Monumenti

Il Real Collegio Capizzi

Visitiamo, insieme, i monumenti di Bronte

Le foto di Bronte, insieme

Ti trovi in:  Home-> Monumenti-> Collegio Capizzi-> Struttura architettonica

StoriaStruttura architettonica | Cappella internaBiblioteca | Pinacoteca | Chiesa del Sacro Cuore | Ignazio Capizzi

Struttura architettonica

L’edificio, a pianta quadrata con cortili interni, ha grandi dimensioni ed occupa l’in­tero perimetro di un grande isolato delimitato dalle vie Umberto, Card. De Luca, Attinà e Capizzi. Sorge nell’abitato costruito in massima parte tra la fine del XVIII e l’inizio del XIX secolo.

Le mutate volumetrie urbane hanno cambiato in parte il rapporto architettonico con le costruzioni adiacenti, senza però alterare i punti di vista e le prospettive.

La visione ravvicinata, determinata dalla larghezza della sede stradale, consente anco­ra una lettura dettagliata della raffinata decorazione parietale.

La parte più antica del complesso ha carattere monumentale ed è costruita su tre livelli di cui uno seminterrato (con una palestra ginnica, le cucine, la lavanderia e le stalle). Un bel rinfaso orizzontale di pietra lavica sottolinea la separazione dei livelli frontestrada.

Il ritmo regolare delle aperture è alternato alle forme ripetitive e geometriche delle decorazioni parietali. Il coronamento in muratura (finta balaustrata) chiude la facciata in alto sopra un cornicione in aggetto.

Sulle cornici e sulle trabeazioni delle finestre e sulla fascia marcapiano sono scolpiti motivi ornamentali a bassorilievo in pietra lavica di rara finezza.

Ogni finestra, inquadrata da una cornice modanata, è sormontata da una trabeazione con motivi floreali al cui centro emergono festoni con cartiglio e conchiglia di gusto barocco. Al centro degli architravi risaltano alcune figure di volti umani.

Al piano seminterrato dell’edificio sono collocati i servizi; la palestra apre su uno dei grandi cortili interni; le aule scolastiche e i dormitori sono al piano terra ed al primo piano. Due cortili interni al complesso e la "villetta" determinano l’articolazione delle aule e dei corridoi.

I locali a piano terra prospettanti su via Cardinale De Luca (fino a poco tempo fa ospi­tavano una Banca) sono in via di trasformazione e ristrutturati ospiteranno la futura pinacoteca di Bronte.
 

COLLEGIO CAPIZZI, ARCHETIPO IN LEGNO

L'ARCHETIPO IN LEGNO
costruito nel 1773 dal ma­stro legnaiolo bron­tese Giuseppe Lupo su indi­ca­zioni dell'arch. palermitano Don Salvatore Marvuglia. «Chiamato a sè il capo mae­stro legnaiuolo Giuseppe Lupo, - scrive B. Radice - consegna­togli il disegno, il Capizzi gli ordinò subito il diroccamento delle case e lo sgombero del mate­riale.»
Ed il I° Maggio 1774 «... primo sulle sue spalle porta la prima pietra che solennemente bene­dice pone e mura. Tutto il popolo segue a gara l’esempio dell’umile e santo vecchio, e tanta copia di pietre fu trasportata quel giorno che bastò per più mesi alla fatica. Le opere grandi sono figlie del popolo.»
Il modellino in legno (nelle foto sopra vedesi il piano terra), custodito nel Collegio Capizzi, ricalca quasi in modo esatto la parte più antica del Real Collegio. E' attualmente in fase di restauro.

  

Sopra, una mappa risalente al 1850 della zona del Real Collegio Capizzi e due dei quattro cortili interni del Collegio.

Su quello della foto in alto prospettano i locali della Pinacoteca Sciavarrello. Il cortile della foto a destra è il più antico, costruito nell'ala settecentesca.

Nella foto in alto a sinistra, il complesso del Collegio Capizzi oggi, visto dal satellite. In quella sopra, in colore verdino, la parte più antica del Collegio in una mappa del 1875. E' visibile ancora la pianta della piccola Cappella di San Rocco che sorgeva affiancata in angolo all'edifico con una stradina laterale. La cappella fu abbattuta nel 1907 per la costruzione della chiesa del Sacro Cuore. Si noti anche la parte sinistra del Collegio addossata alle case, abbattute successivamente per far posto alla via Card. De Luca ('U stratuni novu").


Il «Colleggetto»

Il "Colleggetto", casa di villeggiatura estiva e polisportivo dei convittori del Collegio si trovava in contrada S. Nicola.

Iniziato a costruire nel 1927 su progetto dell'ing. Di Bel­la (il preventivo di spesa era di 86.599,70 lire) fu inaugurato il 26 Maggio 1929 in oc­ca­sione del III cinquantenario di vita del Collegio.

Il progetto era stato pensato dieci anni prima, nel 1919, dopo l'ottima prestazione che i 70 convit­tori della squadra di ginnastica avevano dato a Roma alla presenza dei Sovrani.

Il Polisportivo, "in corrispondenza alle direttive Nazionali" - era composto da "una vasta estens­ione di terreno, ... e un imponente fabbricato, di metri 27 per 12", ... con "palestra coperta pro­priamente detta, un buon numero di vani desti­nati ai diversi servizi (refettorio, cucina, dormito­ri, spogliatoi, cessi, deposito di attrezzi, sala per la direzione ecc.)".

Ecco come riportava l'inaugurazione, avvenuta il 26.5.1929, il quotidiano catanese Corriere di Sicilia (anno 51, numero 121, di Mercoledì 22 Maggio 1929 – VII) in una corrispondenza dal titolo "Bron­te si prepara a celebrare degna­mente il ter­zo cinquantenario del R. Collegio Capizzi":

«Bronte, 21 (A. L.) - Bronte vive questi giorni nel­l’attesa ansiosa di un grande avvenimento. Dome­nica 26 corr. il Real collegio Capizzi, la gran­de isti­tuzione che è vanto non solo di questa città ma dell’intera provincia e che ha costituito e costitui­sce tuttavia un centro emer­gente nella Sicilia tut­ta, di formazione religiosa e civile e di studi serii e fecondi, celebrerà il felice compiersi del III cin­quan­tenario di una gloriosa esistenza.

Tale data trova il nostro Collegio non soltanto ad una altezza degna delle sue nobili tradizioni ma anche in un periodo di rapida e felice ascesa.

E' di pochi anni fa il pareggiamento del Liceo, che pur è già circondato, e non in Sicilia soltanto, di tanta e meritata stima; sono di questi ultimi anni i miglioramenti apportati in tanti particolari del gran­dioso edificio; di quest'anno poi è tutta una mole imponente di lavori: la fondazione del Poli­sportivo, di cui parleremo più sotto, la trasfor­ma­zione di tutti gl'impianti elettrici, il riordina­mento e l’amplia­mento della Biblioteca, ricca di volumi e di opere pregevoli, etc.

(…) Nel pomeriggio avrà luogo l'inaugurazione del Polisportivo del Real Collegio, che, ormai comple­to, sorge a breve distanza dalla Città, nella incante­vole valle del Simeto.

E' un magnifico edificio a due piani, dotato di saloni luminosi, di portici vasti e aereati, inondato di luce e di sole, fornito all'intorno di un vasto piazzale che dovrà diventare fra breve un campo magnifico di gare sportive.
Anche per questo lato dunque il Collegio Capizzi si mantiene bene all'altezza dei tempi: oggi che il Governo Nazionale vuole che le nuove generazioni italiane sviluppino in perfetto equilibrio tutte le facoltà fisiche intellettuali e morali, i giovani che le famiglie affidano al Real Collegio troveranno dunque in esso la formazione del loro pensiero alle più pure tradizioni classiche, dell'anima loro e del loro cuore allo spirito schietto del Vangelo, delle loro membra per le più grandi fortune della Patria. (…)»

Il Polisportivo del Real collegio Capizzi sorgeva in contrada San Nicola, a pochi passi da Bronte; è stato raso al suolo e completamente distrutto durante i bombardamenti del 1943.
L'adiacente campo sportivo, il "glorioso" San Nico­la, fino a pochi anni fa ospitava ancora i campio­nati di calcio delle quadre locali.
Oggi è di proprietà comunale.

1929: Il «Colleggetto» o Polisportivo del Real Collegio Capizzi il giorno dell'inaugu­ra­zione (22 maggio 1929) e, sotto, i convittori della squadra di ginnastica "Nova Juven­tus" all'opera (nel 1930 e 1922).



1919: FEDERAZIONE GINNASTICA NAZIONALE ITALIANA
Corsi premilitari / 1.° Concorso d'Onore / Roma, 30-31 Maggio - 1.° Giugno 1919
«La squadra del R. Collegio Capizzi di Bronte al 1.° Concorso Premilitare d'Onore è stata classificata OTTIMA»

 

Il Real Collegio Capizzi
in un breve servizio trasmesso da Rai Uno



 

Il prospetto principale del Real Collegio Capizzi: Sulla destra la parte monumentale più antica, nel centro la Chiesa del Sacro cuore e, sulla sinistra, la nuova costruzione eretta nel 1892, dal rettore sac. Giuseppe Prestianni, ad uso di botteghe e case da affittare.  "Sottomettendo il bello all’utile, la speculazione uccise l’estetica" (scrisse Benedetto Radice). A destra l'ingresso principale del Collegio dal Corso Umberto.

L'ingresso principale del Real Collegio Capizzi.
Immediatamente sulla destra trovavasi la cameretta del portiere (l'ultimo fu l'anziano "don Vincenzo, il portinaio", figura caratteristica di "custode incorruttibile").
Attraverso questo varco sono passati decine di migliaia di ragazzi (ed in tempi recenti anche ragazze) provenienti da ogni parte della Sicilia e delle Calabrie.



 

L'ala nuova del Collegio

Il Real Collegio Capizzi nel 1930«Fu portata a com­pi­mento, - scrive il Radi­ce - sebbene non come l’aves­se ideato il Capizzi e disegnato il Marvuglia, architetto celebre di Palermo, e del quale egli ci lasciò un disegno, che nella semplicità delle sue linee, coi suoi bei rifasci ornamentali di pietra nera, gli avrebbe dato unità architettonica e aspetto veramente monumentale.

Il Prestianni invece, mal­grado forse il parere del­l’ingegnere Caselli da Mes­sina, sottomettendo il bello all’utile, fece co­struire parte del novello fabbricato a uso di botteghe e case d’appigionare.

La speculazione uccise l’estetica; mentre avrebbe potuto sor­gergli accanto l’istituto scolastico elementare, o anche, adat­tando il novello fabbricato a case e botteghe, niente impediva che ne fosse conservata l’unità architettonica con quelle modifi­cazioni che l’abbassamento della via avrebbe suggerito.

Commesso il primo fallo, si tentò distruggere ogni vestigio del­l’antica facciata che goffamente stride colla novella. Simili fatti sogliono e possono accadere nei piccoli centri e fra popoli igno­ranti ove non è sentimento d’arte ed è spento o mal com­preso quello di patria.

Una protesta fu presentata dallo scrittore della presente memo­ria a firma di parecchi cittadini per impedire tale vandalismo; e la vecchia facciata è rimasta testi­monianza bella dell’arte architettonica.

Del nuovo edificio però non possiamo non lodare con spirito di verità il grandioso dormitorio capace di contenere 100 letti, la corrispondente sala da studio sottostante, le bellissime aule sco­lastiche, e sopratutto la chiesa del S. Cuore, sorta dove era prima quella di S. Rocco, e che corona possiamo dire l’ope­ra indefessa del Prestianni a favore del Collegio

«...La chiesa come opera d’arte è una delle più belle non soltanto del paese, ma anche della Sicilia.»

(B. Radice, Memorie storiche di Bronte)



 

A sinistra la scala che portava all'antico refettorio, oggi trasfor­mato in parte nella moderna Pinacoteca. A destra la scala che immette nel­la Direzione con la grande tela ad olio "Uomini illustri di Bron­te", di Agostino Attinà del 1874.
 

Particolari del prospetto prin­cipale che da sul Corso Um­berto: sulle cornici e sul­le trabeazioni delle finestre e sulla fascia marcapiano risal­tano i motivi ornamen­tali a bassorilievo scolpiti in pietra lavica di rara finezza.

Al centro degli architravi sono scolpite alcune figure di volti umani. Il tutto è coronato da festoni con cartiglio e conchiglia di gusto barocco.




1910. La squadra di ginnastica
1918: Il Collegio apre alle donne
1929: La festa per i 150 anni del Collegio

«Molti conoscono Bronte per le spietate fucilazioni ordinate da Bixio nel 1860; pochi per le relazioni con l'abbazia di Maniace e la ducea di Nelson; forse pochissimi per la gloria sua maggiore: il fiorire per più di un secolo di un centro irradiatore di cultura in tutta la Sicilia orientale: il collegio-convitto Capiz­zi, unico nella realtà rurale e non cittadina, fondato dal sac. diocesano p. Eustachio Ignazio Capizzi, figlio di quella terra.
Bronte, villaggio agro-pastorale non differente da tanti altri dell'isola, non sede di collegio dei Ge­sui­ti, deve combattere contro la natura (eruzioni devastanti dell'Etna) e contro la Ducea di Nelson, ma trova nella forza organizzativa dei suoi abitanti e nell'ingegno creativo di un suo figlio, p. Capizzi, lo slancio di farlo assurgere all'attenzione ammirata della storia. Merita, pertanto, in assoluto, un cenno particolare. Non basta, altresì, far nascere un'opera quanto farla crescere e prosperare con una azio­ne continua, organizzativa e culturale, da diventare duratura.
Questo il merito di un’équipe generazionale di Brontesi, colta e impegnata nel ruolo di dirigenti-inse­gnanti i quali, occorre sottolinearlo, non viene da fuori, ma è unicamente costituita da elementi locali.
Il cammino in salita di quella popolazione, animata sempre da un impegno di riscatto, batte contro ma­ci­gni che si chiamano Nelson, Bixio o Garibaldi, interessi economici e politici, in un alternarsi di rime­sco­lamento di carte, in una emulsione della vecchia cultura, spesso insensibile alle istanze dei tempi nuovi.»

(Salvatore Cucinotta, "Sicilia e Siciliani", Edizioni Siciliane Messina, 1996)

Mons. Carmello Patanè, di A. Brancato. Sullo sfondo il cortile racchiuso dai corridoi della Pinacoteca«Basta scorrere le pagine della storia della cultura, non dico sola­men­te di Bron­te, ma dell'in­tera Sici­lia, per com­pren­dere l'impor­tanza del Col­legio Capizzi, per ap­prez­zare il con­tributo che esso ha appor­tato alla vita intel­let­tuale della Sicilia.
Basta avere l'elenco di tutti gli uomini dotti, che uscirono da questo luogo, che illu­strarono con il loro sapere le cattedre e le alte cari­che a cui furo­no chiamati, per farsi una giusta idea della sua vitalità attra­verso il suo passato glorioso.»

(Dal discorso tenuto il 14 Novembre 1935 da Mons. Pa­tanè, arcivescovo di Catania, in occasione dell’inau­gu­ra­zione dell’anno scolastico 1935-36-XIV)


STORIA - STRUTTURA ARCHITETTONICA - CAPPELLA INTERNA - BIBLIOTECA - PINACOTECA - CHIESA DEL SACRO CUORE

   Home Page

Home PagePowered by Associazione Bronte Insieme / Riproduzione riservata anche parziale