Home

Chiese di Bronte

LA MATRICE

Visitiamo, insieme, la Città di Bronte

Le foto di Bronte, insieme

Ti trovi in:  Home-> Monumenti-> Chiese-> SS. Trinità-> Interno

Chiesa della SS. Trinità

Mausolei e lapidi

L'ESTERNO - L'INTERNO - ALTARI DEL CROCIFISSO E DEL PURGATORIO - MAUSOLEI E LAPIDI - SAGRESTIA

All'interno della chiesa, distribuiti sulle pareti delle navate laterali e nelle cappelle sono appoggiati numerosi mausolei costruiti con marmi policromi pregiati e dedicati ad illustri brontesi (in genere preti).

Spiccano quello del vescovo Mons. Giuseppe Saitta (eretto nell'1838, si trova nella navata di sinistra, adiacente all'in­gres­so secondario della chiesa), del nobile Nicola Spedalieri, di Vincenzo Pace, (posto nella navata destra), dell'arciprete Placido Dinaro (eretto in una cappella della navata sinistra), e di Vincenzo Uccellatore (anche lui arciprete, eretto in una cappella della navata sinistra).Mausoleo dedicato al vescovo Giuseppe Saitta

L'iscrizione scolpita sulla lapide del monu­mento sepolcrale dedicato al vescovo GIUSEPPE SAITTA  così recita:

«JOSEPHO SAITTA  / MONTEREGALI PRIMUM POLITIORUM LITTERARUM / DEIN TEOLOGIAE PROFESSORE  / AC STUDIORUM MODERATORI DOCTISSIMO / PACTARUM PONTIFICI
OB OMNIGERARUM EXEMPLA VIRTUTUM
OB INGENIIACIEM ET MAGNITUDINEM
MULTIGENANQUE ET PENE INCREDIBILEM
DOCTRINARUM VARIETATEM ET SAPIENTIAM
ET SACRAE ELOQUENTIAE NOBILITATEM
OB ENIXUM REI LITTERARIAE ET CIVILIS STUDIUM
QUO FERVENS DISCIPULORUM ANIMOS EXCITABAT
DE LITTERATORUM HOMINUM OFFICIO
 SANCTISSIME SENTIENS / EOSQUE PATRIAEI RELIGIONI AC SCIENTIIS DEVINXIT
IN GRATI ANIMI SIGNIFICATIONEM FRATER LEO SAITTA /  HOC MONUMENTUM ERIGENDUM CURAVIT
ORTUS EST. XIX KAL. FEB. MDCCLXVIII / OBIIT XII KAL IULII MDCCCXXXVIII»(1)
 

Il monumento, eretto dai figli e dalla moglie sulla pa­re­te della navata sinistra della chiesa in memoria di

VINCENZO PACE, "laboriosissimo viro patri sponsoque diligen­tis­simo", morto nel 1849. Il monumento sepolcrale, del 1859, è in marmi policromi scolpiti e, murato a parete, è posto nella campata terza della navata destra, accanto all'ingresso di via San Giuseppe.

Una lapide in basso porta la seguente iscrizione

«D. O. M.
VINCENTIO PACE
LABORIOSISSIMO VIRO PATRI SPONSOQUE DILIGENTISSIMO
ATQUE SUI PROXIMI AMANTI / EIUS NATI UXORQUE HOC DICARUNT MONUMENTUM / EJUSQUE CINERES HIC CURAVERUNT LOCARI
OBIIT DIE VII FEBBRUARII / ANNO MDCCCLIX»(2).


Al nobile NICOLA SPEDALIERI è dedicata la lapide, murata nella parete adiacente all’ingresso della sagrestia, nella navata sinistra.
E' del 1831 con la seguente dicitura:
«(A) (O) / Nicolao Spedalieri / viro antiquae virtutis ingenj singularis
summae in rebus agendis fidele et dexteritatis / qui vixit anni XC mens(es) III et dies IV / Deo atque patria optime meritus
omnibus publicis muneribus in Deum benignus in egenos» (3).

Il mausoleo eretto nel 1805 in memoria di Don VINCENTIUS UCCELLATORE, protonotaro apo­stolico, arciprete nel 1795 e "parochus oppidi Placae Bajanae", morto nel 1805 a 74 anni.

Fu rettore del Real Collegio Capizzi dal 1783 al 1787.
E' anche ricordato per aver contribuito con do­nazioni al completamento della costruzio­ne del Collegio Maria, iniziata da donna Maria Sca­fiti.

Nel ricordarlo, la lapide inizia con la scritta «Hic jacet qui retribuit bona pro malis».

Padre Gesualdo De Luca nella sua "Storia della Città di Bronte" lo ricorda «per la gran­dez­za e generosità del suo animo, pei suoi grandi disegni a favore della patria».

Il monumento funebre è posto nella cappella del Sacro Cuore di Gesù (terza della navata sinistra).
Sul monumento, in marmi policromi, è scolpito l'emblema da protonotaro apostolico.
In basso una lapide reca la seguente dicitura:

 «D. O .M. / HIC JACET QUI RETRIBUIT BONA PRO MALIS
S. T. DR. D. VINCENTIUS UCCELLATORE ARCHIPRESBYTER BRONTIS PAROCHUS OPPIDI PLACAE BAJANAE, / PRIMUS S. CATARINAE SENENSIN BENEFICIALIS , JAM / PROVICARIUS ET PROVISITATOR GENERALIS MUNERE / BONI PASTORS IS FUNCTUS ANIMAM SUAM DEBIT / PRO OVIBUS SUIS SEPTIMO IDUS OCTOBRIS MILLESIMO OCTINGENTESIMO QUINTO, AETATIS / SUAE SEPTUAGESIMO QUARTO IN DOMINO REQUIEVIT»(4)..

 

Il mausoleo di PLACIDO DINARO, morto all'età di 91 anni il 26 agosto del 1795.

«Dotto e pio arciprete», per il Radice; di lui il frate padre Gesualdo De Luca scrive che fu "virtuosissimo sacerdote e vigilante Arciprete, fu in conto di uomo dotto e santo. Lo stesso Venerabile Ca­pizzi lo appellava santo nasco­sto. Il suo favel­lare da sacro oratore era efficace e soavissino".

Agostino Attinà lo ha ritratto fra gli "Uomini illustri di Bronte" (al n. 7)

Il monumento sepolcrale di Placido Dinaro (del 1795), posto alla destra dell'altare nella cap­pella del Sacro Cuore di Gesù (terza della nava­ta sinistra), è in marmi policromi scolpiti. Il ritratto è un olio su tavola.

Una lapide porta la seguente dicitura:

«D. O. M. / HIC IACET / ABBAS S. T. D. ARCHIPRESBYTER
D. PLACIDUS DINARO / PATRIAE DECUS
MORIBUS INGENIO AC LENITATE / NULLI SECUNDUS
ELOQUIO PENE DIVINUS / STUDIOSISSIMUS GRECIS CUSTOS / QUI POST INGENTES ATQUE ASSIDUOS
IN OBEUNDO PASTORIS MUNERE / EXANTLATOS LARORES
NOVAGESIMUN PRIMUM ANNUM AGENS / SEPTIMO KAL. ..BRIS DECESSIT / ANNO 1795»(5)

Questo Nicola Spedalieri (nato nel 1741 e morto nel 1831), fu grande beneficiario della Chiesa Madre ed era cugino di terzo grado, tangente il quarto, con il più noto omonimo filosofo Nicola Spedalieri. A sue spese nel 1799 fece restaurare l'ingresso principale della Matrice.


Un’altra lapide sepolcrale, murata a parete nella navata sinistra, quinta campata, è dedicata al sacerdote PASQUALE AIDALA.
Risale al 1836 e porta la seguente dicitura:

«D. O. M. / HIC JACET SAC(erdos) PASCALIS AIDALA QUI MAJORIS AEDITUI OFFICIO
IN HAC MATRIEI AECCLESIA LAUDABILITER FUNCTUS ANNUM AGENS
SEPTIMUM SUPRA TRIGESIMUM / POSTRIDIE NONAS FEBRUARII
OMNIUM MOERORE OBIIT ANNO D(omi)NI MDCCCXXXVI»(6).


Nella lato destro della terza cappella della navata sinistra, del Sacro Cuore di Gesù, è murata una  lapide in marmo commemorativa delle indul­genze concesse da Pio VI nel 1781.
Reca la seguente iscrizione:

«PIUS VI P[ontifex] M[aximus] AD PERPETUAM REI MEMORIAM / OMNIBUS CHRISTI FIDELIBUS, SANCTISSIMI SACRAMENTIS REFECTIS, ET ORANTIBUS HIC MODO SOLITO / IN FERIA VI POST OCTAVAM CORPORIS CHRISTI ET IN DOMINICA III A FEBRUARII CUJUSLIBET/ ANNI INDULGENTIAM PLENARIAM / CONCESSIT IN RELIQUIS VERO TERTIIS DOMINICIS SEPTEM ANNOS, ET TOTIDEM / QUADRAGENAS DE ECCLESIASTICIS POENITENTIIS RELAXAVIT ROMAE / APUD S[anctum] PETRUMSUB ANNULO PISCATORIS DIE XXVI JANUARII MDCCLXXXI»(7)


La sagrestia

La piccola campana in bronzo, appesa nella navata sinistra accanto all’ingresso che immette nella sagrestia, è del 1581; tale data ci è ricordata da un’iscrizione incisa nella fascia superiore: «Salvador mundi Deus 1581».

All'interno, nella parete di ingresso, è posto un prezioso armadio in legno intagliato e scolpito, a due corpi tripartiti da lesene, con ante nel corpo inferiore e ante su cassetti nell'alzata.
Finemente decorato con figure mitologiche e fronde nelle lesene, motivi fitomorfi nelle cornici degli sportelli e dei cassetti e girali vegetali nei fregi, risale probabil­mente agli inizi del 1700.

Nel corso del tempo ha avuto successivi rifacimenti ma conserva ancora intatti i segni dell’antica manifattura.

Con una larghezza di quasi cinque metri ed un’altezza di 2,50 copre tutta la parete e continua dopo tre secoli a servire egregiamente all'uso liturgico per cui era stato costruito dagli artigiani brontesi.

Appesi alle pareti dello stesso vano della sagrestia, trovasi i ritratti degli arcipreti che si sono susseguiti nella guida dalla Parrocchia e, nella parete di fondo, un dipinto di San Biagio della prima metà del secolo XVIII.

«E’ bello il quadro del S. Patrono che trovasi alla parete in cornu Evangeli» scrive il Radice. L’olio su tela (142 cm per una larghezza di 102) è di autore ignoto.

Fra i quadri della sagrestia ricordiamo l’olio su tela (del 1890, di Nunziato Petra­lia, 95 cm per 70 di larghezza) con il ritratto di Giuseppe Minissale (arciprete e parroco dall'8 Dicembre 1880), appeso sulla parete destra. Un’iscrizione docu­men­taria dice «Al reverendo signor Giuseppe Minissalo arciprete Bronte» e, in basso a destra, «Petralia pinse 1890».

Sulla stessa parete in un altro quadro del 1897 (115 cm per 80 di larghezza) è raffigurato l’arciprete Giuseppe di Bella (arciprete e parroco dal 29 giugno 1891, rettore del Real Collegio Capizzi dal 1862 al 1879, morto il 5 febbraio 1897).

Un’iscrizione in basso ricorda la sua figura:
«Archipresbiter Joseph Di Bella, ingenio, doctrina, pietate ac prudentia / laudem emeruit collegium Capizzi XVIII annos solertiter rexit, ac in eo / matescos ac literas latinas egregie docuit, parochus electus 1891 / animarum bonum ac decorem domus Dei ex animo promovit defletus / ab omnibus, obiit in Domino die V februarit 1897 aetatis suae 66» (8)

Nella chiesa della Matrice si conserva anche un piccolo quadro che la tradizione vuole sia stato dipinto dal filosofo Nicola Spedalieri.

Ecco cosa scrive in merito il Radice: «…è notevole un Cuor di Gesù dipinto nello sportellino del tabernacolo e la bella testa della Vergine, ammirevole per la finitezza del colorito e l’espressione dolce del viso. E’ conservata in una custodia di vetro. Il De Luca dice sia opera del filosofo Spedalieri…»

Molti sono anche gli oggetti preziosi, di carattere religioso o cerimoniale, di proprietà della chiesa, alcuni risalenti anche ai primi anni del 1600, dono di benefattori e di mecenati ma anche di poveri contadini e di pastori che, a volte, lasciavano i propri averi a beneficio della Matrice.

Oggetti in oro o lamina d’argento, sbalzato e cesellato, quali ostensori, calici, patene, croci d’altare, candelieri, lampade pensili, servizi di cartaglorie, vasi (uno, in argento sbalzato e cesellato, del messinese Francesco Bruno risale al XVII secolo), candelieri, bacili, brocche; od anche sedie in legno intagliato, o preziosi indumenti sacri (di vari materiale, manifattura ed epoche) quali pianete, stole, mantelli, paliotti (uno di fine 1600, della bottega palermitana di Michele Rizzo, è in argento in lamina, sbalzato, traforato e cesellato), e baldacchini, ombrellini e stendardi o tovaglie d’altare.

Date uno sguardo, nella processione del Venerdì Santo, al manto che copre la statua della Madonna Addolorata: è ricoperto da centinaia di oggetti d’oro e d’argento (anelli, collane, braccialetti, pietre preziose) dono o ex-voto d’ignoti fedeli.

Dovrebbero anche essere conservati nella chiesa della Matrice anche le tre pianete cardinalizie ed il messale con statue in avorio, donati alla chiesa dal Card. Antonino Saverio De Luca Nunzio apostolico alla Corte di Francesco Giuseppe e  "Papa mancato" nel 1878. Gli oggetti gli erano stati regalati dall'Imperatrice d'Austria.


NOTE:

(1) «Giuseppe Saitta / fu prima cultore di lettere a Monreale, quindi professore di teologia e dottissimo Direttore degli studi. Fu vescovo di Patti dotato di ogni esemplare virtù, di ingegno, e magnificenza; incredibile nell’operare e nella fatica. Invogliava ed inculcava fervore nell’animo dei discepoli con la diversità e la sapienza della dottrina e con la nobiltà della sacra eloquenza. Con saggio giudizio eleggeva gli insegnanti di lettere, di religione e di scienze. Con animo grato il fratello Leone Saitta volle erigere questo monumento. E’ nato il 14 gennaio 1764 – Morì il 20 giugno 1838»

(2) «D.O.M. / Vincenzo Pace / Uomo laboriosissimo, sposo e padre diligentissimo ed amante del prossimo. I suoi figli e la moglie gli dedicarono questo monumento ove con cura deposero le sue ceneri. Morì il 7 febbraio 1859»

(3) «Α - Ω / A Nicola Spedalieri, 1741-1831 / uomo di solida virtù, di ingegno straordinario, perseverante ed esemplare nella pratica della fede. Visse 90 anni, 3 mesi e 4 giorni. Assai benemerito di Dio e della Patria, avendo ricoperto, in modo integerrimo, tutti i pubblici uffici. Pio verso Dio, generoso coi bisognosi, ospitale con tutti. Morì con gran dolore dei suoi cari l’11 dicembre 1831. I figli Gioacchino, Giuseppe, Luigi, Carmelo, Gaetano, e la figlia Maria, fecero per amore al padre dolcissimo di beata memoria questo monumento».
Questo Nicola Spedalieri, cugino di terzo grado del Filosofo Nicola Spedalieri, deve essere considerato il reale Capostipite degli Spedalieri di Bronte e di Sicilia. Lui infatti, seguendo l’esempio del Filosofo, cambiò il cognome in Spedalieri e lo trasmise ai suoi discendenti. Il Filosofo aveva due fratelli e due sorelle. Dei fratelli, Erasmo era come lui sacerdote e come lui celibe. Giuseppe fu il padre del Fisiologo Arcangelo Spedalieri e di un altro Giuseppe, medico. Questo Giuseppe si trasferì nel Napoletano e i suoi discendenti si propagarono in Campania e in Calabria. Arcangelo andò a Milano; i discendenti di quest’ultimo si trasferirono poi in Argentina. Resta provato quindi che il Nicola Spedalieri della Chiesa Madre sia il Capostipite degli Spedalieri di Sicilia.

L'armadio in legno scolpito della sagrestia è del 1700 (sulla destra due particolari); la pic­cola campana in bron­zo risale al 1581 ed è ancora "in servizio" all'uscita della sacrestia.
A destra il quadro di San Biagio esposto nella parete di fondo della sacrestia.

San Biagio (Matrice Bronte)

 

Appesi alle pareti della sagrestia, trovasi i ritratti degli arcipreti che si sono susseguiti nella guida dalla Parrocchia. Ve ne presentiamo alcuni: sopra, da sinistra, gli arcipreti Giuseppe Di Bella, Giuseppe Minissale (arciprete dal dicembre 1880, il quadro è di N. Petralia) e Luigi Longhitano. Il sac. Giuseppe Di Bella, arciprete dal giugno 1891, è stato anche rettore del Collegio per 18 anni (dal 1862 al 1879).

Nelle tre foto sotto: padre Antonino Marcantonio (il quadro è opera di Rosetta Zingale), mons. Antonino Longhitano (arciprete dal 1989 al 2000) e padre Vincenzo Saitta (dal 2000 al 2013).

 

Fra i tanti pre­gevoli oggetti ed arredi di proprietà della Matrice vi mostriamo una pianeta della seconda metà del 1700;(la trama flo­rea­le è in ar­gen­to filato), il cielo di un baldacchino
(seta ricamata con oro e argento)

utilizzato nelle  processioni del Corpus Domini, un antico stendardo processionale dell'antica Confraternita del SS. Sacramento (prima metà del 1800), un turibolo (in argento sbalzato, cesellato e traforato, fatto a Catania del 1753) ed una corona di statua del XVII secolo.

 

(4) «D.O.M. / Qui giace colui che rese bene per male, Dottore di Sacra Teologia Don Vincenzo Uccellatore Arciprete di Bronte e Parroco del casale di Placa Bajana. Prima fu beneficiario (della chiesa) di S. Caterina da Siena, quindi coprì la carica di Protonotaro Apostolico. Da buon pastore offrì l’anima sua per le sue pecorelle il 7 ottobre 1805. Riposò nel Signore all’età di 74 anni»

(5) «D.O.M. / Qui giace l’Abate Dottore di Sacra Teologia Arciprete Don Placido Dinaro, decoro della patria; nei costumi, nell’ingegno e nella pazienza a nessuno fu secondo. Fu dotato di eloquenza divina e fu esperto nella cultura greca. Dopo essersi dato con assiduità all’ingente opera pastorale, consumato da lungo travaglio morì all’etá di 91 anni il 26 agosto 1795». (Va notato che Don Placido Dinaro era lo zio materno del Filosofo Nicola Spedalieri. Il 25 ottobre 1739 lui fu uno dei testimoni al matrimonio della sorella Antonina Dinaro con Vincenzo Spitaleri, i genitori del filosofo).

(6) «D.O.M. / Qui giace il Sac(erdote) Pasquale Aidala il quale esercitò lodevolmente i maggiori uffici in questa Madre Chiesa per 37 anni. Col cordoglio di tutti si spense il 6 febbraio 1836»

(7) «Pio VI P(ontefice) M(assimo) a perpetua memoria / A tutti i fedeli di Cristo, che riceveranno i Santissimi Sacramenti e pregheranno in questa chiesa nel modo prescritto nel sesto giorno dopo l’ottava del Corpus Domini e nella terza domenica di Febbraio, di ogni anno, concede l’indulgenza plenaria; nelle altre terze domeniche (concede) 7 anni (di indulgenza), alle stesse condizioni. Rilasciato a Roma nel quarantesimo della Penitenzieria Ecclesiastica con il sigillo del Sacro Anello del Pescatore il 26 gennaio 1781»

(8) «Giuseppe Di Bella Arciprete. Uomo di ingegno, dottrina, pietà e prudenza. Lode gli meritò la solerzia con cui resse per 18 anni il Collegio Capizzi ove egregiamente insegnò metrica e letteratura latina. Eletto parroco nel 1891 si dedicò al bene delle anime e di cuore promosse il decoro della casa di Dio. Pianto da tutti morì nel Signore il 5 febbraio 1897 all’età di 66 anni»

(traduzioni dal latino e note di Bruno Spedalieri)
 

Chiesa della SS. Trinità:  L'esterno - L'interno - Altari del Crocifisso e del Purgatorio - Mausolei e lapidi - Sagrestia

Home Page

     

Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus  / Riproduzione riservata anche parziale