12 gennaio 2019

Avvenuta la surroga di Antonio Leanza

Giuseppina Ruocco nuovo consigliere comunale

Aderisce al gruppo misto e si colloca all'opposizione

Giuseppina Ruoco, 43 anni, imprenditrice agricola, madre di 3 figli e sposata con l’ex consigliere comunale Salvatore Catania è il nuovo consigliere comunale di Bronte. Eletta nella lista “Sicilia Democratica – Protagonista sei Tu Leanza”, una delle 4 liste che nel 2015 sosteneva la candidatura a sindaco di Graziano Calanna (quarta della lista con 95 voti), ha surrogato Antonio Leanza che nei giorni scorsi ha presentato le dimissioni. La seduta del Consiglio comunale è iniziata con i ringraziamenti all’ex consigliere Leanza e l’invito a rivedere, se possibile, la sua decisione. Poi il polemico intervento del neo consigliere Ruocco. (segue)



12 Gennaio 2019

Sindaco ai domiciliari

M5S propone mozione di sfiducia

La replica del vice sindaco e del gruppo di maggioranza

Un appello a tutti i Consiglieri comunali di Bronte, di maggioranza e di opposizione, a sottoscrivere la mozione di sfiducia che il M5S locale intende presentare nei confronti del Sindaco Graziano Calanna, che dal 30 novembre 2018 si trova sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, nonché sospeso dall’incarico di primo cittadino”. A lanciarlo è la consigliera comunale del Movimento 5 Stelle di Bronte Valeria Franco. La replica del vicesindaco Gaetano Messina e del gruppo di maggioranza che sostiene il sindaco è sintetizzata in un manifesto affisso nelle strade di Bronte: «Piena fiducia in Graziano Calanna». (leggi tutto)



4 Gennaio 2019

Bronte, stallo politico dopo l'arresto di Calanna

Voci su passo indietro, ma è Leanza a dimettersi

L'ormai ex consigliere Leanza tira in ballo l'inchiesta che ha portato il sindaco ai domiciliari nella sua nota in cui dice addio al municipio. Scelta che sarebbe però legata a una staffetta già nei patti. Il futuro della giunta brontese è avvolto da punti interrogativi.
Si chiacchiera sulle possibili dimissioni del sindaco Graziano Calanna, ormai da più di un mese. Da quando, cioè, si trova agli arresti domiciliari a seguito dell'inchiesta Aetna della procura di Catania. Le dimissioni del sindaco non sono fra le ipotesi in campo, si disse allora, ed è questa la linea che l'ammini­strazione, decapitata del suo leader, mantiene ancora oggi... (leggi tutto su MeridioNews)



,  3 Gennaio 2019

Servizi comunali

Bronte, sale la differenziata
La raccolta passa al 50%

Mentre si dimette il consigliere Leanza si avviano nuovi lavori

La raccolta differenziata a Bronte sale dall’11 al 50% grazie «al nuovo servizio e alla collaborazione dei cittadini». A dirlo è il vice sindaco vicario, Gaetano Messina, nel tracciare un bilancio 2018. Ma il nuovo anno parte con un milione di lavori, con fondi comunali, e le dimissioni del consigliere Antonio Leanza, amareggiato «da opportunismo e trasformismo politico».

Su proposta dell’amministrazione del sindaco Graziano Calanna, a fine anno il consiglio, con i voti di maggioranza e opposizione, ha dato l’ok all’acquisto di due scuolabus e a circa un milione per lavori, di cui due riguardano il parco urbano, per realizzare la scalinata che lo colleghi al corso Umberto (147.248 euro) e demolire un fabbricato per creare un nuovo ingresso (82.436). Bandite distinte gare per asfaltare le vie Messina e Borsellino (194.000 euro), le vie Etna, Aldisio, Lucca, Siena, Pisa e Faraone (118.000), le vie capitano Basile e Antonino Grassia (116.500) e strade varie (37.000).

Per i risultati del 2018, oltre al vice sindaco Messina, soddisfatti si sono detti gli assessori Ernesto Di Francesco, Giuseppe Di Mulo e Chetti Liuzzo.

Aprono il 2019 anche le dimissioni da consigliere del presidente della commissione bilancio, Antonio Leanza, proposto assessore alle elezioni 2015 del sindaco Graziano Calanna, con cui ha subito divergenze che lo portano all’opposizione, a «tre rinunce a fare l’assessore», esami critici dei bilanci, esposti a Corte dei conti e Anac. Oltre al «disagio e disillusione nel vedere espressioni e costumi d’opportunismo e trasformismo politico» Leanza spiega: «Maturate da mesi, non rimando per evitare che le dimissioni appaiano conseguenti a una possibile conclusione anticipata del mandato, effetto dell’evento giudiziario che vede il sindaco sospeso dalla carica» [Luigi Putrino]



2 gennaio 2019

Gli subentra Giuseppina Ruocco

Si è dimesso il consigliere Leanza

Antonio Leanza, presidente della Commissione consiliare al Bilancio, questa mattina ha rassegnato le proprie dimissioni dal Consiglio comunale. Ha inviato una lettera al Presidente del Consiglio comunale, Nino Galati ed ai consiglieri, spiegando della sua decisione. «Con la presente – scrive Leanza - intendo comunicarVi le mie dimissioni dalla carica di Consigliere Comunale.... La mia decisione è maturata negli ultimi mesi e non ritengo più opportuno rimandare tale scelta...». Al suo posto sarà nominata consigliere comunale la signora Giuseppina Ruocco.  (leggi tutto)



30 dicembre 20188

L’Amministrazione comunale traccia il bilancio di un anno di lavoro

Il bilancio del sindaco Calanna

L’Amministrazione comunale traccia il bilancio di un anno di lavoro, sottolineando i tanti progetti e le iniziative che, pur facendo di Bronte una cittadina attiva e laboriosa, hanno lasciato un bilancio in attivo, un traguardo che pochi Comuni siciliani di questi tempi possono vantare. Assente per le note vicende il sindaco Graziano Calanna, è toccato al vice sindaco Messina, insieme con gli assessori Di Francesco, Liuzzo e Di Mulo ripercorrere l'attività del 2018. «Un lavoro lungo ed impegnativo. – ha affermato l’assessore... (leggi tutto)



28 dicembre 2018

Regione Sicilia: il Calendario degli eventi folkloristici, enogastronomici, culturali e religiosi del 2019 non comprende la Sagra giunta quest'anno alla 28ma edizione

La Sagra del Pistacchio bocciata dalla Regione

Il vicesindaco Messina: «La Commissione incaricata dia spiegazioni sui criteri adottati»

“Per carità capisco bene. Se ogni anno l’Expo del pistacchio verde di Bronte dop attira l’interesse di investitori, turisti e testate giornalistiche di quasi tutta Europa è normale che non sia degno di far parte del “Calendario delle manifestazioni di grande richiamo turistico” della nostra amata Regione siciliana”. C’è tanto sarcasmo in questa dichiarazione che rilasciano il vice sindaco Gaetano Messina e l’assessore Giuseppe Di Mulo dopo avere letto la lunga lista di eventi promossi dalla Regione per il 2019 attraverso il “Calendario” che elenca mese per mese tutti gli appuntamenti folkloristici, enogastronomici, culturali e religiosi, in programma il prossimo anno in tutta l’Isola. Calendario sancito con un decreto firmato dall'assessore regionale al Turismo, Sandro Pappalardo, che non comprende la Sagra del Pistacchio, che ricordiamo promuove uno dei prodotti tipici più buoni e soprattutto più ricercati del paniere dei prodotti tipici della Sicilia. (leggi tutto)

Ti trovi in:  Home-> News ed Eventi

NOTIZIE DA BRONTE

Quotidiani, Giornali on line

Bronte118, Live SiciliaLa Sicilia, Corriere della Sera, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Fanpage.it, HuffingtonPost, Il Giornale, Libero, La Verità, Affari Italiani, Il Foglio, Il Messaggero, Il Manifesto, Giornale di Sicilia, Corriere del Mezzogiorno, Il Sole 24 Ore, Gazzetta dello Sport, Quattroruote, L'Espresso,  Panorama, Focus, Dove

Sky Rassegna stampa - Ansa - AGI - Adnkronos
Google News, Rai News 24,
 TG 24.Sky, Repubblica TVTG COM 24,
TG 5, Rai TV Notizie - RAI-Televideo
 Oggi in TV Rai

Piccolo vocabolario brontese

UNO SGUARDO AL FEMMINILE

di Laura Castiglione

La vendetta che appaga

La vendetta di chi odia, temendo la galera, è ver­bale col detto: 'U Signuri ccià pinzari! Nel significato di  ...

Si parla di ...

Il corpo insegnante del 1935
Le storia si ripete: il nubifragio del 1948
Bronte e l'Irlanda nel nome di Nelson
Èlia Longhitano
Le cosiddette ingiurie a Bronte
Giuseppe Melardi, poeta
Abate Giuseppe Castiglione
il Barone Giuseppe Spedalieri
Il Castello dei Nelson, restauri e trasformazioni
Il pane e… altro nella tradizione

 

RICERCA NEL SITO

Consulta i Registri della Matrice

E-Book per Voi

Libri ed altro su Bronte Insieme

I nostri libri in formato

Google Maps

Bronte Street Guide

vers. in

Contrade di Bronte

Aeroporto: Partenze - Arrivi
Elenco telefonico, Orario ferroviario

Cerca il CAP - Calcola il codice fiscale

Gazzetta Ufficiale Italiana

Borsa Italiana-Azioni

Normattiva

La tua radio in diretta

Scegli tra 330 stazioni


Meteo e webcam live a Bronte

Meteo Ansa - Meteo.it


FACCE DI BRONTESI


 



27 dicembre 2018

Ospedale Castiglione Prestianni

L'Asp rinnova il Pronto soccorso

L’Asp 3 di Catania ha approvato la delibera per la “rifunzionalizzazione degli ambienti del Pronto Soccorso” dell’ospedale Castiglione Prestianni. Ne da notizia l’assessore alla Salute Ernesto Di Francesco soddisfatto di leggere un provvedimento particolarmente atteso in tutto il versante nord dell’Etna: “Questa delibera ci soddisfa e ci da speranza per il futuro”. All’inizio del nuovo anno l’Asp dovrebbe pubblicare la gara d’appalto per affidare e realizzare i lavori.



22 Dicembre 2018

IL TRIBUNALE DEL RIESAME

Morosoli e Calanna restano ai domiciliari

L'imprenditore Morosoli e il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, coinvolti nella maxi inchiesta Aetna condotta dalla Guardia di Finanza, rimangono agli arresti domiciliari.
Il Tribunale del Riesame ha confermato l'ordinanza del Gip emessa nei confronti del sindaco Calanna accusato di istigazione alla corruzione. L'indagato, difeso dagli avvocati, Carmelo Peluso e Maria Mirenda, avrebbe chiesto - secondo la tesi della Procura - ad un'azienda interessata all'affidamento della gestione della manutenzione e sfruttamento dell'energia elettrica prodotta dall'acquedotto comunale di "prevedere nel piano dei pagamenti di spesa da far approvare al Comune un aumento del valore di 20.000 euro del costo del collaudo". Richiesta rifiutata poi dall'imprenditore. Calanna ha sempre "negato di aver chiesto utilità illecite per se o per i propri amici". (leggi su LiveSicilia)


3 Dicembre 2018

Il sindaco nega tutto

Graziano Calanna interrogato dal gip di Catania dopo l’arresto per istigazione alla corruzione

Ha rigettato ogni accusa nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip di Catania il sindaco di Bronte Graziano Calanna, agli arresti domiciliari per istigazione alla corruzione nell’ambito dell’operazione “Aetna” della guardia di finanza coordinata dalla Procura. Lo rendono noto i suoi legali, gli avvocati, Carmelo Peluso e Maria Mirenda, sottolineando che “ha risposto a tutte le domande del giudice”. (La Sicilia web)


Graziano Calanna, sindaco di Bronte1 Dicembre 2018

Calanna sospeso dal Prefetto

Agli arresti domiciliari il sindaco di Bronte

(Giornale di Sicilia). Per la «gravità del fatto», in un contesto in cui «l'indagato risultava già avere sollecitato accordi corruttivi collegati all'esercizio delle sue funzioni», per il sindaco di Bronte «sussiste il concreto e attuale pericolo di reiterazione di reati della stessa specie». E dunque il GIP di Catania, Giuliana Sammartino, per Graziano Calanna ha disposto gli arresti domiciliari. Già in tarda mattinata è arrivata la sospensione dalla carica di sindaco, disposta dal prefetto Claudio Sammartino, intervenuto a seguito della misura restrittiva, in esecuzione dell'ordinanza del Tribunale di Catania, cui è stato destinatario il primo cittadino.

Per Bronte, va da sé, un terremoto politico. Il sindaco è accusato di istigazione alla corruzione, in concorso con Concetto Bellia Sebastiano Musumeci, ritenuti «intermediari» della richiesta di Calanna a Stefano Urbani, amministratore della “Etra”, azienda veneta che aveva fatto richiesta al Comune di Bronte per un project financing per manutenzione e sfruttamento dell'energia elettrica prodotta dall'acquedotto comunale.

Calanna, secondo l'accusa, chiede una consulenza da 20mila «in favore di una persona di fiducia», in cambio di una voce di pari importo da inserire nel progetto e dunque a carico del Comune. Ma l'imprenditore ha rifiutato. (leggi tutto)



16 Dicembre 2018

Il Comune non ha chiesto al Tar di fissare l’udienza

Revocato il finanziamento per la discarica

L’archiviazione del ricorso significa restituire 430.130 euro alla Regione

Il comune di Bronte non chiede la fissazione dell’udienza e il Tar archivia un ricorso che per l’ente significa restituire 430.130 euro all’Assessorato regionale al Territorio e Ambiente, che nel 2007 aveva revocato un finanziamento degli anni Ottanta, per realizzare una discarica. Il vice sindaco Gaetano Messina ha chiesto una relazione e chiarimenti sulla vicenda all’ufficio tecnico e all’ufficio legale. Successivamente lo stesso Messina però, in Consiglio comunale, ha tranquillizzato tutti: «Non c’è pericolo, – ha affermato – perenzione non vuol dire automatica restituzione dei 430 mila euro. E vi chiarisco perché... [leggi tutto]



13 Dicembre 2018

Il “caso” Banca Popolare dell’Etna

In tredici rinviati a giudizio per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza

Accolta dal Gip di Catania richiesta della locale Procura: processo per i nove ex componenti degli organismi aziendali dell’istituto di credito, per l'ex direttore generale e per tre ex componenti del collegio sindacale. Le indagini effettuate dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria di Catania, anche sulla base dell’analisi della documentazione messa a disposizione dalla Banca d’Italia, hanno consentito a questa Procura di contestare una serie di episodi di gravi irregolarità nell’amministrazione e di gravi violazioni normative. [leggi tutto]



13 Novembre 2018

IL CASO OSPIZIO DEI VECCHI

Ancora un impedimento procedurale con rinvio a Settembre 2019

Rinvio bis del processo sull'Ospizio dei vecchi

I presunti maltrattamenti avvenuti all'istituto San Vincenzo de' Paoli

Un impedimento procedurale per la seconda volta ha fatto rinviare al 16 settembre 2019 la prima udienza del processo, presso la seconda sezione monocratica del Tribunale per maltrattamenti e abbandono di incapace istruito nei confronti del sacerdote Don Luigi Minio, 87 anni, presidente della fondazione Istituto San Vincenzo dei Paoli - Padre Marcantonio, noto come Ospizio dei vecchi di Bronte e di 4 dipendenti.

«La struttura, che ospita anziani, è un ente ecclesiastico. Agli atti dell'inchiesta della procura avviata dopo alcuni esposti e resa nota nel settembre 2017, sono confluite indagini dei Carabinieri della compagnia di Randazzo e del Nas. Le parti offese nel procedimento sono 62. Imputati con padre Minio anche Vincenzo Greco, di 37 anni, Vincenzo Lembo, di 38, Renato Minio, di 43, Rita Riolo, di 49. I cinque imputati sono accusati dalla Procura «di aver reso la vita degli anziani ospiti particolarmente penosa e dolorosa aggredendoli verbalmente con ingiurie e minacce, non assicurando loro adeguati sufficienti pasti». Due degli indagati avrebbero anche «costretto dei disabili a consumare i pasti in una stanzetta ripostiglio» e usando nei confronti di quattro ospiti «violenza fisica consistita in spintoni e schiaffi e pugni». La Procura contesta anche «condizioni minime di assistenza agli anziani, condizioni igieniche insufficienti, e personale qualificato per l’assistenza, come la presenza di un solo operatore per 61 ospiti la notte». Al sacerdote è contestata anche «l'omessa comunicazione all'autorità di Ps dall'ingresso nella struttura delle generalità complete delle persone alloggiate».

La prossima udienza fissata è stata fissata fra 10 mesi. [Fonte Giornale di Sicilia del 13.11.2018] 



Gennaio 2018

INTERDETTO AL PUBBLICO PER LAVORI DI RESTAURO

Castello Nelson ancora chiuso da Ottobre 2016

Calanna: «Fine lavori ad Ottobre 2017»

Un anno con il Castello Nelson chiuso al pubblico per i lavori di “restauro, ristrutturazione e riuso” dell’antico maniero. Così ad ottobre 2018 ha stabilito l'ordinanza avente per oggetto l'«interdizione temporanea della struttura museale denominata "Castello Nelson Bronte"», firmata dal sindaco Calanna il 12 ottobre 2016. Da allora, fra ricorsi e contro ricorsi, tutto è rimasto fermo, bloccato: nessun lavoro è mai iniziato al Castello, anche se a dispetto di tutti, turisti e non, è rimasto chiuso. La "struttura museale denominata Castello Nelson Bronte", come da definizione dell'ordinanza sindacale del 12 ottobre 2016, resta "temporaneamente" interdetta. (leggi tutto)

Il sito è ottimizzato per una risoluzione video di 1024 x 768 pixel (o superiore)

       bronteinsieme@gmail.com

Home Page
Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus - Riproduzione riservata anche parziale

Bronte Insieme: dal 2002 oltre 3 milioni i visitatori con 9 milioni di pagine visitate