I FATTI DEL 1860

I fatti dal 2 al 10 Agosto 1860

Tutto sulla Città di Bronte

Site map

Ti trovi in:  Home-> Storia-> Moti rivoluzionari-> I "fatti" del 1860

ANTEFATTI - DECRETI DI GARIBALDI - SITUAZIONE LOCALE - I FATTI DAL 2 AL 10 AGOSTO (2/3) - DIBATTITI E RICOSTRUZIONI

Cenni storici sulla Città di Bronte

I Fatti di Bronte dal 2 al 10 Agosto 1860

LA VENDETTA, L'ECCIDIO, LA REPRESSIONE, IL PROCESSO, LA SENTENZA, LA FUCILAZIONE

Nino Bixio andava solo in cerca di individui da dichiarare colpevoli in pubblico e da destinare ad una immediata punizione

La repressione

«Il domani, 6 agosto, - scrive il Benedetto Radice - fu per pubblico bando ordinato il disarmo.

La venuta dei soldati sbigottì i più sediziosi; i quali, sbolliti i fumi del vino e del furore, e raffreddati gli animi, pensando al proprio pericolo e vedendo già davanti la pena che li aspettava, stimarono bene mettersi al sicuro, dandosi alla campagna.»

Charlotte Nelson, «la signora duchessa stava in Inghilterra: e a Bronte, ad ammi­nistrare il gran feudo che graziosamente Ferdinando (III di Sicilia, IV di Napoli, I delle Due Sicilie) ave­va donato all'ammiraglio Nelson, stavano, come già il loro padre, Guglielmo e Franco Thovez, inglesi ma ormai così bene ambientati da poter essere considerati notabili del paese.

Ed è a loro che si deve il particolare rigore che Garibaldi raccomandò a Bixio per la repres­sione della rivolta di Bronte e che Bixio ferocemente applicò: alle solleci­tazioni del console inglese John Goodwin, a sua volta dai fratelli Thovez solle­citato.» (Leonardo Sciascia, "Nino Bixio a Bronte")

Le sollecitazioni del console inglese erano continue, pressanti e, addirittura, in un dispaccio molto precise nell'indicare gli istigatori della rivolta («i fratelli D. Carmelo e Don Silvestro Minissale e D. Nicola Lombardo») da «far ricercare ed arrestare» «onde essere giudicati dall’autorità competente e con­dannati a mente delle leggi».

Ed è lo stesso Generale Garibaldi che già il 30 giugno, da Palermo, rassicura il Con­sole Ingle­se, John Goodwin, facendo scrivere dal Segretario di Stato per l'In­ter­no, Gaetano Daita che «a nome del Dittatore si dà l'onore di far conoscere al Sig. G. Goodwin, console di S. M. Britannica in Sicilia, che si son date oggi stesso energiche disposizioni perchè non avvenga il menomo inconveniente, abuso o pregiudizio del diritto e delle proprietà di Lady Nelson, Duchessa di Bronte, e coglie questa occasione per esprimere i sensi della più distinta considerazione.» (Archivio di Stato di Palermo, Segreteria di Stato presso il luogotenente Generale Interno, anno 1860, vol. 1594, n. 217).

Accampato nella fiumara di S. Filippo, nella vicina periferia sud di Messina, senza minimamente appurare i motivi e le cause che avevano portato all'aggravarsi della situazione a Bronte, più per tutelare gli interessi dei possedimenti inglesi che per ragioni di ordine pubblico, il Dittatore dà ordine al suo fidato luogotenente Nino Bixio, di stanza a Giardini, di recarsi immediatamente a Bronte e di reprimere la rivolta.

Contro i diritti primari dei brontesi scelse quelli impropri dei cittadini inglesi e, cosa abbastan­za strana, una rivolta, sollecitata e tesa all'attuazione della rivoluzione garibaldina, fu soffo­cata dagli stessi capi garibaldini.

Gli inglesi avevano aiutato Garibaldi: alle navi della flotta inglese, ormeggiate nel porto di Marsala, era stato impartito l'ordine di favorire lo sbarco dei garibal­dini, che così si effettuò in modo tranquillo ed incruento.

Come pensare che avrebbero sopportato in silenzio il minimo pericolo o l’occupa­zione popolare della Ducea (come era avvenuto nel 1848) senza richiedere un vigoroso intervento delle truppe garibaldine?

D’altra parte, il nuovo governo italiano, da cui si sarebbe aspettato piuttosto l’annullamento della donazione del 1799, la rinnovò a sua volta e s’assunse pure l’onere di pagare all’Ospedale di Palermo i proventi della rendita che il re Borbone aveva assegnato nel 1799 all’ammiraglio.NINO BIXIO (1821 - 1873)

«Bixio, - scrive Antonino Radice in Risorgimento perduto  - anche se controvoglia, per l’impa­zienza da cui era posse­duto e pochissimo lusingato dalla missione affidatagli, da soldato ligio agli ordini ricevuti dal proprio Capo, si mosse immediatamente verso Bronte deciso però ad ogni costo da parte sua a dare una lezione fin troppo severa ai responsabili dell’avvenuta sommossa.»

«La teoria che egli fece sua senza esitazione fu quella di dover intervenire colla massima decisio­ne e dentro un piccolissimo arco di tempo, allo scopo di dare un esempio di rigore e di intransi­genza alla cittadina che era stata teatro dei tristi avvenimenti per poter poi, chiuso il caso, ritor­nare colla massima velocità all’anelato posto di combattimento, accanto a Garibaldi.»

«Da Giardini - scrive uno dei garibaldini, G. C. Abba ne La vita di Nino Bixio - pigliò con sé due dei suoi battaglioni; gli altri l’avrebbero seguito. E su a piedi, a cavallo, in carroz­za, su carri, giungesse chi vi giungesse, marciò due giorni, coprendo la via dei suoi, ma alla fine fu Bronte.»

Vi giunse  il 6 Agosto, lunedì, verso le ore 10.

Entrò nel paese quasi deserto accolto dal colonnello Poulet e dal Rettore del Col­legio Capizzi, monsignor Palermo, che gli mise a disposizione il proprio apparta­mento.

La sommossa aveva ormai esaurito la sua carica violenta ed i veri autori dei misfatti si erano già eclissati nelle vicine campagne.

Era lo stesso Bixio ad ammetterlo in una sua lettera del giorno dopo, 7 Agosto, al maggiore Dezza che lo seguiva a distanza di qualche chilometro: "…Gli insorti sono naturalmente fuggiti".

«In realtà, - continua A. Radice - il paese etneo, seppur faticosamente, era ormai rientrato dentro i confini d’una calma relativa e per tutti piena di speranze. Oltre che la naturale stanchezza dei rivoltosi era intervenuta anche a gettare acqua sul fuoco il comportamento equilibrato ed accorto del Col. Poulet giunto dal capoluogo ancora il giorno prima».

Prima ancora che Bixio facesse il suo ingresso nella cittadina etnea i focolai della rivolta erano ormai stati soffocati da oltre 24 ore.

Il generale garibaldino arrivava dunque a fuochi ormai spenti.

«E proprio di tale ritorno alla ragione e del ripristino d’un salutare clima di tran­quillità il Poulet stesso, saputo dell’imminente arrivo del generale garibaldino, ave­va sentito il dovere di infor­mare quest’ultimo ancora nella mattinata del 6 agosto, facendogli recapitare mentre era an­cora in viaggio a pochi chilometri da Bronte, un messaggio col quale lo avvertiva, per suo buon uso, che già da un giorno e più la rivolta era definitivamente cessata.

L’indicazione era utile e obiettivamente importante perché l’azione punitiva che Bixio si proponeva di compiere poteva essere ora diversamente regolata, partendo da queste premesse di relativo ritorno alla calma.

Il messaggio però, per quanto tempestivo e ispirato a corretta informazione, non venne tenuto in alcuna considerazione dal ricevente e non fu sufficiente per indurlo ad una maggiore cautela ed a una certa discrezionalità nel portare avanti la sua azione di intervento.»

Il luogotenente di Garibaldi prese alloggio nel Collegio Capizzi per restarvi solo tre giorni.

Or­dinò al colonnello Poulet di riportare a Catania il reparto militare di 400 uomini la cui presenza s’era rivelata il giorno precedente provvidenziale per la immediata cessazione dei tumulti.

Senza tante cerimonie bollò l’intera cittadina dell’accusa di “lesa umanità” (vedi accanto il proclama emanato il 6 agosto), dichiarò lo stato d’assedio e ordinò l’immediata consegna delle armi di qualsiasi tipo e specie, operazione per la verità già iniziata il giorno precedente dal colonnello catanese giunto prima di lui.

Sciolse immediatamente il municipio e le compagnie della guardia nazionale, che per vero triste prova avevano dato nei giorni della rivolta e si erano limitate o per paura o per cattiva organizzazione a starsene alla larga senza alcuna volontà di intervenire.

Predispose un immediato cambiamento delle cariche pubbliche al posto di quelle assegnate nei tre giorni della sommossa, riconfermando però in massima parte gli inetti amministratori precedenti, proprio quelli che si erano opposti fin dal primo momento alle innovazioni da molti invocate.

Impose anche all'intero paese una tassa di guerra di ragguardevole entità (10 onze) che la popolazione senza distinzione di sorta fu costretta a depositare sul suo tavolo allo scadere di ogni ora.

Per dare anche un esempio di rigore, quale deterrente per altre simili situazioni che stavano verificandosi in altri comuni, attuò una rappresaglia senza precedenti contro l’inerme popolazione contadina trasformando, improvvisato giustiziere, in vittime innocenti i primi che caddero nella rete.

Ancora lo storico brontese Antonino Radice scrive che «al suo arrivo nella citta­dina, risulta che il generale garibaldino in preda ad una incontenibile collera iniziò i suoi colloqui con molti cittadini del comune di Bronte e con appartenenti alla vec­chia ufficialità della locale ammini­strazione, personaggi in quel momento impauriti e tremanti, usciti appena dai nascondigli dentro cui s’eran fin allora tenuti allo scopo di salvare la propria vita.

Esortati a dare la loro versione sui fatti costoro risposero all’invito come era da prevedere, deformando l’accaduto e fornendo delle vicende ricostruzioni imprecise, dettate per lo più dall’emozione che ancora in quel momento li possedeva. (...)»

«Il Bixio nella esaltazione puni­trice da cui era posseduto in quei momenti, andava solo in cerca di individui da dichiarare colpevoli in pubblico e da destinare ad una immediata punizione.

Per tale motivo egli prese subito per buono, nel corso dei suoi personali inter­ro­ga­tori e senza l’aggiunta d’una minima riflessione, quanto gli veniva raccontato, poco curandosi, come la ragione avrebbe sugge­rito, di veri­ficare o far verificare da altri la credibilità delle deposizioni che gli venivano via via offerte.

Eppure un confronto era necessario fra le differenti versioni per stabilire una verità che alla fine fosse tale per tutti. Una simile opportunità non attraversò per un solo istante la sua mente.

(...) Ma per Bixio preso dalla fretta di chiudere la partita e di ripartire colla massi­ma velocità verso la gloria che egli anelava procurarsi in campo aperto, tutto questo contava poco e la prosecuzione di ulteriori colloqui di chiarimento signi­ficava per lui solo una inutile perdita di tempo.

Qualche vita umana in più o in meno non significava a quel punto proprio nulla per il frettoloso militare. In quel momento vinsero nel personaggio solo la fretta e l’ansia di ricongiungersi ai suoi compagni fermi ancora per poco sulla riva siciliana dello Stretto.»

Un altro testimone oculare, il frate cappuccino, il filoborbonico amico del Poulet, Gesualdo De Luca, che tanto si attivò in quei tre giorni di tumulti per riportare la pace e far cessare la rivolta, racconta che «l’indomani, ai suoi soldati giunti dopo lui, Bixio diede ordine di arrestare gli individui, dei quali avea ricevuto nota.

Fu avvertito D. Nicola Lombardo di salvarsi colla fuga, nol volle fare. Ben presto fu in prigione nel Collegio Capizzi custodito rigorosissimamente. Furono agli arresti e tradotti nel pubblico carcere D. Luigi Saitta, D. Carmelo Minissale e moltissimi plebei ed artisti.»

«...A nulla valse la schiettezza del Lombardo- scrive Maria Serena Mavica -, la limpida consapevolezza di avere la coscienza pulita e di essersi adoperato per arginare il fenomeno di violenza collettiva, di nessun rilievo venne considerato l’essersi recato personalmente a conferire con Bixio, anzi proprio questo gli costò l’arresto e la vita, malgrado gli avvertimenti accorati dei suoi amici gli intimavano di fuggire.

Certo è che l’opinione del Bixio doveva essere già stata opportuna­mente influen­zata dallo zelo degli avversari politici del Lombardo, tant’è che que­sti, in virtù dei preconcetti già instillatigli nei confronti di alcuni dei presunti capo­rioni della rivolta, lo fece immediatamente arrestare.»

Per Fernando Mainenti (Agorà, periodico di cultura siciliana, n. 13-15, Apr.-Dic. 2003) «i nemici politici dell’avvocato Nicolò Lombardo colsero dunque l’occasione di macchinare la rovina del loro onesto e leale avversario, indicandolo a Bixio quale caporione della rivolta: la reazione di Bixio fu inconsulta e immediata.

Il sicario di Garibaldi non si preoccupò minimamente di accertare o meno la colpe­volezza dell’accusato, ma sotto l’effetto dell’ira più violenta ordinò al Poulet di arrestare il Lombardo ed i principali colpevoli della tragica sommossa.

Alcuni amici ed un ufficiale della compagnia del colonnello Poulet avvertirono il Lombardo del pericolo e gli consigliarono la fuga per sottrarsi alla rappresaglia di Bixio.

Ma il Lombardo, forte della sua coscienza pulita, consapevole di avere tentato con tutti i mezzi di placare gli animi esagitati, si recò al Collegio Capizzi e chiese di conferire con Bixio.

Monsignor Palermo, non appena lo scorse, lo implorò di fuggire, avendo già intuito che il Lombardo andava incontro ad una morte certa.

Ma nemmeno questo consiglio rimosse don Nicolò dal suo proposito di presentarsi al gene­rale. Bixio lo accolse con occhi di fuoco, bollente d’ira e lo apostrofò con violenza: Ah! Siete voi il presidente della canaglia!

Non gli diede il tempo di scol­parsi, di manifestare le sue buone ragioni; gli impedì ogni, seppur vana, difesa!

Con un ruggito che nulla aveva più di umano, ordinò l’arresto immediato dell’avvo­cato e lo fece rinchiudere nella stanza di disciplina del Collegio, sorvegliata a vista da un picchetto armato di garibaldini.»

L'iracondo generale fece immediatamente intervenire a Bronte, da Adrano dove era in sosta, la "Commissione mista eccezionale di guerra" (“mista” perchè ne face­vano parte sia militari che civili), per celebrare un rapido e sbrigativo processo contro coloro che gli erano stati rapportati come capi della rivolta.



Il processo

Bixio - scrive Benedetto Radice - «temeva di non essere chiamato dal Dittatore a passare lo Stretto per trovarsi al posto dell’onore; onde, secondo lui, quella lentezza del processo, ma più, lo stimolo della partenza lo rendeva febbricitante, più impetuoso, più nervosamente agi­tato. A lui, in quei momenti, tre giorni parevano tre lunghi anni, e un frullo la vita di quattro o cinque uomini che potevano essere fucilati, magari innocenti, quando era in pericolo l’unità della patria.»

L'8 Agosto in una lettera al Consiglio comunale di Cesarò, Bixio ne preannunciava già, prima ancora che fosse iniziato, l'esito: "La commissione mista di guerra  - scriveva - sta istruendo sommariamente i processi, i capi saranno fucilati e i complici condotti a Messina innanzi al Consiglio di Guerra».

«Segrete denunzie, - continua Benedetto Radice - accuse manifeste dei più accaniti nemici, accusarono il Lombardo, il Saitta, i fratelli Minissale, come Borboniani, reazionarii: li dissero aizzatori ai saccheggi alle uccisioni; ma più che contro gli altri, le ire e le vendette si avven­tarono contro il Lombardo, temuto capo del partito avverso.

Si giunse perfino ad infamarlo che in casa sua furono portati libri ed oggetti provenienti dal saccheggio, che promise compensi ai ladri i quali deponessero presso di lui la roba rubata (...)»

Filippo Liardo, Assemblea di patriotiLa fase preliminare del processo si tenne in parte nei locali del Nosocomio, l'antico Ospedale dei poveri sito nelle adiacenze del Casino de' Civili (l'attuale Circolo di Cultura E. Cimbali, dato a fuoco dei rivol­tosi) e in parte nel salone della casa di Don Giuseppe Fiorini (di fronte alla Chiesa del Rosario) destinata per la pubblica discus­sione.

Il Lombardo scelse a difensore il suo acer­rimo nemico e rivale l’avvocato Cesare.

Parlò breve il Lombardo, protestò la sua innocenza, tacciò di menzogna i testi­moni, disse di essersi con tutti i mezzi adoperato al trionfo della rivoluzione ed a sedare i tumulti, che, a tempo, aveva scritto al comandante della Guardia Nazio­nale del Distretto ed al Governatore per segnalare il pericolo di un peggioramento dell’ordine pubblico, e ne presentò alla Corte le risposte ricevute, indicando oltre dieci testimoni a sua difesa (13 persone delle quali sette erano stimati preti brontesi).

La faccenda fu sommariamente liquidata nel giro di soli tre giorni: con gravissime violazioni delle procedure giuridiche e processuali, la causa fu conclusa, la sera del 9 Agosto in appena quattro ore.

La Commissione nominata da Bixio era composta dal maggiore Francesco De Felice, presidente, Biaggio Cormagi, Alfio Castro e Ignazio Cragnotti, giudici, Nicolò Bo­sca­rini, segretario cancelliere, Michelangelo Guarnaccia, avvocato fìscale e Giuseppe Boscarini Previtera, segretario cancelliere sostituto.

Fin dal primo giorno il processo fu istruito in modo sbrigativo, veloce, sommario ed anche superficiale.

Si pensi che il primo giorno (il 7 agosto) la Commissione verba­lizzò ben 24 inter­rogatori (di parti lese e di numerosi testimoni d'accusa), si recò a perquisire la casa di Don Nicolò Lombardo, nel quartiere Annunziata, e, alle ore 22, la casa di Nunzio Spitaleri Nunno nel quartiere San Vito; ascoltò e verbalizzò tre perizie giurate sulle armi rinvenute e sequestrate e procedette a tre repertamenti di armi con sigilli e verbali.

Il giorno dopo, l'8 agosto, correndo a perdifiato di qua e di là effettuò ben 17 sopralluoghi nelle case devastate od incendiate.

Alla fine, sfinita, non potè dedi­care nemmeno un minuto per ascoltare anche un solo testimone a difesa dei sette imputati.

L'ultimo giorno, il 9 agosto, alle 12.00, agli imputati (alcuni dei quali analfabeti) fu data un’ora di tempo «a presentare - scriveva loro Michelangelo Guarnaccia, avvocato fiscale della Commissione di guerra - le loro eccezioni e difese, ad eleggersi difensori, a potersi informare del processo depositato presso questo nostro Segretario Cancelliere dimorante nella casa del Sig. Fiorini e da questo momento in poi poter conferire gli imputati coi loro difensori».

NINO BIXIO (1821 - 1873)Anziché un’ora, l'avvocato di quattro imputati, i più istruiti, quelli che tentarono una pur minima difesa, impiegò due ore.

La consegna poté avvenire dalle 14.00 alle 14.30 (vedi a destra le posizioni a discolpa presentate dall'avv. Cesare, difensore di Lombardo).

Questo fu sufficiente perché il tribunale rigettasse con durezza tutto perché, scriveva la Commissione di guer­ra nell'Ordinanza di rigetto che «viste le posizioni a discolpa presentate in Giustizia per gli accusati alle ore 14 di questo giorno, visto il verbale di pari data col qua­le si prescriveva l’improrogabile termine a produr­re le loro discolpe alle ore 13, inteso l'avv. fiscale, dichiara irrecettibili le posizioni perchè prodotte fuori termine.»

«In un’ora - sono le parole pronunciate dall'avv. Sebastiano Aleo nel Processo a Bixio del 1985 - il difensore doveva recarsi nella cancelleria che era presso la casa del dott. Fiorini e prendere conoscenza degli atti (perché se non avesse letto quali erano gli ele­menti di accusa, quali erano le indicazioni probatorie, quali erano i testimoni che stavano a carico di tutti e 7 gli imputati - gli imputati erano 7 - naturalmente non avrebbero potuto concepire una sorta di piano difensivo), andare al carcere e colloquiare con ciascuno degli imputati e informarli delle colpe che a ciascuno di essi venivano attribuite. Predisporre le note difensive e le discolpe con le indica­zioni dei testimoni.

Ebbene, quel povero cristo di difensore, il quale pare che fosse un avvocato valente (era l'avv. Cesare, Ndr), probabilmente anche lui ha, come dire, subìto l’effetto di un’intimida­zione generale, certo che di una parola di protesta da parte di questo difensore nel processo verbale di dibattimento non se ne ha cenno.

Ma non gliene possiamo fare una colpa, non possiamo sapere come siano andate le cose (forse non venne verbalizzato, può succedere anche questo), e se poi consideriamo il clima di quel momento probabilmente il presidente lo zitti per non perdere tempo.»

Il dibattimento iniziò alle 16, due ore dopo la presentazione delle posizioni a discolpa, per concludersi esattamente alle ore 20 dello stesso giorno e senza che la Commissione ammettesse all'udienza i testimoni a discolpa come chiesero, ancora una volta, durante il dibattimento gli imputati (l'accusa ne presentò 23).

Inutili ed infruttuose furono i tentativi e le contestazioni dell’accusato principale (l’avv. Nicolò Lombardo) che con tutte le sue forze cercò di convincere i giudici della debolezza e della falsità delle accuse raccolte contro di lui.

«Finito l'esame dei testimoni a carico - è scritto nel verbale del dibattimento - gli accusati Lombardo, Saitta, e Minissale han chiesto di sentirsi i testimoni dei medesimi additati in loro discolpa.

L'Avvocato fiscale ha chiesto di rigettarsi le dimande degli accusati e di prose­gui­re il dibattimento.

La Commissione ritiratasi nella camera delle deliberazioni uniforme­men­te alle orali conclusioni dell'Avvocato fiscale ad unanimità di voti ha rigettato le diman­de degli accusati ed ha ordinato proseguirsi il dibattimento.»

Si aveva una gran fretta di chiudere, anche se sommariamente come raccoman­dava Bixio, il processo.

«Questo processo sommario - puntualizza Maria Serena Mavica -, esempio di ce­lerità e pressapocaggine istruttoria, è un momento di aberrazione giuridica sen­za pari, da ricordare a testimonianza di un episodio che si spera non debba mai più ripetersi nella storia del nostro Paese; rimane come marchio di infamia a testi­monianza della dabbenaggine morale di una politica senza scrupoli.

La sen­tenza di condanna non lasciò scampo ai 5 condannati alla fucilazione, mal­grado l’assoluta assenza di pro­ve certe a loro carico. Essa, rimane altresì come raccapricciante abuso giuridico, in violazione del diritto internazionale: emessa, infatti, in nome di Vittorio Ema­nuele II Re d’Italia quando ancora l’Italia non esisteva e i condannati erano ancora sudditi del Regno delle Due Sicilie.»



La sentenza

Alle ore 20 di giovedì 9 Agosto la Commissione mista eccezionale di guerra emise la sentenza : cinque persone, fra cui l’Avv. Nicolò Lombardo, vecchio patriota di educa­zione liberale conosciuto in tutta la Sicilia, che si era spontaneamente presentato a Bixio, colpevoli secondo il suo giudizio e quello dell’improvvisata ed impaurita Commissione, "in nome di Vittorio Emanuele II, Re d'Italia" furono condannate alla fucilazione.

Per gli altri due imputati, Luigi Saitta e Carmelo Minissale, sempre parimenti impu­tati come caporioni della rivolta alla stessa stregua dell'avv. Nicolò Lombardo fu disposto un supple­mento di indagini e si salvarono sia dalla fucilazione che dal carcere: insieme a Placido Lombardo, il fratello di Nicolò, pochi mesi dopo, a dicembre, furono scagionati del tutto dai giudici catanesi.

«Del resto - scrive Maria Serena Mavica - i primi due erano personaggi scomodi al pari del Lombardo e se da un lato non può estremizzarsi l’idea che il Bixio avesse voluto eliminare i personaggi che potessero nuocere alla Ducea, sicuramente non può escludersi che egli prese invece gli imputati a caso, poiché a fronte dell’iniziale mandato di deposito per numero 32 individui, abbiamo solo 7 imputati dei quali due fortunati, rinviati alla Corte d’Assise per una integrazione di indagine.»

L'avv. Armando Radice, che sostenne l'accusa nel Processo a Bixio del 1985, affermò che «il processo fu una vera e propria esecuzione sommaria, camuffata da un paravento giuridico»; che il Lombardo e gli altri furono fucilati «ai sensi dell’art. 129 del codice borbonico, per aver eccitato la guerra civile tra sudditi del Regno, proprio per quella eccitazione, alla quale il popolo siciliano era stato chiamato dal proclama di Salemi».

Contestò anche come non valida, illegale ed irregolare la formazione della Commis­sione, illegale il giudizio "con procedura subitanea", ma sopratutto che i compo­nenti della Commissione «non avevano investitura, diretta o indiretta, per emanare una sentenza in nome di Vittorio Emanuele II, Re d’Italia, in nome cioè di un rap­presentante di una istituzione, al momento inesistente».

«Il processo, la procedura e la sentenza - dichiarò allora lo storico Salvatore Can­dido - si svolsero secondo tempi e modalità che possono giustificarsi in tempi di emergenza e di guerra.

Il vero processo, cui si riferiscono il Gaudioso, il Tenerelli Contessa, lo stesso Radice, il Sipala, si svolse dopo, a Catania e in un tribunale ordinario (la Corte di Assise del Circolo di Catania) e in tempi lunghi che si protras­sero fino al 12 agosto 1863, e con giudici togati, e con le garanzie più complete per gli imputati e per il collegio di difesa.

Detto tribunale condannò all’ergastolo ben venticinque imputati e altri dodici a pene più lievi.

Ma il dott. Luigi Saitta e il “civile” Carmelo Minissale furono as­solti, come leggiamo nell’opera del Radice (p. 140), già nel dicembre 1860, dalla R. Pro­cura di Catania. Chi sa che questa non avrebbe assolto, anche, gli altri cinque imputati che erano andati dinanzi al plotone di esecuzione il 10 agosto dello stesso anno!»

E la Corte del Processo a Bixio (Giuseppe Alessi, presidente; Antonio La Pergola, Ettore Gallo, Vittorio Frosini e Martino Nicosia, giudici) definì nelle conclusioni finali questa sentenza «fondamentalmente viziata sul piano processuale e gravemente erronea sul piano valutativo: in conclusione, assolutamente ingiusta».

«E che farsa di processo! - aggiunge lo storico Gino Longhitano - Chi non ha letto attenta­mente i verbali non può farsene un'idea adeguata. Un assassinio legale mal concepito e mal eseguito. Una liquidazione fisica ideata come preciso stru­mento d'una definitiva liquidazione politica.»

L'avv. Nicolò Lombardo accolse la condanna con rassegnazione e un commento che testimo­niava la continuità del suo impegno politico: “I miei nemici hanno alfine trionfato. Dieci anni prima o dopo è lo stesso. Era questo il mio destino”.

Per Salvatore Scalia l’avvocato era stato «vittima della realpolitik, di quegli equilibri otte­nuti con scambi di favori, di quei compromessi e sacrifici di ideali che accompa­gnano ogni avveni­mento storico così come ogni momento della vita quotidiana.»

«Data la sentenza, - scrive Benedetto Radice - l’arciprete Politi andò al collegio a comunicare al Lombardo la ferale notizia... (segue)

  La fucilazione
 

9 Agosto - La sentenza

La Commissione mista eccezionale di Guerra pubblica la sentenza del 9 Agosto, che il Governatore fa affiggere in tutti i comuni della Sicilia
 

IL GOVERNATORE DELLA PROVINCIA DI CATANIA

Rende di ragion pubblica la Decisione emessa in Bronte, dalla Com­missione mista eccezionale di Guerra, pei reati ivi avve­nuti, cosi concepita:

La Commissione mista eccezionale di guerra all’uopo eretta,  residente in Bronte, composta dai Signo­ri Francesco De Felice Mag­giore Presi­dente, Bia­gio Cor­magi, Alfio Castro, Igna­zio Cagnotti Giu­dici, coll’intervento del­l’Av­vocato Fiscale Michelangelo Guar­naccia, assistita dal Segreta­rio Can­cel­liere Niccolò Boscarini nella seduta d’og­gi stesso ha emesso la seguen­te deci­sione.

Nella causa a carico di D. Niccolò Lom­bardo, D. Luigi Saitta, D. Car­melo Minis­sale, Nunzio Longhitano, Nunzio Spitaleri Nunno, Nunzio Sam­peri Spirione, e Nunzio Ciral­do Fraiunco da Bronte, imputati di guerra civile, de­va­stazione, sac­cheggi, incendi con seguiti omicidii, e di deten­zione d’ar­me vietate pei solo Lombardo, Longhitano, e Spitaleri, avvenuti in Bronte dal 1 Agosto e seguenti del 1860 in danno di Rosario Leotta e compagni, e del­l’ordine pubblico.

ha dichiarato

1. Non constare abbastanza che Luigi Saitta e Carmelo Minissale siino colpevoli dei reati loro addebitati, difforme­mente alle con­clu­sioni dell’avvocato fiscale.

2. Constare che D. Nicolò Lombardo, Nunzio Samperi Spirione, Nunzio Spitaleri Nunno, Nunzio Ciraldo Fraìunco, e Nunzio Lon­ghi­ta­no Longi siino colpevoli dei reati loro addebitati, giu­sta l’atto d’ac­cu­sa, ed uniformemente alle orali conclusioni del­l’av­vocato fiscale.

ordina

Prendersi una più ampia istruzione sul conto dei sudetti Saitta e Minissale, rimanendo sotto lo stesso modo di custodia.

Condanna D. Nicolò Lombardo, Nunzio Samperi Spi­rio­ne, Nun­zio Ciraldo Fraiunco, Nunzio Spitaleri Nunno, e Nunzio Lon­ghi­ta­no Longi alla pena di morte da eseguirsi colla fucila­zione, e col secondo gra­do di pubblico esempio nel giorno di oggi alle ore 22 d’Italia, li con­danna altresì alle spese del giudizio in solido in favore della cassa delle finanze da liquidarsi come per legge.

Ordina infine che della presente decisione se ne affissino tante co­pie in istampa per quanto sono i comuni dell’Isola per la de­bita pub­blicità.

Fatto, deciso, e pubblicato in Bronte lì 9 Agosto 1860 alle ore 20.

Per estratto conforme - Niccolò Boscarini
PER IL GOVERNATORE Il Segretario Generale
CARLO DE GERONIMO

 

 

Le pressanti richieste del Console inglese

Tre dispacci di John Goodwin

Molte le proteste e le pressanti richieste del Console in­gle­se John Goodwin al Generale Garibaldi ed al Mi­ni­stro del­l'inter­no  Francesco Crispi per la repressione del­l’in­sur­rezio­ne e la tutela dei beni dei Nelson a Bronte.
Un esempio que­ste tre lettere (tratte da Ri­sorgimento per­du­to di A. Radice). In una addirittura il Console di S. M. bri­tannica ad­dita le per­sone da con­dannare "a men­te del­le leggi" indicandoli in Don Carmelo e Don Silvestro Mi­nis­sale e Don Nico­la Lom­bardo, ordi­ne pun­tualmente ese­guito da Bixio:


Al signor Generale Garibaldi Dittatore Palermo

Palermo, 28 Giugno 1860
Il sig. Guglielmo Thovez inglese, amministratore di Lady Nel­son, Duchessa di Bronte, la quale possiede delle va­ste pro­prie­tà in quel Comune e suo distretto, ha espo­sto al sotto­scrit­to, di esservi colà dei forti timori di disor­dini, che pos­sono aver luogo ad opera di alcuni mali inten­zionati, e che se ciò avve­nis­se, la di cui costi­tuen­te potrebbe sof­frirne, e ha chie­sto al sotto­scrit­to d’interes­sare il Sig. Gen. Garibaldi onde fare av­ver­tire ener­gica­mente il Comitato di Bron­te di rispet­tare e far rispettare la proprietà della detta Si­gnora Nelson Bridport.

Il Sottoscritto nel darsi l’onore di riferire l’anzidetto al Signor Ge­ne­rale lo prega di dare quelle disposizioni che crederà op­portune per la sicu­rezza della proprietà di cui sopra è parola e approfitta della pres­ente occa­sione per manifestarle i sensi della più distinta con­si­de­razione.
Il Console di S. M. Britannica, Giovanni Goldwin

(Archivio di Stato di Palermo, Segreteria di Stato presso il Luogote­nente Generale, Interno, 1860, Vol. 1954)


Pronta la risposta di Garibaldi:

Segreteria di Stato dell'Interno,
Carico N. 217
Palermo 30 Giugno 1860
Il Sottoscritto a nome del Generale Dittatore Garibaldi si dà l'onore di far conoscere al Signor Giovanni Goodwin, Console di S. M. Britannica in Sicilia, che si sono date oggi stesso analoghe disposizioni perchè non avvenga il menomo inconveniente o abuso a pregiudizio della proprietà di Lady Nelson Duchessa di Bronte.
Il Segretario di Stato, Gaetano Daita

(Archivio Nelson, vol. 345-C, p. 177  


Al Ministro dell’Interno,
Palermo, Agosto 1860
D. Rosario Leotta di Bronte al servizio della Duchessa di Bron­te nella qualità di contabile fu crudelmente assassi­nato nel gior­no 3 corrente in detto comune da persona o persone igno­te e, per quan­to si crede, ad istigazione dei fratelli D. Car­melo e Don Silve­stro Minissale e D. Nicola Lombardo, tutti di Bronte.
Il Sottoscritto prega il Sig. Ministro dell’Interno e Sicurez­za Pub­blica di far ricercare ed arrestare l’autore di tale as­sas­si­nio onde es­sere giudicato dall’autorità compe­tente e con­dan­nato a mente delle leggi.
John Gooldwin

(Il Console inglese indica già prima del processo le persone da arre­sta­re e condannare e Bixio eseguirà fedelmente gli ordini. Conservato in Pubblic Record Office, London, Foreign Office, 652/8 - 125889)


Al Ministro dell’Interno,
Palermo, 8 Agosto 1860
Il sottoscritto ha l’onore di rassegnare al Sig. Ministro dell’In­terno che nella notte del 2 corrente una insur­rezione scoppiò a Bronte, a soppri­mere la quale 80 individui della Guardia muni­ci­pale furono colà mandati da Catania e quel vice con­sole in­glese si diresse tele­gra­ficamente al Gen. Garibaldi in Messina onde spedir­si una colon­na mili­tare sul luogo dell’av­venimento.
Siccome il risultato di questa dimostranza è tuttora ignoto e si cre­de che le guardie municipali non saranno suffi­cienti per ri­met­tere l’ordine, il Sottoscritto è nella neces­sità di rivolger­si a codesto Go­verno onde dispor­re quanto crederà oppor­tuno per sop­primere l’in­surre­zione nella più sollecita ed effettiva maniera.
John Goodwin

(Conservato in Pubblic Record Office, London, Foreign Office, 652/8 - 12889)


 

6 Agosto - Il buon Generale Poulet

«...Mentre eseguivasi il disarmo, sopraggiunse in carroz­za con al­tri due il terribile Bixio; cui avea Poulet spedito due uomini a caval­lo, per certificarlo del suo pacifico ingresso; e Bixio giunto diede ordine a Poulet di partire da Bronte con la sua brigata.
Il buon Generale riceve con dispiacere questa intima, ed ubbiden­do indirizzò a Bixio un suo biglietto, di cui diede copia al Sacer­dote suo amico per farlo noto ai Preti ed ai civili.

Il contenuto del biglietto era questo:
- Signor Generale.
Quando io arrivai nelle vicinanze di Bronte, trovai postato il popolo in tal ter­ribile sito e strategico modo, che potea truci­darci tutti, sen­za che noi avessimo potuto ferirli. Ma al ri­sa­pere, che noi erava­mo forza pubblica del Governo, abbas­sa­rono le armi, e ci accolsero come in festa. Io raccomando al­l’Eccellenza Vostra un popolo sì
docile e sì buono. - Poulet se ne andò. (...)»

(P. Gesualdo De Luca, Storia della Città di Bronte)


 

6 Agosto - Il proclama di Bixio

Il Generale Nino Bixio, appena arrivato a Bronte, col bando del 6 Agosto dichiara il paese colpevole di lesa umanità (i proclami originali sono conservati negli archivi del Real Collegio Capizzi)

AVVISO

Affinchè tutti conoscano come l'ordine pubblico intenda dal Go­verno ristabilirsi ne' Comuni ove si oserà turbarlo, il Gover­na­tore della Pro­vincia di Catania deduce a pubblica cono­scen­za il seguente Decreto:
Il Generale G. N. BIXIO in virtù delle facoltà ricevute dal dittatore

decreta

il Paese di Bronte colpe­vole di lesa umanità è di­chiarato in istato d'assedio.
Nel termine di tre ore da co­min­ciare alle 13 e mezza gli abitanti consegneranno le ar­mi da fuoco e da taglio, pe­na di fucilazione pei reten­tori. Il Mu­nicipio è sciolto per orga­niz­zarsi ai termini di legge.
La guardia Nazionale è sciol­ta per orga­nizzarsi pure a termine di legge. Gli au­tori de' delitti com­messi saranno conse­gnati all'au­torità milita­re per essere giu­dicati dalla commissione speciale.

E' imposta al paese una tassa di guerra di onze dieci l'ora da comin­ciare alle ore 22 del 4 cor­rente giorno, ora della mobi­lizzazione della forza milita­re in Posta­vina e da avere termine al momen­to del­la regolare orga­nizzazione del paese.

Il presente Decreto sarà affisso e bandizzato dal pubblico Ban­ditore.

Bronte 6 Agosto 1860.

IL MAGGIORE GENERALE G. N. BIXIO

 

8 agosto - Bixio parlava già di fucilazione...

NINO BIXIO (1821 - 1873)«Io sarò a Bronte per la fucila­zione e poi ci vedremo a Randaz­zo», scriveva Bixio al comandante Dez­za: era l’8 di agosto del 1860.

Il 6 era entrato in Bronte; l’8 par­lava già di fucila­zione, ancor prima che avesse inizio il pro­cesso; il 9, all’al­ba, raccoman­dava ai giudici celerità e severità e partiva per Regalbuto, a repri­mervi la rivolta; nel primo pome­riggio dello stesso giorno tor­nava a Bronte «per la fucilazione», che venne stabilita, con un proclama affisso alle can­to­nate, per l’indomani alle 8 al piano di San Vito.

(Leonardo Sciascia, I fatti di Bronte)

 

Il processo

Dal film di Florestano Vancini «Bronte, cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato»

Parla il liberale avv. Nicolò Lom­bardo. Non gli fu dato il tempo di scol­parsi, di mani­fe­stare le sue buone ragio­ni; gli fu impe­dita ogni, seppur vana, difesa!


9 Agosto 1860: Elezione del difensore da parte di Nicolò Lombardo

«L'Anno Mille Otto Cento Sessanta il giorno Nove Agosto in Bronte (...) volendo interrogare gli imputati presenti in carcere sulle prime ci siamo trasferiti in queste prigioni ove abbiamo fatto uscire il primo, ch'essendo libero e sciolto d'ogni legame diretto gli abbiamo le seguenti interroga­zioni:
D. Qual'è il Vostro nome, cognome, e tutt'altri connotati?
R. Mi chiamò Don Nicolò Lombardo del fu Don Francesco di anni 48 Civile da Bronte.
D. Sapete dirci quale persone scegliete per la vostro difesa, e per quella degli altri sei imputati?
R. Signore. Eleggo per mio difensore, e per la mia difesa ancora degli altri sei imputati il Signor Don Nunzio Cesare di questa Comune.
Datagli lettura l'ha confermato e si è firmato con Noi e col Cancelliere Sostituto.»

Originale conservato presso l’Archivio di Stato di Catania (faldone I, foglio 63)
 

leggi gli ATTI PROCESSUALI

del processo istruito dalla Commis­sione Mista Eccezio­nale di Guerra per i Fatti di Bronte dell'Agosto 1860


  

DAGLI ATTI DEL PROCESSO

Una condanna
"per voce pubblica" o per "sentito dire"

Dagli atti del processo risulta che «l’Anno Mille Otto Cento Ses­san­ta il giorno Nove Agosto alle ore dodici d’Italia in Bron­te» Mi­che­lan­gelo Guar­nac­cia, «Avvo­cato fiscale della Com­missione mi­sta ec­ce­zionale di guerra all’uopo eretta, assisti­to dal Can­cel­liere Sosti­tuto Don Giu­seppe Boscarini Previ­tera» fece notificare agli imputati dallo «uscie­re al Circondario Bronte» Giu­seppe Tor­cetta la seguente disposizione:

«Attesocché la causa è sul punto di diver essere trattata deffini­ti­va­mente. Accordiamo agli imputati sudetti il ter­mine di un’ora a presen­tare le loro eccezioni e difese, ad eleggersi difensori a potersi infor­mare del processo depo­sito presso questo nostro Se­gretario Cancel­liere dimo­ran­te nella casa del Signor Fiorini e da questo momento in poi poter conferire gl’Imputati coi loro di­fen­sori. Il termine co­mincia a decorrere dal momento della notificazione della presente.»

Bixio aveva una dannata fretta di far concludere veloce­mente il pro­cesso e la Commissione, dovendo rispettare almeno la for­ma, con­ce­deva agli imputati solo un'ora per eleggere il proprio difen­sore, con­ferire con lui, studiare le carte del processo, ap­pron­tare le pro­prie difese.

Insomma una pura formalità tanto che le "posizioni a discol­pa", consegnate dalle 14 alle 14 e 30, cioè un'ora dopo la scadenza del termine, furono dichiarate inam­mis­sibili e quindi nes­sun testimo­ne (9 ne aveva presen­tato il solo Lombardo e 4 erano preti) fu ammes­so a favore degli imputati.

Dagli atti risulta che l'accu­sa portò invece a testimo­niare contro Lom­bardo e gli altri 6 imputati «nel salone della casa di Don Giu­seppe Fiorini de­stinata per la pubblica discus­sione a porte aperte» 16 testimoni più 7 parti offese.

E, leggendo gli atti del processo, saltano subito agli occhi una sequela di frasi che i testimoni dell'accusa e le stesse parti offe­se ripe­tono qua­si all'unisono: «per sentito dire..., per voce di po­po­lo so che..., correva voce che..., per voce pubblica inte­si..., so poi per voce pubblica…, sono a conoscenza per vo­ce pubbli­ca..., ...ciò lo intese per voce pubblica, per voce pubblica poi inte­si..., per bocca di un certo … mi fu rapportato che…, Nul­la so, ho inteso però dire per voce pubblica, che Don Nicolò Lom­bardo sia stato Capo della congiura e Capo del­la compa­gnia degli assassini».
Gli interrogati asserivano quasi concordemente di non aver mai visto in verità coi propri occhi gli autori dei crimini avvenuti e di aver saputo della loro partecipazione ai fatti solo dalla bocca di persone che a loro volta avevano appreso ciò dal racconto di altri ancora.

Insomma una condanna "per voce pubblica" con scene e frasi che in un'aula di giu­sti­zia avrebbero dovuto far riflettere un pò.

Cosa che fece un’altra Commissione mista eccezionale di guer­ra istituita a Ma­letto per giudicare un certo Giu­sep­pe Petrina ac­cusato di omici­dio.

La Commissione, come scrive uno dei suoi componenti, l’ufficiale France­sco Sempreamore, ebbe il fon­dato so­spet­to che alcuni testimoni «non solamente non dice­vano il vero, ma dove­va­no essere mano­vrati e sug­geriti da qualche persona intel­li­gen­te e malefica»; non sotto­pose a giudizio nè condannò ed imme­diata­mente fece fuci­lare l'imputato ma tra­sferì il proces­so ad Aci­reale per essere lì “serena­mente” giudi­cato.

E dalla nuova istruttoria risultò ai giu­di­ci chiarissima la manovra per far con­dan­nare un innocente e la falsità dei testi­moni. Ma, a diffe­renza di Maletto, a Bronte non c'era tempo, si do­ve­va correre e fucilare per ordini supe­riori.

Solo due imputati si salvarono: Luigi Saitta e Carmelo Minissale. Per loro fu disposto un supplemento di indagini e pochi mesi dopo a dicembre, furono scagionati del tutto dai giudici catanesi.

«Finito l’esame dei testimoni a carico - si legge negli atti proces­suali - gli accusati Lombardo, Saitta e Minissale han chiesto di sentirsi i testimoni dai medesimi additati in loro discolpa. L’Avvo­cato fiscale ha chiesto di rigettarsi le dimande degli accusati e di proseguire il dibat­timento. La Commissione ritiratasi nella camera delle delibe­razioni uniformemente alle orali conclusioni dell’Avvocato fiscale ad unani­mi­tà di voti ha rigettato le diman­de degli accusati ed ha ordinato pro­se­guirsi il dibbattimento.»

Il destino del liberale avv. Nicolò Lombardo, del matto Frajunco e degli altri tre imputati era stato già deciso ancor prima dell'arrivo di Bixio a Bronte.

Tutto si concluse in fretta poche ore dopo, alle 20 di quel 9 agosto, con la condanna alla fucilazione e l'esul­tanza dei nemici politici di Nicolò Lombardo e dei funzionari della Ducea.

La Commissione nella sentenza non ebbe vergogna di scrivere «... in­tesi nelle forme di rito tanto i testimoni a carico, che a di­scarico» ma non era assolutamente vero e gli atti del processo sono lì a dimo­strar­lo.
(aL)


9 agosto - Posizioni a discolpa di Don Nicolò Lombardo

«I° - Sac. Don Gaetano Rizzo per contestare, che pria dei suc­ces­si disordini, il Lombardo s’impegnava al man­te­nimento del­l’ordine e che nel giorno primo nelle ore pomeridiane ritiene il testimonio si porta­va in casa del giudicabile per sortire in piazza onde conoscere quel che dagli insorti si pretendeva dagli insorti, a sedarsi.
Ciò non poté verificare giacché nella ora stessa si udì il suo­no delle campa­ne a martello, gli insorti irrompevano nella piazza ed il Lombar­do restò in casa.

II° - Sac. Don Gaetano Palermo a contestare che pria dei suc­ces­si disor­dini, il Lombardo si cooperava pel man­tenimento del­l’or­dine pubblico.

III° - Mastro Carmelo Petralia e Sac. Don Mariano Meli per conte­stare, che nel giorno ultimo di luglio or spento il Lombardo nella pub­blica piazza dinnanzi al caffè di Ma­stro Vincenzo Isola ai contadini che tumultavano per la divisione delle terre comunali il Lombardo arrin­gava l’or­dine, esortandoli a darsi pace, promet­tendo loro la divisione legale e pacifica delle stesse.

IV° - Che nella sera in cui successoro i diversi incendi il Lombar­do si stava ritirando in casa; può essere tanto contestato da 1) Agata Imbro­sciano, 2) Mastro Nunzio Costa, ferraro, 3) Donna Vittoria Casti­glione.

V° - Nel giorno susseguente del camminante questo de­le­gato d’unita a moltissime persone venne a rilevare il Lombardo dalla propria casa invitandolo a sortire e que­sti temendo qualche sini­stro dubitava fortemente ad uscire. Può contestarsi questo vero dal delegato.

VI° - Che il Lombardo diede tutta l’opera sua a poter fre­nare il tu­multo nei giorni susseguenti nei quali durava il disordine, può con­testarsi dai 1) Delegato Don Nicolò Spedalieri, 2) Don Giu­seppe Ra­di­ce, 3) Don Giuseppe di Bella Sac., 4) Sac. Don Vin­cenzo Leanza.

VII° - Che il giudicabile non può dirsi detentore di armi vie­tate del per­ché egli fu arrestato la mattina stessa della insurrezione dal decreto del disarmo, e quindi non poté conferirsi in casa per con­segnare le armi; per altro la sera di quel giorno sei del cammi­nante il Lombardo con­segnava la chiave della sua camera, ove erano le armi al Segre­tario del Generale Bixio, per mandare a rile­vare dalla stanza anzi­detta le armi, che dichiarava con­siste­re in un fucile, in un basto­ne animato, in una pisto­la pic­cola, in uno stilo, ed in alquanta muni­zione.
Ciò può conte­starsi dai 1) Sac. Don Luigi Radice, 2) Sac. Don An­to­nino Zappia.

Bronte lì 9 Agosto 1860.
Nunzio Cesare, Difensore

Le sopracitate posizioni a discolpa sono state presenta­te alle ore quattordici del giorno 9 Agosto 1860 in Bron­te. Il Segretario Can­celliere, Nicolò Boscarini».

(dagli atti del processo)


 

La fucilazione

 

Nino Bixio a Bronte

l'integrale monografia di Be­ne­detto Radice (trat­ta dal II° volume delle Memorie storiche di Bronte) in forma­to : scarica il file (100 pag., 803 Kb).

VEDI ANCHE:

- Il diario di Nino Bixio
- Risorgimento perduto, di Antonino Radice
- Verga e la Libertà, I fatti di Bronte, di L. Sciascia
- La sentenzaemessa il 9 agosto 1860
- La repressione ("Florilegio delle Memorie storiche")
- 1636: Il tumulto contro gli ufficiali di Randazzo,
- 1911: si brucia il dazio,
- Gasparazzo, eroe dell'estrema sinistra

Cenni storici su Bronte Home Page

         I DIBATTITI E LE RICOSTRUZIONI SUI FATTI DI BRONTE

Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus - Condizioni di navigazione e pubblicazionee, Bibliografia minima - Riproduzione riservata anche parziale - Ultimo agg.: 04-2017