Genealogia di famiglie brontesi

Tutto sulla Città di Bronte

Site map

Ti trovi in:  Home-> Storia-> Genealogie-> Famiglia Di Bella

Famiglie brontesi

a cura di Nunzio Longhitano

La famiglia Di Bella

I discendenti di Rosario Di Bella e Rosaria Grasso (1788)

Il ramo famigliare brontese dei Di Bella è costituito essenzialmente da “Mastri” e molto probabilmente da costruttori, visti i legami familiari che man mano i Di Bella vanno istaurando sia con le famiglie di “mastri muraturi” del paese (i Barbaria, i Bonaventura, i Salanitri, …) come anche con qualche elemento dei cosiddetti “Cappeli”, vedi Nunzio Di Bella.

Da quello che siamo riusciti a ricavare dai vecchi registri della Matrice, dai fogli consunti ed a volte illegibili, la discendenza brontese inizia con Rosario Di Bella (numero progressivo 1. dell’Albero genealogico) che intorno alla fine del 1700 si trasferisce a Bronte con la moglie Rosaria Grasso (molto probabilmente provenienti dalla zona di Acireale), e diventa padre di 13 figli, sette maschi e sei femmine:

Paolo (1788), Rosaria Benedetta (1790), Giuseppe Salvatore Basilio (1791), Anna Concetta Gaetana (1793), Paola Innocenza (1795), Nunzio Graziano Carmelo (1796), Paolo Giacomo (1799), Innocenza Paola Nunzia (1801), Pasquale Giuseppe (1804), Margherita (1805), Francesco Gaetano (1806) e, l'ultimo, il 13°, Giuseppe Innocenzo Vincenzo (1808).

In queste pagine tratteremo particolarmente della discendenza di due dei sette loro figli maschi: di quella del loro primo figlio, Paolo (nato nel 1788, n.ro progr. 1.1) e di quella del terzo, Giuseppe Salvatore Basilio (nato nel 1791, n. ro progr. 1.3).


I discendenti di Paolo

Come risulta dai registri matrimoniali, Paolo nel 1855(1) sposa Maria Reina e, seguendo l'esempio dei genitori, dal 1809 al 1845, diventa padre di dodici figli (sei maschi e sei femmine):

Nunzia Rosaria (1806), Francesco Giacomo Nunzio (1811), Rosalia Signorina (1814), Placido (1815), Santa Nunzia (1817), Rosario Giuseppe Illuminato (1821), Giuseppe Nunzia (1824), Francesca (1824), Salvatore (1831), Rosario (1839), Luigi (1843) e Rosaria (1845).

- La prima figlia, Nunzia Rosaria (n. progr. 1.1.1) nasce nel 1809 e in prime nozze sposa Matteo Carrubbo ma non ha figli; morto il primo marito, sposa in seconde nozze Vito Scoglio e ha sei figli.

- Placido (il quarto figlio, n. progr. 1.1.4) sposa nel 1838 Rosalia Camano; ha una sola figlia Nunzia (1.4.1) che nel 1858 sposa Francesco Mirenda e nascono altri otto bambini.

- La quinta figlia, Santa Nunzia (n. progr. 1.1.5), sposa Antonino Mannino in prime nozze e nascono due figli (Concetta e Illuminata); similmente alla sorella Nunzia Rosaria, morto il marito, in seconde nozze sposa Nunzio D’Errico ma la coppia non ha figli.

- Il sesto figlio di Paolo Di Bella, Rosario Giuseppe Illuminato (n. progr. 1.1.6), nel 1842 sposa la sedicenne Nunzia Calanna. La coppia ha due figli: Anna e Giuseppe che nel 1869 sposa la coetanea Maria Schilirò che gli dà sei figli: Angela, Giuseppe (sposa Maria Cirritto), Luigi, Rosario, Biagio (sposa Maria Caterina Gaios) e Vincenzo.

- La settima figlia di Paolo, Giuseppa Nunzia (n. progr. 1.1.7) si unisce in matrimonio con Salvatore Gorgone ed ha quattro figli (Rosario, Carmela, Nunzia e Domenico).

- La sorella, Francesca (n. progr. 1.1.8) sposa Paolo Bonaventura e genera otto figli (Maria, Francesco, Salvatore, Venerando, Giuseppa, Grazia, Nunzio e Nunzia).


I discendenti di Giuseppe Salvatore Basilio e Innocenza Pace

Del terzo figlio del capostipite Rosario di Bella, Giuseppe Salvatore Basilio (progr. 1.3), che ha dato vita al ramo brontese più consistente e sviluppato dei Di Bella, abbiamo molte più notizie tanto da poter arrivare dalla fine del 1700 all’attuale ottava generazione.

Nato nel 1791, all'età di ventisette anni, Giuseppe Salvatore Basilio nel 1818 sposa la diciassettenne Innocenza Pace.

Dal 1820, due anni dopo il matrimonio, al 1845, dalla coppia nascono 9 figli:

Antonino (1820, si sposa con Concetta Amato, n. prog. 1.3.1), Rosaria (1823), Maria (1827), Giuseppe Pietro (1830), Carmela (1833, a diciassette anni sposa Nunzio Vincenzo Camuto, progr. 1.3.5), Nunzio (1836, sposa Maria Rosa Salanitri, n. progr. 1.3.6), Rosaria (1839), Luigi (1843) e Rosaria (1845).

Il sesto figlio di Giuseppe Salvatore Basilio e Innocenza Pace, Nunzio Di Bella (n. progr. 1.3.6, vedi foto 1) sposa Maria Rosa Salanitri anche lui con un ottimo risultato: la coppia genera ben quindici figli ed una miriade di nipoti.

Tralasciando quest’ultimi, vogliamo elencare di seguito i quindici nati (quattro maschi e undici femmine) dal matrimonio tra Nunzio e Maria Rosa:

- Salvatore (1859, sposa Nunziata Patti),
- Giuseppa (1860, morta un anno dopo),
- Innocenza (1861),
- le gemelle Maria (1863, morta due anni dopo) e Giuseppa (1863, sposa Antonino Mavica),
- Rosa (1864, sposa nel 1885 Salvatore Russo, labbruni, n. progr. 1.3.6.6),
- Maria (1866),
- Giuseppa (1868),
- Giuseppe (1869, morto nel 1880),
- Salvatore (1871, sposa Clorinda, vedi foto 2),
- Maria Giuseppa (1873),
- Angela (1874, nel 1892 sposa Nunziato Meli, n. progr. 1.3.6.12),
- Maria Cristina (1876, diventata monaca di clausura, col nome di suor Maria Annunziata),
- Giuseppa (1881, sposa Antonino Mavica) e l'ultimo(2), nel 1882,
- Alessandro (n. progr. 1.3.6.15) che sposa Carmela Barbaria.

Vale la pena qui ricordare Angela (la dodicesima figlia, n. progr. 1.3.6.12), che sposa Nunziato Meli dandogli sei figli e, soprattutto, il quindicesimo, Don Alessandro Di Bella (n. progr. 1.3.6.15, vedi foto 3), noto a Bronte per aver diretto il Macello comunale per molti anni fino al suo ritiro, che imparenta i Di Bella con la famiglia Barbaria.
Nel 1908 sposa, infatti, Carmela Barbaria (n. progr. 1.1.7.2.5 della genealogia della famiglia Barbaria) e ai discendenti di Rosario e Rosaria si aggiungono altri sei figli (vedi foto 3) quattro maschi e due femmine:
- Nunzio (1909),
- Giuseppe (1911),
- Maria Rosa (1913),
- Vincenzo (1919),
- Salvatore (1920) e
- Clorinda (detta Linda, 1923).

Il primo di questi sei figli, Nunzio (n. progr. 1.3.6.15.1) sposa nel 1947 Giuseppa Ignazia Misuraca.
Dal loro matrimonio (vedi foto 5) nascono Alessandro (1.3.6.15.1.1) e Nicola.
I nipoti di Alessandro, Leonardo figlio di Francesco e Carlotta figlia di Nunzio, sono fra gli ultimi arrivati nella famiglia e rappresentano, con i progressivi 1.3.6.15.1.1b.4.3 e 3.1, l'ottava generazione dal capostipite Rosario.

Il secondo, Giuseppe (n. progr. 1.3.6.15.2) sposa Concetta Battiato e nascono Alessandro e Vincenzina (vedi foto 4).

La terza è Maria Rosa (n. progr. 1.3.6.15.3) sposa nel 1937 Angelo Romeo (nascono Emerenziana, Alessandro e Michele).

Il quarto, Vincenzo (n. progr. 1.3.6.15.4) nel 1950 sposa Maria Rosa Mavica.

Il quinto figlio, il nostro carissimo Salvatore (uno dei quattro soci fondatori dell’Associa­zione Bronte Insieme, n. progr. 1.3.6.15.5), dopo aver girato il mondo finisce in Australia dove diventa ben presto un affermato e noto costruttore edile dando vita alla generazione australiana dei Di Bella.
In Australia Sam, così è chiamato dagli amici, incontra Maria Catena Lo Blanco e nel 1953 la sposa; dalla coppia nascono due figlie (foto 6): Sandra Carmel (n. progr. 1.3.6.15.5.1, sposa Stephan Fiztsimons e genera Sarah, Nicole e Thomas) e Marilyn Rose, 1.3.6.15.5.2, che sposa Roger Sewell e gli dà un figlio dal nome Luke Matheu.
Sam non ha resistito alla nostalgia del paese natio e da circa un ventennio è ritornato a Bronte dove vive circondato dagli amici tra Circolo di Cultura (di cui è stato presidente), siti web e collegamenti video con l’Australia.

Nunzio Longhitano
Agosto 2009


Note
:
(1) Sul registro matrimoniale della Matrice (fine 1700) è segnato che Paolo sposa a vent'anni e la moglie Maria a sedici; facendo i conteggi, ho ricavato l'anno di nascita. In altri fogli ho scoperto invece che la moglie è nata nel 1806 e quindi i conti non tornano più, mancando l'esatta data di nascita di Paolo che, molto probabilmente può essere nato ad Acireale, come sostiene "la zia monaca", visto che prima di quel matrimonio non esistono altre nascite se non successiva nel 1795. (N. Longhitano)
(2) Non era l’ultimo. Io so di un mio zio Antonino piu’ giovane di mio padre che abitava a Sortino. (Sam Di Bella)



Un commento da parte di Salvatore (Sam) Di Bella

Io, discendente di Rosario

di Sam di Bella

Salvatore (Sam) Di BellaMi è stato chiesto di dire qualcosa circa l’eccellente lavoro compiuto da Nino Liuzzo e Nunzio Longhitano nel compilare l’albero genealogico della famiglia Di Bella.

Bene! A dire la verità per me questa è stata una piccola disillusione. Ero stano sempre ben convinto di discendere da antenati espatriati da Acireale, secondo una storiella che ci aveva sempre raccontato la mia zia monaca, Suor Maria Annunziata (Maria Cristina Di Bella, vedi foto 2).
E devo aggiungere che anche mio padre, probabilmente influenzato da sua sorella, ci diceva spesso che tutti noi eravamo “teste di iacitani”.

Alcuni di voi ricorderanno quel Peppino Di Bella, detto “Maccattìu”, al quale, durante i miei anni universitari, ero molto amico. Lui era un calzolaio brontese dotato di uno straordinario senso dell’umorismo e di una permanente ed autentica allegria e perciò molti di noi studenti lo frequentavamo per ascoltare le sue simpatiche battute.

Un giorno mentre ero in balcone con la mia zia monaca, passa davanti a casa mia Peppino con dei suoi amici, e mi saluta, portando la mano alla fronte come fanno i militari, e dicendo “- Signor cugino!”

Mia zia rientra in casa borbottando “Cugino un corno! Loro sono “Cichitabèlla”!

E giù a raccontarmi ancora dei quattro fratelli che lasciarono Acireale per stabilirsi, tre a Bronte ed uno a Regalbuto, ed uno di questi dovrebbe essere mio nonno o bisnonno.

Questa la favola che ci raccontava da quando ero un bambino e parlava sempre dei suoi cugini i “Cuttunara”, donna Concettina Di Bella, il notaio Di Bella, don Giulio e don Pio Di Bella ed il loro fratello Giuseppe, detto don “Peppe Mazza”.

Da parte mia ricordo benissimo lo zio Pio che, tornato dall’America, spendeva quasi tutto il suo tempo al Circolo di Cultura giocando a carte o a biliardo. E’ famoso un curioso aneddoto che si racconta di lui.

Intorno agli anni 1939-40 si era stabilita una regola nel Circolo per la quale chiunque avesse detto una parola volgare o blasfema avrebbe dovuto pagare al cameriere sordomuto Rappazzo, una penale di due soldi per parola.

Ora don Pio, anziano e un po’ irascibile, un giorno, giocando a biliardo, per ben tre volte di seguito sbaglia un tiro facilissimo. Allora chiama il cameriere e dice ad alta voce: “Minchia, Minchia e Minchia!!! Cca ci su se soddi!!!”
Questo era zio Pio.

Tornando all’argomento di cui dovrei parlare non posso assolutamente dubitare dell’esat­tezza delle ricerche compiute dal professor Longhitano sulle origini della mia famiglia, ma vi ho detto queste cose perché, in qualche modo, mi ero innamorato della favoletta che rac­contava la mia zia monaca.

Perciò vi raccomando di non credere a tutto quello che vi raccontano le zie, specialmente se monache. Amavo la mia zia monaca con tutto il mio cuore. Per me era una seconda mamma ma le bugie sono bugie ed oggi mi sento un po’, come dire?, tradito.

Io ho vissuto per quaranta anni in Australia dove vivono adesso tutti i miei discendenti (vedi foto 5) con cognomi più o meno impronunciabili, tranne quelli delle mie figliole; ho perso pertanto i contatti con molti dei miei parenti e conoscenti qui in Italia e in quanto a genealogie la mia ignoranza in questo campo è addirittura oceanica.

Perciò accetto integralmente e con convinzione le conclusioni a cui è arrivato l’espertissimo professor Longhitano nella compilazione del nostro albero genealogico.

E voglio ringraziarlo, unitamente a Nino Liuzzo, il primo ancora per l’immane impegno nelle sue ricerche genealogiche delle famiglie brontesi, il secondo per il certosino e preciso lavoro nell'organizzare e seguire il sito dell'Associazione Bronte Insieme, ed augurar loro di cuore buon lavoro e buona salute.

Sam Di Bella
Luglio 2009

 
Nunzio Di Bella (1836) Maria Rosa Salanitri (1837)

1) Nunzio Di Bella (n. progr. 1.3.6 dell'Albero genea­logico) e la moglie Maria Rosa Salanitri. Con i loro quindici  figli possono considerarsi i veri capostipiti dei Di Bella brontesi.

Le famiglie Di Bella hanno sempre generato una prole numerosa: i nonni di Nunzio, Rosario e Rosaria (progr. 1), i capostipiti, avevano generato 13 figli; i genitori, Giuseppe Salvatore Basilio e Innocenza Pace (progr. 1.3) altri nove; gli zii Paolo e Maria Reina (progr. 1.1) dodici; il fratello Antonino sposato con Concetta Ama­to (progr. 1.3.1) ben diciassette; il figlio Salvatore (1.3.6.1) sposato con Nunziata Patti altri quindici).

Ecco perchè l'Albero genealogico completo dei Di Bel­la contiene ben 6.339 nominativi.

Salvatore di Bella (1871) e la moglie Patti Nunziata

2) Salvatore di Bella (n. progr. 1.3.6.10) e la moglie Clorinda; a destra Maria Cristina Di Bella (1.3.6.13, la zia monaca).

Carmela Barbaria e don Alessandro Di Bella (1882) Nunzio Di Bella (1909)

3) Don Alessandro Di Bella e donna Carmela Barbaria (n. progr. 1.3.6.15). Nella foto a destra il loro primo fi­glio Nunzio (1909).

Nella foto a destra Clorinda (detta Linda, l'ultima figlia di Don Ales­sandro) e sotto i suoi fratelli:
Giuseppe (con la moglie Concetta Battiato), Maria Rosa (sposatasi con Angelo Romeo), Vincenzo (spo­satosi con Maria Rosa Mavica)

Clorinda (Linda) Di Bella

e Salvatore (Sam, all'età di 18 anni e con la moglie Ma­ria Catena Lo Bianco e le figlie Sandra e Marilyn in Australia).

Giuseppe Di Bella (1911) e la moglie Concetta Battiato.jpg Maria Rosa Di Bella (1913) Vincenzo Di Bella (1919)
Salvatore (Sam) Di Bella a 18 anni Salvatore Di Bella (Sam) con moglie e figlie, in Australia

4) Alessandro e Vincenzina (Zina) i due figli di Giuseppe Di Bella e Concetta Battiato (progr. 1.3.6.15.2)
.
A destra, i due figli di Alessandro: Giuseppe ed Erminia


 

Nunzio di Bella  e Giuseppa Ignazia Misuraca sposi (1947)

5) Nunzio di Bella (n. progr. 1.3.6.15.1) e Giuseppa Ignazia Misuraca nel giorno del loro matrimonio (1947).
Nelle foto in basso, i loro due figli Nicola ed Alessan­dro all'età di 14 e 16 anni (1.3.6.15.1.1) e, a destra, i nipoti Nunzio (figlio di Alessandro), Elisa (figlia di Nicola) e il proni­pote Alessandro  (1.3.6.15.1.1b.4.1, l'ottava ge­nera­zione dagli avi Rosario Di Bella e Rosaria Grasso).

Sandro e Nicola Di Bella bammbini Nunzio Di Bella di Alessandro
 Elisa Di Bella di Nicola
Alessandro Di Bella di Francesco


 

6) I Di Bella dell'Australia

I Di Bella australiani discendenti di Salvatore (Sam) Di Bella e Maria Catena Lo Blanco: le due figlie Sandra Carmel (n. progr. 1.3.6.15.5.1, sposata con Stephan Fiztsimons) e Marilyn Rose (1.3.6.15.5.2, sposata con Roger Sewel) ed i suoi quattro nipoti Sarah, Nicole, e Thomas Fitzsimons e Luke Matheu Sewell.

Home Page

CHI ERANO I NOSTRI ANTENATI? - L’albero genealogico dei brontesi

L'Autore dichiara che alcuni dati anagrafici relativi agli ultimi cento anni, sono stati raccolti direttamente dalla  viva voce dei discendenti e da loro stessi autorizzato alla loro pubblicazione in un albero genealogico.

Genealogie di Famiglie brontesi
Genealogia della Famiglia Camuto         Genealogia della Famiglia Liuzzo (Marrani)

N. B.: Qualsiasi altra informazione in vostro possesso o conoscenza più precisa sull'albero genealogico è ben accetta. Mettetela a disposizione di tutti facendola pervenire alla redazione o direttamente all’estensore dell’albero stesso, indicando il numero progressivo dell’albero cui le date o le varie informazioni (es. anche foto della persona) si riferiscono. Grazie. N. Longhitano
Powered by Ass. Bronte Insieme - Riproduzione riservata anche parziale. Tutti i diritti sono riservati all'Autore che ne è unico titolare. E' vietata ogni riprodu­zione del testo o di brani di esso senza l'autorizzazione scritta dell'Autore e senza citazione della fonte.