Ti trovi in:  Home-> News ed Eventi

 

Quotidiani, Riviste, Rassegna stampa & altro on line

Bronte118, Live SiciliaLa Sicilia, Giornale di Sicilia, Corriere della Sera, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, La Stampa, Fanpage.it, HuffingtonPost, Il Giornale, Libero, La Verità, Affari Italiani, Il Foglio, Il Messag­gero, Il Manifesto, Il Sole 24 Ore, Corriere del Mezzo­gior­no, Gazzetta dello Sport, Quattro­ruote, L'EspressoPanorama, Focus, Dove

Sky Rassegna stampa, Ansa, AGI, Adnkronos, Google News

Sky TG 24, Sky Sport | La7 | TV8 | Repubblica TV | TG COM 24, TG 5, Mediaset Guida TV | RaiNews 24, RaiPlay-Live, Televideo, Oggi in TV Rai

Gazzetta Ufficiale Italiana - Borsa Italiana-Azioni - Normattiva - Meteo Ansa - Meteo.it

Aeroporto: Partenze - Arrivi / Elenco telefonico, Orario ferroviario / Cerca il Cap - Calcola il Codice fiscale


NOTIZIE DA BRONTE
NEWS & EVENTI da BRONTE



7 Febbraio 2020

Rientra nell’alta dirigenza regionale

L’ex sindaco Zappia torna alla Regione

Il dottore Mario Zappia da lunedì scorso è il nuovo Capo di gabinetto vicario dell’Assessorato regionale della Famiglia, delle politiche sociali e del lavoro di Palermo.

Per l’ex sindaco di Bronte si tratta d’un ritorno nell’alta dirigenza regionale; con Raffaele Lombardo presidente della Regione Siciliana, infatti, è stato Capo della segreteria tecnica (ottobre 2008 - gennaio 2010) dell’assessore alla Salute, Massimo Russo, e dirigente del Dipartimento Regionale Programmazione e coordinamento delle Attività Sanitarie e dell'Osservatorio Epidemiologico (gennaio-giugno 2010). E da lunedì, come detto, è entrato nello staff dell’assessore Antonio Scavone, al quale l’accomuna la militanza nell’ex Mpa.

Trascorsi politici a parte, il curriculum del neo Capo di gabinetto vicario è certamente prestigioso. Zappia, infatti, è laureato in medicina e specializzato in medicina interna (Università di Catania) ed ha un master di II livello in «Organizzazione e gestione delle aziende sanitarie» e un dottorato di ricerca in «Economia e gestione delle aziende sanitarie» (Università Cattolica di Roma).

Quanto ad esperienza professionale, Mario Zappia è stato sindaco di Bronte per due mandati consecutivi dal 1993 al 2002 e, fra gli altri, dirigente sanitario (novembre 2004-ottobre 2008) e direttore generale (luglio 2010-luglio 2012) dell’Oasi di Troina, commissario straordinario dell’Asp di Siracusa (luglio 2012-giugno 2014), presidente dell’Ato rifiuti CT1 Joniambiente (settembre 2004-agosto 2009) e, da ultimo, direttore generale e sanitario della Fondazione Giovanni Paolo II di Campobasso, il Gemelli del Molise (aprile 2015-luglio 2019). Noto il suo tradizionale impegno nel volontariato con l’Unitalsi. [Luigi Putrino]



3 Febbraio 2020

Discariche abusive nel Parco dell'Etna

In arrivo cento fototrappole

Cento fototrappole in arrivo nel Parco dell’Etna contro le discariche abusive. L’Ente Parco ha concluso l’acquisto e la ripartizione dei dispositivi, adesso spetta ai venti comuni, ai quali compete l’installazione e la gestione tecnica delle fototrappole della riserva, ritirarli e far partire la videosorveglianza e l’attività di contrasto alle discariche abusive, che sono un’onta sia all’immagine delle comunità locali e dell’Etna (patrimonio Unesco) sia per i numerosi fruitori rispettosi delle bellezze naturali e antropiche etnee. [L. Putrino, sul Giornale di Sicilia]



1 febbraio 2020

CASTELLO NELSON

Ultimati i lavori al granaio

Il Castello, il Museo di Sculture in pietra lavica e i Giardini interdetti al pubblico da Ottobre 2016 per Lavori di restauro

Era metà gennaio quando l’impresa che ha ripreso i lavori del Castello Nelson ha assicurato al sindaco di Bronte che a fine mese la ristrutturazione dell'antico granaio dei Duchi Nelson, oggi trasformato in sala-conferenze (vedi n. 46 della mappa) sarebbe stata ultimata. La promessa è stata mantenuta. Ieri l’impresa ha invitato il primo cittadino a verificare il completamento dei lavori di ristrutturazione del tetto e degli infissi, di tinteggiatura degli intonaci e di messa in sicurezza degli impianti. Il granaio, che ospita i resti delle fondamenta dell’antica chiesa distrutta dal terribile terremoto del 1693, insomma è pronto per essere riaperto al pubblico, per la gioia dei tanti turisti che fino ad oggi non hanno potuto visitare l’antico maniero.

“Nei prossimi giorni - afferma il sindaco Calanna - concerteremo con l’impresa un passaggio in sicurezza per consentire ai turisti di poter rivisitare questa parte del Castello che ci permette di ammirare gli scavi che hanno riportato alla luce le fondamenta dell’antica chiesa”.

Poi Calanna conferma che per adesso l’impresa è impegnata nel completamento dei lavori della reception e che finiti questi gli operai si sposteranno nel cortile e nell’ala nobile. Il cronoprogramma dei lavori prevede anche che già questa settimana venga smantellato e ristrutturato il pavimento in pietra del famoso cortile, che ospita la croce celtica.

I lavori nel loro complesso, fra le altre cose, prevedono il rifacimento dei tetti, la pulizia del prospetto degli edifici, la manutenzione degli infissi e degli impianti, soprattutto nelle cucine che saranno rese funzionali.



26 gennaio 2020

ELISUPERFICE NOTTURNA

Consegnati i lavori di adeguamento

Presto dovrebbe alzarsi notevolmente il livello di sicurezza sanitaria nel territorio di Bronte. Il sindaco Calanna ha consegnato all’impresa che si è aggiudicata l’appalto i lavori di adeguamento dell’elisuperfice notturna, realizzata dalla Città metropolitana in contrada Sciara Sant’Antonio. Il tempo previsto in appalto per la conclusione dei lavori è di 60 giorni. (Leggi anche Appaltato dal Comune il ripristino dell’elisuperficie di Sciara Sant’Antonio, sul Giornale di Sicilia del 6 Febbraio 2020)



25 gennaio 2020

Ancora una conferma che nella nostra cittadina ci sia una comunità di persone particolarmente di lunga vita

Bronte ha festeggiato i 107 anni di nonna Lucia

E' la brontese più longeva di sempre

Avere 107 anni e sentirli appena. Non è assolutamente retorica. Nonna Lucia Castiglione di Bronte ha festeggiato giovedì scorso la sua bella età in buona salute e partecipando, come ogni anno, attivamente alla festa organizzata dai nipoti nel residence per anziani che la ospita, il San Vincenzo De Paoli di Bronte.

Ha ricevuto gli auguri dialogando con tutti ed ha scartato i suoi regali senza essere assolutamente aiutata. Poi ha recitato una poesia che conosce praticamente da 100 anni, perché l’ha imparata quando ne aveva 7 ed ancora ne ricorda perfettamente i versi, e quando in sottofondo ha sentito la melodia di “un mazzolin di fiori”, non ha resistito ed al microfono ha cominciato a cantare, anche con una buona intonazione.
E’ stato tutto questo la festa per i 107 anni della nonna fra le più longeve d’Italia, Lucia Castiglione, attorniata dall’affetto dei suoi nipoti.

Da sempre casalinga, fino all’età di 99 anni viveva da sola essendo in grado di badare a se stessa; non ha avuto figli ed ha riservato il suo affetto ai figli delle sue 3 sorelle e 2 fratelli, che purtroppo non ha più. Tutta Bronte oggi simbolicamente ha festeggiato la nonnina fra le più longeve d’Italia. Alla festa hanno partecipato il sindaco Calanna, gli assessori Liuzzo e Castiglione ed il consigliere comunale Angelica Catania. Presente anche il sindaco dei ragazzi di Bronte, Noemi Costanzo, appena eletta assieme agli assessori dei ragazzi Alice Corsaro e Giulia Cordaro. [Leggi "Lucia ricordi ancora", una poesia dedicata a Nonna Lucia per i suoi 104 anni]


21 gennaio 2020

Consiglio Comunale

Si è dimesso Davide Russo

Davide Russo (consighliere comunale M5s 2019)Il consigliere comunale, Davide Russo, del Movimento 5 stelle si è dimesso. Ha inviato una lettera al presidente del Consiglio Comunale Antonino Galati, a tutto il Consiglio comunale, al Segretario Generale Bartorilla e per conoscenza al sindaco Graziano Calanna, comunicando i motivi della sua decisione: «... Ho messo tutto il mio impegno e passione per cambiare questa Città, aderendo nel 2015 ad un progetto comune sostenuto da semplici cittadini che si sono spesi e continuano a spendersi quotidianamente, non per interessi personali bensì per interessi collettivi, pensando unicamente al bene comune.»
«Fra pochi mesi - continua - i cittadini saranno chiamati ad eleggere la nuova Amministrazione Comunale e chi li rappresenterà in Consiglio Comunale. Come M5S abbiamo deciso la rotazione tra coloro che erano in lista alle precedenti amministrative del 2015 e chi mi sostituirà sarà assolutamente all'altezza del ruolo, cercando di continuare a mettere a disposizione della comunità lo stesso entusiasmo e la stessa passione che ha animato l’esperienza di Valeria Franco e la mia.» «Continuerò - conclude - a parlare, confrontarmi, discutere di politica e soprattutto continuerò a farlo con il Movimento 5 Stelle in modo sempre franco, libero e con l’entusiasmo che mi contraddistingue.»

Davide Russo era subentrato in Consiglio comunale nel Giugno 2019 in seguito alle dimissioni di Valeria Franco presentate nel mese di Aprile 2019. La prima dei non eletti nella lista del M5s delle elezioni comunali del 2015 è Stefania Zappalà (con 190 voti).



18 Gennaio 2020

Cultura

Scoperte decorazioni nella navata della chiesa di San Vito

Risalgono all'800

I semplici ma preziosi ornamenti, che abbelliscono l’interno della Chiesa di San Vito (attualmente in fase di restauro), sono stati riportati alla luce grazie all’intuito del direttore dei lavori di restauro, l’architetto Filippo Nasca, insospettito da una piccolissima bolla della pittura notata sull’arco trionfale.

Sui tempi di esecuzione dei lavori l’architetto Nasca ha affermato che, nonostante questo intervento di recupero artistico e altre varianti resesi necessarie nel corso dei lavori, sarà rispettato il cronoprogramma e l’opera consegnata come previsto entro maggio prossimo. Ancora quattro mesi, quindi, e la “nuova” navata della chiesa di San Vito, dei frati minori francescani, si potrà ammirare nella sua interezza. (Foto e articolo di L. Putrino sul Giornale di Sicilia del 17 Gennaio)


 

Elezioni Amministrative, Bronte al voto il 24 Maggio 2020


17 Gennaio 2020

Bronte, la battaglia per il Comune

Giuseppe Gullotta: “Ecco dove sbaglia Firrarello - Potrei candidarmi, sì”

Giuseppe Gullotta (già leader dei comitati contro il declassamento dell'ospedale brontese) risponde a tono a Pino Firrarello, che ha dichiarato l’intenzione, da ultra ottantenne, di tornare in sella al Comune di Bronte. “Dopo la caduta del Muro non hanno governato i giovani, ma gente che si riteneva matura”... (Leggi l'intervista di F. M. Adonia su Live Sicilia.it)


9 Dicembre 2019

Il ritorno del "senatore contadino"

Firrarello candidato sindaco

Sembra proprio che fermo ai box non ci voglia stare ulteriormente. Pino Firrarello, non più senatore e non più sindaco di Bronte, ad appena ottanta anni di età, lancia segnali di impazienza elettorale e lo fa dalla sua pagina Facebook."È tempo di lavorare. Ancora", ha scritto in risposta al manifesto murario firmato da chi gli chiede di tornare in sella al Comune. Insomma, più chiaro di così, non si può. Tuttavia, al grande mattatore Dc che ha dettato le linee della politica etnea a cavallo di due Repubbliche – al "contadino al Senato" (come lui stesso si è definito orgogliosamente) venuto su a preferenze e politichese – è sempre meglio chiedere direttamente. (continua a leggere su Live Sicilia)


10 Dicembre 2019

Calanna non teme il duello ‘al pistacchio’ con Firrarello

“Sarà una sfida stimolante”

Sarà un duello al sapore di pistacchio. Il sindaco di Bronte in carica Graziano Calanna accetta la sfida lanciata dal suo predecessore, l’ex senatore Pino Firrarello, per le amministrative del prossimo anno. Egli stesso si dice stimolato da una sfida con un ‘competitor’ che è sostenuto da una ‘macchina’ elettorale ben rodata. (continua a leggere sul Corriere Etneo)


11 Dicembre 2019

Anche l’ex Mario Zappia vuole candidarsi a sindaco

“Farò una lista e deciderò entro gennaio”

A volte ritornano: a Bronte gli ex sindaci non ne vogliono sentire di farsi da parte. Dopo l’annuncio dei giorni scorsi dell’ex senatore Pino Firrarello di volersi ricandidare alla poltrona di sindaco, un altro ex primo cittadino si dice quasi-pronto a scendere di nuovo in campo come candidato sindaco: si tratta di Mario Zappia, 57 anni, medico, manager della Sanità, divenuto sindaco di Bronte nel lontano 1993 con la prima elezione diretta e poi riconfermato nel ’97 dopo un surreale ballottaggio senza avversario, avendo il deputato regionale Franco Catania ritirato la propria candidatura all’ultimo momento. (Continua a leggere sul Corriere Etneo - Leggi pure l'ultima notizia su Zappia nominato Capo di gabinetto vicario dell’Assessorato regionale della Famiglia).


13 Dicembre 2019

Leanza: “Occorre far rialzare il paese”

Consigliere comunale a Bronte, dove è stato presidente della commissione Bilancio, candidato civico alle regionali 2017, figlio del compianto Turi Leanza (ex Sindaco e Vice Presidente della Regione), molto amato dai cittadini brontesi. All’inizio del 2019 Antonio Leanza si è dimesso da consigliere comunale per fare spazio a chi si era impegnato con successo nella sua lista, 5 anni fa, e per dedicarsi con maggiori energie ad una fase di costruzione e di riorganizzazione dell’area civica e riformista. Duro il suo giudizio sulla sindacatura Calanna. (continua a leggere sul Gazzattinonline)


       bronteinsieme@gmail.com

Home Page
Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus - Riproduzione riservata anche parziale / Il sito è ottimizzato per una risoluzione video di 1024 x 768 pixel (o superiore)

Bronte Insieme: dal 2002 4 milioni i visitatori con 9 milioni di pagine visitate