Genealogia di famiglie brontesi

Tutto sulla Città di Bronte

Site map

Ti trovi in:  Home-> Storia-> Genealogie-> Famiglia Meli (Bindozzu)

Famiglie brontesi

a cura di Nunzio Longhitano

I discendenti di Pietro e Grazia Meli (1700)

I Meli (Bindozzu)

Sulla parte consultabile dei registri di battesimo, la famiglia Meli detta “bindozzu” (non si è riusciti a trovare l’etimologia del soprannome) inizia nei primi anni del 1700 con Pietro Meli, sposato con Grazia della quale non si conosce il cognome.

E’ una famiglia numerosa che prevalentemente svolge attività commerciale nel campo delle granaglie e della frutta secca. Essendo una famiglia di “censo” nel corso dei secoli ha stabilito contratti matrimoniali con altre famiglie par loro creando una serie di collegamenti familiari vari.

L’unico figlio che i registri ci tramandano di Pietro e Grazia ed a noi noto è Antonino Meli nato nel 1746 (numero progressivo 1.1 dell’Albero genealogico) che, ventenne, nel 1766 sposa la diciottenne Ignazia Grazia Meli (sui registri “Prestianni Grazia” figlia di Mario Meli e Concetta Prestianni).

La coppia in vent’anni, dal 1770 al 1790, genera otto figli: 5 maschi e 3 femmine.

Solo di quattro ci risulta nei Registri della Matrice il loro matrimonio:

 - il secondo figlio, Giacomo Nunzio (n. progr. 1.1.2), sposa nel 1798 Agata Batia (i loro cinque figli Nunzia Grazia, Agata Concetta, Salvatore Basilio e Vincenzo);

 - la terza, Nunzia, nata nel 1776, sposa Giuseppe Leanza e genera Maria Santa, Domenico Mariano, Margherita Rosalia e Giuseppa Antonina Felicia);

 - il quarto, Illuminato, sposa Maria Palermo e la coppia da origine al ramo più numeroso dei discendenti di Pietro e Grazia;

 - la sesta Giuseppa nata nel 1779 sposatasi nel 1802 Mariano Lo Castro genera Vincenzo e Filippo.

Illuminato, il quarto figlio di Antonino Meli, (nato nel 1777, n. progr. 1.1.4) si sposa con Maria Palermo dando origine al ramo più consistente e prolifico della famiglia dei “Bindozzu”.

La coppia genera nove figli, 5 maschi e 4 femmine:
Filippa Crocifissa, Gaetano Antonino, Nicola Antonino Calogero, Benedetto Vito Vincenzo, Basile Giuseppa Ignazia, Giuseppe Nunzio Benedetto, Luigi Nicola Nunzio, Ignazia Vincenza Carmela e Anna Giuseppa).

Nei discendenti di tre dei cinque maschi (Nicola Antonino Calogero, Benedetto Vito Vincenzo e Luigi Nicola Nunzio) troveremo il maggior numero di personaggi molto noti, spesso laureati, che hanno dato lustro a Bronte.


NICOLA ANTONINO CALOGERO
,
il terzo figlio di Illuminato Meli e Maria Palermo, nato il 18 luglio 1806 (n. progr. 1.1.4.3.), sposa nel 1829 Nunzia Maria Pace.
Con Nunzio, il secondo figlio dei sette avuti (tre maschi e quattro femmine) ha origine il gruppo più consistente e numeroso dei discendenti di Pietro Meli “Bindozzu”.

- Nunzio Meli “Bindozzu” nasce il 15 febbraio 1832 (n. progr. 1.1.4.3.2.). A 31 anni, il 17 gennaio 1863, sposa la diciassettenne Giuseppa Pappalardo.
Ben presto, già dallo stesso anno del matrimonio, la loro famiglia si arricchisce di una numerosa prole. Dal 1863 al 1894, infatti, nascono dodici figli (quattro femmine e sette maschi): Antonino (1863), Carmela (1865), Antonino (1867), Nunzio (1871), Antonina (1875, sposa Gaetano Nunziato Ciraldo), Nunziata (1877, sposa Vincenzo Rizzo), Sebastiano (1881), Vincenzo (1883), Salvatore (1885), Maria (1886), Luigi (1888) e Giuseppe (1894).

Dei sette figli maschi di Nunzio e Giuseppa Pappalardo dai registri risultano sposati a Bronte ben cinque: Nunzio, Sebastiano, Vincenzo, Salvatore e Giuseppe.

-- Nunzio, nato il 18 febbraio 1871 (n. progr. 1.1.4.3.2.4), sposa Nunziata Fallico. Ha due figli: Giuseppa e Gaetano che nel 1921 si unisce in matrimonio con Angela Mondella.

-- Sebastiano (nato il 29 marzo 1881, n. progr. 1.1.4.3.2.7) sposa nel 1805 Grazia Fallico e dà i natali al prof. Nunzio Meli, preside in diverse Scuole Medie Inferiori che sposa Teresa Trecarichi ed a Giuseppa Meli che sposa Giuseppe Mazzaglia, mugnaio in Bronte con il mulino nei pressi della chiesa dell’Annunziata.

Calogero (detto Lillo) Meli

L'avv. Nunzio Meli (foto a sinistra, n. progr. dell'Albero genealogico dei Meli "Bindozzu" 1.1.4.3.2.9.1 ), avvocato, è stato preside del Liceo Capizzi, sindaco di Bronte nel 1962 e, dal 1977 al 1996, presidente della Banca Mutua Popolare di Bronte (l'antica Cassa Agraria, oggi scomparsa).
A destra, Calogero (Lillo) Meli (n. progr. 1.1.4.3.2.8.2). Con il fratello Nunzio fu tra i fondatori del Partito d'Azione.

Negli anni del dopoguerra fu un giovane inse­gnante nelle scuole del Real Col­le­gio Ca­pizzi partecipando anche   alla esal­tante esperienza de "Il Ciclope" (1946-1950)



 

CHI ERANO I NOSTRI ANTENATI?
L’albero genealogico dei brontesi

L'Autore dichiara che alcuni dati anagrafici re­lativi agli ultimi cento anni, sono stati raccolti direttamente dalla viva voce dei discendenti e da loro stessi autorizzato alla loro pubblicazione in un albero genealogico.

N. B.: Qualsiasi altra informazione in vostro pos­sesso o conoscenza più precisa sull'albero genea­logico è ben accetta. Mettetela a disposizione di tutti facendola pervenire alla redazione o diret­tamente all’estensore dell’albero stesso, indi­cando il numero progressivo dell’albero cui le date o le varie informazioni (es. anche foto della persona) si riferiscono. Grazie
N. Longhitano

-- Vincenzo Meli (n. progr. 1.1.4.3.2.8) sposa Maria Leanza da Cesarò ed hanno Adelina, Nunzio, Calogero (Lillo) che sposa Felicia Calì, Giuseppa Concetta che sposa Nicolò Dell’Erba e Antonino. Calogero (Lillo) Meli (n. progr. 1.1.4.3.2.8.2), professore di lettere, insegnò al Liceo Capizzi e quindi al Liceo catanese “Nicola Spedalieri” ove ho avuto il piacere, io alla prima supplenza, di averlo come collega. In seguito divenne preside, ma non so di quali licei.

-- Salvatore, nono figlio di Nunzio Meli e Giuseppa Pappalardo, nato il 25 aprile 1885 (n. progr. 1.1.4.3.2.9), si unisce in matrimonio con Giacoma Prestianni, sorella del prof. Giuseppe (1885-1954), economista agrario di valore (Vedi punto 1.1.4.7.7 della Genealogia Famiglia Prestianni).
Da questa unione nascono Nunzio (n. progr. 1.1.4.3.2.9.1), avvocato, preside del Liceo Capizzi nel periodo in cui frequentavo il Liceo e successivamente anche sindaco di Bronte nel 1962, che sposa nel 1949 Angela (Lina) Maria Saitta; dal matrimonio nascono tre figli Giacoma (Mina) e Donata, entrambe biologhe e mie ex allieve di Botanica Sistematica, Salvatore, avvocato ed attualmente direttore dell’Agenzia delle Entrate.

-- Il dodicesimo figlio di Nunzio Meli e Giuseppa Pappalardo, Giuseppe (nato il 10 febbraio 1894, n. progr. 1.1.4.3.2.12) nel 1903 sposa in prime nozze Grazia Catalano e in seconde nel 1914 Carolina Schilirò (Leo), figlia di Don Pietro Schilirò (Leo) e Giovanna Interdonato. Dalla nuova unione nascono Emilia (progr. 1.1.4.3.2.12b.4) che sposa il farmacista Amedeo Giuseppe Minissale sindaco di Bronte nel 1955, Giuseppa, don Luigi e Giuseppe.


BENEDETTO VITO VINCENZO
,
il quarto figlio di Illuminato Meli e Maria Palermo, nato il 13 gennaio 1808 (n. progr. 1.1.4.4) sposa nel 1836 la sedicenne Illuminata Ciraldo. La coppia ha cinque figli (quattro maschi ed una femmina) ma l’unica che risulta sposata nei registri della Chiesa della SS. Trinità è la seconda figlia, Maria. Nata il 28 luglio del 1847 sposa nel 1868 Benedetto Favazza e, dal 1869 al 1887, genera dieci figli.


LUIGI NICOLA NUNZIO
,
il settimo figlio di Illuminato Meli e Maria Palermo, nato il 3 giugno 1814, (n. progr. 1.1.4.7) sposa nel 1836 la diciassettenne Antonina Saccullo. Da loro nascono Illuminato, Giuseppa (sposa Antonino Schilirò), Nunzia (sposa Carmelo Mirenda), Grazia, Vincenza, Concetta e Lorenzo.

Nunzio Longhitano
Settembre 2010

Home Page  

Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus - Riproduzione riservata anche parziale. Tutti i diritti sono riservati all'Autore che ne è unico titolare. E' vietata ogni riproduzione del testo o di brani di esso senza l'autorizzazione scritta dell'Autore e senza citazione della fonte.

Genealogie di Famiglie brontesi