazione politica, si ipotizza il ricorso al TAR. (leggi tutto)



13 Febbraio 2019

DA OGGI A BRONTE

Si differenzia l'olio domestico esausto

Bisogna recarsi al Centro di raccolta e versarlo in un apposito contenitore

Sembra un aspetto di poco conto, ma non lo è. Ogni volta che in casa smaltiamo nella rete fognaria l’olio con cui abbiamo cucinato, creiamo danni all’ambiente. Basti pensare che un chilo di olio vegetale inquina ben 1000 litri di acqua. Per questo il Comune si è dotato di un nuovo servizio. Grazie ad una convenzione totalmente gratuita, la “Sicilgrassi Spa”, da oggi permette a tutti di smaltire l’olio alimentare.
Una apposita stazione di conferimento è già stata sistemata presso il Centro di raccolta differenziata di contrada Santissimo Cristo. Il compito di ogni utente dovrebbe essere quello di raccogliere l’olio in una qualsiasi bottiglia di plastica, per poi recarsi al Centro di raccolta e versare l’olio nel grande contenitore. Ma non solo. Nei prossimi giorni la “Sicilgrassi” provvederà anche a sistemare dei contenitori più piccoli in tutte le scuole elementari e medie. In questi contenitori sarà anche più semplice differenziare, perché si potrà gettare direttamente la bottiglia di plastica con l’olio che contiene, senza bisogna di riversarlo.
«Il nostro progetto – afferma l’ing. Giovanni Pavone responsabile del progetto per la Siciligrassi – prevede anche azioni di sensibilizzazione nelle scuole elementari e medie. Ai bambini spiegheremo come si smaltisce l’olio ed il danno che creiamo all’ambiente quando lo versiamo nelle fognature. Ci saranno anche gare e concorsi per agevolare il programma ed invogliare i cittadini».



13 Febbraio 2019

Ammodernamento SS 284 tra Adrano e Bronte

Falcone: “Gara d’appalto entro primi giorni di marzo”

L’assessore alle Infrastrutture della Regione Siciliana Marco Falcone spiega come a breve sarà indetta la gara d’appalto per i lavori del nuovo tracciato della Bronte-Adrano (2° lotto di 3780 metri, approvati dal Consiglio di amministrazione dell'Anas) e anche quanto siano importanti da un punto di vista paesaggistico. «Il tratto stradale fra Adrano e Bronte – afferma  -, dalla lunghezza di circa 3,8 chilometri, sarà mandato in gara entro i primi giorni di marzo. L’importo inizialmente era di 54 milioni di euro ed è salito a 66 perché la Regione ne ha messi ulteriori 12. Si è perso molto tempo per le autorizzazioni paesaggistiche del Parco dell’Etna, per la manutenzione e per l’impatto ambientale, problemi che sono stati superati al fine di non far collidere quella che sarà la nuova arteria con il territorio. I tempi per l’inizio effettivo dei lavori dipenderanno dalla rapidità con la quale verrà indetta la gara d’appalto». Leggi tutto su NewsSicilia



8 Febbraio 2019

La squadra è quarta con un organico al 90% composto da giovani locali. E ha un bomber come Saccullo che ha già segnato 17 reti su 32 totali

Ciclope Bronte, il progetto vincente a “chilometro zero”

Il presidente Arcoria: «La passione per il calcio e un po’ di follia: un progetto che guarda avanti»

Valorizzare il patrimonio locale e ottimizzare le risorse. Coinvolgere la cittadinanza e rafforzare il senso di appartenenza. Far diventare il settore giovanile, negli anni, un serbatoio sempre più consistente per la prima squadra. La Ciclope Bronte, quarto posto in classifica nel girone C di Promozione, non finisce di stupire e allarga i propri orizzonti proponendo un progetto tecnico che fonda il 90% della rosa su giocatori brontesi. Anni di lavoro, risultati, successi sul campo hanno fatto la differenza... (leggi tutto)



30 gennaio 2019

Il Consiglio comunale "aperto" boccia il documento di programmazione già adottato dalla Regione

Piano paesaggistico non piace

«Si progettano soltanto vincoli»

“Il territorio è stufo di vincoli che impediscono tutto. La gente intende salvaguardare ambiente e paesaggio, ma vuole poter sviluppare agricoltura e turismo e strumenti come il Piano paesaggistico lo impediscono”.

E’ il messaggio che si può trarre alla fine del Consiglio comunale straordinario ed "aperto" convocato dal presidente Galati, all’interno della Pinacoteca “Nunzio Sciavarrello” , sul Piano paesaggistico. “I vincoli imposti nel Piano – ha affermato in apertura il presidente Galati - finiranno per condizionare le scelte dei cittadini e delle attività economiche. Noi abbiamo l’obbligo di difendere pistacchieti e frutteti”. Il riferimento è certamente ai molti dubbi ed a tutti quei vincoli che impediscono qualsiasi attività edilizia soprattutto nelle fasce di rispetto di boschi e fiumi.

“Un Piano è necessario per regolamentare il territorio – ha aggiunto il vice sindaco Messina – ma questo qualche criticità la evidenzia. Fra queste un centro storico troppo grande ed un bosco stranamente individuato nell’area del Castello Nelson che ci impedirebbe di ricostruire il Borgo Caracciolo. Non ci resta che presentare osservazioni ed invito i cittadini a farlo”.

Per l’architetto Luigi Longhitano, che ha fatto parte dell’ “Osservatorio regionale per la qualità del Paesaggio” che ha contribuito alla redazione del Piano “questo non inserisce nuovi vincoli, semmai li regola in maniera diversa”. Il capo dell’ufficio tecnico del Comune ing. Salvatore Caudullo, ha ricordato che i termini entro cui si possono presentare osservazioni (7 febbraio per tutti, 25 aprile per i territorio vicini ai corsi d’acqua) e mostrato aree e vincoli.



12 gennaio 2019

Avvenuta la surroga di Antonio Leanza

Giuseppina Ruocco nuovo consigliere comunale

Ti trovi in:  Home-> News ed Eventi

NOTIZIE DA BRONTE

Quotidiani, Giornali on line

Bronte118, Live SiciliaLa Sicilia, Corriere della Sera, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Fanpage.it, HuffingtonPost, Il Giornale, Libero, La Verità, Affari Italiani, Il Foglio, Il Messaggero, Il Manifesto, Giornale di Sicilia, Corriere del Mezzogiorno, Il Sole 24 Ore, Gazzetta dello Sport, Quattroruote, L'Espresso,  Panorama, Focus, Dove

Sky Rassegna stampa - Ansa - AGI - Adnkronos
Google News, Rai News 24,
 TG 24.Sky, Repubblica TVTG COM 24,
TG 5, Rai TV Notizie - RAI-Televideo
 Oggi in TV Rai

Piccolo vocabolario brontese

UNO SGUARDO AL FEMMINILE

di Laura Castiglione

Non resta che piangere... con ottimismo

Quando i figli lavorano fuori, i loro ge­ni­tori si fanno com­pa­gnia e si aiutano. Ma se uno dei due viene a mancare, na­sce il proble­ma e i figli per stare “sereni” mettono  ...

Si parla di ...

Il corpo insegnante del 1935
Le storia si ripete: il nubifragio del 1948
Bronte e l'Irlanda nel nome di Nelson
Èlia Longhitano
Le cosiddette ingiurie a Bronte
Giuseppe Melardi, poeta
Abate Giuseppe Castiglione
il Barone Giuseppe Spedalieri
Il Castello dei Nelson, restauri e trasformazioni
Il pane e… altro nella tradizione

 

Consulta i Registri della Matrice

E-Book per Voi

Libri ed altro su Bronte Insieme

I nostri libri in formato

Google Maps

Bronte Street Guide

vers. in

Contrade di Bronte

Aeroporto: Partenze - Arrivi
Elenco telefonico, Orario ferroviario

Cerca il CAP - Calcola il codice fiscale

Gazzetta Ufficiale Italiana

Borsa Italiana-Azioni

Normattiva

La tua radio in diretta

Scegli tra 330 stazioni


Meteo e webcam live a Bronte

Meteo Ansa - Meteo.it


FACCE DI BRONTESI


 

Aderisce al gruppo misto e si colloca all'opposizione

Giuseppina Ruoco, 43 anni, imprenditrice agricola, madre di 3 figli e sposata con l’ex consigliere comunale Salvatore Catania è il nuovo consigliere comunale di Bronte. Eletta nella lista “Sicilia Democratica – Protagonista sei Tu Leanza”, una delle 4 liste che nel 2015 sosteneva la candidatura a sindaco di Graziano Calanna (quarta della lista con 95 voti), ha surrogato Antonio Leanza che nei giorni scorsi ha presentato le dimissioni. La seduta del Consiglio comunale è iniziata con i ringraziamenti all’ex consigliere Leanza e l’invito a rivedere, se possibile, la sua decisione. Poi il polemico intervento del neo consigliere Ruocco. (segue)



12 Gennaio 2019

Sindaco ai domiciliari

M5S propone mozione di sfiducia

La replica del vice sindaco e del gruppo di maggioranza

Un appello a tutti i Consiglieri comunali di Bronte, di maggioranza e di opposizione, a sottoscrivere la mozione di sfiducia che il M5S locale intende presentare nei confronti del Sindaco Graziano Calanna, che dal 30 novembre 2018 si trova sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, nonché sospeso dall’incarico di primo cittadino”. A lanciarlo è la consigliera comunale del Movimento 5 Stelle di Bronte Valeria Franco. La replica del vicesindaco Gaetano Messina e del gruppo di maggioranza che sostiene il sindaco è sintetizzata in un manifesto affisso nelle strade di Bronte: «Piena fiducia in Graziano Calanna». (leggi tutto)



Graziano Calanna, sindaco di Bronte1 Dicembre 2018

Calanna sospeso dal Prefetto

Agli arresti domiciliari il sindaco di Bronte

(Giornale di Sicilia). Per la «gravità del fatto», in un contesto in cui «l'indagato risultava già avere sollecitato accordi corruttivi collegati all'esercizio delle sue funzioni», per il sindaco di Bronte «sussiste il concreto e attuale pericolo di reiterazione di reati della stessa specie». E dunque il GIP di Catania, Giuliana Sammartino, per Graziano Calanna ha disposto gli arresti domiciliari. Già in tarda mattinata è arrivata la sospensione dalla carica di sindaco, disposta dal prefetto Claudio Sammartino, intervenuto a seguito della misura restrittiva, in esecuzione dell'ordinanza del Tribunale di Catania, cui è stato destinatario il primo cittadino.

Per Bronte, va da sé, un terremoto politico. Il sindaco è accusato di istigazione alla corruzione, in concorso con Concetto Bellia Sebastiano Musumeci, ritenuti «intermediari» della richiesta di Calanna a Stefano Urbani, amministratore della “Etra”, azienda veneta che aveva fatto richiesta al Comune di Bronte per un project financing per manutenzione e sfruttamento dell'energia elettrica prodotta dall'acquedotto comunale. Calanna, secondo l'accusa, chiede una consulenza da 20mila «in favore di una persona di fiducia», in cambio di una voce di pari importo da inserire nel progetto e dunque a carico del Comune. Ma l'imprenditore ha rifiutato. (leggi tutto)



13 Novembre 2018

IL CASO OSPIZIO DEI VECCHI

Ancora un impedimento procedurale con rinvio a Settembre 2019

Rinvio bis del processo sull'Ospizio dei vecchi

I presunti maltrattamenti avvenuti all'istituto San Vincenzo de' Paoli

Un impedimento procedurale per la seconda volta ha fatto rinviare al 16 settembre 2019 la prima udienza del processo, presso la seconda sezione monocratica del Tribunale per maltrattamenti e abbandono di incapace istruito nei confronti del sacerdote Don Luigi Minio, 87 anni, presidente della fondazione Istituto San Vincenzo dei Paoli - Padre Marcantonio, noto come Ospizio dei vecchi di Bronte e di 4 dipendenti.

«La struttura, che ospita anziani, è un ente ecclesiastico. Agli atti dell'inchiesta della procura avviata dopo alcuni esposti e resa nota nel settembre 2017, sono confluite indagini dei Carabinieri della compagnia di Randazzo e del Nas. Le parti offese nel procedimento sono 62. Imputati con padre Minio anche Vincenzo Greco, di 37 anni, Vincenzo Lembo, di 38, Renato Minio, di 43, Rita Riolo, di 49. I cinque imputati sono accusati dalla Procura «di aver reso la vita degli anziani ospiti particolarmente penosa e dolorosa aggredendoli verbalmente con ingiurie e minacce, non assicurando loro adeguati sufficienti pasti». Due degli indagati avrebbero anche «costretto dei disabili a consumare i pasti in una stanzetta ripostiglio» e usando nei confronti di quattro ospiti «violenza fisica consistita in spintoni e schiaffi e pugni». La Procura contesta anche «condizioni minime di assistenza agli anziani, condizioni igieniche insufficienti, e personale qualificato per l’assistenza, come la presenza di un solo operatore per 61 ospiti la notte». Al sacerdote è contestata anche «l'omessa comunicazione all'autorità di Ps dall'ingresso nella struttura delle generalità complete delle persone alloggiate».

La prossima udienza fissata è stata fissata fra 10 mesi. [Fonte Giornale di Sicilia del 13.11.2018] 



Gennaio 2018

INTERDETTO AL PUBBLICO PER LAVORI DI RESTAURO

Castello Nelson ancora chiuso da Ottobre 2016

Calanna: «Fine lavori ad Ottobre 2017»

Un anno con il Castello Nelson chiuso al pubblico per i lavori di “restauro, ristrutturazione e riuso” dell’antico maniero. Così ad ottobre 2018 ha stabilito l'ordinanza avente per oggetto l'«interdizione temporanea della struttura museale denominata "Castello Nelson Bronte"», firmata dal sindaco Calanna il 12 ottobre 2016. Da allora, fra ricorsi e contro ricorsi, tutto è rimasto fermo, bloccato: nessun lavoro è mai iniziato al Castello, anche se a dispetto di tutti, turisti e non, è rimasto chiuso. La "struttura museale denominata Castello Nelson Bronte", come da definizione dell'ordinanza sindacale del 12 ottobre 2016, resta "temporaneamente" interdetta. (leggi tutto)

Il sito è ottimizzato per una risoluzione video di 1024 x 768 pixel (o superiore)

       bronteinsieme@gmail.com

Home Page
Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus - Riproduzione riservata anche parziale

Bronte Insieme: dal 2002 oltre 3 milioni i visitatori con 9 milioni di pagine visitate