Ti trovi in:  Home-> News ed Eventi

Quotidiani, Riviste, Rassegna stampa & altro on line

Bronte118, Live SiciliaLa Sicilia, Giornale di Sicilia, Corriere della Sera, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Limes, Fanpage.it, HuffingtonPost, Il Giornale, Libero, La Verità, Affari Italiani, Il Foglio, Il Messag­gero, Il Manifesto, Il Sole 24 Ore, Corriere del Mezzo­gior­no, Gazzetta dello Sport, Quattro­ruote, L'EspressoPanorama, Focus, Dove

Sky Rassegna stampa, Ansa, AGI, Adnkronos, Google News

Sky TG 24, Sky Sport, TV8  |  La7  |  Repubblica TV  |  TG COM 24, TG 5, Mediaset Guida TV, Mediaset-Play  |  RaiNews 24, RaiPlay-Live, Televideo, Oggi in TV Rai

Gazzetta Ufficiale Italiana - Borsa Italiana-Azioni - Normattiva - Meteo Ansa - Meteo.it

Aeroporto: Partenze - Arrivi / Elenco telefonico, Orario ferroviario / Cerca il Cap - Calcola il Codice fiscale



News & Eventi da Bronte

NOTIZIE DA BRONTE


20 Ottobre 2021

CONTRADA BRIGNOLO

Da discarica a polmone verde

Da antica discarica a polmone verde a ridosso dell’abitato per consentire a chiunque di poter, a 2 passi da casa, godere delle bellezze della natura e respirare aria pura. Mira a questo il “programma sperimentale di progettazione delle azioni di riforestazione urbana” presentato dal Comune e finanziato grazie a 497 mila euro, ottenuti attraverso un bando del Ministero della Transizione ecologica, gestito dall’Area metropolitana di Catania.
Il progetto punta a trasformare in un funzionale bosco attrezzato per fare pic nic e consentire a bambini e famiglie di vivere momenti all’aria aperta, la zona verde chiamata “Brignolo”, sita a ridosso della periferia nord della cittadina vicino l’istituto Benedetto Radice, la Caserma dei Carabinieri e diversi complessi residenziali.
“In quest’area – ci dice l’esperto del sindaco, avv. Roberto Landro – un tempo era presente una discarica che con il passare degli anni è stata ricoperta da erbacce. Il progetto finanziato ci consente di piantare alberi, trasformando quella che era un possibile esempio di incuria dell’ambiente in un bosco verde in grado di offrire spazzi fruibili con aree attrezzate e giochi per bambini che, sempre all’interno dello stesso progetto, verranno collocati”.
Il programma non prevede solo la piantumazione degli alberi, ma anche un periodo di cura dell’intero bosco.
La piantumazione degli alberi dovrà essere effettuata in massimo di 3 anni; il programma include anche i fondi necessari per curare e salvaguardare la crescita delle piante per ben 7 anni. Ci sarà quindi chi curerà gli alberi durante le delicate fasi della crescita.
Per il Comune di Bronte creare praticamente dal nulla, anzi da una vecchia discarica, un bosco è motivo di orgoglio.
Soddisfatto sia l’assessore al verde Pubblico, Samperi, sia il sindaco Firrarello che afferma: «Faremo il possibile per realizzare anche a Brignolo un bosco che permetta a tutti i isolarsi dai rumori della città e respirare aria pura quasi come se fossimo sull'Etna o sui Nebrodi».

I PRECEDENTI
2008
, Maggio: Bonificata la discarica di contrada Brignolo2012, febbraio: «Ogni studente pianterà un albero e sarà suo»; Marzo: L'ex discarica di Brignolo alle Giacche verdi / 2018, Febbraio: Educazione ambientale con i bambini nel bosco



15 Ottobre 2021

Bronte zona verde

75% di residenti vaccinati

Venerdì 22 convegno con il prof. Cacopardo

Bronte ha superato il 75% di residenti vaccinati con la prima dose. Lo afferma in un comunicato il sindaco Pino Firrarello: «Stando all'ultimo aggiornamento della percentuale di vaccinati per Comune, sono felice di annunciarvi che con il 76,94% dei vaccinati con almeno prima dose Bronte è Zona Verde! Voglio ringraziare il management e gli operatori dell’Asp 3 di Catania, del Distretto locale, dell’Usca di Bronte, dell’Usca Scuola e dell’Hub vaccinale. Con loro anche l’assessore all'emergenza covid del Comune Angelica Prestianni. Costoro ci son stati vicini nei momenti più difficili».

Firrarello poi sente il dovere di ringraziare la città che si è sottoposta in massa alla vaccinazione ed invita chi non lo ha ancora fatto di raggiungere l’Hub per permettere di concludere questo periodo terribile.

Venerdì 22 ottobre prossimo nella Pinacoteca “Nunzio Sciavarrello” il sindaco e l’assessore Prestianni hanno organizzato un convegno sul tema “Cosa insegna agli italiani la pandemia ancora in corso”. “Parleremo – conclude Firrarello - di Covid, vaccini e gestione pandemica con il primario dell’Unità operativa di Malattie Infettive del Garibaldi prof. Bruno Cacopardo, con il dott. Enzo Boscia e con la nostra concittadina la dottoressa Nancy Villari”.



15 Ottobre 2021

Biblioteca del Real Collegio Capizzi

Riapre al pubblico il «Fondo antico»

Riaperto al pubblico il «Fondo antico» della biblioteca del «Real Collegio Capizzi», da aprile rimasto chiuso per interventi di manutenzione su arredi e patrimonio librario, che sono stati dettagliatamente illustrati dal rettore del collegio, padre Nunzio Capizzi, durante l’inaugurazione.

Questa antica biblioteca fu istituita, nella seconda metà del ’700, dallo stesso fondatore del collegio, Ignazio Capizzi, poi vi si aggiunsero altre raccolte nell’800 e, nella prima metà ’900, la biblioteca dei fratelli De Luca di Bronte, il cardinale Antonino e l’economista Placido.

Il presidente e il vice presidente della Pro loco di Bronte, Dario Longhitano e Vincenzo Russo, hanno spiegato: «Nell’ambito di un progetto alternanza scuola-lavoro, con gli studenti del liceo classico Capizzi, svoltosi fra fine 2017 e inizio 2021, abbiamo creato un database con i dati dei libri per poterli consultare anche on line. L’elenco, approntato secondo i criteri del Catalogo del servizio bibliotecario nazionale, ove potrà confluire dopo le previste autorizzazioni, sarà disponibile sul nuovo sito internet del collegio che si sta realizzando».

Per la fruizione del «Fondo antico», la fondazione «Real Collegio Capizzi» si sta avvalendo della collaborazione della «Glo.Co & tourism srls», anche per la «creazione e gestione dei canali comunicativi del collegio, attraverso la pagina facebook ed il restyling del sito della fondazione, che saranno entrambi on line entro il 20 ottobre», ha specificato l’amministratore della società, Vincenzo Capizzi, che ha aggiunto: «Sarà possibile visitare la biblioteca da martedì a domenica in autonomia, dalle 9,30 alle 13 e dalle 15 alle 19, o partecipando ad uno dei 4 percorsi guidati, alle 10,30, alle 12, alle 17 e alle 18».

Il rettore del Real Collegio, padre Nunzio Capizzi, ha concluso: «La riapertura del fondo antico della Biblioteca permette l’accesso a testi importanti, soprattutto dal punto di vista storico e letterario. Il Venerabile Ignazio Capizzi ricevette molti di essi dai Gesuiti, in seguito all'espulsione della Compagnia dalla Sicilia (1767). Al tempo stesso, la riapertura - che avviene in coincidenza con il 243° anniversario dell'inaugurazione del Collegio - vorrebbe invitare i brontesi - ha sottolineato il rettore Nunzio Capizzi - a riflettere sul patrimonio di fede e di cultura ricevuto, per farne tesoro e trasmetterlo alle giovani generazioni». [di Luigi Putrino. Giornale di Sicilia del 12 Ottobre 2021]



2 Ottobre 2021

IL COVID IMPEDISCE L’ORGANIZZAZIONE DELLA SAGRA

Rinviata la Sagra del Pistacchio

Se non fosse stato per il covid questi sarebbero stati i giorni della Sagra del pistacchio. Bronte si sarebbe preparata ad accogliere centinaia di migliaia di turisti ed appassionati, giunti veramente da ogni dove non solo per assaggiare il verde pistacchio di Bronte dop, ma anche per assistere alle variegate iniziative musicali e culturali che solitamente fanno da contorno all’evento.

Purtroppo, come già accaduto lo scorso anno, non è cosi. Come per tantissime altre manifestazioni, niente Sagra del Pistacchio. Troppo pericoloso per la salute di tutti organizzare un evento che ogni anno complessivamente attira 100 mila persone che si affollano fra gli stand. Impossibile organizzare tutto nel rispetto del protocollo anticovid per le manifestazioni. Appuntamento al prossimo anno [Leggi tutto]



1 Ottobre 2021

Il Castello, il Museo di Sculture in pietra lavica e i Giardini interdetti al pubblico da Ottobre 2016 per lavori di restauro

Castello Nelson, Lo stato dei lavori

Ducea Nelson, vista generalePrepariamoci - è l'invito del Comune - a rivedere la prossima primavera i lussuriosi giardini e le stanze nobili del Castello Nelson. La copertura ed il tetto, un tempo entrambi fortemente ammalorati, e la facciata esterna sono state infatti completate, esattamente come le stanze interne dell’ala nobile. La Soprintendenza ai Beni Culturali di Catania in questo momento sta scegliendo carta da parati e decorazioni murarie delle stanze che un tempo furono la residenza nobiliare, per riportarla ai fasti di un tempo.

Nel frattempo gli operai lavorano per coibentare le fondamenta dalle infiltrazioni di umidità. Solo dopo l’impresa si concentrerà sull’attesa pavimentazione del cortile più famoso e fotografato del Castello, quello dominato dalla croce celtica dedicata all'ammiraglio Nelson.

Questo l’esito del sopralluogo che il sindaco Firrarello ha effettuato per verificare l’avanzamento dei lavori. Presente al sopralluogo il rup dei lavori, il geometra Saitta, responsabile dell’area Urbanistica del Comune: «Diciamo – afferma Saitta - che l’intervento è completo al 70 – 75%. I lavori di rifacimento del tetto sono completi. Infiltrazioni d’acqua e pericolose degradamenti della capriata sono ormai un ricordo. Presto arriverà pure l’ascensore che ci permetterà di raggiungere agevolmente il primo piano dell’ala nobile, abbattendo le barriere architettoniche. L’impresa – continua - al momento sta lavorando per porre le resine necessarie a proteggere le fondamenta dall’umidità. Un lavoro che sarà utile per eliminare in futuro possibili muffe nei muri. Completati questi lavori si procederà a pavimentare il cortile con la croce celtica. Ritengo – conclude - che a gennaio tutti i lavori potrebbero essere completi».

«Faremo – afferma il sindaco Firrarello – tutto quanto sarò possibile per renderlo più bello di prima, compreso la sistemazione del giardino elemento fondamentale del Castello. Quando tutti i lavori saranno completi, covid permettendo, organizzeremo una grande manifestazione. La storia, l’architettura ed il fascino di questo antico maniero lo meritano».

Intanto, essendo stato smontato l’imponente ponteggio, è finalmente pienamente visibile l’imponente facciata principale dell’ala nobile. Guardandola ci si rende conto della sua bellezza, della sua simmetria e di come i colori della muratura creino una naturale armonia cromatica con l’ambiente circostante. E presto, finalmente, tutto ciò potrà nuovamente essere ammirato da tutti.

 

Il Castello Nelson, chiuso da un'ordinanza sindacale «dal 17.10.2016 e fino al completamento dei lavori di restauro»

Notizie correlate precedenti

2012, 13 Dicembre: Bronte ritrova i fondi, la Regione «sblocca» i 2 milioni e 800mila euro  / 2014. 21 Marzo: Lavori per illuminare il Castello Nelson - 15 Luglio: Il Castello di Nelson riapre i battenti - 1 Ottobre: Dopo una lunga battaglia legale, il progetto del 2005 ha ottenuto il via libera / 2016, 28 Giugno: Al via l’appalto al Castello di Nelson - 28 luglio: Consegnati i lavori di ristrutturazione (fine lavori ad ottobre 2017) - 12 Ottobre: L'ordinanza del sindaco, chiude per un anno il Castello Nelson / 2017, 5 Marzo: Querelle risolta, la direzione dei lavori a un architetto / 2019, 28 Giugno: Castello ancora chiuso, i lavori sono ancora in alto mare; 16 Dicembre: Riprendono i lavori al Castello Nelson / 2020, 14 Gennaio: A fine mese riapre il granaio; 1 Febbraio: Ultimati i lavori nell'antico granaio / 2021, 1 Febbraio: Ancora una consegna lavori

Vedi: Il Castello Nelson a Bronte chiuso da tre anni - Mai completati i lavori di restauro (TGR Sicilia - Cronaca, 2 Dicembre 2019) / Leggi: "Il Castello Nelson, trasformazioni e restauri"


       bronteinsieme@gmail.com

Home Page
Powered by Associazione Bronte Insieme - Riproduzione riservata anche parziale / Il sito è ottimizzato per una risoluzione video di 1024 x 768 pixel (o superiore)

Bronte Insieme: dal 2002 oltre 4 milioni i visitatori con 10 milioni di pagine visitate