Le carte, i luoghi, la memoria...

I FRATELLI CIMBALI

I personaggi illustri di Bronte, insieme

Site map

Ti trovi in:  Home-> Personaggi-> I fratelli Cimbali: Enrico, Giuseppe, Francesco, Eduardo

Eduardo Cimbali

Instancabile combattente per la libertà di tutti i popoli oppressi

Eduardo CimbaliEduardo Cimbali, (Bronte 1862 – Catania 1934, dove è sepolto), pubblicista fecondo, professore di Diritto Inter­nazionale presso la Regie Università di Macerata, Sassari e Catania.

Ultimo dei quattro fratelli Cimbali (Enrico, Giuseppe e Fran­cesco, secondo deputato brontese a Montecitorio) iniziò gli studi nel Real Collegio Capizzi per completarli alla Regia Università di Catania.

Fu definito "fondatore del nuovo diritto internazionale"; in un'epoca di colonialismo e di conquiste, fu infatti un in­stan­cabile combattente per la libertà di tutti i popoli op­pressi.

Sue le parole: "Ogni popolo che si conquista è una nuova fonte di guerra che si apre"; "Lo stato naturale e legittimo dei popoli deve essere la scambievole indipendenza di tutti fra essi, non mai la padronanza di alcuni e la servitù degli altri".

Pubblicò importanti saggi e studi sul diritto internazionale.

Alcune sue affermazioni, quali il considerare il diritto internazionale esistente come falso e non vero Diritto, gli valsero però ostracismi di ogni genere.Corriere di Catania, n. 88 del 28.3.1916

«Io, invero, sono colpevole - scriveva lo stesso Cimbali nel 1909 - di avere inaugurato, e nelle opere e dalla Cattedra, un indirizzo di Diritto e di Politica internazionale che è la più completa rivolta a quello che s'insegna da tutte le Università italiane. Mentre, infatti, il mio indirizzo è "la guerra, dovunque e per sempre, alla conquista e a tutte le guerre di conqui­sta", l'indirizzo dominante, al contrario, è la consacrazione della conquista e delle guerre di conquista.»

"La più nera intolleranza scientifica - scriveva il 28 Marzo 1916 il Corriere di Catania  - colpiva l'opera di redenzione internazionale, iniziata ufficialmente dal Prof. Cimbali con l'insegnamento dalla cattedra di Macerata".

Ma lui non si piegò, non cambiò le sue idee e «tanta tenacia di buoni propositi e d'indefessa attività doveva avere il suo trionfo; ...sempre combattendo la violenza internazionale, l'ingiu­stizia, l'asservimento dei popoli, il brigantaggio collettivo; e sostenendo, ad ogni costo, un ordinamento giuridico esterno, a base di redenzione di tutti i popoli - civili o barbari - riuscì a conquistare la cattedra di straordinario all'Università di Sassari; dove, a detta del compianto sociologo russo Giacomo Novicow, gli studenti tedeschi di Vienna e Berlino si sarebbero dovuti recare ad apprendere il vero diritto internazionale

Lo stesso Novicow diceva di lui: "Egli marcia alla testa di tutti i professori di diritto interna­zionale. Ha formulato delle verità senza le quali la civiltà umana resterà eternamente una vana parola".

IL LETTERATO DI PROVINCIA, di EUARDO CIMBALIFra i libri di Eduardo Cimbali si ricordano "La Bulgaria e il diritto inter­na­zionale" (Roma, Fratelli Bocca Editori, 1887), "Popoli barbari e popoli civili" (Roma, Strambi, 1887), "Il non-intervento" (Roma-Torino, Fratelli Bocca Editori, 1889), Le guerre balcaniche? Eccole le preparatrici della conflagrazione!, G. Carrabba Editore, Lanciano,  "Lo Stato secondo il Diritto internazionale universale" (Roma, Forzano e C. Tipografia del Senato, 1891), "Di una nuova denominazione del cosidetto Diritto internazionale privato" (due ediz., Roma, F.lli Bocca editori, 1893), "La Sardegna è in Italia?" (Editore Bernardo Lux di Roma, 1907), "Il matrimonio dello straniero" (Torino, Utet, 1898), "I miei quattordici anni di campagna contro la Triplice alleanza" (Campobasso, G. Colitti, 1917), ed anche una commedia in quattro atti "Il Letterato di Provincia" (Roma, Fratelli Bocca, 1886).

Molte sue opere sono state tradotte e divulgate all’estero. Di seguito vi proponiamo alcuni giudizi sul Eduardo Cimbali riportati sulla stampa dell'epoca.




Per il nuovo diritto internazionale

(I giudizi lusinghieri espressi su Eduardo Cimbali dal sociologo russo Giacomo Novicow in una lettera del 1907):

«Odessa, agosto 1907
Caro Signor Cimbali,
Vi ringrazio per «La Sardegna è in Italia?»
L'ho letta col più grande interesse. Quanto sono stato felice di vedere affermare ancora una volta con coraggio sì retto e sì ardito che la conquista è un delitto (p. 46)!
Quello che voi dite della colonizzazione è inattaccabile: quando è naturale, essa è legittima e benefica. Quando è violenta, essa è infame, degradante e stupida.
Ah! se i vostri colleghi professori di Diritto Internazionale delle Università tedesche avessero le vostre idee!LE GUERRE BANCANICHE?, di EUARDO CIMBALI
La faccia del mondo sarebbe cambiata! I Tedeschi, intanto, tengono nelle loro mani i destini dell’Europa e con le loro idee medioevali ci conducono all’abisso.
Come mi adiro tutte le volte che veggo la scienza italiana assumere delle arie modeste e servili dinanzi alla scienza tedesca!
Le vostre idee sul Diritto Internazionale Sono tanto superiori a quelle di Hegel quanto le idee di Poggio Bracciolini erano superiori nel Secolo XV a quelle degli oscuri umanisti della Germania barbara.
Io ignoro lo stato delle altre Scienze, ma dal punto di vista del Diritto Internazionale trovo che voi altri italiani conservate il posto che avevate nel XV secolo, cioè il primo. Sono gli studenti tedeschi di Berlino e di Vienna che dovrebbero andare a Sassari ad ascoltare Eduardo Cimbali e non gli studenti italiani andare a Vienna o a Berlino per ascoltare i professori che basano il diritto sulla violenza (pura contraddizione di termini).

Ho anche applaudito con tutte le mie forze il voto che voi esprimete a pag. 46: «Non saremmo degni del nome italiano che portiamo se, delineando la nazione degna di proclamarsi civile e moderna, non avessimo sempre e calorosamente espresso l'augurio, che questa prima e benemerita nazione del mondo debba essere l'Italia».

 

«L'indirizzo che ci condurrà alla dichiarazione universale dei diritti d'indipendenza dei popoli, all'effettivo disarmo e alla sincera e sospirata pace internazionale, deve essere l'indirizzo vero e proprio della scienza nostra.
E' questo indirizzo, che io ho seguito fin dall'ini­zio della mia modesta carriera scientifica.
E' questo indirizzo, che mi è costato quindici anni di persecuzioni, le quali si sono manife­sta­te in tre dichiarazioni d'ineleggibilità in pub­blici con­corsi, in due espulsioni dall'insegna­mento uni­versitario ed in due anni di esilio nel­l'inse­gna­mento secondario di un istituto tec­nico.
E' que­sto indirizzo quello con cui, dopo una violenta interruzione di cinque anni, riprendo il mio inse­gnamento universitario, pronto a sfidare nuove e più gravi persecuzioni ancora, pur di rima­nere ad esso fedele fino all'ultimo mio so­spiro, convinto come sono che è soltanto nel suo completo e definitivo trionfo, che la stanca ed afflitta uma­nità potrà trovare, finalmente, la sua vera pace e la sua vera felicità.»

Queste frasi di Eduardo Cimbali sono tratte dal­l'ar­ticolo "Dimostrazione all’Università per la libertà della scienza" pubblicato su La Nuova Sar­degna (anno 18, n. 120, Sassari 4-5 Maggio 1908) in occasione dell'inaugurazione all’Università di Sassari del corso di diritto internazionale.

La prolusione tenuta dal prof. Cimbali aveva per tema: «Della necessità di un nuovo Diritto inter­nazionale conforme allo spirito dei nuovi tempi e della vera civiltà»



 

UN RINGRAZIAMENTO DALLA POLONIA

Il Corriere di Catania (anno XXXVIII, n. 194 del 13 Luglio 1916) e La Tribuna (anno XXXIV, n, 195, Ro­ma 15 Luglio 1916) pubblicano la seguente let­tera inviata da un polacco ad Eduardo Cimbali

«Per la liberazione della Polonia

Lettera di un polacco ad Eduardo Cimbali
A proposito della Conferenza "Martire e Santa Po­lonia" pronunciata da Eduardo Cimbali nel­l'aula magna della R. Università di Catania, ripro­dotta in gran parte dal Corriere di Catania e dal Lavoro di Genova, e che ora viene integralmente pubblicata nella Collana di Conferenze e Discorsi dell'Editore Colitti in Campobasso, il polacco Dott. Alessandro Koltonski ha rivolto al Cimbali la se­guente nobilissima lettera:

“Cengio, 3 – VII – 916
Ill.mo Signore,
Con mia gioia inesprimibile ho Letto in uno degli ultimi numeri del «Lavoro» le nobili parole, colle quali Lei, Ill.mo Signore, in nome dell'umanità e della giustizia universale, volle sfidare, l’ipocrisia del mondo, e che noi, polacchi, con tanta ango­scia aspettavamo fin'ora invano.
Queste parole rappresentano la più alta e la più nobile difesa di un popolo che per la sola ragione della brutale pre­potenza soccombe da più di un secolo alla infa­me schiavitù ed insopportabile asservimento dei suoi soggiogatori.

Esse rappresentano il più fiero grido che fosse lan­ciato per la libertà della disgraziata nostra Patria fin dai tempi di quelli immortali duci del grande vostro Risorgimento, i quali sui loro vessilli fiam­manti ebbero anche scritto: Evviva la Polonia libe­ra!
(…)
Credo di potere, in nome di tutti i veri patrioti polacchi, ringraziarla, ill. mo Signore, dal pieno del cuore delle nobili Sue parole, delle quali non tarderò di servirmi nella propaganda per la santa nostra causa. (…)

Infinitamente riconoscente.

Dott. Alessandro Kolntonski»

Ah! possa la vostra nobile Patria realizzare questo magnifico progresso, che la manterrebbe di nuovo alla testa delle Nazioni!

Rinunziare per sempre alla conquista è ciò che io considero come la salute dell’umanità, come il cominciamento del periodo in cui l'uomo cesserà di essere un animale, per diventare veramente una creatura incivilita!
Malgrado la vostra triste descrizione, io ho un gran desiderio di vedere la Sardegna! Spero che ne avrò il tempo!
Cordialissimamente, vostro
Giacomo Novicow»

(La lettera è stata citata da molti giornali e pubblicata anche da “La vita internazionale”, anno X, n. 16, Milano 20 Agosto 1907)


Fra l’antipatriottismo di Hervè e il patriottismo degli antihervéisti

Un giovanissimo Eduardo CimbaliUn altro libro di Eduardo Cimbali che per le opinioni espresse ha suscitato critiche ma anche giudizi lusinghieri:

«Un libro onesto
È intitolato: Fra l’antipatriottismo di Hervè e il patriottismo degli antihervéisti (Edit. Bernardo Lux – Roma - L. 3).
L'autore, il Prof, Eduardo Cimbali, docente di Diritto Internazionale nell'Università di Cagliari, è uno scrittore fecondo e popolare, che ha pubblicato pregevoli opere di scienza e di volgarizzazione, di alcuna delle quali avemmo ad occuparci anche da queste colonne. Dal titolo stesso del libro, che pare un bisticcio, si capisce subito che il fautore non è un hervéista nè un patriottardo.
Egli segue il dettato classico in medio virtus e critica con uguale risentimento l'hervéismo assolutista, che nega sistematicamente la difesa dei lavoratori alla patria borghese e quello ch'egli chiama assai bene l’antipatriottismo dei patrioti ossia l'odio che i nazionalisti d'ogni patria nutrono… contro la patria degli altri.

Ogni popolo ha il diritto d'esplicare le sue energie e di vivere la sua vita nazionale secondo la propria volontà e colla costituzione politica ed economica, che più gli aggrada. L'ideale di libertà è integrato dal principio del non intervento.

L'errore della Santa Alleanza e della Rivoluzione Francese fu di volere imporre rispettivamente il regime repubblicano o monarchico a tutti gli Stati d'Europa. La Rivoluzione Socialista compirà un attentato contro le libertà nazionali, se dopo aver trionfato in un paese vorrà imporre il regime economico trionfatore ai paesi, che non avranno raggiunto un uguale grado di sviluppo e persisteranno nel ritenere consono ai propri interessi nazionali il regime capitalistico.
Intanto le patrie, come sono, hanno la loro ragion d'essere. Come compiono un attentato contro le patrie altrui i nazionalisti fautori del brigantaggio conquistatore così attentano all’integrità della loro patria Hervé e gli hervéisti.
Il nazionalismo espansionista e militarista promuove l'omicidio delle patrie, ma l'hervéismo antipatriota e antimilitarista predica e prepara il suicidio della patria.

Così Eduardo Cimbali. [...]

Il Cimbali ha scritto un libro onesto, dal quale si può in parte dissentire, ma che costringe ogni lettore in buona fede ad esclamare contento:
- Ecco un uomo con cui si discute volentieri!

Il suo libro è la voce serena della scienza e del cuore; che fa piacere d'ascoltare in questo momento, in cui in Italia gli asini del nazionalismo ragliano alla luna e i cani del militarismo ringhiano alla frontiera. […]»

[La Pace, Anno VII, n. 6, Genova, Giugno 1909]

«Edoardo Cimbali, l'illustre professore di Diritto internazionale presso l'Università di Sassari, continua nel nuovo libro, di cui abbiamo dato sopra il titolo, la sua nobilissima campagna contro le «spogliazioni territoriali» degli Stati pretesamente civili e contro quel genere di scienza giuridica, che tenta legittimare e giustificare «l'imposizione di dominazioni straniere» ai popoli inferiori a noi per coltura.

Dopo aver illustrato con altre profonde argomentazioni e con recenti esempi la sua vecchia tesi della necessità della «assoluta indipendenza di tutti i popoli della terra» e quindi del non intervento nelle faccende di alcuno Stato, popolo, tribù ecc., nega agli odierni patriotti il diritto di scagliarsi contro l'antipatriottismo di Hervé, «che null'altro rappresenta fuori che la naturale, inevitabile e giusta reazione alla concezione e alla perpetrazione di delitti di Patrie contro Patrie».

Il Cimbali con un'espressione concisa e magnifica chiama l'antipatriottismo di Hervé il suicidio della Patria, ed il patriottismo degli antiherveisti l'omicidio della Patria e non esita a dire che se entrambi sono mali, il secondo è peggiore del primo, come quello che rappresenta, in tutti gli Stati cosidetti civili e moderni, la «persistente tendenza al barbaro delitto della conquista».
La quale si maschera con i falsi nomi di equilibrio politico, status quo, confini nazionali, porta aperta, zona d'influenza, penetrazione pacifica, protettorato, colonizzazione, libertà commerciale ed altri sostantivi più o meno eufemistici, sotto i quali si nascondono l'invasione, la spogliazione, l'oppressione e l'uccisione. [...]

Fin che, per il moto ascensionale della classe lavoratrice, alla borghesia di tutti i paesi non sarà tolta la possibilità di arricchirsi ed irrobustirsi col lavoro altrui, la generosa ed ammirabile battaglia del prof. Cimbali non registrerà alcun risultato pratico rilevante nell'indirizzo politico degli Stati, necessariamente obbedienti ai voleri ed agli interessi delle classi proprietarie; nè sarà evitato che di quando in quando rampollino dalla mente umana disegni catastrofici, come quelli di Hervé, contrastanti troppo con la realtà e perciò sterili, che si vorrebbero sostituire alle leggi supreme della evoluzione sociale.

L'ideale del Cimbali è, per concludere, destinato a divenir una delle basi della vita degli Stati e delle nazioni soltanto con il socialismo e nel socialismo. [t.]»

[Il Lavoratore, giornale dei socialisti italiani in Austria, Anno XIV, n. 1890, Trieste 9 Dicembre 1908]


Per il nuovo diritto internazionale
e per la missione d’Italia

Corriere di Catania, 4.5.1915Alla vigilia della dichiarazione di guerra (1915-1918) il “Corriere di Catania” di Martedì 4 Maggio 1915 (anno, XXXVII, n. 146) pubblica in prima pagina un articolo di fondo dal titolo “Per il nuovo diritto internazionale”, nel quale vengono esposte ed elogiate le teorie di Eduardo Cimbali definito “fondatore del nuovo diritto internazionale”.

«(Ancora l’onore di una parola ai detrattori del Prof. Cimbali)

Non era certo mia intenzione sollevare polemica intorno ad un argomento che ha avuto il suo pieno svolgimento nel campo accademico, ove il prof. Cimbali, dopo lunga ed accanita lotta è stato riconosciuto didatta di gran valore ed innovatore scientifico di carattere e di fede.

Ma poichè il Signor S. d'A. trova ancora a ridire sulla solennità di una teoria d'innanzi alla quale non solo gli uomini, ma anche i tempi, si sono religiosamente piegati, eccomi a spazzare con rapidi cenni i punti interrogativi che si adden­sano sullo scritto pubblicato avanti ieri dal «Giornale dell'Isola»

E’ bene premettere, anzitutto, che il signor S. d'A. (?) per ignoranza, confuta non quello che il Cimbali propugna, ma quello che, comunemente, a proposito od a sproposito, si dice, in tema di pace Universale.

Ecco perchè io lamentavo, chiudendo il mio precedente articolo, che delle teorie del Cimbali si discute spesso da coloro che sconoscono la ricca produzione, scientifica del fondatore del nuovo diritto internazionale.

Ed entrando subito in argomento faccio rilevare che il Cimbali distingue fra guerre giuste e guerre ingiuste. Guerre ingiuste chiama quelle che mirano a violare i diritti di un qualsiasi popolo; guerre giuste quelle che si propongono la rivendicazione o la difesa dei propri o degli altrui diritti.
Quando l'Umanità sarà giuridicamente organizzata, la rivendicazione e la tutela dei diritti dei popoli sarà esercitata dagli alti poteri internazionali destinati a tale ufficio. Fino a quando però i poteri tutori internazionali non saranno costituiti, quell'ufficio sarà esercitato da tutte quelle Potenze, che unite o separate, sentono il dovere di rispettare e di far rispettare il Diritto nei rapporti della vita dei Popoli e degli Stati. Proprio quello che contro la prepotenza germanica sta facendo la Triplice Intesa.
Il Cimbali sostiene inoltre che in Diritto internazionale non si deve parlare di Diritto di guerra, ma di diritto contro la guerra, non escludendo, così, in forma assoluta,  la possibilità della guerra. Anzi riconosce che fino a quando l'Umanità non sarà giuridicamente organizzata, la guerra deve limitare la propria attività coattiva contro quei Popoli che ingiustamente usurpano il territorio altrui…

Le Nazioni che sognano e realizzano imprese guerresche a danno dei diritti di altre Nazioni - sia pure per la loro prosperità, grandezza, onore e gloria - non fanno che consumare dei delitti nefandi, come la Germania e l'Austria dei nostri giorni. Contro delitti tanto nefandi è diretto il Diritto Penale Internazionale del Cimbali: e le grandi potenze, veramente civili, hanno sempre l'eterno diritto di combattere e di ridurre all'impotenza quegli Stati i che si macchiano dei delitti sopra deplorati.

(…) L'Italia nostra ha il dovere di partecipare alla guerra contro la prepotenza Austro-Tedesca, non soltanto per la rivendicazione delle terre italiane soggette alla più tirannica di tutte le dominazioni straniere, ma per concorrere al sollievo nazionale ed Internazionale della pace e del Disarmo così a lungo invocati. I Problemi sociali - in Italia e fuori Italia ha sempre affermato e dimostrato il Cimbali - si renderanno insolubili finchè l’Umanità sarà obbligata a sperperare in aumenti di armamenti i miliardi indispensabili per la soluzione di quei problemi. (…)
Cesare Vecchio»

Uomini illustri di Bronte HOME PAGE

Powered by Associazione Bronte Insieme - Onlus

    

Riproduzione riservata anche parziale