Home Page

Eventi Culturali & non

Ti trovi in: Home-> News da Bronte-> Eventi culturali

Altri eventi precedenti  | seguenti

Marzo  /  Ottobre 2007

 


19 Dicembre 2007

MANIACE

I vincitori del premio Sharp

Si è tenuta nella sala conferenze del Castello Nelson la cerimonia di premiazione del premio letterario William Sharp, un celta nella terra dei Nelson. Presenti il preside della facoltà di Lingue dell'Università di Catania, prof. Nunzio Famoso, i prof. Iain Halliday, Rosario Portale, il presidente della Pro Loco di Maniace Giuseppe Sanfilippo Frittola, l'assessore alla Cultura Antonino Galati e il vice sindaco di Maletto Enzo Sgrò. Ospite d'onore della manifestazione la poetessa siriana Maram Al Masri.
Ecco i vincitori: 1° classificato Salvatore Pagano dell'Università di Modena e Reggio Emilia, 2° classificati ex-equo Lorenzo Musenga del liceo “Petrarca” di Trieste e Giuseppe Privitera del liceo “Gulli e Pennini” di Acireale, 3° classificato il lavoro di gruppo di Antonia Gurgone e Roberta Nicosia del liceo “E. Majorana” di Nicosia.



17 Dicembre 2007

GRANDE PARTECIPAZIONE AL DIBATTITO ANTIMAFIA AL TEATRO COMUNALE

Il convegno su "Il capo dei capi"Il «Capo dei capi», la mafia nei film e nella realtà

Firrarello: «Sulla fiction “Il capo dei capi", non nascondo le mie riserve»

La mafia in tutti i suoi aspetti è stato argomento di dibattito durante il convegno “Il Capo dei Capi. Dalla fiction alla realtà – Mito televisivo o risveglio delle coscienze?”, organizzato dal Circolo di cultura di Bronte E. Cimbali e dal Comune, che si sono chiesti se la fiction televisiva abbia suscitato avversione verso la mafia o, piuttosto, spirito di emulazione. Per questo all’incontro ha partecipato Salvatore Lazzaro, l’attore brontese che ha impersonato Bernardo Provenzano. Ne è venuto fuori un dibattito vero, proprio come volevano Valerio Saitta, presidente Circolo di Cultura “E. Cimbali” e l’assessore alla Cultura del Comune Antonio Petronaci, anche perché il giornalista Tony Zermo, moderando il dibattito, è riuscito a centrare i problemi.
Per Salvatore Lazzaro le figure dei mafiosi sono state raccontante in maniera così negativa da creare avversione verso l’agire mafioso descritto dagli imprenditori Andrea Vecchio e Vincenzo Zappalà che hanno raccontato la loro triste storia.

Sono stati affrontati anche le difficoltà di magistratura e forze dell’ordine: “La Magistratura non può essere condizionata nel suo operato – ha affermato il magistrato Ignazio Fonzo – e se ci sono dei ritardi nella conclusione dei processi non è il Giudice che può porre rimedio, ma il legislatore”.

“Sbagliamo – ha aggiunto il Questore di Catania dott. Michele Capomacchina – a non credere nella risposta che lo Stato sta dando contro il fenomeno mafioso”. “Dalla fiction televisiva – ha aggiunto il comandante della Compagnia carabinieri di Randazzo, cap. Gaetano Birtolo - traiamo due insegnamenti: che il crimine non paga e si finisce in galera rimanendoci come Totò Riina e che un paese può considerarsi maturo quando riesce a combattere i propri mali ed i soprusi. Le vittime sono vulnerabili fino a quando non denunciano. La denuncia li rende forti e scatena quella solidarietà nemica della mafia”.

Interessante anche l’intervento del prof. Vincenzo Pappalardo con le conclusioni che sono state affidate al sindaco Firrarello: “Le forze dell’ordine e la Magistratura devono essere viste con rispetto – ha affermato – Alcuni libri ed alcuni scrittori hanno lasciato valide testimonianze sulla mafia, altri no. L’errore che si rischia di commettere è esaltare il fenomeno mafioso suscitando spirito di emulazione, e sulla fiction “Il Capo dei capi”, non nascondo le mie riserve”.



7 Dicembre 2007
CONVEGNO SU "IL CAPO DEI CAPI" CON LA PRESENZA DELL'IMPRENDITORE ANDREA VECCHIO E DELL'ATTORE SALVATORE LAZZARO

Il Natale a Bronte

Presepio del Kenia (in terracotta)Esposizione di 250 presepi provenienti da tutto il mondo

Dicembre a Bronte è il mese degli eventi culturali. L’assessore ai servizi culturali e turistici, Antonio Petronaci, ha infatti, presentato il programma delle manifestazioni che per l’intero mese caratterizzeranno la Città del pistacchio. Già domenica alle 11, presso il cine teatro comunale è previsto il convegno “Il passaggio degli Alleati a Bronte”, nel corso del quale verrà proiettato un filmato inedito relativo al passaggio delle truppe alleate a Bronte, prima delle relazioni del sindaco, sen. Pino Firrarello, del prof. Fabrizio Francaviglia e del dott. Ezio Costanzo. La domenica successiva 16 dicembre, alle 10 e 30 nella stessa sede, si parlerà di mafia con il convegno “Il capo dei capi”. Dalla fiction alla realtà - Mito televisivo o risveglio delle coscienze?, condotto dal giornalista Tony Zermo.
Al convegno, organizzato dal Circolo di cultura "E. Cimbali" e dal Comune, interverranno il magistrato e consulente della Commissione parlamentare antimafia, Ignazio Fonzo, il questore di Catania, Michele Capomacchia, il prof. Vincenzo Pappalardo docente di storia e filosofia del liceo Capizzi, il comandante della Compagnia carabinieri di Randazzo, cap. Gaetano Birtolo, l’imprenditore Andrea Vecchio recente vittima della mafia che ha più volte incendiato gli scavatori della sua azienda e l’attore brontese, Salvatore Lazzaro, che ha ricoperto il ruolo di Bernardo Provenzano nella fiction “Il capo dei capi”. Le manifestazioni culturali di fine anno poi proseguiranno con l’inaugurazione della Pinacoteca venerdì 21, ed il 28 con il concerto di fine anno della banda San Biagio.

Continuando una tradizione iniziata negli anni scorsi, l'Associazioni “Pro Eremo - contemplazione e fratermità” organizza anche in questo Natale una mostra di presepi. Duecentocinquanta presepi collezionati ed allestiti con paziente amorevole cura dal salesiano don Antonino Rubino e provenienti da tutto il mondo saranno in esposizione a Bronte (in via Card. De Luca 49) fino al 7 Gennaio 2007.
Fra i tanti presepi saranno esposti anche delle vere e proprie opere d'arti della scuola di Napoli e di Caltagirone e “presepi spettacolari”: romano (diorama), napoletano, siciliano, in movimento, di cioccolato, … Le visite, come si evince dal manifesto affisso in questi giorni, sono possibili: per le scuole tutte le mattine, per tutti gli altri nel pomeriggio (dalle ore 16,30 alle ore 20,00).
E' comunque possibile prenotare la visita ai numeri di telefono 095692107/3331179472 oppure rivolgersi al n. 70 di via Card. De Luca per l’apertura.
Il calendario delle altre manifestazioni, così come divulgato dall’Amministrazione comunale, prevede:

La Natività: Dall’8 dicembre al 6 gennaio: realizzazione di un presepe a cura dell’Associazione Volontariato “Unitalsi”
Mercatino di Natale: Nei giorni 8/9 – 15/16 – 22/23/24 – 29/30 dicembre, in Piazza Spedalieri: Mercatino di Natale con esposizione di prodotti e articoli natalizi.
Doniamo un sorriso: 15 dicembre, ore 17,00: Nelle corsie dell’ospedale non mancherà un sorriso di conforto dei nostri giovani Scout d’Europa
Tombolata di Natale: 17 dicembre, ore 19.00, al Teatro comunale: Una simpatica tombolata per i ragazzi della scuola media, animata da spettacoli
Babbo Natale incontra i bambini: 17 dicembre, ore 9.00 – 23 dicembre, ore 17.00, in Piazza Spedalieri: I bambini su un trenino, incontrano Babbo Natale
Babbo Natale raggiunge tutti: 20-21 dicembre: La renna di Babbo Natale va a casa delle famiglie meno fortunate
I nonni si scambiano gli auguri: 21 dicembre, ore 18.00, Centro anziani: Una grande festa con balli e animazione
Concerto di fine anno: 28 dicembre, ore 20.00 Teatro comunale. Concerto di Natale a cura della Banda musicale S. Biagio
Fuochi d'artificio musicali: 31 dicembre, ore 20.00, viale Catania.
Le facciate e i campanili del Santuario dell’Annunziata, della chiesa Madre e della chiesa del Sacro Cuore saranno illuminate gratuitamente dalla ditta S.S.T. di Bronte.



6 Dicembre 2007

Comune di Bronte, Fidapa e Rotary insieme per Telethon e per la missione di Ilula

Serate di beneficenza al Teatro comunale

In occasione della manifestazione nazionale Telethon, la Fidapa con il patrocinio del Comune, ha organizzato presso il teatro comunale una raccolta fondi, che prevedeva uno spettacolo dal titolo “Madre Teresa - Il Musical”, della compagnia C.G.S. Miaharamandea di Pedara.
Lo spettacolo è stato emozionante, ed il pubblico, accorso numeroso, è stato particolarmente generoso consentendo di raccogliere circa 1000 euro. Presente la Presidente della Fidapa di Bronte, Zina Carroccio, Rosa Barbagallo, coordinatrice provinciale Telethon, l’assessore alle Politiche Giovanili del Comune, Maria De Luca, la tesoriera distrettuale della Fidapa, Nora Caserta e la past president, Lucia Firrarello: “Appoggiamo e sosteniamo con piacere iniziative simili – ha dichiarato l’assessore De Luca – perché oltre a promuovere il principio della solidarietà e dell’aiuto verso il prossimo, coniugano perfettamente quella valorizzazione della cultura che il sindaco Pino Firrarello per primo intende incentivare”.

Nello stesso teatro un'altra serata di beneficenza, questa volta organizzata dal Rotary Club Aetna Nord Ovest con il patrocinio dell’assessorato regionale ai Beni Culturali e del Comune, ha raccolto invece fondi per la missione di Ilula in Tanzania gestita da padre Filippo Mammano, con cui il club ha stabilito un “ponte di solidarietà”. Il presidente del club service, Paolo Falanga, ha ricordato l’azione della Rotary Foundation forza motrice del servizio umanitario internazionale del Rotary. Parole di apprezzamento sono state espresse dal sindaco Firrarello, presente alla manifestazione, che ha elogiato l’iniziativa e l’alto contenuto della rappresentazione, eventi necessari alla crescita culturale del paese. La serata è stata allietata da Serena Lao e la sua Compagnia che hanno messo in scena lo spettacolo “Un Pupo Vero” liberamente ispirato al Pinocchio di Collodi.


13 Ottobre 2007
IL PREMIO WILLIAM SHARP. IERI LA PRESENTAZIONE ALLA PROVINCIA

«Un Celta nella terra dei Nelson», la Cultura si associa al territorio

«L'amore è molto più grande di quello che possiamo immaginare, e la morte è custode di grandi Redenzioni», celebre frase dello scrittore scozzese William Sharp, nato e cresciuto in Scozia ma trasferitosi a Maniace, piccolo paese della provincia di Catania. Qui trascorse gli anni più belli e importanti della sua vita, soprattutto dal punto di vista artistico.

Ieri, a distanza di molti anni dalla sua morte, nella sala conferenze della Provincia regionale di Catania con una conferenza stampa, è stato presentato il Concorso di poesia William Sharp. Presenti, oltre ai docenti della facoltà di lingue e letterature straniere di Catania, Prof. Rosario Portale e Prof. Iain Halliday, l'on. Lino Leanza (beni culturali) della Regione e gli assessori provinciali: Orazio Pellegrino (valorizzazione dell'Etna) e Serafina Perra (cultura) e il presidente della Pro Loco di Maniace Giuseppe Sanfilippo.

«Promuovere il territorio da un punto di vista culturale, è importantissimo per la nostra Regione - ha dichiarato l'on. Leanza - che un premio letterario ispirato ad uno scrittore si svolga a Maniace, denota che la Sicilia già nei tempi antichi era meta culturale e turistica di molti stranieri».

Questo concorso, già alla sua terza edizione, dà la possibilità agli studenti di misurarsi in ambito poetico ed è l'unico della sua tipologia nel sud Italia. «E' importante associare la cultura letteraria al nostro territorio - ha affermato l'assessore Pellegrino - Per questo la Provincia, per tramandare il patrimonio letterario della nostra terra, patrocina un'iniziativa così importante».
Fondamentale tappa della vita di Sharp è sicuramente il passaggio, avvenuto proprio negli anni trascorsi a Maniace, dall'uso del suo nome per firmare i poemi a quello di uno pseudonimo, Fiona Macleod, tenuto segreto fino alla sua morte.

«Sicuramente lo scrittore ha subito il fascino della nostra cultura - ha sottolineato l'assessore Perra - e ha quindi subito una metamorfosi tale da decidere di usare un nome femminile per firmare i suoi scritti, ma al di là di questo sono contenta che uno scozzese abbia deciso di vivere qui, nella nostra terra, e di scrivere qui dove evidentemente si sentiva profondamente ispirato».

La facoltà di Lingue e Letterature straniere ha sempre mostrato interesse per manifestazioni di grande rilevanza come questa», ha affermato il prof. Portale - e sono fiero che ci sia un grosso scambio culturale tra la nostra terra e la Scozia».

A concludere la conferenza il presidente della Pro Loco, Giuseppe Sanfilippo: «La firma del protocollo d'intesa permetterà l'esistenza di questo premio negli anni successivi. E' importante che la Sicilia possa diventare un grosso centro culturale e ospitare vari premi letterari, perché questa terra ha molto da dare».

I vincitori
 

11 Ottobre 2007

Premio letterario «William Sharp»

I lavori, dovranno pervenire nella sede della Pro Loco di Maniace entro il 17 novembre 2007. La giornata conclusiva del Premio è fissata per il 15 dicembre, alle ore 9, nello storico scenario del Castello Nelson.
Obiettivo del premio è quello di far rinascere gli antichi splendori di Maniace. Di qui il progetto di costituire un Centro Studi in cui raccogliere e catalogare tutto il materiale legato all'enorme patrimonio culturale rappresentato in un primo momento, dalla ricchezza del casale arabo e successivamente dall'importanza storico-artistica dell'abbazia di Santa Maria di Maniace e dal prestigio dei suoi monaci, protagonisti della vita monastica siciliana del medioevo.
E' in questo luogo di forti memorie storiche che il V Duca di Bronte Alexander Nelson-Hood, consapevole del grande eco culturale che aveva avuto l'abbazia benedettina, amava attorniarsi di letterati e artisti, fra cui William Sharp, rappresentante significativo della cultura inglese che affascinato dall'ameno paesaggio vi trascorse gli ultimi anni della sua vita. Alla sua morte fu sepolto in un piccolo cimitero lungo la sponda del torrente Saracena.
Il Simposio, indetto nel 2005 in occasione del centenario della morte del poeta, la I e la II edizione del Premio Letterario, si configurano come occasioni di promozione e valorizzazione del territorio, nonché importanti momenti di studio sulle figure di poeti e letterati che hanno scritto di questa terra, le cui vicissitudini storiche hanno accomunato e a loro volta influenzato terre dalle diverse tradizioni. Il concorso di traduzione di poesie dalla lingua inglese alla lingua italiana è rivolto agli studenti degli Istituti Superiori e delle Università e rappresenta un’opportunità di studio per accrescere il sapere di ogni singolo partecipante e di quanti vorranno usufruire dei lavori presentati.



1 Ottobre 2007
INCONTRO DI STUDIO AL CASTELLO NELSON SABATO 6 OTTOBRE

L'evoluzione dell'Etna... attraverso la Cartografia

La rappresentazione cartografica dell'Etna e del suo territorio

All'interno delle attività formative del corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore per la figura di “Tecnico superiore per i rilievi e strumentazioni di telerilevamento (Gps-Gis)”, avviato a Bronte dal 19 settembre 2007 presso l'Istituto “Benedetto Radice”, i partners del progetto, insieme alla sezione di Catania della Sifet (Società Italiana Fotogrammetria e Topografia) di Catania, organizzano un incontro di carattere scientifico-culturale che tratterà il tema della rappresentazione cartografica dell'Etna e del suo territorio, nonché gli aspetti ad essi correlati.

L'incontro avrà come cornice i magnifici locali della Ducea Nelson ed è aperto a tutti. Vedrà quali autorevoli relatori il gen. Carlo Colella (comandante dell'Istituto Geografico Militare Italiano) e il prof. Andrea Cantile (direttore della rivista “l'Universo”), oltre ad illustri docenti dell'Ateneo Catanese.
Per l'occasione, nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 ottobre, sarà esposta nei locali del Castello la scultura in bronzo del 1875, raffigurante l'Etna, messa gentilmente a disposizione dall'Istituto Geografico Militare di Firenze.

Il corso IFTS, della durata di 1200 ore con il riconoscimento di 20 crediti validi per l’Università degli studi di Catania, vede impegnati 25 corsisti selezionati su 45 richieste.
Partner del progetto, finanziato dall’Assessorato regionale beni culturali sono l’Istituto tecnico per geometri “Benedetto Radice”, l’Associazione Geometri Etna Nord, la facoltà di Ingegneria civile dell’Università degli studi di Catania, il Collegio dei Geometri di Catania, l’A.I.C.S. Sicilform di Catania e M.E.G.A Mediterranea Geomatica e Ambiente di Gravina.

Programma
ore 9,15 – Apertura lavori
Saluti: prof. Giovanni Lutri, dirigente scolastico dell'Istituto Benedetto Radice, sen. Pino Firrarello, sindaco di Bronte, on. Giuseppe Castiglione, deputato al Parlamento Europeo, geom. Rosario Cucuccio, presidente del Collegio dei Geometri della Provincia, geom. Antonio Mantineo, presidente dell'Associazione Geometri Etna-Nord. Chairman: Geom. Paolo Nicolosi, presidente della Sezione Sifet (Società Italiana Fotogrammetria e Topografia) di Catania.
Relazioni:
Ore 9,30 - Geom. Angelo Costa, collegio dei geometri della provincia di Catania: “La spendibilità professionale nel territorio etneo”
Ore 9.50- Prof. Giuseppe Mussumeci, docente Università di Catania: “Dalle prime misure della terra alle osservazioni da satellite”
Ore 10.30 - Dr. geol. Alberto La Manna, Libero professionista - MeGA s.r.l.: "I sistemi informativi territoriali in Regione sicilia, un modello in applicazione nel territorio Etneo"
Ore 11.15 - Gen. Carlo Coltella, Comandante dell'Istituto Geografico Militare Italiano: "L'Istituto Geografico Militare, attualità e prospettive future”
Ore 11.45 - Prof. Andrea Cantile, direttore della rivista “l'Universo”: “La Sicilia nell’universo”
Ore 13.00 - Chiusura lavori



28 settembre 2007

Lo sviluppo del turismo nelle aree insulari e litoranee del Mediterraneo

“Il turismo di qualità: esperienze e nuove tendenze”

Si è svolto a Bronte il workshop “Il Turismo di qualità: Esperienze e nuove tendenze”. Inserito nel progetto MedTourNet (Mediterranean Tourism Network) nato dall’iniziativa Comunitaria Interrg IIIb Archimeo, il progetto punta alla promozione di uno sviluppo del turismo nelle aree insulari e litoranee del Mediterraneo comprendenti il Sud Italia, la Grecia e Cipro.

All’incontro hanno partecipato il vice sindaco del Comune di Bronte avv. Nunzio Calanna, l’assessore di Belpasso Maria Rita Sambataro, il dott. Giacomo Giusto, coordinatore locale del progetto MedTourNet project, Med.O.R.O. scarl, Catania e Nadia De Sanctis della Camera di Commercio di Foggia. Con loro gli ospiti stranieri Tsotsos Iordanis vice Presidente dell’Unione delle Camere di Commercio elleniche e presidente della Camera di Pella, Dimitris Pavlidis. “Bronte – ha dichiarato l’on. Calanna – partecipa con interesse a progetti simili, puntando a valorizzare ai fini turistici il territorio ed i propri prodotti tipici”.



29 Agosto 2007

A Calatabiano e Bronte due giorni di cultura alla presenza di numerosi artisti

Poesia, pittura e musica rese accessibili a tutti i gusti

Il festival-progetto per unire la parola all'immagine e al suono

Portare la poesia, la pittura e la musica in mezzo alla gente, tra le vie e le piazze dei paesi etnei, accompagnate dalle emozioni e dalle sensazioni degli artisti stessi. È la formula che propone il festival “Isola poesia”, organizzato dall'associazione culturale “Interminati spazi”, a cura di Giuseppe Condorelli e Paolo Lisi, con il patrocinio dell'assessorato alle Politiche culturali della provincia regionale, dei Comuni di Calatabiano e di Bronte e la collaborazione dell'Accademia di belle arti di Catania. Il festival, originale nel suo contesto e caratterizzato dalla folta presenza di artisti siciliani, si svolgerà in due serate, venerdì 31 agosto nella chiesa di Gesù e Maria a Calatabiano, e sabato 1 settembre, nel Castello di Nelson a Maniace (entrambe le serate alle ore 20), con “reading” di poesia che richiameranno il filo conduttore della Sicilia, costituito dal mare e dalla terra. […]
La musica proposta sarà “colta”, ma con ascendenze popolari: dal tango al blues al jazz; la pittura vedrà impegnati, come in un “cantiere aperto”, giovani artisti siciliani provenienti dall'Accademia di belle arti di Catania; i “reading” di poesia costituiranno la spina dorsale dell'evento, accompagnati dalle suggestioni regalate dalle altre forme artistiche. Gioia, festa, partecipazione saranno le parole d'ordine della manifestazione.

Il Programma del 1 Settembre
Maniace-Bronte, Castello di Nelson
Sabato 1 settembre 2007 - h. 20.00
Reading di poesia: Maria Attanasio, Tiziano Brogliato, Paolo Lisi, Marco Marangoni, Giuseppe Mazzone, Maria Ausilia Ponzo, Loretto Ravanelli, Biagio Salmeri
Notazioni in musica: Caterina Longhitano (violoncello), Arturo Urso (oboe), Josè Marano (sax)
Arti Visive (coordinamento Natale Platania): Valentina Arena, Francesco Barrera, Teresa Bonaccorsi, Ignazio Castro, Luca Indaco, Roberta Laudani, Luca Milazzo, Rosalba Musumeci, Alessia Paladino, Maria Teresa Puccio, Stefania Reitano, Verdiana Scirocco, Chiara Segreto.



Luglio 2007

Spiccano la Notte Bianca, concerti, una sessione di Jazz music e la tradizionale Sagra del pistacchio

Il programma dell'E…state (con noi)

Sono stati resi noti i dettagli dei due mesi di divertimento che ci accompagneranno nell'estate 2007. Un palinsesto, programmato dal sindaco e dall'assessore Salvia, che definire ricco sembra un’esagerazione ma che, dati i tempi che corrono, tutto sommato risulta anche accettabile.

All’insegna del risparmio e della moderazione c’è un pò di tutto: concerti, film, spettacoli teatrali, un cantastorie, un pizzico di jazz ma anche la festa di San Biagio e l’esibizione di palestre e (e questa è una novità) un “Car Day”, evento dal nome altisonante ma trattasi soltanto dell’esposizione di macchine nuove ed usate.

Insomma nulla di eccezionale ma (nonostante l’aumento dei tributi comunali) soldi ce n’è sempre pochini e bisogna arrangiarsi anche con le feste religiose e gli spettacoli fatti in casa. I momenti di festa e di divertimento si svolgeranno oltre che nella “storica” piazza Spedalieri, anche nelle piazze Rosario (una nuova entry) e Cimbali ed all'interno del Castello Nelson. Il nome - “E…state con noi” - è rimasto quello dell’anno scorso quando aveva sostituito il “BrontEvviva” del 2005 che, per la Storia, a sua volta cancellava il BrontEventi targato Leanza del 2004.

Nel programma di quest’anno spiccano la Notte Bianca (fra l’11 ed il 12 Agosto) con l’orchestra di Paolo Belli, i concerti dei gruppi musicali Tinturia, ExemPsycho–Funky, Charlie’s Angels e dei ragazzi sud americani del Tinkuy di Bolivia, una sessione di Jazz music con il quartetto del chitarrista Francesco Buzzurro (il 3 agosto, al Castello Nelson) e dal 29 settembre al 7 ottobre la tradizionale Sagra del pistacchio. Gli sponsor, oltre al Comune, la Regione, la Provincia ed il Parco dei Nebrodi.

Il Programma

LUGLIO
14 Luglio, sabato

Esibizione Palestra New Body con la partecipazione straordinaria, dalla trasmissione televisiva “Amici”, di Rossella Luca’
Sfilata “Gruppo Folcloristico Kallipolis Città di Giarre” di Melo Chillari
Artisti di strada “Suarè” con “Stradarte”, spettacolo itinerante lungo tutto il Corso Umberto
15 Luglio, domenica:
(Piazza Spedalieri - ore 21,00) Compagnia teatrale “Giovanni Pennino”, commedia in 3 atti “Benedetto fra le Donne”

19 Luglio, giovedì: (Piazza Rosario - ore 21,00) Proiezione film “Scrivimi una canzone”
20 Luglio, venerdì: (Piazza Rosario - ore 21,00) Concerto musicale con il gruppo “Exem”
21 Luglio, sabato: (Piazza Spedalieri - ore21,00) “Tinturia” in concerto
22 Luglio, domenica:
(Piazza Spedalieri - ore 21.00) Esibizione Palestra Athenea
26 Luglio, giovedì: (Piazza Rosario - ore 21,00) Gruppo musicale “Psycho – Funky”
27 Luglio, venerdì: (Piazza E. Cimbali - ore 21,00) Proiezione film “007 Casino Royal”
28 Luglio, sabato:
(Piazza Spedalieri - ore 21,00) Kermesse di moda – Costume e spettacolo a cura del gruppo “Maison du cochon” (ospite d'onore la nostra concittadina Tatiana Faranda, finalista Miss Italia nel Mondo)
29 Luglio, domenica: (Piazza Spedalieri – ore 21,00)  Esibizione Palestra Energym - (Piazza Enrico Cimbali – ore 22,00) Cantastorie Luigi di Pino, “La baronessa di Carini”
AGOSTO
2 Agosto, giovedì:
(Piazza Rosario – ore 21,00)  Proiezione film “Una notte al museo”
3 Agosto, venerdì: (Castello Nelson - ore 20,00) Jazz music “Francesco Buzzurro Quartet”
4 Agosto, sabato: (Piazza Spedalieri – ore 21,00) “Brigantini super band” in concerto
Dal 5 al 12 Agosto Festa di S. Biagio
5 Agosto, domenica: (Piazza Spedalieri – ore 20,00) Circo di piazza “Bagagli smarriti”, spettacolo per bambini a cura della “Smile Service”
(Zona artigianale, dalle ore 9,00 alle ore 21,00) “Car day” – Esposizione di macchine nuove ed usate a cura di Euro Car di Gulloti Giuseppe, Auto store di Caudullo Alberto, Auto Europa di Sciacca Nunziata, Gamberi e Grasso Auto. Mostra della mitica “Fiat 500”
9 Agosto, giovedì: (Piazza E. Cimbali - ore 21,00) Proiezione film “Il 7 e l’8”
10 Agosto, venerdì: (Piazza Rosario – ore 20,00) Gruppo musicale “Tinkuy di Bolivia” - (Viale Catania – ore 21,00) Concerto del gruppo musicale “Charlie’s Angels”
11-12 Agosto, sabato: Notte Bianca
Ore 19: sfilata lungo il corso Umberto dei gruppi mascherati del carnevale 2007;ore 22: artisti di strada lungo il corso Umberto; concerto popolare della Compagnia “Terra di focu” in “Vi incantu cu lu cantu”, con Laura Di Palma (di fronte al Collegio Capizzi); gruppo musicale Kunturia (in piazza Rosario); gruppo musicale “Tinkuy di Bolivia” (nel viale Catania); concerto del gruppo musicale “Liar” cover band dei Queen (in piazza Cimbali);
ore 24: spettacolo finale in Piazza Castiglione con Paolo Belli e la sua orchestra in concerto.
12 Agosto, domenica
Piazza Spedalieri - ore 21,00: Compagnia teatrale “In… Stabile”, “I miracoli di frà Girolamo”, commedia in tre atti
Piazza Enrico Cimbali - ore 21,00: Concerto del gruppo musicale “Charlie’s Angels”

Arcipretura parrocchiale SS. Trinità

SOLENNI FESTEGGIAMENTI DEL PATRONO SAN BIAGIO

PROGRAMMA

Apertura dei festeggiamenti
Domenica 5 Agosto 2007 - ore 19,30: Celebrazione Eucaristica, in piazza Giovanni XXIII con la partecipazione dell'Unitalsi e dell'Arciconfraternita SS. Sacramento - Ore 20,30: Processione con il simulacro del Santo Patrono per le vie: San Pietro, Annunziata, Scafiti, C.so Umberto, Cavour, Marconi e rientro in Chiesa.
Triduo di preparazione presieduto dal frate Alessandro Bartolotta o.f.m.
Martedì 7 Agosto - ore 18,30: Celebrazione Eucaristica.
Mercoledì 8 Agosto 2007 - ore 18,30: Celebrazione Eucaristica.
Giovedì 9 Agosto 2007 - ore 18,00: Celebrazione Eucaristica - Ore 19,00: Processione con il simulacro del Santo Patrono per le seguenti vie: Matrice, P. Calanna, piazza Croce, Santi, piazza Spedalieri, Garibaldi, piazza S. Antonio, Caracciolo, sosta Ospedale, C.so Umberto, Messina, Gen. Dalla Chiesa, P. Borsellino, Livatino, Chinnici, A. Saetta e arrivo nella chiesa “Madre Teresa di Calcutta”
Venerdì 10 Agosto Chiesa Madre Teresa di Calcutta: ore 18,00 Celebrazione Eucaristica - Ore 19,00 Processione con il simulacro del Santo Patrono per le seguenti vie: Messina, E. Montale, Messina, Achille Grandi, Etna, Prof. Gatto, Trieste, S.t. N. Russo, Alfieri, Matteotti, Regione, Piemonte, sosta Chiesa S. Giuseppe, Lombardia, Omero, Regione, V.le Indipendenza, sosta Casa di Riposo, Giulio Cesare, piazza S. Vito, Santi, piazza Leone XIII e rientro in chiesa.
Vigilia della festa del S. Patrono
Sabato 11 Agosto - ore 18,30: Celebrazione Eucaristica.
Festa di San Biagio
Domenica 12 Agosto - ore 08,00: Celebrazione Eucaristica presieduta dal Sac. Vincenzo Saitta - Ore 10,00: Solenne Celebrazione Eucaristica, con la partecipazione del Clero, presieduta dal Vicario Foraneo Sac. Biagio Calanna. Saranno presenti le Autorità Civili, Politiche e Militari - Ore 18,30: Celebrazione Eucaristica presieduta dal Sac. Antonino Modica - Ore 19,30: Solenne processione con il simulacro del Santo Patrono per le seguenti vie: A. Gabriele, piazza Gagini, piazza Caronda, S. Caterina, Piracmon, Polifemo, B. Radice, Roma, piazza Pepe, piazza Spedalieri, sosta con omaggio floreale del Sindaco e affidamento della Città di Bronte al suo Santo Patrono, corso Umberto, piazza Piave, viale Catania e sosta per i Fuochi Pirotecnici, Marconi e rientro in Chiesa.

N.B.: L’illuminazione, i fuochi pirotecnici e il Corpo Bandistico “San Biagio” saranno curati dall’Amministrazione Comunale. I fedeli, che vogliono, possono dare la loro offerta in chiesa o al passaggio della processione. Nessuno è autorizzato a raccogliere offerte.

16 Agosto, giovedì: (Piazza Rosario - ore 20,30) Proiezione film “Il diavolo veste Prada”
18 Agosto, sabato: (Piazza Rosario - ore 20,00) Spettacolo musicale “Speciale Mommo in concerto” - (Corso Umberto) Gruppo musicale “Tinkuy di Bolivia”
21 Agosto, martedì: (Piazza Aldo Moro, ore 21, 00):Geraldina Trovato in concerto
23 Agosto, giovedì: (Piazza E. Cimbali - ore 20,30) Proiezione film “Scrivimi una canzone”
25 Agosto, sabato: (Anfiteatro c.da Sciarotta - ore 20,00) Spettacolo musicale "Speciale Mommo in concerto"
26 Agosto, domenica: (Piazza Aldo Moro, ore 20,30) Spettacolo teatrale a cura del gruppo Teatro Maria Campagna e Amici del teatro "I Fatti di Bronte"
30 Agosto, giovedì: (Piazza E. Cimbali - ore 20,30) Proiezione film “La ricerca della felicità”
31 Agosto, venerdì: (Anfiteatro c.da Sciarotta - ore 20,30) Proiezione film "Prima o poi svengo"
SETTEMBRE
1 Settembre, sabato:
(Castello Nelson - ore 20,00) "Isola poesia", poesia, arti visive e musica
2 Settembre, domenica: (Anfiteatro c.da Sciarotta - ore 20,30) Spettacolo teatrale a cura del Teatro Europa "Le cocu magnifique" (Il magnifico cornuto)
OTTOBRE
Sagra del Pistacchio, dal 29 Settembre al 7 Ottobre. Due week and all’insegna del verde pistacchio, con l’Amministrazione comunale, guidata dal senatore Pino Firrarello, da settimane al lavoro per allestire il programma. «Sarà come ogni anno una grande festa – dice il sindaco – arricchita dal fatto che questo è l’anno di raccolta del pistacchio, quando, come ormai consolidata tradizione, i brontesi si trasferiscono in campagna per la raccolta. A loro auguro buon lavoro. I coltivatori più anziani mi hanno detto che quest’anno il pistacchio sulle piante è di qualità eccezionale, essendo particolarmente marcato nei tipici colori “rosso rubino fuori” e “verde smeraldo dentro”. Segno evidente – conclude - di un’annata che si presenta ottimale in tutti i sensi».


25 Luglio 2007

Teatro, cultura e musica per rendere viva l’«Estate»

Eccolo il programma delle manifestazioni che renderanno viva l’estate brontese. Due mesi di divertimento diversificato all’insegna del teatro, della cultura e della musica programmati dal sindaco Pino Firrarello e dall’assessore Melo Salvia, che così permetteranno ai residenti che non vogliono lasciare Bronte ed ai turisti di divertirsi nell’attesa attesa della Sagra del Pistacchio che si svolgerà dal 29 settembre al 7 ottobre.
Un palinsesto particolarmente ricco che ha già offerto momenti emozionanti a luglio, ma che ad agosto entrerà nel vivo.

ono previsti concerti, proiezione di film, sfilate di moda ed esibizioni di artisti ed associazioni locali praticamente ogni settimana da giovedì fino a domenica. Fra i vari artisti spiccano i nomi di Exem, Tinturia, Psycho Funky, Brigantini, Tinkuy di Bolivia e Charlie’s Angels, ma il momento clou è previsto per la “Notte bianca” fra l’11 ed il 12 agosto che culminerà col concerto di Paolo Belli. «Con pochi spiccioli - ci dicono Firrarello e Salvia - siamo riusciti a realizzare un palinsesto di manifestazioni di tutto rispetto. Un ringraziamento va il Parco dei Nebrodi, all’assessorato al Turismo della regione siciliana ed a quello della Cultura della Provincia di Catania».


10 Agosto 2007

«Notte bianca», Carnevale estivo

E’ stata realmente una grande festa. La città di Bronte si è lasciata ammaliare da una «Notte bianca» che per un attimo si è trasformata in un fantastico Carnevale estivo, con la sfilata dei gruppi mascherati che hanno animato il Carnevale di febbraio. Corso Umberto pieno di gente fino a notte fonda, ovvero fino alla fine dei concerti. Negozi aperti per buona parte della notte, pub e ristoranti pieni e bar affollati, con la gente che ha assistito divertita fino all’atteso concerto di Paolo Belli.
12 Luglio 2007, la notte bianca«Ogni anno il successo della Notte bianca è sempre maggiore», ha dichiarato l’assessore Melo Salvia, che ha curato l’organizzazione. «E’ questo - conclude il sindaco Pino Firrarello – il modo per vivacizzare la vita e l’economia di Bronte. La Notte bianca fa emergere quell’aspetto di Bronte sempre attiva e senza barriere».


10 Agosto 2007

Domani la «Notte bianca» risveglia cittadini e turisti

Chi deciderà di dormire a Bronte la notte fra sabato 11 e domenica 12 si perderà lo spettacolo più bello dell'estate. Dalle 19 in poi fino a notte fonda va in scena la “Notte bianca”, con gruppi musicali nelle piazze più suggestive della cittadina e animazione lungo corso Umberto. Chi dopo cena deciderà di recarsi a Bronte, troverà, infatti, i negozi aperti con i bar ed i ristoranti pronti a far gustare le proprie specialità. Un'idea che il sindaco, Pino Firrarello propone ormai con grande successo ogni anno offrendo alla cittadina la possibilità di un diventare punto di riferimento indiscusso per il turismo della provincia. «Un'occasione - spiegano Firrarello e l'assessore Melo Salvia che ne ha curato l'organizzazione - per vivacizzare la vita e l'economia del nostro paese. Nelle scorse edizioni c'è stata una grande partecipazione di cittadini e turisti. Siamo certi che anche quest'anno si sarà festa fino a tardi».
A rendere più suggestiva la «notte bianca» ci sarà anche il carnevale estivo brontese, con i gruppi mascherati carnascialeschi che ritorneranno a sfilare. In programma i concerti della compagnia Terra di focu con Laura Di Palma, dei Kunturia, dei Tinkuy di Bolivia e dei Liar. A mezzanotte in piazza Spedalieri si esibirà Paolo Belli con la sua band.




1 Agosto 2007

I "Fatti" narrati da TuttoTurismo

Il lungo viaggio nell’Italia dei Mille

Nel centenario della nascita di Giuseppe Garibaldi, il mensile “Tutto Turismo” ha voluto dedicare alcuni “itinerari di viaggio e vacanza originali ed intriganti” all’eroe dei due mondi ripercorrendo passo dopo passo «l’epica marcia delle truppe garibaldine lanciate alla conquista del Regno delle Due Sicilie».

Questa volta però il viaggio è fatto in auto e con due comode moto anche perché, scrive il direttore del mensile Nicoletta Salvatori, «i garibaldini erano giovani e audaci e avrebbero gradito stare in sella a due Harley Davidson pennellando le curve della Sicilia profonda».

Nella strada che da Marsala portò Garibaldi a Teano, naturalmente, non poteva mancare la tappa brontese anche se il generale Garibaldi, ma soprattutto il suo luogotenente Nino Bixio, ne avrebbero ben volentieri fatto a meno e preferito di non menzionarla.

E a Bronte il giornalista Andrea Semplici, uno degli inviati di Tutto Turismo, ha dedicato in un riquadro anche un articolo sui "Fatti" che di seguito vi proponiamo.

L’itinerario di viaggio, corredato con disegni di Antonio Molino e foto di Paolo Volponi (una, in copertina, con i giardini del Castello Nelson) è stato pubblicato nel numero di agosto (anno XXXI n. 342).

Nella tappa brontese i “mille in moto” hanno avuto un piccolo supporto anche dalla nostra Associazione.


DA PALERMO A TAORMINA: CON GARIBALDI IN SICILIA>

History travel La pagina oscura

Accadde a Bronte

I “galantuomini” indossavano i cappelli. I popolani portavano la berretta. E da 4 secoli i contadini di Bronte, paese dell'Etna incastrato fra sciare di lava e alberi di pistacchio, avevano fame. Un papa e i Borboni avevano donato i latifondi più fertili ai potenti della Sicilia. E nel 1799 Ferdinando di Sicilia regalò i terreni comunali di Bronte, 17.000 ettari di campi coltivati, frutteti e boschi, a Orazio Nelson.

Il celebre ammiraglio manderà amministratori, ma mai verrà fino alle falde dell'Etna. Era una gratitudine macabra, quella di Ferdinando: Nelson aveva fatto impiccare nella baia di Napoli l'ammiraglio napoletano Francesco Caracciolo, ribelle antiborbonico. I berretti di Bronte aspettavano da secoli Garibaldi. Quando seppero delle sue vittorie a Calatafimi e a Palermo capirono che erano venuti i giorni del riscatto. La libertà, intitola Giovanni Verga una sua celebre novella che racconta dei “fatti di Bronte”.

I contadini, i carbonai dell'Etna, i boscaioli perseguitati per secoli dai campieri dei cappelli del paese volevano terra e vendetta. E in quell' estate di sangue, i primi di agosto del 1860, la loro rabbia non conobbe esitazioni: linciarono il notaio e suo figlio, uccisero la guardia municipale, il cassiere comunale, il contabile dei Nelson; fu la caccia al galantuomo, al feudatario, a chi li aveva condannati alla fame. Vennero uccisi in 16 in quel giorno di rivolta. «Ma quei contadini affamati non avevano speranze», spiega Antonino Liuzzo, bancario in pensione, animatore di Bronteinsieme, appassionato gruppo di cultori di storia locale. «La terra qui apparteneva ai Nelson e gli inglesi chiesero subito a Garibaldi di riportare l'ordine a Bronte. Altrimenti non gli avrebbero consentito di passare lo Stretto di Messina».

Il generale inviò in quel paese di montagna un impaziente Nino Bixio. E l'uomo «che faceva tremare la gente», sanguinario e violento, aveva solo fretta: non voleva perdersi lo sbarco in Calabria. Arrivò in paese in carrozza, fece arrestare i primi brontesi che gli si presentarono davanti, mise in galera il pazzo del villaggio e ordinò una spietata rappresaglia. In poche ore un farsesco tribunale militare emise le condanne a morte: 5 uomini furono fucilati contro il muro della chiesa di San Vito.

Chi aveva compiuto l'eccidio era già fuggito. Scrive Verga che in paese tutto tornò come prima: «I galantuomini non potevano lavorare le loro terre colle proprie mani, e lo povera gente non poteva vivere senza galantuomini». Un carbonaio, quando sentì le manette garibaldine scattargli ai polsi, balbettò: «In galera? E perché? Se avevano detto che c'era la libertà...».

Solo la fine della mezzadria, appena 40 anni fa, ha dato le terre ai contadini di Bronte. Il latifondo d Nelson è durato, erede dopo erede, fino al 1981. La vecchia masseria padronale, bellissima e solitaria, oggi appartiene al comune: è laggiù, nella piana, sulle sponde del torrente Saracena, distante 7 chilometri dal paese.

Per oltre un secolo il massacro di Bronte è stato ignorato dai libri di scuola. Oggi un monumento, di fronte alla chiesa di San Vito, ricorda le vittime di quella libertà. Ma un vicolo che conduce a quella statua è dedicato a Nino Bixio. [Andrea Semplici]




21 Luglio 2007

2 AGOSTO : «IO …I NEBRODI …E IL CAVALLO» - SECONDA TRAVERSATA DELLA DORSALE DEI NEBRODI

A cavallo sulla dorsale dei Nebrodi

La promozione di un turismo ecosostenibile rimane l’obiettivo principale che le Giacche Verdi Sicilia (volontari a cavallo per la protezione civile e ambientale e di solidarietà sociale) insieme ai cavalieri dei Nebrodi si prefiggono con l’organizzazione della seconda Traversata della dorsale dei Nebrodi.

Cresce dunque l’attesa per i 50 cavalieri e amazzoni partecipanti che giovedì 2 agosto varcheranno da Maniace la porta dei Nebrodi inoltrandosi nei fitti boschi di roverella e faggio e, attraverso le acque cristalline dei laghi Maulazzo, Biviere e Trearie scaleranno le verdi vette di Montecolla per entrare nel mito del rifugio dell’aquila, per poi riscendere verso il fiume Flascio, soffermandosi in un momento di meditazione e preghiera nel santuario detto delle Tre Verginelle in contrada Acquasanta. Numerosi i comuni delle province di Catania e Messina coinvolti nella tre giorni a cavallo, nel cuore dell’area protetta più verde e incontaminata di Sicilia.

«Sarà un itinerario diverso rispetto all’anno scorso - anticipa Anna Spitaleri presidente regionale Giacche Verdi che ha curato personalmente i percorsi, insieme al delegato tecnico regionale Angiv Gino Montagno e agli agenti del corpo forestale - ma non di minore bellezza dal punto di vista naturalistico. Partiranno dal Castello Nelson con il saluto dei sindaci di Bronte (Giuseppe Firrarello), città in cui ha sede l’associazione Giacche Verdi Sicilia, e Maniace (Salvatore Pinzone) e al parroco don Nunzio Galati. La traversata sarà seguita e documentata dalle telecamere con la presenza di giornalisti del settore equituristico e ambientale, tra i quali Nicola Mastronardi, Luigi Ialuna e Marcello Proietto di Silvestro. I cavalieri avranno inoltre al seguito un veterinario di servizio, la dottoressa Maria Dauccia».

L’associazione si avvarrà della collaborazione dell’Ente Parco dei Nebrodi che metterà a disposizione un mezzo fuoristrada per il trasporto di viveri e bagagli, del Corpo Forestale che parteciperà con il reparto a cavallo e con mezzi fuoristrada per il supporto logistico e dell’azienda regionale foreste demaniali che metterà a disposizione aree attrezzate e rifugi lungo il percorso.
«Il tempo di definire gli ultimi dettagli con il commissario del Parco dei Nebrodi Salvatore Giarratana promotore dell’iniziativa -  conclude Anna Spitaleri  -  e il conto alla rovescia partirà davvero per la tanto attesa seconda edizione della traversata dei Nebrodi a cavallo».

6 Agosto 2007

Cade da cavallo durante la Traversata grave 29enne del Centro ippico Nicolosi

Ha rischiato di trasformarsi in tragedia la seconda “Traversata della dorsale dei Nebrodi a cavallo” che ha visto da giovedì scorso circa 50 cavalieri dormire in tenda e raggiungere a cavallo i luoghi più belli dei Nebrodi. Ieri mattina un cavaliere, A. A. di 29 anni, iscritto al Centro ippico di Nicolosi e residente a Piano Tavola, è caduto da cavallo battendo violentemente il capo e rimanendo senza sensi per almeno 15 minuti.

Tutto è accaduto intorno le 10,15 circa, quando il gruppo di Nicolosi ha deciso di anticipare il rientro rispetto all’intera comitiva, che invece ha continuato il tragitto stabilito in direzione della fontana delle tre verginelle. Accompagnato dall’ispettore delle Guardie forestali, Giuseppe Carcione il gruppo di Nicolosi ha raggiunto contrada Zarbate, poi l’ispettore è tornato indietro per raggiungere gli altri, ma ha percorso appena qualche chilometro che il silenzio dei boschi è stato infranto dalle grida.

Il cavallo dello sfortunato cavaliere, infatti, era scivolato e l’uomo aveva battuto la testa. L’ispettore Carcione tornato indietro col collega Alfredo Magro, e resosi conto dell’accaduto ha lanciato l’allarme avvertendo i commissari Alfredo Lo Presti e Alfredo Spartà, comandanti dei distaccamenti di Maniace e Randazzo, che sono arrivati sul posto facendo arrivare l’ambulanza del 118 di Maletto e l’elisoccorso dell’ospedale Cannizzaro di Catania. L’uomo sanguinante al capo, dopo diversi minuti di incoscienza si è ripreso.

Al pronto soccorso i medici hanno riscontrato trauma cranico facciale, ricoverandolo nel reparto di Neurochirurgia dove però, nonostante le condizioni siano confortanti, la prognosi rimane riservata. [Gaetano Guidotto]



2 Agosto 2007

A Bronte sfilano stilisti nostrani

La professoressa Uliana Nicro dell'Accademia delle Belle arti di Catania ha condotto a Bronte una sfilata di moda e costumi teatrali della “Maison du cochon”. Ospiti della serata la Miss Italia nel mondo Germania Tatiana Faranda che è stata omaggiata dall'assessore comunale Salvia e dall'assessore provinciale Serafina Perra per le sue origini brontesi e un cantastorie che ha portato sul palco “La baronessa di Carini”.
Tra gli stilisti c'erano: Stefano Scannapieco, che ha introdotto una caleidoscopica visione della dolce vita dell'Italia del Sud, mista all'avvento di una nuova era; ecco come, fasciata da stretti corsetti e ingentilita da ampie gonne dalla fattura quasi ottocentesca, appare una donna nuova, che ama giocare e reinventarsi con la moda, non trascurando tuttavia le sue antiche origini siciliane. Un vento caldo equatoriale soffia sulla passerella di Corrado Trincali e porta con sè l'eco del continente più arcaico e nero, i tam tam della savana misteriosa e ancestrale, i colori e i profumi dei mercati indigeni, le atmosfere dei safari avventurosi. Ed ecco profusioni sahariane, stampe di leopardo e grafismi tribali, per una donna che sa essere graffiante e aggressiva nella giungla metropolitana. Invece con una coreografia campestre Clara Sanglimbene ha proposto una linea molto morbida composta di chiffon. A intercalare le varie sfilate, gli interventi di Shila, una “drag queen” con un costume che onorava il pistacchio. È seguito un balletto recitato con costumi siciliani per interpretare la morte di Salvatore Giuliano. Il finale arricchito da fuochi d'artificio, con la conduttrice in abito da sposa al braccio dell'assessore Salvia.



22 Giugno 2007

Poesia, premiata studentessa

g.g.) Ottimo piazzamento da parte di Alessia Longhitano di Maletto al concorso nazionale di poesia “Salvo Basso” organizzato dal Comune di Scordia. La giovane studentessa dell'Istituto superiore Benedetto Radice di Bronte, infatti, si è piazzata al secondo posto, battendo la folta e qualificata concorrenza. Al concorso, infatti, hanno partecipato numerosi istituti superiori della Sicilia, ma Alessia è riuscita ugualmente a dare questa soddisfazione al suo Istituto ed alla sua Maletto.



13 Giugno 2007

UN LIBRO ED UNA SFILATA DI ABITI D'EPOCA CURATI DAGLI ALUNNI DELLA "CASTIGLIONE"

Il Medioevo a Bronte e dintorni

E' l’iniziativa, inserita nel progetto “Facciamo la storia…”, che vedrà i ragazzi delle classi seconde G, D ed I della scuola media “Castiglione”, guidata dalla dirigente Cinthia D’Anna, esibirsi venerdì alle ore 17.30 all’interno del Castello Nelson.
Il Progetto prende spunto da un’idea della prof.ssa Maria Tomasello, fatta propria dal Collegio dei docenti, che ha inteso studiare uno dei periodi più affascinanti della storia europea a partire proprio dal contesto brontese. Così nel corso dell’anno scolastico sono stati esaminati i diversi aspetti del medioevo per poi scrivere un libro, che sarà presentato nel corso della manifestazione, arricchita dall’esibizione di un gruppo di trampolieri e sputafuoco e da una sfilata di abiti dell’epoca, curata proprio dagli alunni.



10 Giugno 2007

Bronte «capitale della Pediatria»

Il convegno dell'Asl3. «Siamo soddisfatti, riuniti tutti i migliori esperti del settore»

Per un giorno Bronte è stata la capitale della pediatria siciliana con il convegno che l'Asl3 ha organizzato grazie al coordinamento scientifico del dott. Placido Pennisi primario del reparto di pediatria dell'ospedale di Bronte, del dott. Salvatore Scala, che dello stesso ospedale è direttore sanitario e del dott. Mario La Rosa, direttore dell’unità operativa di bronco-pneumologia del Policlinico di Catania. A collaborare con loro i pediatri dell'ospedale di Bronte, dott. Giancarlo Luca, Maria Mancuso, Sebastiano Scadurra e Giovanna Saitta.

Al convegno hanno partecipato quasi 200 medici pediatri e non per ascoltare i relatori giunti anche da oltre lo stretto, come il prof. Gianni Bona, della clinica pediatrica dell'ospedale Maggiore di Novara. La prima sessione, dopo i saluti dell'assessore Maria De Luca, ha visto i dottori Spicuzza, Sciuto e Leonardi soffermarsi sulla fibrosi cistica, mentre durante la seconda sessione il dott. Garozzo ha parlato delle malattie reumatologiche, il dott. Caruso del diabete, ed i dottori Mancuso, Luca e Scandurra dell'anomala «malattia di Kawasaki».

Nel pomeriggio hanno relazionato i dott. Nicoletti, Romeo, Incorpora, Marino e lo stesso dott. Placido Pennisi. Le conclusioni del convengo sono state affidate al dott. Gazzolo. Presente anche il direttore sanitario dell'Asl3, dott. Nunziata Sciacca, che ha ribadito come il reparto di pediatria di Bronte sarà potenziato assieme all'intero ospedale: «Quando mi sono insediato - ha affermato il dott. Pennisi - ho pensato che fosse opportuno riunire le capacità di produrre diagnosi e cura anche a Bronte al pari delle migliori scuole pediatriche. Così abbiamo organizzato questo convegno che ha riunito i migliori esperti del settore». [L. S.]

Il congresso ha lo scopo di far incontrare i pediatri del mondo universitario, ospedaliero e i medici di medicina generale che operano nel territorio per uniformare gli atteggiamenti e le azioni terapeutiche rispetto alle patologie dell’infanzia

8 Giugno 2007

BRONTE. AL CASTELLO NELSON

Congresso di pediatria con centottanta medici

Domani alle 8,30, nel castello di Nelson, si apriranno i lavori del primo congresso “Giornate pediatriche etnee - aggiornamenti in pediatria”, organizzato dall'Azienda Usl3 attraverso la direzione sanitaria e l'unità operativa di pediatria dell'ospedale “Castiglione Prestianni” di Bronte. Il congresso, a cui sono iscritti 180 medici, è stato accreditato dal ministero con 5 crediti Ecm ed è patrocinato dalla Regione Siciliana, dal comune di Bronte, dalla Società italiana di pediatria, dalla Società italiana di medicina perinatale e dalla Associazione allergologi ospedalieri territoriali.
Coordinatori scientifici dei lavori sono il direttore sanitario dell'ospedale di Bronte dott. Salvatore Scala, il primario del reparto di pediatria dott. Dino Pennisi e il prof. Mario La Rosa del Policlinico di Catania. Sono previsti gli interventi di autorevoli relatori, tra cui il vice presidente della società nazionale di pediatria dott. Gianni Bona.



23 Maggio 2007

Nicola ManninoBronte ha ricordato la strage di Capaci

Tante candele accese sul sagrato della Chiesa dell’Annunziata. Così Bronte ha voluto ricordare il quindicesimo anniversario della strage di Capaci e contemporaneamente dire no alla mafia.

La manifestazione ha vissuto due momenti, uno in chiesa con la preghiera e le parole di padre Luigi Camuto ed un secondo per ascoltare Nicola Mannino, il professore antimafia che da anni e con coraggio è impegnato a svolgere conferenze nelle scuole per infondere fra i giovani il principio della legalità, contro ogni tipo di delinquenza.
Il prof. Mannino ha letto il telegramma che gli è stato inviato dal presidente della Repubblica consegnando ai ragazzi la “cartolina della legalità” e l’opuscolo “Non mollare credo in te”.

Presenti il sindaco di Maletto, Giuseppe De Luca, il presidente del Rotary club “Aetna nord ovest”, dott. Lorenzo Scalisi e quello della Fidapa di Bronte, Lucia Firrarello. Con loro i volontari della Misericordia di Bronte e gli scout della Federazione Scout Europea della parrocchia San Giuseppe.



19 Maggio 2007

Scuola. Ospiti Rita Borsellino e Salvo Vitale

«I pizzini della legalità» alla «Castiglione» di Bronte

Con la manifestazione “I pizzini della legalità” la media “Castiglione” si fa portavoce di legalità e rispetto del vivere civile “Raggiungibili - come sostiene il dirigente scolastico, Cinthia D'Anna - mediante la formazione, l'educazione, la cultura”. Formidabile l'impegno che insegnanti e alunni hanno riversato nell'iniziativa, realizzando un lungometraggio scritto e diretto da Vincenzo Randazzo dal titolo: “I Maestri”, che verrà proiettato nel corso dei 5 incontri che si terranno presso in cine teatro Comunale.

Ad inaugurare i lavori, Rita Borsellino, che ha evidenziato l'importanza della “guida” nel percorso di crescita e dell'uomo, mediante i comportamenti e i gesti; e della continuità nella lotta alla mafia. “La Mafia dei colletti bianchi che si muove sommessamente per non attirare l'attenzione su di sé, causando il male peggiore, il disinteresse... l'unica arma per poterla annientare è il dissenso della società che la rifiuta - per concludere cita le parole del fratello - Quando i giovani le negheranno il consenso essa svanirà”. Ad aprire la seconda giornata, Salvo Vitale, amico e sostenitore di Peppino Impastato, al quale ha dedicato il libro “Nel cuore dei coralli. Peppino Impastato una vita contro la mafia”, da cui Marco Tullio Giordana ha tratto la sceneggiatura del film “Cento Passi”.

Molti gli studenti attenti al racconto di Vitale che ha ricordato il compagno di lotte e di ideali, che ha poi pagato con la vita le denunce di una cittadina in cui il potere mafioso ha preso il sopravvento. All'intervento è seguita la lettura dei “pizzini” da parte degli alunni. [Lu. G.]



17 Maggio 2007

«I pizzini della legalità», ospite Rita Borsellino

In un Cine teatro comunale pieno di gente e con un ospite d'eccezione ha avuto inizio la manifestazione culturale «I pizzini della legalità», organizzata dalla scuola secondaria di primo grado «Luigi Castiglione» di Bronte.
A ribadire la necessità del rispetto delle regole e gridare il proprio no alla mafia a Bronte, ospite della dirigente scolastica Cinthia D'Anna, è arrivata Rita Borsellino che ha assistito alle esibizioni musicali dei bravi allievi della scuola brontese ed alla proiezione del film «Maestri», prodotto e realizzato dagli alunni della scuola, dove i maestri si sono rivelati ottimi registi ed i ragazzi abili attori. Fra questi il baby sindaco di Bronte, Carlo Castiglione. Presente alla cerimonia il vice sindaco on. Nunzio Calanna, il consigliere comunale Nunzio Saitta, il comandante della Polizia municipale, maggiore Salvatore Tirendi e l'europarlamentare Giuseppe Castiglione.
«La professionalità - ha dichiarato l'on. Borsellino - di questi ragazzi dimostra come abbiano ben appreso dai docenti la necessità di rispettare le regole, importanti in ogni aspetto della società». E ha aggiunto: «La mafia è sempre stata orribile. Negli anni ha saputo camuffarsi, ma solo per adeguarsi per conquistare denaro e potere, uccidendo chi si infrapponeva».

16 Maggio 2007

Cinque giorni con «I pizzini della legalità»

Ha inizio questo pomeriggio alle ore 16 presso il cineteatro comunale di Bronte, la manifestazione culturale "I pizzini della legalità", organizzata dalla scuola secondaria di primo grado “Luigi Castiglione” di Bronte.

La manifestazione prevede 5 giorni di manifestazioni dove i ragazzi avranno la possibilità di ascoltare una variegata e qualificata presenza di relatori sul tema del rispetto della legalità e delle regole.

Si comincia oggi, dopo il saluto della dirigente scolastica Cinthia D'Anna e del sindaco di Bronte, Pino Firrarello, con la proiezione del film “Maestri” prodotto e realizzato dagli alunni della scuola e soprattutto con l'intervento della dottoressa Rita Borsellino.

Domani alle ore 10, invece, è previsto l'intervento del prof. Salvo Vitale, autore del libro “Nel cuore dei coralli - Peppino Impastato una vita contro la mafia”. Durante le manifestazioni sono previste esibizioni musicali dei ragazzi della scuola.




20 Aprile 2007
CONFERENZA AL CINE-TEATRO COMUNALE CON L'INTERVENTO DELL'AMBASCIATORE DI MALTA IN TURCHIA

La cooperazione Sicilia-Malta

Organizzata da Lorenzo Scalisi, presidente del Rotary Club Aetna Nord-Ovest Bronte, Sabato 28 Aprile alle ore 17.30, si è tenuta al Cine-Teatro comunale una conferenza sul tema «La cooperazione Sicilia-Malta: un esperimento riuscito di cooperazione transfrontaliera».
La manifestazione si è svolta secondo il seguente programma:
— Introduzione a cura del dott. Alfred M. Mangion, governatore Rotary International, ambasciatore di Malta in Turchia;
— Prima comunicazione a cura del dott. Antonio Piceno, Autorità di gestione del Programma Italia-Malta: «La cooperazione Italia-Malta: prima valutazione dell’attuazione e prospettive future»;
— Seconda comunicazione a cura del Project Manager Tino Cutugno, Progetto Is.Ide.M.-Isole ed identità in movimento: «Identità, patrimonio comune ed arte contemporanea: il Progetto Is.Ide.M.»;
— Intervento dell'on. Simon Busuttil, deputato al Parlamento Europeo: «La nuova programmazione comunitaria 2007-2013 e le prospettive per le isole»;
— Intervento dell'on. Giuseppe Castiglione, deputato al Parlamento Europeo: «Il ruolo della cooperazione Sicilia-Malta all’interno della futura Area di libero scambio euromediterranea».


30 Marzo 2007
COMPLETATI I PRIMI LAVORI DI RESTAURO

NOVITA' E PIACEVOLI SORPRESE

La Matrice restaurata

Riportati alla luce elementi architettonici delle due antiche chiese di Santa Maria e della SS. Trinità

Dopo circa due anni si sono parzialmente conclusi i lavori di restauro della chiesa della SS. Trinità, nel novembre del 2002 rimasta anche lesionata da eventi sismici.

Seicentomila euro era stato l’importo finanziato dalla Regione nel maggio del 2004 solo per i primi lavori di restauro che, conclusi a tappe forzate in vista dell’imminente festività pasquale, hanno restituito luminosità e nitidezza alla grande navata centrale dando un giusto risalto ai particolari ed anche qualche piccola piacevole novità.

Padre Vincenzo SaittaEntrando ora “alla Matrice” (così è nota ai tutti noi brontesi) si ha subito la sensazione del nuovo e di una piacevole vista, ed anche di un po’ di sorprese che il dinamico arciprete Vincenzo Saitta (nella foto a sinistra), entusiasta dei lavori appena conclusi, pazientemente ci illustra.

La prima si ha subito entrando: un antico ampio arco in pietra arenaria è stato riportato alla luce e sovrasta ora l’ingresso. A tutto sesto, con fasce ornamentali e modanatura decorata, poggia sulle due già note rotonde colonne anch’esse in pietra arenaria, lisce, con capitelli decorati da elementi vegetali e basamento quadrato e scalanato con motivi ornamentali geometrici.

Molto probabilmente l'arco immetteva nel presbiterio dell’antica chiesa di Santa Maria, una delle due chiese (l'altra era la vicina chiesa della Ss. Trinità) che unificate diedero vita dal 1505 in poi alla Matrice. Dà subito un'idea alquanto precisa di come doveva essere l'antica Santa Maria e richiama molto l’altro arco della cappella di Santa Lucia nella chiesa del Soccorso (stessa pietra e stessa ampia luce).

Un’altra piccola novità è data dalla rustica parete esterna dell’antica chiesa di Santa Maria e da una piccola monofora, nascoste dagli intonaci ed ora parzialmente portate alla luce in un vano accanto alla cappella dell’Addolorata.

Nella chiesa sono stati rifatti il soffitto e ripresi gli stucchi, restaurati gli ornati, le dorature ed i colori originari di fondo (di un azzurro tenue) che le ridanno ora una visione più luminosa e proporzionata.

Il presbiterio è stato totalmente ridisegnato: ridotto lo spazio e al centro, a coronamento del coro ligneo, nel transetto davanti all’altare maggiore, costruito un nuovo altare rivolto verso i fedeli. Riutilizzando pezzi di balaustre (marmi e colonnette) e sculture di diverse provenienze è stato reso perfettamente omogeneo ed integrato con l’ambiente circostante.

Sono stati anche restaurati i fregi posti sopra la chiave dell'arco d'ingresso delle cappelle dell’Addolorata e di San Biagio ripristinandone le diciture originali.

Nella prima cappella invece della generica "Mater dolorosa" può ora leggersi l'antica scritta «Attendite et videte si est dolor sicut dolor meus» (Fermatevi e guardate se può esistere un dolore come il mio); nella cappella di San Biagio è scomparsa la dicitura "Divo Blasio / Epis. et mart." e ripristinata l'antica scritta «Hic est qui multum orat pro populo» (Qui è chi molto prega per il popolo).

Un'altra piccola sorpresa è data dal grande affresco che sta dietro il Crocifisso (in restauro con un parziale finanziamento regionale): è ancora più grande di quanto si veda.

Una parte in basso (di circa 60 cm.), infatti, non è visibile perchè coperta dai marmi dell’altare del Crocifisso e in un cartiglio disegnato sulla destra proprio sotto i piedi di San Giovanni è riportata anche una scritta con il nome di Antoninus Magro, il mecenate che lo fece dipingere.
La scritta in colore rosso dice che «NAZARENO IN CRUCE PENDENTE SACELLŨ HOC PICTURIS ET AURO PERFUSUM ANTONINUS MAGRO DDD (Donum Deo dedit)

Una lapide in marmo murata sul finire della parete destra ricorda invece l’epoca della costruzione dell'altare (1655) e di un successivo rifacimento (1892) con questa frase:
«ALTARE HOC ANNO D.NI MDCLV ERECTUM DENUO INAURARI MANDAVIT ARCHIP. PAROCHUS JOSEPH DI BELLA CURANTE SAC.TE JOSEPHO ARDIZZONE ANNO MDCCCXCII»

Nelle fasi del restauro sono state anche notate tracce di antichi affreschi che ricoprivano le pareti della chiesa molto simili a quelli portati alla luce da un recente intervento nella chiesa del Soccorso.

Insomma abbiamo l'impressione di un lavoro ben fatto e, come dire?, seguito “con amore e passione” dall’arciprete Saitta e dai suoi collabo­ratori, che ci ha reso una Matrice nuova, una chiesa Madre all’altezza del suo nome e che potrebbe ora anche rivelare ad un attento studio aspetti sconosciuti della sua origine e della sua storia.

Vedi pure: Antonino Di Gaetano, Possibilità di parziali ripristini di antiche strutture architettoniche nella Chiesa Madre

L'ampia navata centrale ed il presbiterio con il nuovo altare.

Colonne, un pregevole arco in pietra arenaria ed altri antichi elementi architettonici riportati alla luce

La parete esterna e una mo­nofora dell'antica chie­sa di Santa Maria, poi (dal 1505) inglobata nella Matrice. A destra la lapide murata accanto all'altare del Crocifisso ed il cartiglio dell'affre­sco dipinto ai piedi di S. Giovanni




24 Marzo 2007

Finanziaria ed Enti locali

“L’IMPATTO DELLA LEGGE FINANZIARIA SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2007/2009 DEGLI ENTI LOCALI”

E’ stato il tema del seminario di studi organizzato dal presidente del Consiglio comunale, Gino Prestianni, in collaborazione con i presidente dei Consiglio comunali di Maniace, Giuseppe Mancuso e San Teodoro, Rosa Gelsomino, presso il castello Nelson. Relatore d’eccezione il dott. Francesco Bruno, della Provincia regionale di Catania che si è rivolto agli amministratori e funzionari degli uffici finanziari dei Comuni di Randazzo, Maletto, Maniace, Cesarò, San Teodoro, Castiglione di Sicilia, Piedimonte Etneo, Giarre e Riposto per rendere più semplici i dettami della nuova legge finanziaria nazionale, che impone ai Comuni estremo rigore. Presente il sindaco di Bronte, sen. Pino Firrarello, insieme a numerosi colleghi fra cui il primo cittadino di Maniace, Salvatore Pinzone Vecchio ed i colleghi di San Teodoro, Salvatore Sirna e Carmelo D’Urso di Riposto.



20 Marzo 2007

Seminario al Real Collegio Capizzi

Come affrontare le novità fiscali

Seminario di studi organizzato dalla presidenza del consiglio comunale nell'aula magna del Real Collegio Capizzi. Alla presenza dei responsabili degli uffici tributi dei Comuni del versante nord dell'Etna, ma anche di alcuni del messinese e di Antonio Paparo, esperto del Comune di Bronte, Mario Coco responsabile dell'Ufficio tributi del Comune di Misterbianco ha relazionato sulle “Novità in materia di fiscalità locale” nel 2007.
Coco si è soffermato sui poteri di accertamento dei Comuni, sull'Ici, sull'imposta comunale sulla pubblicità, sulla Tarsu, sull'addizionale Irpef, sul catasto e sul processo tributario.
«Questo. spiega il presidente del Consiglio comunale di Bronte, Gino Prestianni, è il primo di una serie di seminari che organizzeremo per dare ai dipendenti comunali i necessari strumenti e le giuste informazioni per operare al meglio. Oggi, infatti, i tributi per un Comune sono indispensabili per far quadrare il bilancio e programmare con efficacia. Ringrazio tutti i colleghi che hanno collaborato con entusiasmo».



17 Marzo 2007

Quarto posto per il sito del Municipio

(*lpu*) Il sito internet ufficiale del comune di Bronte (www.comune.bronte.ct.it), si classifica quarto al concorso nazionale "Premio per il miglior sito comunale» istituito da www.comuni.it, nel 2001. Soddisfazione hanno espresso, agli utenti che hanno votato, i web master del sito brontese per l'apprezzamento del loro lavoro.

Il premio riconosce il gradimento dell'offerta di servizi da parte dei comuni partecipanti al concorso, suddivisi fra inferiori e superiori a quindicimila abitanti. Bronte rientra fra quest'ultimi e al primo posto s'è posizionato il comune di Palermo, poi Chieti e Chioggia. La Capitale, invece, è arrivata decima. Il 30 marzo alle ore 12.30, presso la sala stampa del «Salone EuroP.A.» della Fiera di Rimini, saranno consegnati i premi peri migliori siti comunali su internet.

Altri eventi precedenti  | seguenti

Home PagePowered by Associazione Bronte Insieme Onlus
RICERCA IN BRONTEINSIEME.IT