Altri monumenti

Visitiamo, insieme, i monumenti di Bronte

Le foto di Bronte, insieme

Ti trovi in:  Home-> Monumenti-> Altri monumenti-> Placa Bajana

Casale di Placa Bajana

Chiesa di S. Michele della Placa Bajana

Casale di Placa Bajana (Bronte)La chiesa di S. Michele di Placa Bajana o Placa Torre sorgeva, a pochi chilometri da Bronte, nell'antico Casale di Placa Bajana sulle rive del Simeto.

Oggi del vecchio edificio, adibito a deposito di un’azienda agricola, restano solo le mura e la caratteristica rossa facciata; pochi decenni fa è scomparso anche l’antico portale in pietra lavica, letteralmente divelto e rubato nottetempo.

Ci affidiamo per una descrizione della chiesa alle parole dello storico brontese Benedetto Radice.

«La chiesuola sorge accanto un turrito castello feudale, un tempo, in territorio di Troina, che fu di Margherita Buglione.

Guarda in giù la Ricchigia, ove erano altre chiesette e ode lo scroscio del Simeto, quando scende ingrossato per il dimojare delle nevi.

La facciata col frontone piramidale nella sua rusticana e simmetrica semplicità, lavorata a mosaico con pezzetti di mattoni e di tegole dal colore rossastro sembra il viso pudibondo di una modesta villanella; è certo più poetica che non una chiesa dai ricchi marmi e dall’architettura fastosa. Credo che rimonti al secolo XIII.

Sull’architrave della porta si legge scolpito in un quadrello di pietra bianca: Non si gode l’immunità ecclesiastica.

A quei tempi di ferro questa chiesetta non godeva il diritto d’asilo pei delinquenti. L’asilo era più sicuro nel carcere del castello, del quale vedonsi ancora il cancello e le grate di ferro.

La chiesa ha dinnanzi un piazzale di m. 54,13 di lunghezza e di m. 13,80 di larghezza.
Ha un solo altare di marmo bardiglio dedicato all'Annunziazione.
Il quadro sembra opera del secolo XVI. Vi è dipinta la Vergine salutata dall’Angelo, in alto è l'Eterno Padre, con intorno gruppi di puttini; sotto è l’Arcangelo Gabriele; un puttino presenta un giglio alla Vergine, che ha l’aspetto di una giovine matura.

La statua di S. Michele, titolare della chiesa, quando il casale si riunì a Bronte nel 1692, fu portata alla chiesa Madre, e posta in una nicchia accanto alla cappella del SS. Sacramento. Accanto alla chiesa è un piccolo cimitero.

Essendo stata Placa Bajana una borgata di Bronte, l’arciprete s’intitola parroco di Placa Bajana.

Fino al 1720 il cimitero accoglieva ancor dei morti nel suo seno, il che fa supporre, che anche dopo l’unione molti coloni vi rimasero.

Nella campana della chiesa, dissueta da tre secoli a chiamare i fedeli, vi si legge la data del 1631 e il nome di D. Ferdinando Toledo, marchese della Floresta, barone della Placa.»

Il Radice conclude scrivendo che «la chiesa serve ora (1928, epoca di pubblicazione del libro, ndr) da magazzino.»

Cinquant'anni prima, un'altro storico brontese, Gesualdo De Luca, invece scriveva che  «nella Placa Bajana esiste la Chiesa dedicata a S. Michele, ed in tutte le feste vi è celebrata la S. Messa pei coloni del feudo. Di amministrazione di Sacramenti colà non più si tratta, perchè ivi non vi abitano più intere famiglie.»
   

 
Casale di Placa Bajana (Bronte)

Ciò che resta del portale della chiesa, divelto e rubato dai soliti "noti" in piena notte. Nelle altre immagini la chiesa di S. Michele in un disegno del 1860, il piazzale antistante ed una veduta d'insieme del Casale

La porta dell'antico carcere del Casale e a destra la statua di S. Michele Arcangelo conservata alla Matrice.

 

HOME PAGE

   

Powered by Associazione Bronte Insieme / Riproduzione riservata anche parziale