Genealogia di famiglie brontesi

Tutto sulla Città di Bronte

Site map

Ti trovi in:  Home-> Storia-> Genealogie-> Famiglia Meli (Capubanda)

Famiglie brontesi

a cura di Nunzio Longhitano

I discendenti di mastro Rosario Meli e donna Ignazia

I Meli (Capubanda)

Le prime notizie che i Registri della Matrice ci danno della genealogia di questa famiglia Meli iniziano da Mastro Rosario, costruttore, sposato con donna Ignazia (ci è ignoto il cognome), che battezzano nel 1747 il loro unico (così almeno ci risulta) figlio Francesco (n.ro progres­sivo 1.1. dell’Albero genealogico).

Francesco Meli, anche lui “mastro”, il 27 novembre 1770, a ventitre anni, sposa la sedicenne Nicolina Cairone.
Dai loro dieci figli, cinque femmine e cinque maschi - Nunzia Anna (1773), Nunzio Rosario An­tonino (1777), Placido Ignazio Giuseppe (1779), Angela Rosalia (1780), Gaetano Antonino (1782), Anna Signorina (1785), Ignazio Illuminato (1787), Vincenza Rosalia (1793), Mariano Nunzio (1795) e Saveria Antonina (1798) - derivano tutti i discendenti di mastro Rosario Meli e donna Ignazia.

Dai registri abbiamo ulteriori certe notizie solo di tre figli maschi: Nunzio Rosario Antonino, Gaetano Antonino e Ignazio Illuminato.

 - Il primo figlio maschio, Nunzio Rosario Antonino nato il 20 maggio 1777 si unisce in matrimonio con Nunzia Castiglione (1754). La coppia (n. progr. 1.1.2.4) ha quattro figli e l’ultima, Francesca Saveria (1827) sposa nel 1843 Giosuè Salanitri generando Illuminato e Rosario.

 - Il quinto figlio, Gaetano Antonino si sposa due volte: nel 1820 con Giuseppa Gortani e nel 1828 con Anna Lombardo ma nei Registri non figurano trascritti loro discendenti. Probabilmente la famiglia si sarà trasferita altrove.

 - Della discendenza del settimo erede di mastro Francesco Meli e Nicolina Cairone, mastro Ignazio Illuminato (n. progr. 1.1.7) abbiamo molte più notizie ed i loro numerosi discendenti arrivano fino ai nostri giorni.


I discendenti di mastro Ignazio e Francesca Costa

A venticinque anni, nel 1812, mastro Ignazio sposa la diciassettenne Francesca Costa.

Due anni dopo la famiglia si arricchisce di due figlie femmine, Maria Anna Nicolina (1813) e Provvidenza Francesca Nicolina (1816); le seguono Gaetano Biagio Illuminato nel 1819, Luigi Carmelo Silvestro nel 1822 (a 23 anni sposa la quindicenne Nunzia Maria Calanna dalla quale ha cinque figli) e, l’ultimo, Francesco Nunzio Biagio nel 1827.

Seguiamo in particolare i discendenti del terzo figlio, Gaetano Biagio Illuminato, anche lui “mastro”, nato il 23 luglio 1819.

A 22 anni, nel 1841, si unisce in matrimonio con la sedicenne Saveria Castiglione (n.ro progr. 1.1.7.3) e dopo soli diciotto anni (dal 1841 al 1869) la nuova famiglia si compone di quattro figlie femmine e sette maschi:

1. Il primo figlio, don Nunzio Meli nato il 28 luglio 1842 (n. progr. 1.1.7.3.1) nel 1870 sposa donna Angela Platania; nascono cinque eredi dei quali soltanto Gaetano, il secondo, si sposa nel 1892 con Emerenziana (Erminia) Palermo.

2. Ignazio (1844).

3. Francesca (1846), la terza dei figli (1.1.7.3.1.3), sposa Mastro Rosario Di Bella.

4. Illuminata (1849),

5. Biagio (1854).

6. il sesto, don Salvatore (nato nel 1856, n. progr. 1.1.7.3.6), sposa nel 1884, Rosa Radice figlia del medico don Gaetano Radice e della moglie Rosalia Pourracine (trattasi molto probabilmente di un parente di don Benedetto Radice), andato in Francia a studiare medicina e da dove ritorna sposato.
Dalla coppia nascono quattro figli dei quali la terza, Saveria (1.1.7.3.6.3), nel 1911 sposa Domenico Recca della provincia di Agrigento e la quarta, Giuseppa (1.1.7.3.6.4), nel 1920 sposa Francesco Margaglio, parente del poeta Luigi Margaglio Cesare (2 gennaio 1889 – 26 febbraio 1970) e da essi nascono quattro figli (Nino, Alessio, Salvino e Luigi).

7. Gaetano (1858),

8. Maria (1861),

9. Francesco Paolo (1864).

10. La decima figlia, Francesca Paola (1865, n. progr. 1.1.7.3.10) sposa nel 1784 don Alessio Margaglio dal quale ha sette figli e, successivamente alla morte di questo, nel 1904, Mario Foti.

11. l’ultimo dei fratelli, Felice (1869, n. progr. 1.1.7.3.1.6.11, foto 1), che appassionato di musica, aveva creato il corpo bandistico di Bronte e lo dirigeva (da cui il soprannome “Capubanda”) alla morte del fratello Salvatore, ne sposa la vedova dalla quale ha quattro figli:
 - Teresa (1895),
 - Scolastica (1897, non si sposa e resta con i genitori),
 - Antonia (1902, sposa Giovanni Averna e va a vivere negli U.S.A., foto 4) e
 - Rosalia Rosa.

La prima figlia, Teresa, (1895, n. progr. 1.1.7.3.11.1) nel 1921 sposa Giambattista Greco, noto orologiaio proveniente da Passopisciaro («forestiero di origine, ma trapiantato a Bronte...» scrive di lui N. Lupo) dal quale ha tre figli:
 - Rosa (nel 1948 sposa Samuele Averna e va a vivere negli U.S.A., foto 4);
 - Giambattista (Gino, insegnante di educazione fisica, si trasferisce a Novara in Piemonte ove si sposa e muore senza lasciare figli) e
 - Felice, laureatosi in giurisprudenza, che nel 1960 sposa Maria Giordano. Ha iniziato la sua prima esperienza lavorativa nella locale Banca Mutua ma vinto un concorso per segretario comunale lascia Bronte e si trasferisce nel Veneto ove vive con i tre figli.

Nunzio Longhitano
Dicembre 2009

CHI ERANO I NOSTRI ANTENATI?
L’albero genealogico dei brontesi

L'Autore dichiara che alcuni dati anagrafici relativi agli ultimi cento anni, sono stati raccolti direttamente dalla viva voce dei discendenti e da loro stessi autorizzato alla loro pubblicazione in un albero genealogico.
N. B.: Qualsiasi altra informazione in vostro possesso o conoscenza più precisa sull'albero genealogico è ben accetta. Mettetela a disposizione di tutti facendola pervenire alla redazione o direttamente all’estensore dell’albero stesso, indicando il numero progressivo dell’albero cui le date o le varie informazioni (es. anche foto della persona) si riferiscono. Grazie
N. Longhitano

I MELI CAPUBANDA

1) La famiglia di don Felice Meli-Capubanda  (n. progr. 1.1.7. 3.11 dell'Albero genealogico) con le figlie Anto­nietta, Te­resa, Scolastica, la soella Giuseppina e il ma­rito France­sco Margaglio.

2) Don Felice Meli e la signora Rosa Radice. Nella foto a destra, la famiglia Greco insieme alla famiglia Lon­ghitano: in alto Concettina Longhitano («a Cesira»), la signora Teresa Greco, Margherita Longhitano; in bas­so, Felice Greco, Nunzio Longhitano e Rosetta Greco.


4) 1945: Matrimonio di Rosetta Greco con Sam Aver­na. Da sinistra in piedi: Scolastica Meli, Gino Greco, il padre della sposa, Gigi Margaglio, gli spo­si, la madre della sposa, don Felice Meli, Giusep­pina Meli. In basso: Salvino Margaglio, Felice Gre­co, Alessio Margaglio, Nino Margaglio.

1945: Rosetta Greco accompagnata dal padre l'orolo­giaio Giambattista, a destra, con la signora Teresa Me­li al matrimonio della figlia (n. progr. 1.1.7.3. 11.1)

«L'orologeria di don Gio­vanni Greco - scrive N. Lu­po - formava angolo con 'a scinduta ru passu poccu ed esponeva nella vetrina cen­trale anche una lunga serie di coltelli a serrama­nico ed a scatto che atti­rava la nostra attenzione e curiosità, perché non ne conoscevamo l'uso a volte delittuoso»

A destra, Felice Greco e la moglie Maria Giordano (n. progr. 1.1.7.311.1.3).

Home Page  

Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus - Riproduzione riservata anche parziale. Tutti i diritti sono riservati all'Autore che ne è unico titolare. E' vietata ogni riproduzione del testo o di brani di esso senza l'autorizzazione scritta dell'Autore e senza citazione della fonte.

Genealogie di Famiglie brontesi