Genealogia di famiglie brontesi

Tutto sulla Città di Bronte

Site map

Ti trovi in:  Home-> Storia-> Genealogie-> Famiglie Longhitano-Checchi

Famiglie brontesi

a cura di Nunzio Longhitano

Le Famiglie Longhitano

Dico le famiglie e non la famiglia, in quanto il cognome Longhitano deriva da “Longitanus” abitante di Longi, piccolo paese dei Nebrodi, dal quale provenivano. Il Prof. Gino Longhitano ritiene, secondo una teoria molto verosimile, che intorno al XVII secolo, la crisi della sericoltura, allora fiorente in “Valdemone”, portò, molti di questi abitanti a trasferirsi sul versante meridionale dei Nebrodi e da qui, verso la Piana di Catania per coltivare il grano di cui avevano bisogno per sopravvivere.
Tali abitanti furono appunto chiamati “Longitani”, d’onde il cognome così diffuso in Bronte e nei paesi circostanti.
Nel mio lavoro di ricostruzione delle varie Famiglie, ho riscontrato ben 64 nuclei familiari abbastanza consistenti ed altri 30 circa, formate da una due generazioni ed un numero consistente di individui, sia maschi che femmine, che non sono riuscito a collegare a nessuno di essi. Sicuramente molti di questi nuclei (con il soprannome di Checchi, Saranelli, Bizzuni, Bastuni, Chicchitti, Scallipuszi, Puttella, Caracogna, Giardinara, ...,) si potranno saldare insieme, qualora riuscissi a risalire di una o due generazioni ancora. Dei più consistenti citerò qui di seguito il capostipite e la data o il soprannome della Famiglia con il capostipite e la sua data di nascita o presunta tale.


La Famiglia Longhitano-Checchi

E’ la mia famiglia d’origine, non si conosce esattamente a chi e quando sia stato dato il soprannome “checca” che in brontese significa “uno che chicchìa” cioè tartaglia.

Il Capostipite, almeno fino ad ora, è Longhitano Vincenzo (1., n.ro progressivo dell’albero genealogico) che sposa Abbondanza di cui ignoro il cognome.

Dal loro matrimonio nasce nel 1763 Longhitano Giovanni (1.1.) che il 9 Settembre 1787 sposa Cimbali Anna figlia di Cimbali Rosario e di Francesca.

La famiglia è per tradizione, costituita da allevatori di pecore e, talora, di bovini.

Tra i figli di Giovanni troviamo Illuminata (1.1.1.) che nel 1809 sposa Marullo Giuseppe e Antonino Francesco (1.1.2.) che nel 1825 sposa Cimbali Nunzia.

Da questo matrimonio nascono sette figli:

- il 4 Luglio 1826, Gaetano (1.1.2.1.) del quale non abbiamo ulteriori notizie,
- il 5 Giugno 1829 Antonino Giuseppe (1.1.2.2.),
- il 10 Novembre 1836 Anna (1.1.2.3) che nel 1852 va in sposa a Giuseppe Ant. Zingale,
- l’11 Febbraio 1840 Rosolia che sposa Giuseppe Malaponte,
- il 19 Novembre 1842 Vincenzo (cicchitto) sposatosi con Concetta Russo,
- il 13 Maggio 1848 Gaetano (morto un anno dopo la nascita) ed
- il 13 dicembre 1850 ancora un Gaetano (1.1.2.7) che sposa Anna Russo.

Antonino Giuseppe (1.1.2.2.) il 23 Ottobre 1853 si sposa con la diciassettenne Russo Illuminata (faccilòdda) e dalla loro unione nascono nel 1855 Francesco (1.1.2.2.1.), mio nonno; nel 1857 Nunzia; nel 1860 Vincenzo (1.1.2.2.3.), quindi Giuseppe (1863), Salvatore (1866), Anna (1869) e nel 1874 Luigi (1.1.2.2.8) che sposa Ferraù Maria Elvira.

Da ricordare tra gli attuali discendenti: i fratelli architetti Longhitano Luigi e Giovanni, figli di “Peppino” (1.1.2.2.8.1); le sorelle Longhitano Elvira e Adelaide quest’ultima anch’essa architetto, figlie di Salvatore (1.1.2.2.8.5, chirurgo), e Longhitano Giuseppe figlio di “Ciccio” l’insegnante (1.1.2.2.8.2), abitante a S. Agata di Militello.

Ultima dei nati di Longhitano Giuseppe è, nel 1879, Longhitano Maria Teresa a “monica finocchia”.

Da Longhitano Francesco (1.1.2.2.1.), mio nonno, nascono: Giuseppe Alfio (1.1.2.2.1a.1), Illuminata, Concettina (1.1.2.2.1a.3) alla quale viene dato il soprannome di “Cesare” perché in gioventù fece da segretaria allo zio avv. Nunzio Cesare e successivamente abile sarta piuttosto rinomata a Bronte negli anni tra la prima e la seconda Guerra Mondiale.

Quindi Maria, Filippo e ultimo, il 16 Giugno 1905, mio padre Longhitano Antonino (1.1.2.2.1a.6.) anche lui soprannominato “cesare”, che però volle uscire dalla tradizione di famiglia.

Andò, infatti, a bottega di calzolaio da Nino Bongiardo e successivamente a Catania a perfezionarsi e fece anche parte della Banda Municipale nella quale suonava il clarinetto.

Nel 1930 sposa Margherita Barbaria (01/04/1910 - 23/12/1991, vedi n. 1.1.3.1.3.8 della Genealogia Barbaria), ultima dei figli di Don Ciccio Barbaria e dalla quale nascono Francesco (1.1.2.2.1a.6.1) già parroco nella Parrocchia di Cristo Re a Catania, ora in pensione; Adolfo (1.1.2.2.1a.6.2), laureato all’Università Lateranense di Roma in Diritto Canonico ed ora funzionario del Tribunale Ecclesiastico Diocesano e prof. di Diritto Canonico alla scuola di teologia S. Paolo; Nunzio, il sottoscritto, che sposa Cinzia Agresti nel 1964 e dalla quale ha due figli Aldo, morto nel 1967 e Irene. Seguono Fausto e Maria, ultima dei figli.

L’attuale ultimo erede della famiglia è Carlo Longhitano (1.1.2.2.1a.6.4.3), figlio di Fausto e Cristina Piazza.


La Famiglia Longhitano-Chicchitti

Il sopranome “Chicchitti”, viene dato ai discendenti di Vincenzo Longhitano (chicchitti) molto probabilmente per la statura più piccola rispetto ai figli degli altri fratelli.
Vincenzo, nato il 19 Novembre 1842 (1.1.2.5), sposa Concetta Russo ed dal matrimonio na­scono 8 figli: Anna, Nunziata, Francesco, Giuseppe, Gaetano, Francesco, Salvatore e Nunzia.


Le parentele

Per mezzo delle donne, la Famiglia Longhitano (Checchi e Chicchitti) s’imparentano con varie famiglie tra le quali

- i Marullo, con Illuminata Longhitano (1.1.1, checchi), che nel 1809 sposa Giuseppe Marullo

- i Saitta con Nunzia Longhitano (1.1.2.2.2, checchi), che nel 1878 sposa Antonino Saitta;

- con i Zingale quando nel 1852 Anna Longhitano (1.1.2.3, checchi) sposa Giuseppe Antonino Zingale;

- con i Malaponte con Rosolia Longhitano (1.1.2.4, checchi) che sposa nel nel 1858 Giuseppe Malaponte;

- con i Castiglione per il matrimonio del 1898 di Anna Longhitano (1.1.2.5.1, chicchìtti), con Francesco Castiglione;

- con i Longhitano (scallipùszi) per il matrimonio, nel 1884, di Nunziata Longhitano (1.1.2.5.2 Chicchitti), con Gaetano Longhitano (1884-1946, scallipùszu);

- con la Famiglia Sofia mediante il matrimonio nel 1942 di Illuminata Longhitano (1.1.2.2.8.3, checchi) che sposa Giuseppe Carlo Antonio Sofia (20/07/1900, morto nel 1989), dalla cui unione nascono Gregorio (1.1.2.2.8.3.1) e Gino (1.1.2.2.8.3.2).

Nunzio Longhitano

Luglio 2007
 

CHI ERANO I NOSTRI ANTENATI?
L’albero genealogico dei brontesi

L'Autore dichiara che alcuni dati anagrafici relativi agli ultimi cento anni, sono stati raccolti direttamente dalla viva voce dei discendenti e da loro stessi autorizzato alla loro pubblicazione in un albero genealogico.
N. B.: Qualsiasi altra informazione in vostro possesso o conoscenza più precisa sull'albero genealogico è ben accetta. Mettetela a disposizione di tutti facendola pervenire alla redazione o direttamente all’estensore dell’albero stesso, indicando il numero progressivo dell’albero cui le date o le varie informazioni (es. anche foto della persona) si riferiscono. Grazie
N. Longhitano

 

Maria Teresa Longhitano (1879 - 1958, a “monica fi­nocchia”) e, a destra, Giuseppe Alfio Longhitano (1889 - 1962, N. progr. 1.1.2.2.1a.1 dell'Albero ge­nealogico) durante il servizio militare

Luigi Longhitano (26/10/1874-1961, n. pr. 1.1.2.2.8) e la moglie Maria Elvira Ferraù.
A destra tre loro figli, i fratelli Checchi-Ferraù: Ciccio, Peppino e Salvatore (u barunellu Ferraù, chirurgo a Catania)

Vincent Salvatore Longhitano (n.ro prog. 1.1.2.2.3a. 7) e Luisa Passelli il giorno del loro matrimonio (Sid­ney 12 Luglio 1952). A destra, Antonino Longhi­tano (n.ro prog. 1.1.2.2.1a.6) padre del prof. Nun­zio

Concettina Longhitano “Cesare” (n.ro prog. 1.1.2.2.1a.3) e le allieve della sua rinomata sartoria negli anni tra la prima e la seconda Guerra Mondiale.

Nella foto a destra, Concettina posa con il fratello Antonino,padre del prof. Nunzio.

L’origine e il significato dei cognomi brontesi

Home PageCenni di storia su Bronte

Powered by Associazione Bronte Insieme Onlus - Riproduzione riservata anche parziale. Tutti i diritti sono riservati all'Autore che ne è unico titolare. E' vietata ogni riproduzione del testo o di brani di esso senza l'autorizzazione scritta dell'Autore e senza citazione della fonte.

Genealogie di Famiglie brontesi