Monumenti

Il Real Collegio Capizzi

Visitiamo, insieme, i monumenti di Bronte

Le foto di Bronte, insieme

Ti trovi in:  Home-> Monumenti-> Collegio Capizzi-> Cappella interna

StoriaStruttura architettonica | Cappella internaBiblioteca | Pinacoteca | Chiesa del Sacro Cuore | Ignazio Capizzi

La Cappella interna

Il completamento della costruzione della cappella posta all’interno dell’edificio del Real Collegio Capizzi venne iniziato il 1 novembre 1846 con la spesa di onze 314 incluso un contributo di 12 tarì l'anno chiesto ad ogni collegiale; il fabbricato fu finito ed inaugurato nel 1855 dal Rettore don Gaetano Rizzo e restaurato nel 1892.

Serviva per le officiazioni in forma privata del Collegio (tutti i convittori, infatti, oltre al catechismo erano obbligati ad assistere alla messa giornaliera).

Della esistenza di una piccola cappella interna si hanno notizie, fin dalla costruzione dell’Istituto e sembra sia stata disegnata ed edificata dal capomastro Giuseppe Lupo.

Così sostiene anche Antonio Corsaro quando scrive (Il Real Collegio Capizzi) che nell'ottobre del 1777 «il Capiz­zi si incontrò in Collegio col capomastro Giuseppe Lupo che gli mostrò il disegno della Cappella da costruir­si nel lato del quadrilatero di prima elevazione.»

Molto probabilmente quindi nel 1846 si completò una struttura già preesistente.

L’accesso alla cappella avviene soltanto dai locali del primo piano del Collegio; ha anche un ingresso secon­da­rio, attraverso un piccolo corridoio situato dietro l’al­ta­re maggiore della Chiesa del Sacro Cuore.

Quattro pilastri con semicolonne addossate disimpe­gnano l’ingresso; al di sopra una piccola cantoria con ringhiera in ferro battuto.

La cappella, che riceve luce soltanto dal lato destro, ha uno stile semplice con graziosi affreschi sulla volta che raffigurano il Sacrificio di Abramo che, per divino comando, offre in olocausto il figlio Isacco, Gesù disputante in mezzo ai dottori, Gesù che benedice i bambini e in orazione nell’orto degli ulivi.

Sulle pareti verticali leggere lesene con capitelli sorreggono una bianca cornice sopra la quale risalta il semplice cromatismo delle decorazioni sulle fasce e nei riquadri.

LA CAPPELLA DELL'IMMACOLATA DOPO IL RESTAURO

L'interno della "Cappella per i convittori". Sotto, in una foto del 1930

Sull'altare la statua di Maria Immacolata, in cartapesta
(della Ditta F. Giancane e figlio di Lecce).

E' stata posta - come recita una piccola targa - nella ricorrenza delle feste per il 150° anniversario della costruzione del Collegio «dagli educatori, i docenti e gli alunni, nell'anno del signore 1929, (...) affinché seguendo i suoi insegnamenti proseguissero con successo la formazione morale e culturale».

Prima vi trovava posto un tela dedicata alla Madonna del Fervore, legatissima al cuore di Ignazio Capizzi che portò il quadro a Bronte (successivamente restaurato dal pittore Alessandro Abate).

Una scritta scolpita sul bordo della lastra di marmo dell'altare ricorda che la Cappella fu consacrata dal Card. De Luca (quando, verso il 1850, vescovo di Aversa, era tornato in visita a Bronte).

Un'iniziativa di padre Giuseppe Zingale, attuale rettore del Collegio, ormai datata perchè sempre in attesa di finanziamento, vorrebbe adibire la cappella interna a sede della biblioteca.

Ottima soluzione anche perchè sarebbe la sede giusta e più confacente, sfruttereb­be al meglio uno spazio ormai adibito solo a deposito e toglierebbe da uno squallido corridoio l'attuale sede della prestigiosa biblioteca del Real Collegio.

La Cappella è stata recentemente restaurata con un finanziamento della Fonda­zione Cariplo di Milano ma, purtroppo, nulla è stato fatto nè predisposto per trasformarla in sede della biblioteca.


La vita del collegiale

(Da “Nova Juventus”, Bollettino del Real Collegio Capizzi, 1921)

"LA SCUOLA"

Il Real Collegio Capizzi si propone di contribuire alla più completa formazione fisica, intellettuale e morale dei giovani che vi sono ammessi.

L'insegnamento comprende: scuole elementari (comunali), ginnasio pareggiato (i cui esami equivalgono, per gli effetti legali, a quelli subiti negli istituti regi), corsi liceali in attesa di pareggiamento, battaglione scolastico premilitare, squadra sportiva «Nova Juventus» e corsi facoltativi di pianoforte e di lingue straniere.

"I COSTI"

La retta per l'anno scolastico è di L. 2000, da pagarsi in due rate: la prima all'entrata dell'alunno in Collegio, la seconda il 1 febbraio.

L'anno scolastico, per la pensione, comincia il 1 ottobre e termina con gli esami della sessione estiva. […]

Ogni convittore pagherà inoltre: L. 100 come diritto di ammissione, per una sola volta e precisamente quando si chiede il numero di matricola; L. 100 per uso di mobilia (lettiera in ferro e rete metallica, colonnetta, tavolino da studio, due sedie e servizio da tavola), per visite ordinarie del medico, per servizio d'infermeria, del parrucchiere, ecc.; e L. 15 mensili per bucato.

Le spese di libri, cartoleria, tasse scolastiche governative, lezioni facoltative, vestiario, corrispon-denza postale, ecc. restano a carico della famiglia.

Lezioni di piano e uso dello stesso L. 20 mensili. […] Le altre spese saranno conteggiate a fine d'anno, purchè la famiglia abbia lasciato fin da principio un deposito di L. 200.

"IL MENU"

Nulla sarà trascurato da parte dell’Amministrazione perchè il vitto sia sano ed abbondante, attenendosi esattamente a quanto segue:

A colazione : latte e caffè, ovvero caffè nero o frutta, con pane.

A pranzo: minestra (maccheroni o zuppa); due pietanze, di cui una di carne o pesce con contorno; frutta e vino; pane a discrezione.

Nel pomeriggio merenda.

A cena: minestra, una pietanza di carne o pesce o uova, frutta e vino; pane a discrezione.

Nei giorni più solenni, a pranzo sarà servito un dolce.

"IL CORREDO DEL CONVITTORE"

Abito uniforme per uscita; e abiti per casa.

Sei camicie, sei mutande, otto paia di calze, dodici colletti alti (di tela, chiusi alla militare), quattro paia di polsini, guanti di pelle nera, sei asciugamani, sei salviette, dodici fazzoletti bianchi, due sacchetti di tela per il bucato.

Due paia di stivaletti neri per uscita, e due paia di scarpe, di forma qualunque, per casa. Pettini, specchio, spazzolino pei denti e spazzole per abiti e da capelli. Una posata completa.

Il corredo comprende pure il necessario per il letto, cioè due materasse, due guan­ciali, tre paia di lenzuola, sei federe, una coltre di lana, una imbottita, un copriletto bianco, un tappetino da letto.

L'Amministrazione può provvedere le materasse, uno di lana ed uno di crino, e i guanciali, tutti e due di lana, per lire 50 annue. Bisogna però prenotarle subito, non potendo il Collegio disporne per oltre cento letti.

Tutti gli oggetti del corredo debbono essere contrassegnati col numero di matricola, che il Rettore farà conoscere insieme con la risposta di accettazione, e debbono essere consegnati al guardaroba, che ne rilascerà ricevuta.

N.B.- Si raccomanda che tutti i convittori portino con sé, sin dalla prima sera, almeno la biancheria da letto e la posata col relativo tovagliolo, senza attendere l'arrivo dei propri bagagli, che devono essere indirizzati al nome del Convittore.
 

Scorci della Cappella interna un tempo riser­vata ai collegiali. Nella volta sono affrescate episodi del vecchio e nuovo Testamento: il Sacrificio di Abramo, Gesù in  mezzo ai

dottori, Gesù che benedice i bambini e in orazione nell’orto degli ulivi. Un recente restauro finanziato dalla Cariplo ha restituito la "Cappella per i convittori" agli antichi splendori.

 

ISTITUZIONI SICILIANE
Il Real Collegio Capizzi di Bronte
«(…) Non v'è alcuno in Sicilia e nelle Calabrie che non co­no­sca questo antico e glorioso Istituto che, da quasi due secoli, raccoglie tra le sue mura i giovani delle migliori fa­mi­glie calabro-sicule, li educa ai principi eterni della fede e della morale, schiude le loro giovani intelligenze ai tesori della cultura classica e scientifica e ne addestra il corpo a tutti quegli esercizi sportivi che sono il comple­mento indi­spensabile d'una educazione veramente sana e moderna.

La sede di questo grande Collegio è una piccola città, si­tuata sui clivi dell'Etna, unita a Catania dalla Circumetnea che si snoda, come un nastro attraverso la gigantesca mon­tagna tra vasti territori, qui sparsi di lave antiche e recenti, là coperto di una vegetazione magnifica, ricca di tutte le fioriture. E le ampie finestre del Collegio si aprono sopra uno dei più vari e dei più ridenti paesaggi di quella plaga feconda.

L'edificio è d'una ampiezza superba corridoi severi e silen­ziosi, vasti e bianchi dormitori, ampie aule scolastiche, sa­loni da studio, bagni, gabinetti scientifici forniti di tutto il materiale più moderno, una grande biblioteca meravigliosa e preziosa, una sala da bigliardo, un cinematografo, un tea­trino; nulla manca per la cultura e a diletto dello spirito dei giovani.

E proprio in questi giorni è stato inaugurato il polisportivo del Collegio, un imponente edificio con l'annesso stadio ove i convittori sono educati a tutti i sani esercizi dello sport, secondo i criteri del Governo Nazionale. (…)»

[Aldo Saja, La Gazzetta della Sicilia e delle Calabrie, 14 Giugno 1929, A. VII n. 142]

 

Immagini odierne del Real Collegio Capizzi:
La scala d'ingresso con il quadro di A. Attinà "Uomini illustri di Bronte".

A destra, il corridoio della Direzione  ricco di opere pittoriche e di testimonianze storiche.

Nelle due foto sotto, uno dei tre cortili interni davanti ai locali della Pinacoteca ed

Real Collegio Capizzi, scala d'ingressoReal Collegio Capizzi, corridoio (Direzione)
Collegio Capizzi, uno dei tre cortili interniReal Collegio Capizzi, atrio (Direzione)

a destra un busto del filosofo brontese Nicola Spedalieri nell'atrio che immette nell'antica Direzione del­l'Isti­tuto.

Sulla targa posta in alto, dedicata al filosofo, è scolpita la seguente dicitura:

«A Nicola Spedalieri / filosofo e teologo / il cui pensiero si levo' / per affermare il fondamento naturale / dei diritti dell'uomo / proclamati dall'Illuminismo. / Assertore della sovranità popolare, / sola legittimazione del potere dei governi. / Bronte, sua patria, / celebrandolo con orgogliosa fierezza / affida il culto del suo insegnamento / ai giovani / perchè sappiano rendersi degni dei valori della democrazia.»
Bronte 1740 - 1990

Il lampadario in metallo è stato donato, unitamente a molti suoi qua­dri ed ad una notevole somma in contante, al Real Collegio Ca­pizzi dalla pittrice brontese Rosetta Zingale.

IlReal Collegio Capizzi, in un'immagine del 1950«Cosa abbia rappresentato il Collegio Capizzi, come centro di irradiazione di cultura in tutta la Sicilia cen­tro-orientale e, direi di più, co­me punto di transizione dal vecchio al nuovo, per i nuovi ceti borghesi, sarebbe faci­le dimostrarlo presentando i luoghi di provenienza dei col­legiali, i più lontani, i più sconosciuti, oggi, a molti anche nel nome.

Ma ci limitiamo a segnalare, per non in generare noia, che non c'era città o paese anche sperduto nelle montagne dell'interno o costiero da cui non provenissero convittori; da Capizzi a Nicosia, da Valguarnera a Mistretta e, perfi­no, da Palermo; da Comiso e Modica ad Acireale e Alimena; da Augusta a Lipari, da Aci S. Antonio a Messina, Castroreale e Resuttana; da Catania a Vizzini e a S. Margherita Belice; da S. Piero Patti a Chiaramonte, a Fraz­zanò e Taormina.

Ciò suscita una stupita meraviglia che su paesi tanto lontani e coi mezzi di trasporto del tempo, il Collegio di Bron­te esercitasse tanto inte­res­se; né ci sorprende che la categoria dei nuovi nobili trovasse a Bronte il mezzo della propria elevazione culturale.

Si può veramente asserire che Bronte diviene nota in tutta la Sicilia, come non mai. E quale influsso di idee nuove abbia esercitato sui Bron­tesi lo si può riscontrare nei fatti del 1860».

(Salvatore Cucinotta, Sicilia e Siciliani, Edizioni Siciliane Messina, 1996)

1925: Un decreto pareggia il liceo

Un manifesto affisso nelle strade di Bronte così annunciava il pareggiamento del Liceo Classico:


Cittadini
 

con animo esultante annuncio che il governo Nazionale Fasci­sta, sollecito nell'opera fattiva di redenzione dell'Isola nostra, si è benignato di esaudire l'antica e fervida aspirazione di questa Cittadinanza facendo firmare il 24 marzo testè decorso il decre­to che pareggia, con decorrenza dal 1 ottobre 1925, il liceo clas­sico istituito presso questo benemerito Real collegio Ca­pizzi.

Bronte gratissima e sempre più tenacemente devota al Regime redentore - che avvia con solerzia instancabile, con energia e risolutezza la Patria nostra a più grandi e luminosi destini - invia al Duce invitto i più devoti e poderosi Alalà, per come invia i più sentiti ringraziamenti a S.E. Gabriello Carnazza, all'on. Carlo Carnazza e al Comm. Avv. Vincenzo Lo Giudice - amato Segre­ta­rio Politico Provinciale dei Fasci - che con fervore e autore­vole e fattiva opera hanno sollecitato e fatto realizzare ciò i pre­cedenti Governi avevano sempre negato a questa patriot­tica Cittadinanza.

La Pasqua di Redenzione, che festeggiamo oggi nei sacri riti del­la immortale Religione tramandataci dai nostri Padri e che il Go­verno nazionale ha risolutamente riposta nei meritati antichi ono­ri, sia pure l'inizio della redenzione di Bronte avviandosi ad una meta di effettivo miglioramento e di progresso.

Dal Palazzo comunale, 3 Aprile 1926

Il Commissario Prefettizio
A. Covelli

 Il Real Collegio Capizzi nel 1930


Gruppo di convittori posano in un cortile

Squadra ginnastica "Nova Juventus"

Direzione

Sala da studio (alunni del Ginnasio)

Gabinetto scientifico

Dormitorio "S. Luigi"

Teatrino

Sala da biliardo

STORIA - STRUTTURA ARCHITETTONICA - CAPPELLA INTERNA - BIBLIOTECA - PINACOTECA - CHIESA DEL SACRO CUORE

    Home Page  

Home PagePowered by Associazione Bronte Insieme / Riproduzione riservata anche parziale - Ultimo agg.: novembre 2016